La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI AGGIORNAMENTO INFERMIERISTICO DIPARTIMENTO CARDIOTORACICO ANNO 2003 ASSISTENZA INFERMIERISTICA ALLA PERSONA SOTTOPOSTA A INTERVENTO DI CHIRURGIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI AGGIORNAMENTO INFERMIERISTICO DIPARTIMENTO CARDIOTORACICO ANNO 2003 ASSISTENZA INFERMIERISTICA ALLA PERSONA SOTTOPOSTA A INTERVENTO DI CHIRURGIA."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI AGGIORNAMENTO INFERMIERISTICO DIPARTIMENTO CARDIOTORACICO ANNO 2003 ASSISTENZA INFERMIERISTICA ALLA PERSONA SOTTOPOSTA A INTERVENTO DI CHIRURGIA POLMONARE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE D a n i l a F e r r a r i o

2 Diagnosi infermieristica è un giudizio clinico riguardante le risposte della persona, della famiglia o delle comunità a problemi di salute/processi vitali attuali o potenziali. Le diagnosi infermieristiche formulate dopo un adeguato accertamento infermieristico, costituiscono la base sulla quale scegliere gli interventi infermieristici per raggiungere dei risultati che rientrano nella sfera di competenza dellinfermiere. Linfermiere, nel percorso di cura, è responsabile degli aspetti assistenziali identificati dalle diagnosi infermieristiche.

3 Problema collaborativo è un problema reale o potenziale di salute che linfermiere ha la responsabilità di riconoscere precocemente, segnalare e trattare in collaborazione con il medico (es. rischio di aritmie dovuto….)

4 Problema Rischio di ipossiema correlata allo squilibrio tra ventilazione e perfusione conseguente allintervento Rischio di ipossiema correlata allo squilibrio tra ventilazione e perfusione conseguente allintervento. Obiettivo Contribuire a mantenere un adeguato livello di ossigenazione e ventilazione Interventi Rilevare, monitorare e registrare segni e sintomi di ipossiemia: FR e caratteristiche del respiro, FR e caratteristiche del respiro, FC, PA, Sat. O 2, FC, PA, Sat. O 2, presenza di broncospasmo. presenza di broncospasmo. pallore, sudorazione, cianosi, stato di pallore, sudorazione, cianosi, stato di coscienza. coscienza. Verificare la presenza, il posizionamento ed il corretto funzionamento dei sistemi di drenaggio toracico (protocollo). In presenza di intervento di pneumonectomia sostituire il drenaggio a caduta con Pleur-Evac. Mantenere il paziente in posizione di Fowler o semi Fowler per garantire un maggiore profondità e ampiezza del respiro. Mantenere il paziente pneumonectomizzato in decubito semilaterale verso il lato operato. Garantire la continuità dellO2 terapia con effetto Venturi e mascherone (Fi ) Ispezionare il torace del paziente per rilevare la presenza di enfisema sottocutaneo, rilevabile dalla palpazione della cute (presenza di tipico crepitio), Almeno 1 volta ogni 8 ore o alloccorrenza. Osservare la presenza di incremento del lavoro respiratorio: movimenti sincroni e/o asincroni del torace,movimenti sincroni e/o asincroni del torace, uso dei muscoli respiratori accessori.uso dei muscoli respiratori accessori. In presenza di inefficace capacità di espettorazione e validità della tosse: motivare e supportare il paziente ad eseguiremotivare e supportare il paziente ad eseguire ginnastica respiratoria, ed effettuare inalazioni ginnastica respiratoria, ed effettuare inalazioni a caldo ogni 12 ore, a caldo ogni 12 ore, se persiste incapacità di liberare le vie aeree,se persiste incapacità di liberare le vie aeree, rilevare i parametri vitali(FR,FC,PA, Sat.02 e TC), rilevare i parametri vitali(FR,FC,PA, Sat.02 e TC), Informare il medico,Informare il medico, fornire assistenza durante eventuale applicazionefornire assistenza durante eventuale applicazione CPAP in scafandro. CPAP in scafandro. Ispezionare il torace del paziente per rilevare la presenza di enfisema sottocutaneo, rilevabile dalla palpazione della cute (presenza di tipico crepitio), Almeno 1 volta ogni 8 ore o alloccorrenza. Osservare la presenza di incremento del lavoro respiratorio: movimenti sincroni e/o asincroni del torace,movimenti sincroni e/o asincroni del torace, uso dei muscoli respiratori accessori.uso dei muscoli respiratori accessori. In presenza di inefficace capacità di espettorazione e validità della tosse: motivare e supportare il paziente ad eseguiremotivare e supportare il paziente ad eseguire ginnastica respiratoria, ed effettuare inalazioni ginnastica respiratoria, ed effettuare inalazioni a caldo ogni 12 ore, a caldo ogni 12 ore, se persiste incapacità di liberare le vie aeree,se persiste incapacità di liberare le vie aeree, rilevare i parametri vitali(FR,FC,PA, Sat.02 e TC), rilevare i parametri vitali(FR,FC,PA, Sat.02 e TC), Informare il medico,Informare il medico, fornire assistenza durante eventuale applicazionefornire assistenza durante eventuale applicazione CPAP in scafandro. CPAP in scafandro. Attivare e mantenere linterazione nella Comunicazione,motivando il paziente agli interventi finalizzati al recupero della funzione respiratoria. Su prescrizione medica: garantire le prestazione diagnostiche; garantire le prestazione diagnostiche; assicurare le prescrizioni terapeutiche; assicurare le prescrizioni terapeutiche; monitorare valori di ossigenazione monitorare valori di ossigenazione (EGA e pulsossimetria). (EGA e pulsossimetria). Attivare e mantenere linterazione nella Comunicazione,motivando il paziente agli interventi finalizzati al recupero della funzione respiratoria. Su prescrizione medica: garantire le prestazione diagnostiche; garantire le prestazione diagnostiche; assicurare le prescrizioni terapeutiche; assicurare le prescrizioni terapeutiche; monitorare valori di ossigenazione monitorare valori di ossigenazione (EGA e pulsossimetria). (EGA e pulsossimetria).

