La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P ROGETTO DI F ORMAZIONE CONGIUNTA DEI DOCENTI E FORMATORI DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Quarta Edizione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P ROGETTO DI F ORMAZIONE CONGIUNTA DEI DOCENTI E FORMATORI DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Quarta Edizione."— Transcript della presentazione:

1 P ROGETTO DI F ORMAZIONE CONGIUNTA DEI DOCENTI E FORMATORI DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Quarta Edizione

2 L E PRECEDENTI EDIZIONI Prima edizione: copertura generalista per lavvio della sperimentazione Seconda edizione: centratura su progettisti e tutor Terza edizione: maggiore centratura sul docente e sulle didattiche

3 P ECULIARITA DELLA IV EDIZIONE Quarta edizione: accreditamento delle istituzioni formative e certificazione delle competenze Attenzione alle diverse figure professionali Coordinatore-tutor Docente Esperto

4 F IGURE PROFESSIONALI C ONDIZIONE R EQUISITI T ITOLO DI STUDIO E SPERIENZA F ORMAZIONE C ERTIFICAZIO NE Docente Assi culturaliA regimeAbilitazione allinsegnamento per la scuola secondaria superiorePercorso base comune, percorso ad hoc, project work Certificato di competenze In via transitoria Diploma di laurea inerente larea di competenza Sufficiente Diploma di scuola secondaria superiore 5 anni di esperienza Asse professionale Laurea coerenteSufficiente Diploma di scuola secondaria superiore 5 anni di esperienza Esperto Diploma di scuola secondaria superiore coerente 5 anni di esperienza nel settore Formazione standard Attestato di frequenza Tutor / coordinatore A regime LaureaSufficientePercorso base comune, percorso ad hoc, project work Certificato di competenze

5 E LEMENTI CHIAVE Previsione di un percorso comune standard e di un percorso specifico per le tre figure professionali; Attenzione specifica alla figura dellesperto (o dellinsegnante tecnico-pratico), nei confronti del quale sino ad ora non era previsto uno specifico coinvolgimento Poi le figure del tutor/coordinatore e del docente Sperimentazione di modalità avanzate di certificazione delle competenze Costruzione e validazione di un Referenziale di competenze Colloquio e divario di competenza Messa a punto del piano personalizzato

6 O BIETTIVI FORMATIVI GENERALI Acquisizione di una panoramica complessiva sul sistema di istruzione e formazione professionale, nel quadro della storia della scuola e delle istituzioni educative in Italia e in Europa Acquisizione di competenze utili ai fini della progettazione e gestione del percorso formativo triennale e delle sue naturali prosecuzioni, in relazione alle Competenze e ai saperi/abilità previsti dal Quadro Europeo delle Qualifiche e dei riferimenti nazionali e regionali Acquisizione di competenze utili alla valutazione e alla certificazione delle competenze, anche in riferimento allobbligo di istruzione

7 O BIETTIVI FORMATIVI GENERALI Acquisizione di competenze utili ai fini delle azioni di tutoraggio, con particolare riferimento alle metodologie educative che conducono e si concretizzano nel piano personalizzato Acquisizione di competenze utili a costruire istituzioni scolastiche e formative a misura di comunità educanti, attraverso la condivisione di una costellazione di azioni educative e la progettazione di rete. Acquisizione di competenze didattiche a carattere generale (teorie dellapprendimento, metodologie per la progettazione, gestione e valutazione degli eventi didattici) e a carattere specifico (didattiche di asse culturale e professionale)

8 O RGANIZZAZIONE DIDATTICA Il progetto è così articolato Accoglienza e patto formativo Colloqui di inizio, metà e fine percorso Percorso standard comune Percorso facoltativo (funzioni trasversali) Percorso facoltativo (funzioni delle didattiche dambito) Tre incontri di restituzione

