La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Eziologia: paramixovirus (virus a RNA) Clinica : Febbre ingravescente, tosse, congiuntivite, fotofobia Enantema e macchie di Koplik Esantema maculo-papulare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Eziologia: paramixovirus (virus a RNA) Clinica : Febbre ingravescente, tosse, congiuntivite, fotofobia Enantema e macchie di Koplik Esantema maculo-papulare."— Transcript della presentazione:

1

2 Eziologia: paramixovirus (virus a RNA) Clinica : Febbre ingravescente, tosse, congiuntivite, fotofobia Enantema e macchie di Koplik Esantema maculo-papulare rosso acceso, confluente, non pruriginoso

3 ETA PIU COLPITA TRA I 2- E 10 ANNI INCUBAZIONE (12 gg) PRODROMICO (4-5 gg) ESANTEMATICO DESQUAMATIVO (4a giornata dalla comparsa dellesantema) Forma lieve Form emorragica Forma ecchimotica o petecchiale

4 Inizio da regione retroauricolare e diffusione cranio-caudale a nevicata Progressiva scomparsa dellesantema e desquamazione furfuracea aspecifica

5 COMPLICANZE Otite media acuta Laringite Bronchite, broncopolmonite Encefalomelite Panencefalite sclerosante subacuta (PESS) TERAPIA Paracetamolo Terapia antibiotica se sovrainfezione batterica o otite media o broncopolmonite

6 Bambino di 9 mesi; da 3 giorni febbre elevata (38,5°C), ma condizioni generali buone, appetito valido, alvo regolare. Da ieri sera apirettico; al risveglio esantema rubeoliforme, non pruriginoso, al tronco. CASO CLINICO 1

7 Eziologia : Herpes virus umano tipo 6 o tipo 7 Clinica: (spesso assente, ma 90% bambini > 5 anni hanno Ab) Bambini dai 6 mesi ai 3 anni forma spesso sporadica a volte epidemica Terapia: risoluzione spontanea in ore. Attenzione a crisi convulsive da iperpiressia! Febbre elevata, in genere buone condizioni generali, talvolta malessere e irritabilità Scomparsa della febbre per crisi Comparsa di esantema rubeoliforme o morbilliforme al tronco, con estensione al collo, volto e radice degli arti 3-4 giorni ore

8 Eziologia : Streptococcus BETA EMOLITICO gruppo A produttore della tossina eritrogenica Clinica : Febbre elevata, cefalea, faringodinia, talvolta nausea e vomito Enantema: lingua a fragola bianca lingua a fragola rossa Esantema: papule puntiformi,di colore rosso vivo, molto ravvicinate

9 Esantema iniziale alla radice degli arti Successiva estensione al tronco (possibile segno della mano gialla) Risparmio zona circumorale, naso e mento (maschera scarlattinosa)

10 DIAGNOSI Tampone faringeo Streptococco TERAPIA Penicillina G in dose singola ( U se 6 anni) Amoxicillina per os per 10 giorni Cefalosporine per os per 4-7 giorni Macrolidi solo se allergia -lattamine

11 COMPLICANZE immunologiche settiche tossiche Otite media acuta, ascesso tonsillare, linfoadenite, sinusite, mastoidite Miocardite, nefrite interstiziale Malattia reumatica Glomerulonefrite acuta (dopo 20 giorni)

12 Bambina di 3 anni, in pieno benessere. Comparsa di eritema a livello delle guance, a farfalla. Dopo 2 giorni comparsa di piccole maculo-papule rosso vivo agli arti e qualche elemento al tronco, con distribuzione simmetrica. CASO CLINICO 2

13 Eziologia : Parvovirus B19 Spesso asintomatica (50% adulti ha Ab) Incubazione 6-14 gg con malessere e febbricola Clinica : esantema al volto (faccia schiaffeggiata), poi al tronco e agli arti (tranne palmo mani e pianta piedi) Terapia : non necessaria, risoluzione lenta con possibile ricomparsa del rash dopo esposizione a luce solare, calore o esercizio fisico Complicanze : - artralgie o artriti in bambini in età scolare o adolescenti - crisi aplastiche in soggetti con anemia emolitica cronica

14 CASO CLINICO 3 Bambina di 7 anni con febbricola, otalgia e tumefazione angolomandibolare sinistra, dolente, esacerbata da ingestione di limone.