5 Problema Dolore toracico correlato alla presenza di ferita toracotomica. Obiettivo Ridurre ed eliminare la sintomatologia dolorosa. Ridurre il consumo di O 2 determinato da aumento di FC e PA, iperventilazione Interventi Rilevare monitorare e registrare segni e sintomi riferiti a dolore: mimica facciale, riluttanza allamimica facciale, riluttanza alla mobilizzazione, sudorazione, sguardo mobilizzazione, sudorazione, sguardo assente, presenza di postura antalgica. assente, presenza di postura antalgica. Educare il paziente a rilevare il grado di severità del dolore utilizzando la scala VAS o verbalizzando le sue sensazioni. Attivare interventi per ridurre il dolore: motivare il paziente al corretto utilizzomotivare il paziente al corretto utilizzo della PCEA, PCA. della PCEA, PCA. utilizzo di tecniche non farmacologicheutilizzo di tecniche non farmacologiche (massaggio, cambio frequente della (massaggio, cambio frequente della postura), postura), evitare il trazionamento dei tubi dievitare il trazionamento dei tubi di drenaggio fissandoli alla cute con cerotti. drenaggio fissandoli alla cute con cerotti. favorire linterazione nella informando il paziente:favorire linterazione nella informando il paziente: sulle caratteristiche del dolore e sugli interventi sulle caratteristiche del dolore e sugli interventi attivati per il controllo dello stesso. attivati per il controllo dello stesso. sul modo di tossire,sulle modalità di sul modo di tossire,sulle modalità di mobilizzazione. mobilizzazione. tempo di azione dei farmaci. tempo di azione dei farmaci. somministrare gli analgesici prima di proceduresomministrare gli analgesici prima di procedure che possono aumentare il dolore (su prescrizione). Garantire un ambiente calmo e sicuro, valutando la presenza dei familiari e persone significative per il paziente. Su prescrizione medica: Su prescrizione medica: garantire le prestazioni diagnostiche; garantire le prestazioni diagnostiche; assicurare le prescrizioni terapeutiche. assicurare le prescrizioni terapeutiche. favorire linterazione nella informando il paziente:favorire linterazione nella informando il paziente: sulle caratteristiche del dolore e sugli interventi sulle caratteristiche del dolore e sugli interventi attivati per il controllo dello stesso. attivati per il controllo dello stesso. sul modo di tossire,sulle modalità di sul modo di tossire,sulle modalità di mobilizzazione. mobilizzazione. tempo di azione dei farmaci. tempo di azione dei farmaci. somministrare gli analgesici prima di proceduresomministrare gli analgesici prima di procedure che possono aumentare il dolore (su prescrizione). Garantire un ambiente calmo e sicuro, valutando la presenza dei familiari e persone significative per il paziente. Su prescrizione medica: Su prescrizione medica: garantire le prestazioni diagnostiche; garantire le prestazioni diagnostiche; assicurare le prescrizioni terapeutiche. assicurare le prescrizioni terapeutiche.