9 P ERCORSO STANDARD COMUNE Quattro moduli obbligatori Due moduli a lezione frontale esclusiva Il sistema di istruzione e formazione professionale in Italia e in Europa (Nicoli) Il concetto di competenza (Nicoli) Due moduli obbligatori a didattica attiva (presenza di PW e autoformazione) La scuola come comunità educante (Cerri) Progettare lazione didattica: dallanalisi delle pratiche alla costruzione di un modelli operativi condivisi (Tacconi)

10 P ERCORSO FACOLTATIVO : FUNZIONI TRASVERSALI Quattro moduli facoltativi 1. Dalla progettazione iniziale alla riprogettazione dei percorsi formativi: personalizzazione e alternanza scuola lavoro (Catania) 2. Le funzioni educative del tutor (Simeone) 3. La valutazione tra funzione sommativa, formativa e certificativa (Comoglio) 4. La valutazione dei sistemi e dei processi educativi (Palumbo)

11 P ERCORSO FACOLTATIVO : DIDATTICHE D AMBITO Quattro moduli facoltativi 1. La didattica nei disturbi dellapprendimento (Franchini) 2. Media e tecnologie per la didattica (Parmigiani) 3. Didattica dei linguaggi (Pagano) 4. Didattica della matematica (Parenti)

12 P IANO PERSONALIZZATO Lesperto può partecipare soltanto alla parte comune (attestato) Può tuttavia scegliere max altri due moduli Tutor e docenti devono partecipare ad almeno due moduli (max tutti e quattro) delle parti facoltative I tutor alla parte trasversale I docenti alle didattiche dambito

13 D URATA PER L ESPERTO Durata minima: 47 ore, di cui 39 in presenza modulo accoglienza e colloqui 7 h due moduli obbligatori di 4h due moduli obbligatori di 12h Un incontro di restituzione di 4h Durata massima: 83 ore, di cui 63 in presenza modulo accoglienza e colloqui 7 h due moduli obbligatori di 4h due moduli obbligatori di 12h e due facoltativi di 12 e 20h Tre incontri di restituzione di 4h

14 D URATA PER TUTOR E DOCENTI Durata minima: 71 h, di cui 53 in presenza modulo accoglienza e colloqui 7 h due moduli obbligatori di 4h due moduli obbligatori di 12h e due facoltativi di 12h Due incontri di restituzione di 4h Durata massima: 107h, di cui 87 in presenza modulo accoglienza e colloqui 7 h due moduli obbligatori di 4h due moduli obbligatori di 12h e quattro facoltativi di 12 e 20h Tre incontri di restituzione di 4h

15 L OGISTICA Lintero corso è potenzialmente ripetuto su tre sedi Genova, Facoltà di Scienze della Formazione Imperia/Savona La Spezia, aula multimediale PROVINCIA DI LA SPEZIA, Via Vittorio Veneto, 2, Orario lezioni frontali: Orario project work: da concordare con i tutor In realtà, il singolo modulo della parte facoltativa viene effettuato solo in presenza di almeno 8 allievi

16 T EMPISTICA Inizio a gennaio con parte comune Tra gennaio e febbraio i colloqui per il piano personalizzato Avvio dei moduli Frontale: di 4h PW: calendario da concordare nei gruppi territoriali Autoformazione, con scadenza entro il modulo successivo prescelto A marzo colloquio di metà percorso Conclusione a giugno: colloquio finale e aggiornamento del portfolio del formatore

17 C RITERI DI SELEZIONE Almeno 1 insegnante/formatore per Istituto o sede formativa candidata nel caso il numero totale di sedi formative o Istituti superi il numero dei posti previsti, selezione tra gli enti/scuole (non ancora tra i candidati) in base ai seguenti sub criteri: aver attivato nel un corso triennale sperimentale in generale criterio di rappresentatività territoriale (nelle cinque zone individuate: Imperia, Savona, Genova, Tigullio, La Spezia) criterio di rappresentatività delle filiere formative (settori) esistenza di forme di collaborazione in atto con un altro ente/Istituto dellaltro comparto una volta selezionati gli enti/scuole, qualora listituto abbia presentato più di un candidato, si sceglie sulla base di: impegno nella prima formazione impegno in qualità di tutor o coordinatore nella prima formazione durata dellesperienza nel medesimo ente durata dellesperienza anche in più enti