15 Eziologia : Rubulavirus (virus a RNA) Clinica : Febbre modesta o assente, cefalea, otalgia, mialgie Tumefazione dolorosa monolaterale o bilaterale delle parotidi, eventuale tumefazione ghiandole sottomandibolari, sottolinguali e sottomentoniere In fase acuta, arrossamento e tumefazione del dotto di Stenone (2° molare sup.)

16 DIAGNOSI Aumento amilasi sieriche Leucopenia e linfocitosi relativa Presenza di IgM specifiche COMPLICANZE Tropismo del virus per sistema nervoso e parenchimi ghiandolari : meningoencefalite (rara ma letale) orchiepididimite nel 20% dei M puberi / ooforite pancreatite, nefrite, tiroidite sordità centrale transitoria o permanente miocardite, artrite, porpora trombocitopenica immunologica

17 Eziologia : Herpes Zoster Virus Contagio : contatto cutaneo diretto Clinica : - febbre moderata e malessere generale - gittate asincrone di lesioni maculo-papulose con evoluzione: * papula vescicola pustola ulcera crosta * tronco e addome volto e arti - prurito intenso lesioni da grattamento sovrainfezioni batt. cicatrici - eventuale linfoadenomegalia generalizzata

18 Lesioni a cielo stellato Crosta ombelicata vescicola

19 Distribuzione a tutta la superficie corporea e alle mucose visibili

20 Terapia : - paracetamolo - antistaminici per il prurito, talco - terapia antibiotica se sovrainfezione batterica - terapia antivirale (aciclovir) in bambini a rischio o nei casi secondari o terziari in famiglia Complicanze : - impetiginizzazione delle vescicole - polmonite - nevrassite, encefalite, cerebellite - glomerulonefrite da immunocomplessi - epatite - trombocitopenia, porpora fulminante - artrite settica, miosite acuta

21 Eziologia: Rubivirus (virus a RNA) Clinica: spesso asintomatica o senza esantema (50-60% dei casi) Febbre modesta Linfoadenomegalia non dolente (retroauricolare, nucale, cervicali post.) Esantema maculo-papuloso rosa, con diffusione cranio-caudale dopo 4-10 gg Persistenza 1-2 settimane Scomparsa dopo 3-4 gg in senso cranio-caudale

22 COMPLICANZE Porpora trombocitopenica immunologica terapia steroidea Poliartrite benigna (adolescenti) terapia con FANS Encefalite/nevrassite terapia steroidea, ma mortalità elevata (complicanza rara)

23 VARICELLA CONGENITAROSOLIA CONGENITA Embriopatia (infezione tra 4° e 10° SG) Triade di Gregg Malformazioni cardiache Anomalie oculari Sordità neurosensoriale Fetopatia Microcefalia, ritardo mentale Porpora piastrinopenica, anemia Lesioni epatiche e polmonari Malformazioni ossee (N.B. danno) 1° trimestre di gravidanza Basso peso alla nascita Atrofia muscolare Cicatrici cutanee Cataratta-corioretinite Convulsioni, ritardo mentale 15 gg prima del parto Comparsa esantema tipico 5 gg prima-48 ore dopo il parto Varicella molto grave Clinica

24 VARICELLA CONGENITAROSOLIA CONGENITA Terapia Profilassi Aciclovir ev Follow-up specifico Immunizzazione passiva Ig specifiche im entro i primi 3 gg nei nati da madre che ha contratto varicella dai 5 gg prima ai 2 gg dopo il parto Immunizzazione attiva Vaccino pre-gravidanza alle donne sieronegative Immunizzazione passiva Ig specifiche im ad alte dosi (non protettive per il feto) Immunizzazione attiva Vaccino in età prepuberale

