La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progettare per competenze Gilberto Collinassi. Riferimenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progettare per competenze Gilberto Collinassi. Riferimenti."— Transcript della presentazione:

1 Progettare per competenze Gilberto Collinassi

2

3 Riferimenti

4 come procedere -analisi contesto, strategia intervento, risultati attesi -adeguatezza proponente -analisi processo e identificazione competenze chiave -identificazione profilo professionale e formativo -definizione criteri selezione e prerequisiti dingresso -sviluppo unità formative e verifiche apprendimento

5 Analisi contesto ANALISI CONTESTO ECONOMICO PRODUTTIVO SETTORE DI RIFERIMENTO CONSISTENZA complessiva DISTRIBUZIONE delle imprese FORMA GIURIDICA CLASSI DI ADDETTI ANDAMENTO DEL SETTORE ATTUALE CONGIUNTURA C ONTESTO IN CUI SINSERISCE IL CORSO E FABBISOGNI INDIVIDUATI MODALITA CONDUZIONE ANALISI FABBISOGNO (SPECIFICARE FONTI RIFERIMENTO ) ESIGENZE SPECIFICHE CUI SI INTENDE DARE RISPOSTA (con eventuale SWOT) STRATEGIE DI VALORIZZAZIONE DEI PUNTI DI FORZA FATTORI CHIAVE CHE POSSONO INFLUENZARE IL CORSO (POSITIVAMENTE O NEGATIVAMENTE: dinamiche del mercato, comportamenti/esigenze delle imprese locali del settore, comportamenti/esigenze degli utenti potenziali, vincoli normativi, di tempi, di costi, ecc.., disponibilità laboratori e know how innovativi)

6 Adeguatezza ADEGUATEZZA RISPETTO AL SETTORE VOLUME DI ATTIVITÀ ATTIVITÀ RICERCA E SVILUPPO SISTEMA A RETE INSERIMENTO LAVORATIVO ALLIEVI ADEGUATEZZA RISPETTO A TIPOLOGIA CORSO VOLUME DI ATTIVITÀ ATTIVITÀ PREGRESSA Di particolare rilievo in termini di ESPERIENZA ACQUISITA rispetto al presente progetto, e CON CONTENUTI CORRELATI al presente percorso sono... ESPERIENZE E COMPETENZE DEL PERSONALE REFERENTE PROGETTUALE ( EVIDENZIARE LE COLLABORAZIONI E CONTRIBUTI DA PARTE DI IMPRESE) COORDINATORE E TUTOR PERSONALE DOCENTE (meglio se nominativi dei docenti sono riportati anche nelle uf) FIGURE SPECIALISTICHE A SUPPORTO

7 Risultati attesi OCCUPABILITA INTESA COME TRASPARENZA DEL MODELLO E CORRISPONDENZA DOMANDA/OFFERTA Indicatori (se possibili) OCCUPAZIONE DEI PARTECIPANTI Indicatori di risultato: a) numero di assunti alla fine del corso; b) situazione lavorativa dei partecipanti a medio/lungo periodo SVILUPPO TERRITORIALE E SETTORIALE Indicatori (se possibili) CORRISPONDENZA ASPETTATIVE UTENTI Indicatori di risultato: a) numero abbandoni; b) livello di successo formativo al termine del corso. SICUREZZA, SALUTE E AMBIENTE PARI OPPORTUNITÀ

8 Profilo professionale PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO DESCRIZIONE SINTETICA Breve descrizione del profilo, attività principali e contesto di inserimento primario. MANSIONI SVOLTE Sintetico elenco delle mansioni svolte. ASPETTI EVOLUTIVI/INNOVATIVI DELLA FIGURA descrivere sinteticamente aspetti innovativi/evolutivi della figura TIPOLOGIA DI AZIENDE CONTESTO ORGANIZZATIVO descrivere sinteticamente possibili contesti inserimento lavorativo CRESCITA PROFESSIONALE E POSSIBILITÀ DI CARRIERA descrivere sinteticamente possibili ambiti di crescita professionale

