La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Psicologia Clinica Anna Lisa Palermiti

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Psicologia Clinica Anna Lisa Palermiti"— Transcript della presentazione:

1 Psicologia Clinica Anna Lisa Palermiti

2 Contenuti I principali modelli teorici in psicologia clinica Gli strumenti di indagine: colloquio, interviste e test I principali modelli diagnostici La specificità della psicologia clinica dallinfanzia alladolescenza I principali problemi di adattamento e disturbi del comportamento nelletà dello sviluppo Testi di riferimento Sanavio, E., Cornoldi, C. (2001) Psicologia clinica. Il Mulino, Bologna.

3 INFORMAZIONI GENERALI LEZIONI FRONTALI SEMINARI (DURANTE I SEMINARI SI RILEVERANNO LE FIRME DI PRESENZA) ESAME COLLOQUIO ORALE AVVISI E ALTRO BACHECA DOCENTE GLI STUDENTI CHE NON SEGUONO DEVONO INVIARE MAIL

4 Definizione di Psicologia Clinica Il termine clinica deriva dal greco cline (letto), dunque la psicologia clinica alle origini si occupava della malattia e della sofferenza. Attualmente, rappresenta la disciplina che studia attraverso teorie, ipotesi e strumenti il funzionamento adattivo e disadattivo dellindividuo nel suo mondo relazionale.

5 Il significato dellaggettivo clinico Losservazione clinica è diretta solo al letto del malato (caricature di Molière e Manzoni)

6 6 Cosè la psicologia clinica Con il termine clinico ci si riferisce: A un metodo A una disciplina applicativa che occupa un posto fondamentale nellambito della salute mentale

7 Il metodo clinico Utilizza il rapporto interpersonale come strumento di conoscenza; Non possiede una rigorosa obiettività al contrario del metodo sperimentale; Lindividuo è osservato nella globalità del suo comportamento; Non raggiunge la scientificità del metodo sperimentale, ma ottiene informazioni impossibili da ottenere con altri metodi.

8 cos'è la psicologia clinica8 Il metodo clinico A differenza del metodo statistico ( quanto accomuna tutti gli appartenenti ad una specie), il metodo clinico svolge la sua indagine sul singolo individuo o sul singolo gruppo Rispetto al problema della quantificazione e della verifica esiste la divisione fra chi le considera obiettivi da raggiungere e chi un impedimento

9 9 Una disciplina applicativa È un settore della psicologia applicata Si avvale delle conoscenze dei principali orientamenti della - psicologia generale - psicologia sociale, - psicologia dello sviluppo - psicologia dinamica al fine di sanare i problemi, di varia estensione e natura, che coinvolgono la personalità dellindividuo e che incidono sul suo benessere

10 cos'è la psicologia clinica10 A cosa rimanda il termine clinica Alla patologia e quindi alla cura come riconduzione alla normalità;

11 cos'è la psicologia clinica11 Due tendenze attraversano questarea disciplinare Una di supporto: prevede che lo psicologo clinico fornisca informazioni e supporti conoscitivi, tramite una strumentazione di tipo diagnostico e psicometrico al personale delle istituzioni (al medico, agli insegnanti, al personale dirigente delle aziende)

12 cos'è la psicologia clinica12 Una di intervento: si riferisce a qualsiasi intervento terapeutico (psicoterapia) volto o ad adattare lindividuo alle situazioni precostituite o ad accompagnarlo nel suo processo di trasformazione e di crescita.

13 13 Le principali funzioni della psicologia clinica 1. La diagnosi 2. La terapia 3. La ricerca 4. La formazione del personale sanitario 5. La consulenza 6. La prevenzione

14 1- Diagnosi 1- Diagnosi È la valutazione clinica che consente di ottenere informazioni utili sulla natura, lentità ed, eventualmente, le cause della problematica del paziente Il fine è di giungere allindividuazione dei mezzi necessari alla sua risoluzione La scelta del metodo valutativo dipende dallo scopo della valutazione (descrittivo o funzionale) a un eventuale trattamento; dagli aspetti dellindividuo che si vogliono rilevare -metodo osservativo-; dallorientamento teorico del clinico

15 La diagnosi Due sono i principali approcci valutativi: 1. lapproccio psicometrico. Si occupa della comparazione degli individui, in base a caratteristiche e tratti ben definiti, attraverso procedure standardizzate (i test obiettivi o proiettivi) allo scopo di inferire gli aspetti del soggetto connessi al disturbo.

16 cos'è la psicologia clinica16 2. lapproccio psicodinamico (psicologica dinamica). Utilizza procedure meno obiettive, ma più specifiche perché connesse alle dinamiche psicologiche dellindividuo, allo scopo di identificare il tipo di trattamento più adeguato.