25 CASO CLINICO Febbre e segno della mano gialla S. è una bambina di 4 anni che è sempre stata bene. Viene portata dal suo pediatra per febbre, lieve congiuntivite e iniziale eritema a gambe e tronco ed alle palme delle mani, pruriginoso, con segno della mano gialla, presente da 2 giorni. Inoltre lingua lievemente eritematosa, iperemia faringea con lieve essudato tonsillare, senza faringodinia. Non linfoadenite. Il pediatra prescrive amoxicillina, ma dopo 2 giorni nessun risultato (persistenza della febbre). La congiuntivite si rende più evidente, così come l'eritema al tronco, alle gambe, sempre pruriginoso. La novità clinica è la comparsa di urine scure, con subittero sclerale. Si decide per il ricovero.

26 Ecografia epatica : non alterazioni di volume ed ecostruttura epatica, ispessimento delle pareti della colecisti (non evidenza di idrope) Esami ematochimici GB 8.600/mm3 (N 45.7%, L 40.6%, M 8%, Eo 5%) GR , Hb 11.1 gr/dl, MCV 63 fl, PLT , PCR 5.50 mg/dl, VES 80 mm/h Bil. tot mg/dl, bil. diretta 5.34 mg/dl, AST 100 U/l, ALT 241 U/l, GGT 152 U/l; LDH 784 U/l amilasi tot. 138 U/l, amilasi pancreatiche 108 U/l, proteine 6.90 g/dl coagulazione nella norma IgG 914 mg/dl, IgA 88 mg/dl, IgM 112 mg/dl

27 IPOTESI mancata risposta a tp antibiotica presenza di congiuntivite non secretiva ed ittero colestatico presenza di ittero colestatico assenza di linfo- adenomegalia e di splenomegalia presenza di congiuntivite SCARLATTINA NO INFEZIONE ADENOVIRUS NO MONONUCLEOSI NO

28 MALATTIA DI KAWASAKI SI! Criteri diagnostici per la Malattia di Kawasaki "tipica 1)Febbre da almeno 5 giorni 2)Congiuntivite 3)Linfoadenomegalia 4)Rash polimorfo, senza vescicole o croste 5)Labbra secche, arrossate, fissurate e lingua a fragola 6)Eritema plamare o plantare, edema duro di mani e piedi, successivamente desquamazione dei polpastrelli Diagnosi:presenza di 5 dei 6 criteri (tra cui febbre) presenza di 4 criteri e aneurismi delle coronarie

29 MALATTIA KAWASAKI INFEZIONE ADENOVIRUS MONO- NUCLEOSI SCARLATTINA Età< 5a nell80% forme atipiche in <1 anno Tutte le età> 5 anni Caratteristiche cliniche Alteraz.estremità Lingua a fragola, cheilite, desquamazione perineale Congiuntivite (anche purulenta), faringo-tonsillite essudativa, linfonodo preauricolare Epatospleno megalia Faringo-tonsillite Indici di flògosi VES e PCR VES, PCR (lieve) VES VES e PCR EmocromoLeucocitosi neutrofila (90%) Possibile anche neutrofilia LinfomonocitosiLeucocitosi con neutrofilia Altri esami transaminasi (50%) transaminasi (frequente) Esami diagnostici Tampone per adenovirus Monotest (positivo dopo 1 settimana dallesordio) Tampone per SBA AltroNon risposta allantibiotico Frequente rash post antibiotico Risposta allantibiotico


Scaricare ppt "Eziologia: paramixovirus (virus a RNA) Clinica : Febbre ingravescente, tosse, congiuntivite, fotofobia Enantema e macchie di Koplik Esantema maculo-papulare."

Presentazioni simili


Annunci Google