18 M ETODOLOGIA I partecipanti scelgono il loro piano di apprendimento (la descrizione dei moduli è visibile in piattaforma) I tutor della Facoltà colloquiano con loro e aggiornano il portfolio del formatore A marzo possibilità di variare le scelte La certificazione di competenze avviene soltanto in presenza del progetto di autoformazione

19 I COLLOQUI Sperimentiamo il tutoring e il piano personalizzato Il patto formativo declinato sul divario di competenza Confronto tra esperienze, evidenze e referenziale di competenze Tre colloqui Gennaio-febbraio: analisi delle caratteristiche personali e delle competenze professionali, valutazione del divario di competenza, piano personalizzato Marzo-aprile: ricalibrazione del piano personalizzato Giugno: valutazione e riconoscimento delle competenze Luogo e tempi su indicazione del tutor

20 L E OPZIONI DEL PIANO PERSONALIZZATO Selezione delle lezioni frontali Ad ogni lezione frontale (eccetto una) è associato un project work e un mini progetto di autoformazione I mandati saranno forniti dal docente

21 I L PROJECT WORK Si svolge su un mandato di lavoro riguardante un prodotto concreto E condotto da un tutor in qualità di facilitatore Valorizza lesperienza dei partecipanti e la progettualità delle istituzioni di appartenenza Vantaggi Consente lo scambio di esperienze Favorisce lapprendimento attraverso dinamiche sociocostruttivistiche

22 L AUTOFORMAZIONE Assicura unassimilazione personalizzata del modulo Risponde ad un mandato di lavoro calibrato su 4h di studio personale E un elaborato scritto (es. linee metodologiche, sintesi, etc.) Va consegnato al tutor di riferimento via mail entro la frequenza della successiva lezione frontale

23 M ODULI OBBLIGATORI A CARATTERE FRONTALE 1. Il sistema di istruzione e formazione professionale: lineamenti normativi e pedagogici in Italia e in Europa (Nicoli) 4120, suddivisi nelle tre sedi - Acquisire conoscenze sulla configurazione del sistema di istruzione e formazione professionale (VET = Vocational and Educational Training) in Italia e in Europa - Cenni sul Quadro Europeo delle Qualifiche - Competenze critiche e comparative sulle criticità e le buone prassi trasferibili - Lobbligo di istruzione - Indicazioni e Standard 2. Il concetto di competenza (Nicoli) 4120, suddivisi nelle tre sedi -Conoscenze in merito allevoluzione storica del concetto di competenza -Competenza e modelli pedagogico- didattici nella sperimentazione triennale -Competenza tra formazione e mondo del lavoro -Il concetto di competenza e i dispositivi di accompagnamento formativo nel quadro di Europass

24 M ODULI OBBLIGATORI A CARATTERE ATTIVO 3. La scuola come comunità educante (Cerri) 12120, suddivisi nelle tre sedi - La missione della scuola nella società - Apprendere le competenze sociali nella scuola - La progettazione educativa nellistituzione scolastica e formativa - Lalleanza scuola-famiglia - La progettazione di rete 4. Progettare lazione didattica: dallanalisi delle pratiche alla costruzione di un modelli operativi condivisi (Tacconi) 12120, suddivisi nelle tre sedi -La progettazione tra adempimento e sensatezza -La pratica come fonte di conoscenza didattica -La progettazione in pratica -Progettazione come predisposizione di ambienti di apprendimento -Progettazione didattica come abilità artistica e conversazione con la situazione -Modelli operativi per la progettazione

