La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il tutor scolastico come si va configurando nella sperimentazione dellalternanza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il tutor scolastico come si va configurando nella sperimentazione dellalternanza."— Transcript della presentazione:

1 Il tutor scolastico come si va configurando nella sperimentazione dellalternanza

2 30/11/2006 Luisa Dal Paos Il ruolo tradizionale Conoscere lazienda partner Curare le relazioni tra lo studente e lazienda Verificare la coerenza del percorso formativo Risolvere eventuali problemi riscontrati durante lo stage

3 30/11/2006 Luisa Dal Paos Le origini: lo stage Durata limitata nel tempo Si può effettuare al di fuori del calendario scolastico, spesso durante le vacanze estive Può essere finalizzato alla conoscenza dellazienda ospitante o allapprendimento di unattività svolta in tale azienda La valutazione dello stage non incide necessariamente nel voto di profitto tradizionale (ma compare nel curriculum)

4 30/11/2006 Luisa Dal Paos …Nei percorsi in alternanza I tempi sono molto dilatati Ogni attività coinvolge gruppi di studenti di una stessa classe o di classi diverse durante il periodo scolastico La formulazione del percorso richiede la collaborazione dellintero consiglio di classe e la rielaborazione dellorario e del calendario scolastico

5 30/11/2006 Luisa Dal Paos Il nuovo tutor scolastico Un docente disponibile a lavorare fuori orario e a spostarsi presso le aziende Un docente che conosce le necessità degli studenti e del territorio Un docente in grado di relazionarsi efficacemente con i colleghi e con le aziende, disposto al compromesso e alla mediazione

6 30/11/2006 Luisa Dal Paos Con chi interagisce? Funzione strumentale aziende Dirigente scolastico, ufficio tecnico Consiglio di classe tutor Aspetti organizzativi Aspetti didattico-formativi

7 30/11/2006 Luisa Dal Paos Come si sceglie il tutor? Come per molte figure professionali della scuola, non ci sono regole precise. E frequente che nel consiglio di classe emerga un docente in grado di assumere un ruolo di leadership gradito ai colleghi e agli studenti E fondamentale la spinta motivazionale che consente di portare avanti liniziativa nonostante le difficoltà e il carico di lavoro che questa comporta

8 30/11/2006 Luisa Dal Paos Nuove necessità - 1 Per formare un gruppo con studenti di classi parallele: Programmare delle prove di livello per verificare che la preparazione degli studenti sia omogenea Realizzare lorario settimanale in modo da facilitare la comunicazione tra i docenti coinvolti nel progetto e lindividuazione di spazi-tempi per le attività di formazione Organizzare lo sviluppo di qualche modulo in collaborazione, con le classi riunite

9 30/11/2006 Luisa Dal Paos Nuove necessità - 2 Se si svolgono più attività con aziende diverse: Individuare percorsi equivalenti tra loro ed equivalenti ai moduli tradizionali che questi sostituiscono Uniformare i criteri di valutazione tra i consigli di classe, sia per i moduli tecnici sia per quelli trasversali

10 30/11/2006 Luisa Dal Paos Problemi non risolti Ottenere lappoggio reale di tutti gli insegnanti del CdC: ladesione al progetto non coincide con la disponibilità a collaborare Variare il quadro orario durante lanno scolastico per adattarsi a nuove necessità impreviste Elaborare dei percorsi personalizzati

11 30/11/2006 Luisa Dal Paos Compiti del tutor 1.Elaborazione del curriculum con il consiglio di classeElaborazione del curriculum con il consiglio di classe 2.Attività di sensibilizzazioneAttività di sensibilizzazione 3.Contatti con le aziendeContatti con le aziende 4.Programmazione del percorsoProgrammazione del percorso 5.Monitoraggio del percorso, valutazione del processo e dei risultati ottenuti, variazioni in itinereMonitoraggio del percorso, valutazione del processo e dei risultati ottenuti, variazioni in itinere

12 30/11/2006 Luisa Dal Paos 1.Elaborazione del curriculum con il consiglio di classe Condivisione degli obiettivi e individuazione delle competenze che gli studenti devono acquisire Superamento delle discipline chiuse ed inserimento di nuovi contenuti riducendo lo spazio destinato ai contenuti tradizionali Scelta delle modalità di valutazione e del peso da dare ai nuovi contenuti in ogni disciplina.

13 30/11/2006 Luisa Dal Paos 2.Attività di sensibilizzazione Evidenziare le nuove opportunità offerte dal percorso (studenti e famiglie) Spiegare le differenze rispetto al curriculum tradizionale Chiarire eventuali possibilità di scelta tra percorsi/aziende differenti Orientare gli studenti verso il percorso più adatto

14 30/11/2006 Luisa Dal Paos 3.Contatti con le aziende Chiarire che lalternanza scuola-lavoro richiede allazienda di partecipare alla progettazione del percorso Chiarire la durata, il tipo di impegno, gli obiettivi, la disponibilità economica Individuare il tutor aziendale in base alla predisposizione alla didattica, allinteresse per la sperimentazione e alla possibilità di dedicare del tempo alla scuola

15 30/11/2006 Luisa Dal Paos Programmazione del percorso Stabilire (e accertare) conoscenze e competenze degli studenti allavvio del percorso Concordare gli interventi di formazione necessari, stabilire se possono essere effettuati dagli insegnanti o se richiedono lintervento di esperti/tutor esterni Individuare i momenti più opportuni per le attività in azienda in base al calendario scolastico e alle disponibilità dellazienda stessa

16 30/11/2006 Luisa Dal Paos Monitoraggio e valutazione In fase di progettazione individuare degli obiettivi parziali da verificare Si possono proporre un paio di verifiche ogni trimestre Il non raggiungimento di un obiettivo non deve compromettere il percorso, ma consentire unazione correttiva Tutto il consiglio di classe deve sentirsi responsabile della valutazione.

17 30/11/2006 Luisa Dal Paos Listituzione scolastica … deve consentire al tutor di prendere decisioni nei casi in cui il consiglio di classe non riesca a raggiungere un accordo su: Equivalenza del curricolo elaborato con il tutor aziendale; Variazioni dellorario scolastico nei limiti della flessibilità prevista per lalternanza; Tempi e metodi per la valutazione degli studenti.


Scaricare ppt "Il tutor scolastico come si va configurando nella sperimentazione dellalternanza."

Presentazioni simili


Annunci Google