La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Questionari di gradimento: analisi dei risultati Corsi di orientamento formativo per coppie aspiranti alla adozione Province: Bologna Cesena / Forlì Ferrara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Questionari di gradimento: analisi dei risultati Corsi di orientamento formativo per coppie aspiranti alla adozione Province: Bologna Cesena / Forlì Ferrara."— Transcript della presentazione:

1 Questionari di gradimento: analisi dei risultati Corsi di orientamento formativo per coppie aspiranti alla adozione Province: Bologna Cesena / Forlì Ferrara Parma Ravenna Reggio Emilia a cura di Montali Francesca, in collaborazione con dott. Carmine Pascarella presso il settore di Psicologia Clinica dell Ausl di Reggio Emilia Seminario Prepararsi e saper preparare alladozione, Giovedì 7 Giugno 2007, Bologna

2 Dal 2003 i Corsi di orientamento formativo per coppie aspiranti alla adozione in Emilia Romagna hanno coinvolto più di 3400 soggetti, ovvero circa 1700 coppie di aspiranti genitori. 845 questionari Anno 2005 non considerato

3

4 Costruire una visione di insieme … E emersa la necessità analizzare i dati in modo unificato (sebbene i percorsi siano stati costruiti singolarmente). Nella valutazione dei questionari è utile considerare che: 1.I questionari qui considerati sono stati somministrati su gruppi di anni diversi (per alcune province per motivi metodologici si è potuto considerare solo il periodo del 2006, per altre invece periodi biennali o triennali) 2.I corsi sono stati condotti diversamente da provincia a provincia (i corsi sono diversi per molteplici caratteristiche come la presenza di uno o più conduttori, la presenza di osservatori/tirocinanti, lerogazione di materiale, le modalità di lavoro ecc …) 3.I questionari utilizzati, tranne alcune eccezioni, sono diversi da provincia a provincia è ciò rende impossibile operare un accorpamento statistico vero e proprio. Caratteristiche specifiche del materiale della presente analisi dei dati: questionari diversi sia nelle dimensioni da essi valutate che nel numero di domande specifiche per approfondire ciascuna dimensione alcuni questionari erano simili nella forma ma diversamente analizzati e codificati (Ravenna + Forlì / Cesena = uguali nella forma ma diversi nella analisi dei dati; Parma + Reggio Emilia = uguali nelle dimensioni valutate ma con una scala di risposta differente e perciò risultati incomparabili) alcune analisi dei dati conclusive sono pervenute incomplete oppure con elaborazioni dei dati grezzi assenti (Ravenna)

5 buono, sereno, partecipe costruttivo per tutti i corsi. buono, ottimo, affiatato, amichevole, disponibile, costruttivo buono, ottimo, positivo, (39) amichevole partecipe cordiale (18) + riluttante/ imbarazzato (6)

6

7 FORLí Il 46,3% delle persone afferma che il corso ha soddisfatto dubbi e chiarito punti oscuri, e che i contenuti esposti sono stati esaustivi. Il 6,9% del campione risponde che gli argomenti sono stati approfonditi soprattutto per argomenti particolari; il 18,9% del campione risponde che i tempi a disposizione erano adeguati all'approfondimento ed il 5,2% suggerisce di aumentare il numero degli incontri. Il 20,7% non ha invece espresso preferenze. CESENA Il 64,1% delle persone risponde positivamente: il corso è stato ritenuto esauriente, chiarendo molti dubbi e domande. Il 6,5% risponde positivamente, considerata la vastità del tema (e del tempo a disposizione). L 1,6% risponde positivamente, tranne la parte relativa ai paesi stranieri (tempi e peculiarità). Il 3,2% risponde discretamente. Il 25% non ha invece espresso preferenze.

8

9 (dati del campione di Reggio Emilia)

10 Approfondire di più il tema dellAdozione internazionale (RE, FE, BO, PR) ma anche nazionale (Cesena) Affrontare esempi di adozioni finite male (BO) ma anche a lieto fine (RE, Forlì) Approfondire strumenti operativi psicologici per far fronte a problemi pratici legati alla fase post adozione (larrivo del bambino e al suo inserimento in famiglia, relazione genitore – bambino) (PR, RE, BO, Forlì, Cesena) Rapporto con la famiglia di origine e/o altri figli (RE, Cesena) Approfondire il bagaglio culturale del bambino (anche ancorato al paese dorigine) (BO, Cesena) ed i suoi bisogni (FE) Approfondire aspetti burocratici, liter giuridico e gli enti autorizzati ed associazioni adottive presenti sul territorio dellEmilia Romagna (PR, BO, RE, Forlì, Cesena) Presenza e maggiore quantità materiale didattico cartaceo (BO, RE, FE) e non troppo specialistico Presenza e maggiore quantità materiale didattico cartaceo (BO, RE, FE) e non troppo specialistico Incontrare genitori adottivi (FE, BO = 55%, Forlì, Cesena) e poter parlare con persone che hanno avuto esperienze dirette (PR, BO, Cesena) oppure bambini adottivi ora adulti (RE, BO) Incontrare genitori adottivi (FE, BO = 55%, Forlì, Cesena) e poter parlare con persone che hanno avuto esperienze dirette (PR, BO, Cesena) oppure bambini adottivi ora adulti (RE, BO) Abbreviare i tempi di attesa per il corso (Ferrara) e rendere gli orari del corso compatibili con quelli lavorativi (PR, RE, BO, Forlì), concentrando gli incontri nel tempo (PR, BO, Forlì) Abbreviare i tempi di attesa per il corso (Ferrara) e rendere gli orari del corso compatibili con quelli lavorativi (PR, RE, BO, Forlì), concentrando gli incontri nel tempo (PR, BO, Forlì) Aumentare/ridurre il numero degli incontri (Bologna, Reggio Emilia, Forlì) Aumentare/ridurre il numero degli incontri (Bologna, Reggio Emilia, Forlì) Fare più simulazioni (PR, RE) e lavoro di gruppo (PR, BO) riducendo però il numero dei componenti dei gruppi (PR, Cesena) offrendo incontri singoli (RE) e con lo psicologo (BO) Fare più simulazioni (PR, RE) e lavoro di gruppo (PR, BO) riducendo però il numero dei componenti dei gruppi (PR, Cesena) offrendo incontri singoli (RE) e con lo psicologo (BO) Rendere il corso più interattivo (BO) facendo attenzione agli aspetti di valutazione e di giudizio (RE) Rendere il corso più interattivo (BO) facendo attenzione agli aspetti di valutazione e di giudizio (RE) Dividere i gruppi in coppie con o senza figli (Forlì, Cesena) Dividere i gruppi in coppie con o senza figli (Forlì, Cesena)

