La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Interminati spazi….e sovrumani silenzi…. e profondissima quiete… io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura… Leopardi Infinito 1819.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Interminati spazi….e sovrumani silenzi…. e profondissima quiete… io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura… Leopardi Infinito 1819."— Transcript della presentazione:

1 Interminati spazi….e sovrumani silenzi…. e profondissima quiete… io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura… Leopardi Infinito 1819

2 ARISTOTELE TERRA ARIA e il mondo celeste, di materia incorruttibile e traslucida… ACQUA e FUOCO Esistono due mondi nettamente distinti: il mondo terrestre fatto di Giorgione ( ) Tre filosofi IV secolo a.C.

3 Nel primo mondo è possibile il MOTO NATURALE RETTILINEO dallALTO al BASSO o viceversa, a seconda che i corpi siano pesanti o leggeri mentre il mondo celeste è caratterizzato da moti CIRCOLARI PERFETTI ED ETERNI ARISTOTELE

4 II secolo d.c. Per conciliare la teoria di Aristotele con le irregolarità osservate nei moti dei pianeti, Tolomeo sostiene la complicatissima teoria dei deferenti e degli epicicli. Tolomeo

5

6 ( 1182 ca ) Nel Medioevo Il sistema tolemaico si adatta perfettamente alla credenza religiosa cristiana e ad i suoi simboli San Francesco e Storie della sua vita Bonaventura BerlinghieriXIVsec

7 Laudato sie, mi' Signore, cum tucte le tue creature Dio creatore dellUniverso

8 spetialmente messor lo frate sole, lo qual'è iorno, et allumini noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore: de te, Altissimo, porta significatione. Il sole simbolo di Dio

9 Laudato si', mi' Signore, per sora luna e le stelle: in celu l'ai formate clarite et pretiose et belle. Gli astri simbolo di perfezione

10 Laudato si', mi' Signore, per frate vento I quattro elementi della materia G. Fattori: Libecciata, ,

11 et per aere et nubilo et sereno et onne tempo

12 Laudato si', mi' Signore, per sor'acqua,

13 la quale è molto utile et humile et pretiosa et casta.

14 Laudato si', mi' Signore, per frate focu

15 per lo quale ennallumini la nocte: ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte

16 Laudato si', mi' Signore, per sora nostra matre terra,

17 la quale ne sustenta et governa

18 et produce diversi fructi con coloriti fiori et herba

19 I regni dellaldilà si inseriscono perfettamente nelluniverso fisico tolemaico

20 Nel mezzo del cammin di nostra vita… Divina Commedia ( )

21 Nessuna umana investigazione si po dimandare vera scienza, s'essa non passa per le matematiche dimostrazioni Nel rinascimento Si fa strada lindagine razionale della realtà ( )

22 Con Leonardo l'arte – ed in particolare la pittura, in quanto basata sul senso della vista – diventa uno strumento di conoscenza e di produzione tecnologica. Leonardo, artista scienziato ed ingegnere, abbatte le vecchie barriere fra l'arte, la scienza pura e la tecnologia

23 Progetto di elica per elicottero, tratto da appunti di Leonardo relativi allo studio di macchine volanti, da lui redatti a partire dall'osservazione del volo degli uccelli. Leonardo attribuisce una grande importanza all'esperienza pratica e diretta, a scapito di quella puramente teorica basata sui libri.

24 La dissezione di cadaveri permise a Leonardo di studiare organi, ossa e muscoli, di riprodurli fedelmente e di conoscerne il funzionamento. Lattenta osservazione e la meticolosa riproduzione consentono la conoscenza esatta della realtà naturale attraverso il disegno

25 (1451 ca-1506) la "scoperta dell'America" fu levento che diede inizio all'epoca moderna

26 non vogliate negar l'esperienza, di retro al sol, del mondo sanza gente. Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza. Dante Alighieri dal canto di Ulisse (Inferno XXVI vv )

27 Pinturicchio: Il ritorno di Ulisse(1509)

28 La rappresentazione del mondo secondo Tolomeo, in una carta del Colombo aveva ricavato i gradi di longitudine tra lEuropa e lAsia dagli studi di Tolomeo e Toscanelli. Egli calcolò però una distanza minore di quella effettiva.

29 Il mondo prima della scoperta di Colombo In questo mappamondo, realizzato prima del 1492, non compare il Nuovo mondo: esso dimostra per quale ragione Colombo pensava di raggiungere le Indie attraverso l'Altantico.

