La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 1 Flash Mobile Applicazioni cross platform grazie a Flash Lite Introduzione allintegrazione di media esterni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 1 Flash Mobile Applicazioni cross platform grazie a Flash Lite Introduzione allintegrazione di media esterni."— Transcript della presentazione:

1 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 1 Flash Mobile Applicazioni cross platform grazie a Flash Lite Introduzione allintegrazione di media esterni Roma, 16 giugno 2005

2 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 2 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Introduzione A seconda delle caratteristiche del dispositivo su cui viene visualizzata la vostra applicazione e dei supporti offerti è possibile caricare dati esterni con i comandi loadVariables e loadVariablesNum o visualizzare altri swf con le azioni loadMovie e loadMovieNum.

3 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 3 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Introduzione Sviluppare applicazioni per dispositivi mobili è unattività, per certi punti di vista, molto più delicata e complessa dello sviluppo di software utilizzabile su desktop o via internet attraverso strumenti tradizionali come ad esempio pc, portatili, mac, ecc..

4 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 4 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Introduzione I dispositivi portatili sono tutti dotati di processori molto meno potenti rispetto a quelli che troviamo assemblati allinterno delle nostre macchine fisse e di batterie con capacità di accumulo inferiori a quelle dei nostri portatili.

5 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 5 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Introduzione Durante la progettazione è doveroso tenere conto di questi aspetti perché unapplicazione che utilizza in modo troppo intensivo la cpu del dispositivo può portare al crash del sistema o, conseguenza meno di impatto ma altrettanto spiacevole, alla riduzione dellautonomia del dispositivo, visto che, essendo alimentato a batteria, limpiego delle risorse va di pari passo con il consumo dellenergia a disposizione per far funzionare tutto.

6 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 6 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Introduzione Un altro aspetto importante da considerare è che, se nel web abbiamo differenti browser che girano su differenti piattaforme a differenti risoluzioni, i dispositivi mobili hanno degli schermi di forma molto differente a seconda della ditta che li produce

7 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 7 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Introduzione Quando vogliamo utilizzare Flash per unapplicazione distribuita su dispositivi mobili dobbiamo progettarla in modo da essere il più leggera possibile senza impegnare troppo la cpu del dispositivo. Per questo motivo dovete porre molta cura nellottimizzazione delle immagini che volete usare, è consigliabile evitare transizioni con effetti molto complessi ed è necessario utilizzare una buona compressione dei suoni.

8 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 8 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Introduzione Quando scegliete di utilizzare nelle nostre applicazioni immagini bitmap dovete cercare di ottimizzarle al massimo avendo cura di ridimensionarle prima di importarle in Flash ed evitando immagini con sfumature ricche di dettagli che, oltre ad essere più pesanti da scaricare, impegnano in maniera abbastanza pesante il processore.

9 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 9 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Introduzione Scegliere di usare immagini vettoriali per le nostre interfacce è sicuramente la cosa migliore visto che sono formate solo da equazioni matematiche rappresentate a video, ma anche in questo caso dovete prestare la massima attenzione perché, visto che è una elaborazione di dati, processori piccoli come quelli dei palmari possono soffrire carichi di lavoro ingenti, inficiando lautonomia del dispositivo e/o le loro performance.

10 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 10 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Caricare SWF Sviluppare applicazioni per dispositivi mobili è unattività, per certi punti di vista, molto più delicata e complessa dello sviluppo di software utilizzabile su desktop o via internet attraverso strumenti tradizionali come ad esempio pc, portatili, mac, ecc..

11 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 11 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Utilizzare file MIDI Per utilizzare un suono nelle vostre applicazioni è necessario quindi utilizzare formati audio come il MIDI che non possono essere gestiti direttamente nellambiente di sviluppo di Flash. Se volete associare ad un determinato evento nella vostra applicazione un file.mid dovete importare in Flash un qualsiasi file audio in uno dei formati supportati ed eseguire un collegamento al.mid che rimane esterno ma che verrà incluso in fase di compilazione nel file.swf attivando con il tasto destro del mouse le proprietà del file audio importato in Flash.

12 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 12 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Utilizzare file MIDI Associazione file midi esterno…

13 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 13 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Utilizzare file MIDI Tra le varie possibilità offerte da FlashLite spicca la capacità di rilevare se il dispositivo è in grado di riprodurre suoni in streaming attraverso i valori restituiti dalla variabile _capStreamSound e se può gestire alcuni particolari formati audio. La variabile _capMFi vi indica sei il dispositivo è in grado di riprodurre suoni in formato MFi. I valori che può assumere sono 1 se il formato è supportato e undefined qualora il telefonino non sia in grado di gestire questo tipo di dati. Le variabili _capMIDI e _capSMAF funzionano in maniera analoga e vi permettono di rilevare se è possibile gestire attraverso il dispositivo il formato audio MIDI e/0 SMAF.

14 Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 14 Macromedia Flash Lite Comunicazione con lesterno – Audio Flash Lite 1.1 supporta suoni di tipo event e stream. La differenza sostanziale tra i due risiede nella sincronizzazione con la linea temporale e nel fatto che i primi devono essere completamente scaricati prima di essere riprodotti. I suoni stream sono ideali quando è necessario sincronizzare la riproduzione dellaudio ad unanimazione, unintro, ecc.


Scaricare ppt "Roma, 13 maggio 2005Roma, 16 giugno 2005 slide 1 Flash Mobile Applicazioni cross platform grazie a Flash Lite Introduzione allintegrazione di media esterni."