11 Rho è indice di correlazione di Spearman per analisi statistiche non parametriche (specifiche per variabili ordinali). Lindice rho va letto in funzione della significatività statistica p: con p < 0,05 e p < 0,01 si può dire che due variabili sono correlate e che al crescere delluna cresce anche laltra

12 I soggetti che hanno affermato di aver compiuto un percorso di cambiamento personale sono anche quelli che hanno apprezzato maggiormente il conduttore del gruppo e che hanno ritenuto più interessanti ed utili i contenuti ed in particolare il tema riguardante l essere genitori adottivi (rho = 0,213 per p < 0,01). La figura del conduttore legata maggiormente alla formazione e alle aspettative di formazione personale piuttosto che alla sola informazione Gradimento dei conduttori rho = 0,361 per p < 0,01) Percezione di cambiamento personale Contenuti interessanti ed utili rho = 0,248 per p < 0,01)

13 Non dare per scontati eventi relazionali quali: dimensione INELIMINABILE delGIUDIZIO la dimensione INELIMINABILE del GIUDIZIO (sia orizzontale fra coppie che verticale fra conduttori e partecipanti) che influisce sullapertura e la condivisione totale (occorre sempre considerare tale formazione come parte di unistruttoria) aspetti relazionali interni ai gruppi aspetti relazionali interni ai gruppi (per esempio la qualità del confronto fra le coppie non va pari passo con la qualità del lavoro in piccolo gruppo; inoltre spesso le coppie si sentono poco comprese dagli altri ma a loro volta hanno problemi nel mettersi nel punto di vista degli altri) funzione di contenimento emotivo funzione di contenimento emotivo del conduttore Non ritenere di scarsa importanza fattori strutturali o organizzativi (come la scelta dellorario e la qualità del materiale): essi infatti sono altamente correlati con la percezione di ascolto e comprensione dei partecipanti

14

15

16 consenso sui criteri della valutazione Creare un consenso sui criteri della valutazione dei gruppi di orientamento formativo alladozione (importanza sia pratica che teorica) COSA VALUTARE ? (variabili e livelli di indagine psico – sociale: operazionalizzare costrutti teorici): dimensione strutturale, organizzativa, relazionale, soggettiva, valutazione dei contenuti ma anche della formazione in senso più ampio come cambiamento personale COME VALUTARE ? (n ° domande, scale di risposta, domande aperte o chiuse … ) strumento unico Utilizzare uno strumento unico con caratteristiche statistiche tali da rendere possibile un confronto sia cross - provinciale che una sintesi generale dei risultati della regione Emilia Romagna (spendere le energie e gli sforzi in ununica direzione) strumento di rilevazione unico analisi statistica dei dati unificata (con un unica codifica delle risposte) modalità più efficaci di conduzione : A partire dalla valutazione creare un consenso sulle modalità più efficaci di conduzione : utilizzare la teoria (derivante da una valutazione efficace) per ottimizzare la pratica

17 Grazie Si può affermare che i corsi di orientamento formativo per coppie aspiranti alla adozione sono stati ampiamente apprezzati da parte della maggioranza del campione intervistato ed hanno mostrato alti livelli di gradimento. I partecipanti si sono mostrati motivati a proseguire con ulteriori incontri, riconoscendone lutilità sia prima che dopo larrivo del bambino Le province con uno sforzo unanime hanno prodotto una grande quantità di materiale che ha reso possibile considerare la valutazione dei corsi da una molteplicità di punti di vista. Tale diversità operativa è da considerarsi un arricchimento per il lavoro futuro, perché consentirà lo scambio e la condivisione delle buone pratiche.


Scaricare ppt "Questionari di gradimento: analisi dei risultati Corsi di orientamento formativo per coppie aspiranti alla adozione Province: Bologna Cesena / Forlì Ferrara."

Presentazioni simili


Annunci Google