9 Analisi competenze profilo professionale

10 Profilo professionale PROFILO FORMATIVO (IN USCITA DAL CORSO) IL PROCESSO DI LAVORO DI RIFERIMENTO Descrivere i passaggi fondamentali del processo di trasformazione di riferimento che permettono di individuare le competenze chiave che saranno oggetto della formazione MAPPATURA COMPETENZE DEL PROFILO Sono gli standard professionali: riferimenti a standard regionale, se cè, viceversa analisi di processo e mappatura attività chiave/componenti Questo insieme di prestazioni costituisce il set di RISULTATI ATTESI di apprendimento al termine del corso. Saranno presi a riferimento per le attività di VERIFICA e ATTESTAZIONE DELLE COMPETENZE in unottica di trasparenza verso il mercato del lavoro. OBIETTIVI DAPPRENDIMENTO Sono gli standard formativi. Rapportando le PRESTAZIONI PROFESSIONALI definite come risultato atteso con gli STANDARD DI COMPETENZA presi a riferimento per il profilo cui si riferiscono gli obiettivi di apprendimento del corso, si ottiene un cluster di competenze. La descrizione dettagliata di abilità minime e conoscenze essenziali associate è riportata di solito allinterno delle UF COMPETENZE TRASVERSALI Vengono qui intese come parte integrante di quelle professionali. Per tali motivi sarà attraverso le metodologie didattiche adottate (in particolare durante le esercitazioni) che saranno potenziate le competenze di questo tipo. Una UF introduttiva sensibilizzerà lutenza sulimportanza di queste competenze. > RELAZIONARSI - Adottare lo stile di comunicazione alle necessità del gruppo di raggiungere una decisione e orientato alla risoluzione dei conflitti - Riconoscere i caratteri costitutivi di una comunicazione efficace, con particolare attenzione a quella non verbale > AFFRONTARE - Adottare tecniche di autocontrollo e reazioni propositive nell'affrontare le varianze - Rispettare le modalità di comunicazione concordate con i tutor per garantire il monitoraggio - Utilizzare un modello, concordato con il tutor, di osservazione e valutazione del proprio lavoro > DIAGNOSTICARE - Predisporre gli obiettivi di breve e medio periodo per lo sviluppo delle proprie competenze - Individuare fattori e modalità per impostare una strategia personale di aggiornamento continuo

11 Mappa del valore AC DB prestazioni strategiche prestazioni secondarie prestazioni routinarie prestazioni di crescita professionale ruolo attività sono essenziali per la professione, hanno elevato peso sia di ruolo che di attività sono importanti per lazienda (alto peso di attività) ma ancora non perfettamente dominabili dal soggetto (basso peso di ruolo) è richiesta forte padronanza (alto peso di ruolo) ma non sono complesse (basso peso di attività) non molto rilevanti (basso peso attività) e non cruciali (basso peso di ruolo) spesso sono routinarie di figure contigue e diventano secondarie per questa

12 modalità calcolo max minmaxmax - min 2 min max - min 2 prestazione X min + ruolo attività

13 Mappatura competenze

14

15 Mappa dei valori

16 Prerequisiti e selezioni TRASPARENZA DELLA SELEZIONE IDENTIFICAZIONE DEI CRITERI DI SELEZIONE E COMPOSIZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E ACCETTAZIONE DEI CRITERI STESURA E PUBBLICAZIONE DELLA GRADUATORIA MODALITA OPERATIVE ANALISI CURRICULUM COLLOQUIO INDIVIDUALE PROVA TEMATICHE ADATTAMENTO DEL PERCORSO ASSESSMENT COMPETENZE IN INGRESSO CREDITI FORMATIVI E PERCORSI PERSONALIZZATI


Scaricare ppt "Progettare per competenze Gilberto Collinassi. Riferimenti."

Presentazioni simili


Annunci Google