17 cos'è la psicologia clinica17 2-Terapia A questa funzione fanno capo tutti i modelli terapeutici dei diversi orientamenti teorici; Questi differiscono per la diversa concezione della salute mentale e per i mezzi ritenuti necessari al raggiungimento delle finalità proposte; La scelta del modello è determinata, oltre che dalla natura del problema, dallapproccio teorico del clinico (psicoterapia): Psicoanalisi, Terapia comportamentista, Psicoterapia umanistico-esistenziale, Terapia della famiglia, Psicoterapia di gruppo, (t-groups e training di sensibilità), Gestalt terapy, Analisi transazionale

18 cos'è la psicologia clinica18 3.Ricerca Lo studio del processo della terapia e la verifica dei risultati (il trattamento) attraverso il confronto con gruppi di controllo che consentono di valutare lefficacia del trattamento; La ricerca riguarda la progettazione di nuovi interventi clinici, indagine epidemiologica e il lavoro con discipline affini (la psicopatologia e la psichiatria)

19 cos'è la psicologia clinica19 4-Formazione del personale sanitario La finalità è la conoscenza psicologica di base; Anche per gli educatori, gli assistenti sociali, gli psicologi (conoscenza dei metodi terapeutici).

20 5.Consulenza Svolta presso centri territoriali come asili, scuole, carceri, tribunali; I problemi riguardano la scuola, la famiglia, il matrimonio, il disadattamento, la devianza; Lo scopo è correggere lintervento delloperatore informato della natura dei problemi che gli si presentano.

21 6.Prevenzione Consente la prevenzione circa linsorgenza di comportamenti patologici, come lassunzione di droghe e alcol; Le modalità di prevenzione vengono attuate attraverso informazione e divulgazione scientifica (profilassi).

22 Qualche cenno di psicologia

23 Tappe fondamentali: Wundt (nascita psicologia) Binet (primo laboratorio di PSICOLOGIA A Parigi) 1900-Freud pubblica Linterpretazione dei sogni 1904-In Italia i primi manicomi 1913-Watson manifesto comportamentista

24 Per Freud la psiche del neonato è costituita dallEs (linsieme di forze istintive, le pulsioni, che tendono ad essere soddisfatte senza limitazioni); Lo scontro tra pulsioni e le limitazioni della realtà conducono alla formazione dellIo (insieme delle funzioni come percezione, memoria, motricità…) che permettono allindividuo di adattarsi al mondo. LIo ha anche il compito, attraverso i meccanismi di difesa, di evitare che le pulsioni incontrollate possano causare danni. Il buon equilibrio tra pulsioni e difese costituisce la normalità, mentre linsufficienza o leccesso delle difese genera varie forme di psicopatologia I concetti fondamentali della psicoanalisi

25 I principali meccanismi di difesa Proiezione: attribuisce ad unaltra persona, in maniera non realistica, una propria tendenza biasimevole anziché riconoscerla come propria; Identificazione: assumere e far propri i ruoli, valori e atteggiamenti di persone e/o di gruppi, reagendo alle vicende di questi come se fossero proprie; Spostamento: repressione temporanea e priva di successo di impulsi inaccettabili. Lo spostamento generalmente avviene in direzione di un oggetto inadeguato;

26 I principali meccanismi di difesa Rimozione (o repressione): inibisce totalmente sentimenti o idee. Il materiale represso si rivela solo in forma simbolica, ad esempio, nei sogni; Fissazione: persistenza di modelli comportamentali acquisiti ma inadeguati rispetto alla fase di sviluppo attuale; Regressione: ricorso ad un comportamento inadeguato alletà per evitare responsabilità o richieste da parte degli altri e rendere possibile un atteggiamento di autoindulgenza; Dissociazione: separa le idee emotivamente legate tra loro o scinde certe idee dallemozione loro adeguata;

27 I principali meccanismi di difesa Razionalizzazione: offre una spiegazione apparentemente plausibile di un certo comportamento allo scopo di nascondere la natura dellimpulso sottostante; Negazione: rifiuto di affrontare pensieri o sentimenti dolorosi; Formazione reattiva: sviluppo di un comportamento opposto a quello che è inibito; Sublimazione: sostituzione di obiettivi socialmente riprovevoli con scopi ed attività socialmente utili e/o accettate.