30 Cristoforo Colombo salpa da Palos Cristianissimi, Altissimi, Eccellentissimi e Potentissimi Principi Re e Regina delle Spagne e delle Isole del Mare…, In questo presente anno 1492 le Altezze vostre… mi ordinarono che io non mi avviassi verso l'Oriente per via di terra come si costuma fare, ma prendessi invece la via dell'Occidente per la quale sappiamo in modo positivo che nessuno fino ad oggi è giammai passato. …

31 N.C. Wyeth: The Romance of Discovery(1927) Ed io partii dalla città di Granata addì 12 del mese di maggio dello stesso anno 1492, che era un sabato, e mi recai al borgo di Palos, che è porto di mare, dove armai tre navi assai bene adatte a quella impresa e partii dal detto porto ben provvisto di viveri e di marinai, ai tre del mese di agosto del detto anno, in un venerdì, mezz'ora prima che sorgesse il sole… dal Giornale di bordo di Cristoforo Colombo

32 Ebbe inizio unepoca di innumerevoli viaggi e spedizioni fino alla completa conoscenza di ogni parte inesplorata del globo La scoperta del Nuovo Mondo rivoluzionò la concezione fisica e religiosa del mondo

33 Nella conoscenza della Terra, fino ad ora ci si era ingannati in molte cose e si è saputo che anche le zone più vicino ai poli sono abitate. essa ha dato anche qualche ansietà agli interpreti della sacra scrittura Da F. Guicciardini, Storia dItalia, libro VI ( ) Ma questa navigazione non ha confuso soltanto molte cose che erano affermate da scrittori di cose terrene;

34 Nikolaj Kopernik (Thorn Frauenburg 1543) Nel XVI secolo Niccolò Copernico propose il suo modello eliocentrico, con il Sole fisso al centro del sistema solare e tutti gli altri pianeti in rotazione intorno a esso

35 La maggioranza degli autori considera pacifico che la Terra stia immobile al centro del mondo Ma se si ammette che il cielo non è affatto in movimento e che è invece la Terra a girare da occidente ad oriente, si troverà che queste cose si comporterebbero proprio come avviene nella realtà. De rivolutionibus orbium celestium

36 Io ritengo sia più facile credere che la Terra si muova attorno al Sole che non confondere le idee con una quasi infinita moltitudine di sfere. De rivolutionibus orbium celestium.

37

38 « Non ci sono in realtà delle sfere. I filosofi moderni credono, come gli antichi, che i cieli siano divisi in diverse sfere di materia dura e impenetrabile… « Non ci sono in realtà delle sfere. I filosofi moderni credono, come gli antichi, che i cieli siano divisi in diverse sfere di materia dura e impenetrabile… (Knudstrup Praga 1601)

39 Ma se anche non ci fosse altra prova, le stesse comete convincerebbero con la massima chiarezza che quest'opinione non corrisponde a verità

40 Le ipotesi di Copernico non solo non sbagliano nei confronti della natura, ma anzi le sono assai più consone.… (Weil, Württemberg Ratisbona 1630), Da Mysterium cosmographicum. Johannes Kepler

41 Servendomi dei risultati di moltissime osservazioni giunsi finalmente a stabilire che la traiettoria del pianeta in cielo non è circolare, ma è una traiettoria ovale perfettamente ellittica. Dall'Astronomia Nova. Dalla geometria appresi che una tale traiettoria viene descritta dai pianeti che oscillano lungo la linea retta che termina nel Sole... La mia costruzione fu infine terminata con l'aggiunta del tetto quando dimostrai che questa oscillazione deve essere prodotta da una facoltà magnetica corporea...

42 (Nola, Roma 1600) Ora andate pure, signori astrologi, su per quei vostri fantastici cerchi; con queste sfere vi siete imprigionati il cervello, Ora andate pure, signori astrologi, su per quei vostri fantastici cerchi; con queste sfere vi siete imprigionati il cervello, in modo che sembrate proprio come tanti pappagalli in gabbia, mentre vi vedo vagare saltellando dentro di essi… in modo che sembrate proprio come tanti pappagalli in gabbia, mentre vi vedo vagare saltellando dentro di essi…

43 Riduzione da De l'infinito, universo et mondi 1584 Non cè altro che un infinito spazio che comprende il tutto, in cui sono infiniti corpi simili alla Terra, e non ce nè uno che sia più al centro delluniverso rispetto agli altri. ma ci sono tanti mondi quante sono le lampade luminose che noi vediamo intorno a noi Infatti luniverso è infinito e perciò è senza centro e senza margine Quindi non cè un solo mondo, una sola terra, un solo sole

44 (Pisa Arcetri, Firenze 1642) Ci è bisogno di scorta ne i paesi incogniti e selvaggi ma ne i luoghi aperti e piani i ciechi solamente hanno bisogno di guida; e chi è tale, è ben che si resti in casa, ma chi ha gli occhi nella fronte e nella mente, di quelli si ha da servire per iscorta. Né perciò dico io che non si deva ascoltare Aristotele, solo biasimo darsegli in preda in maniera che alla cieca si sottoscriva ogni suo detto Dal Dialogo sopra i due massimi sistemi

45 da // Saggiatore La filosofia della natura è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l'universo), ma non si può intendere se prima non s'impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne' quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezi è impossibile intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto.