25 M ODULI FACOLTATIVI A CARATTERE TRASVERSALE 1. Dalla progettazione iniziale alla riprogettazione dei percorsi formativi: personalizzazione e alternanza scuola lavoro (Catania) 12-I principali riferimenti normativi e progettuali per la progettazione e gestione di un percorso di recupero o eccellenza -I principali riferimenti normativi e progettuali per la gestione di un percorso di alternanza -La didattica dellalternanza -La valutazione delle competenze in un percorso di alternanza 2. Le funzioni educative del tutor (Simeone) 12-progettare lorganizzazione del percorso formativo degli allievi; -facilitare e sviluppare le relazioni interpersonali ed educative con gli allievi, con le famiglie, con i docenti; -gestire la relazione educativa di aiuto; -coordinare e monitorare lazione formativa; 3. La valutazione tra funzione sommativa, formativa e certificativa (Comoglio) 12-Competenza nel valutare conoscenze e abilità -Competenza nel progettare e gestire il portfolio delle competenze -Competenza nella progettazione e nella gestione delle rubriche -Competenza nella certificazione delle competenze -Capacità di rintracciare i feedback della valutazione sullapproccio didattico del team 4. La valutazione dei sistemi e dei processi educativi (Palumbo) 4-La valutazione delle competenze degli allievi nelle indagini internazionali -I risultati di PISA 2006: riflessioni e prospettive -La valutazione interna dei processi educativi e formativi: note di metodo

26 M ODULI FACOLTATIVI NELLE DIDATTICHE D AMBITO 1. La didattica nei disturbi dellapprendimento (Franchini) 20-Conoscenza dei principali disturbi dellapprendimento -Competenza nella valutazione del bisogno educativo speciale (BES) -Competenza nellapplicazione delle principali strategie didattiche speciali 2. Media e tecnologie per la didattica (Parmigiani) 12-i fondamenti della Media Education -le strategie per allestire ambienti di apprendimento costruttivisti -organizzazione e gestione di corsi in modalità blended -la rete e le abilità nella ricerca e nellutilizzo significativo di informazioni spazi interattivi e apprenditivi on line 3. Didattica dei linguaggi (Pagano) 12-Conoscere le principali teorie sullapprendimento del linguaggio, anche in riferimento allapprendimento dellitaliano come L 2. -Conoscere gli aspetti fondamentali del sistema linguistico. -Analizzare lattività di lettura. -Analizzare il processo di produzione scritta. -Progettare esperienze di apprendimento nellarea linguistica. -Conoscere il Quadro Europeo delle Lingue. 4. Didattica della matematica (Parenti) 12- Progettare Unità di Apprendimento significative e adatte per gli allievi per promuovere competenze nellasse matematico - Saper individuare alcuni errori didattici nellinsegnamento della matematica e saper proporre strategie funzionali ad un apprendimento consapevole

27 I NIZIATIVA SPERIMENTALE Sperimentazione di modalità avanzate di certificazione delle competenze Alla modalità del colloquio si affianca, a campione, la modalità del riscontro per evidenze In base ai progetti di autoformazione, verranno effettuate dieci visite sui luoghi di lavoro da parte di esperti Audit, riscontro di evidenze e certificazione

28 L A PIATTAFORMA INFORMATICA : M ATERIALI A DISPOSIZIONE Descrizione del corso (competenze da acquisire) Diapositive Eventuali saggi di approfondimento Test di autoverifica (a discrezione del docente) Linee per il project work congruente con la lezione Linee per lautoformazione

29 L O STAFF DI F ORMAZIONE C ONGIUNTA Responsabile del progetto. Mauro Palumbo e Renza Cerri Coordinatore didattico: Roberto Franchini Coordinatore organizzativo: Michela Grana Coordinatore dei tutor: Andrea Traverso Tutor: Andrea Traverso, Sonia Startari, Ambra Rossi, Simona Buffa Webmaster: Gianni Vercelli

30 Le domande di iscrizione devono pervenire in formato libero e con allegato CV entro e non oltre il 6 dicembre - mettere nella domanda la sede in cui si vuole frequentare (Genova, Savona, Spezia, etc.) - indicare un fax di riferimento


Scaricare ppt "P ROGETTO DI F ORMAZIONE CONGIUNTA DEI DOCENTI E FORMATORI DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Quarta Edizione."

Presentazioni simili


Annunci Google