28 1. Fase orale (0-1) 2. Fase anale (2-4) 3. Fase fallica (4-7) complesso edipico e formazione del Super Io, sede di sentimenti e regole morali 4. Fase di latenza (7-11) 5. Fase genitale (11….) Lo sviluppo psicosessuale secondo S. Freud

29 Stadio senso-motorio (0-2 anni): egocentrismo, schemi di azioni innati e percezione; con la nozione di oggetto compie azioni intenzionali ed imita. Alla fine dello stadio compare la funzione simbolica Stadio pre-operatorio (2-6/7 anni): il bambino forma una propria concezione del mondo ma ancora egocentrico. Le concezioni si caratterizzano per finalismo, animismo e artificialismo. Azioni mentali non coordinate né reversibili. Non riesce ad effettuare classificazioni e seriazioni Gli stadi dello sviluppo intellettuali nella teoria di Piaget

30 Stadio operatorio concreto (7/8-11/12 anni): il pensiero diventa reversibile, progressivo superamento dellegocentrismo. È in grado di classificare ed operare seriazioni così come ha acquisito la nozione di conservazione della quantità. Non è però in grado di usare queste operazioni in compiti di tipo verbale: ha bisogno di un supporto concreto Stadio operatorio formale (dagli 11/12 anni in poi): Classificazione e seriazione anche su entità astratte. Collega proposizioni in modo logico; può formulare ipotesi e rilevare incongruenze. Nuova forma di egocentrismo, con la sopravvalutazione del potere del pensiero. Gli stadi dello sviluppo intellettuali nella teoria di Piaget

31 Lo sviluppo secondo Vygotskij Vygotskij elabora concetto di area di sviluppo potenziale secondo cui il bambino ha la possibilità di apprendere più di quanto previsto per la sua età se adeguatamente stimolato dallesterno, pertanto non è possibile, come ha fatto Piaget, fissare delle abilità specifiche per ogni età. Grande importanza viene data al linguaggio come elemento che veicola lo sviluppo intellettivo del bambino dal momento che favorisce la creazione di nuove connessioni nel cervello e fornisce nuovi contenuti di pensiero. Il percorso evolutivo del linguaggio passa da una funzione di socializzazione con lesterno necessaria per soddisfare i bisogni primari di sopravvivenza ad una funzione di interiorizzazione per cui il bambino dialoga con se stesso e ciò lo aiuta a sviluppare le capacità intellettive e di riflessione; solo dopo il linguaggio torna ad avere una funzione effettiva di socializzazione quando il bambino è in grado di partecipare attivamente alla socialità avendo sviluppato contenuti di pensiero, abilità cognitive e sociali.

32 Caratteristiche dello sviluppo normativo Età CognitivoLinguaggioEmotivoRelazionale Nascita Il bambino è in grado di percepire luminosità, movimento, alcuni colori; ha esplorazione visiva selettiva; ha sensibilità tattile; discriminazione olfattiva e gustativa. È in grado di apprendere per condizionamento e abituazione. Schemi riflessi ed egocentrismo assoluto PiantoDisposizioni temperament ali. Emozioni fondamentali : interesse, dispiacere, rilassamento e gioia Emissione di segnali sociali (pianto, vocalizzo, sorriso endogeno) comportament o di avvicinamento (succhiare, aggrapparsi)

33 Caratteristiche dello sviluppo normativo Infanzia Apprende reazioni circolari e compare la funzione simbolica Vocalizzazi oni, balbettio, pseudodial oghi, olofrasi e linguaggio referenzial e Prova paura e rabbia e insorge langoscia di separazione. È in grado di provare empatia globale Preferenza per volto e voce umane, costruzione del legame di attaccamento, vero e proprio a partire dai 7 mesi circa. Interesse non specifico per i coetanei, sino a selettività e permanenza dei rapporti con i pari ( mesi)

34 Caratteristiche dello sviluppo normativo Caratteristiche dello sviluppo normativo Età presco lare Primi concetti. Egocentrismo intellettuale. Pensiero pre- opertaorio. Strategie concrete di memoria, span di memoria immediata limitato Telegrafic o. Iper- regolarità. Col tempo forme grammatic ali complesse e proposizio ni subordinat e. Prime idee sulla lettura e scrittura Paura pericoli immaginari, emozioni da confronto tra prestazioni e regole o standard. Empatia egocentrica (2-3 anni) empatia per i sentimenti altrui (3-7 anni) Rapporto reciproco con le figure di attaccamento. Amicizie diadiche e rapporti di gruppo.

35 Caratteristiche dello sviluppo normativo Età scolare Nuove strategie di memoria (reiterazione). pensiero operatorio concreto. Acquisizione lingua scritta Emozioni con valutazion e di sé: sicurezza/i nsicurezz a- inferiorità/ orgoglio. Empatia per la condizion e altrui Consolidamento delle amicizie

36 Caratteristiche dello sviluppo normativo Adolescen za Strategie complesse di memoria. Pensiero operatorio formale e ragionamento ipotetico- deduttivo Compaiono dissonanza e disperazione. Empatia per i gruppi sociali Centralità del gruppo di coetanei. Confidenza e intimità tra amici. Formazione di compagnie.


Scaricare ppt "Psicologia Clinica Anna Lisa Palermiti"

Presentazioni simili


Annunci Google