46 … l'Olandese, primo inventor del telescopio, era un semplice maestro d'occhiali ordinari, il quale casualmente, maneggiando vetri di più sorti, si abbattè a guardare nell'istesso tempo per due, l'uno convesso e l'altro concavo, posti in diverse lontananze dall'occhio, ed in questo modo vide ed osservò l'effetto che ne seguiva, e ritrovò lo strumento: ma io ritrovai il medesimo per via di discorso

47 Giordano Bruno fu arso sul rogo come eretico La teoria copernicana fu proclamata un'eresia dalla Chiesa

48 Galileo Galilei fu costretto allabiura e alla prigionia Keplero dovette lottare per difendere la vecchia madre accusata di stregoneria Cartesio per sfuggire all'Inquisizione fu costretto a trasferirsi in Olanda

49 Goya Il sonno della ragione genera mostri ( )

50 Francis Bacon (Londra ) E accaduto che per duemila anni le scienze restino ferme e si mantengano quasi sempre nelle stesse condizioni, senza realizzare nessun progresso degno di nota… Invece nelle arti meccaniche, che sono fondate sulla natura e sulla luce dellesperienza, vediamo accadere il contrario: esse come pervase da uno spirito vitale, di continuo vegetano e progrediscono…

51 Sarebbe vergognoso per gli uomini se dopo aver svelato e illustrato laspetto del globo materiale, cioè delle terre, dei mari, degli astri, i confini del globo intellettuale restassero limitati entro i confini delle scoperte degli antichi

52 René Descartes Il «modello della macchina» applicato allUniverso e ad ogni aspetto del mondo naturale e biologico permise a Cartesio di liberare del tutto la fisica dal ricorso alle forze occulte (La Haye Stoccolma 1650)

53 Blaise Pascal (Clermont Parigi 1662) Infine, che cos'è l'uomo nella natura? Un nulla in confronto con l'infinito, un tutto in confronto al nulla, qualcosa di mezzo tra il nulla e il tutto. da Pensieri, opuscoli, lettere Il termine delle cose e il loro principio sono per lui invincibilmente nascosti in un segreto impenetrabile, egualmente incapace di scorgere il nulla, da cui è tratto, e l'infinito in cui è inghiottito.

54 Bruegel il Vecchio: Torre di Babele1563 ma ogni nostro fondamento scricchiola e la terra si apre sino agli abissi. noi bruciamo dal desiderio di trovare un assetto stabile e un'ultima base solida per edificarvi una torre che si innalzi all'infinito;

55 il silenzio eterno di questi spazi infiniti mi spaventa

56 Anatomia del mondo (1611) John Donne ( ) Bosch: Trittico delle delizie E la nuova filosofia mette tutto in dubbio, Lelemento Fuoco è spento, il Sole è perduto e anche la Terra e lo spirito non riesce a guidare luomo per dove cercarla Liberamente gli uomini confessano che questo mondo è finito, quando nei pianeti e nel firmamento cercano in tanti cose nuove. Allora vedono che il mondo si polverizza nuovamente nei suoi atomi. Tutto è a pezzi, ogni coesione è scomparsa, ogni giusta provvidenza e ogni rapporto

57 Bosch: Trittico delle delizie Allora vedono che il mondo si polverizza nuovamente nei suoi atomi.

58 Isaac Newton (Woolsthorpe 1642 Londra 1727) Questa elegantissima compagine del Sole, dei pianeti e delle comete non poté nascere senza il disegno e la potenza di un ente intelligente e potente. Principi matematici di filosofia naturale (1687)

59 Proposizione V. Teorema V Corollario II La gravità, che appartiene a ciascun pianeta, è inversamente proporzionale al quadrato delle distanze dei luoghi dal centro dello stesso. Principi matematici di filosofia naturale (1687) la forza centripeta per la quale i corpi celesti sono trattenuti nelle proprie orbite risulta essere la medesima forza di gravità.

60 Ogni parte di materia può essere concepita come un giardino pieno di piante o come uno stagno pieno di pesci. Ma ciascun ramo delle piante, ciascun membro dell'animale, ciascuna goccia dei suoi umori è ancora un giardino o uno stagno Gottfried Leibniz Lipsia Hannover 1716 Monadologia (1714)

61 e quando miro in ciel arder le stelle; dico fra me pensando: a che tante facelle? Che fa laria infinita, e quel profondo Infinito seren? Che vuol dir questa Solitudine immensa? Ed io che sono? Così meco ragiono… LEOPARDI da Canto notturno di un pastore errante dellAsia (1830)

62 Così tra questa immensità sannega il pensier mio; e il naufragar mè dolce in questo mare Infinito (1820) William Turner Tempesta di neve (1842) LEOPARDI


Scaricare ppt "Interminati spazi….e sovrumani silenzi…. e profondissima quiete… io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura… Leopardi Infinito 1819."

Presentazioni simili


Annunci Google