6 Problema Limitazione dellattività fisica, correlata ad intervento chirurgico. Obiettivo Recuperare il livello di autonomia nella mobilizzazione adottando opportune misure di sicurezza. Interventi Attivare il programma di mobilizzazione (fisioterapista). Prima di mobilizzare il paziente verificare: FC, PA, Sat.02. Durante la mobilizzazione osservazione continua del paziente per rilevazione di eventuale intolleranza allattività fisica evidenziata da: Incremento della FC del 30% rispetto al valoreIncremento della FC del 30% rispetto al valore basale, basale, incremento o decremento della PA del 30%incremento o decremento della PA del 30% rispetto al valore basale (in nessuno caso rispetto al valore basale (in nessuno caso < 8o mmHg), < 8o mmHg), episodi di desaturazione(sat.02<90),episodi di desaturazione(sat.02<90), presenza di aritmie o aumento delle aritmiepresenza di aritmie o aumento delle aritmie preesistenti, preesistenti, aumento del dolore toracico,aumento del dolore toracico, presenza di sudorazione e affaticamento,presenza di sudorazione e affaticamento, soggettività per nausea e senso di astenia.soggettività per nausea e senso di astenia. In presenza degli indicatori sopracitati: porre il paziente a letto in posizione supina, porre il paziente a letto in posizione supina, informare il medico, informare il medico, verificare i parametri vitali, verificare i parametri vitali, applicare 0 2 terapia (dosaggio e presidio da applicare 0 2 terapia (dosaggio e presidio da stabilire con il medico). stabilire con il medico). Motivare il paziente e i familiari a sostenere il gramma di mobilizazione del paziente In presenza degli indicatori sopracitati: porre il paziente a letto in posizione supina, porre il paziente a letto in posizione supina, informare il medico, informare il medico, verificare i parametri vitali, verificare i parametri vitali, applicare 0 2 terapia (dosaggio e presidio da applicare 0 2 terapia (dosaggio e presidio da stabilire con il medico). stabilire con il medico). Motivare il paziente e i familiari a sostenere il gramma di mobilizazione del paziente

7 Problema Mancanza di conoscenze correlate al ricovero, allintervento e alle procedure Obiettivo Instaurare e mantenere una realazione terapeutica. Interventi Fornire informazioni che possano favorire ladattamento ai ritmi di vita ospedaliera: presentarsi e presentare gli altri operatori dellequipe di cura;presentarsi e presentare gli altri operatori dellequipe di cura; informare sullo scopo e modalità delle procedure diagnostiche e terapeutiche alle quali il paziente viene sottosposto;informare sullo scopo e modalità delle procedure diagnostiche e terapeutiche alle quali il paziente viene sottosposto; spiegare in motivi che rendono necessario lutilizzo della strumentazione e relativo funzionamento;spiegare in motivi che rendono necessario lutilizzo della strumentazione e relativo funzionamento; valutare la conoscenza rispetto alla patologia ed allintervento.valutare la conoscenza rispetto alla patologia ed allintervento. Educare il paziente a rifere tempestivamente linsorgenza, e il riacutizzarsi del dolore e/o la presenza di malessere. Indagare le volontà del paziente riguardo alla presenza o lassenza dei familiari,valutando le condizioni cliniche, il contesto di ricovero. Attivare una comunicazione efficace attraverso losservazione, lascolto attivo e il dialogo personalizzato.

8 Indicare la presenza di stati emotivi quali ansia, negazione o depressione. Incoraggiare il paziente ad esplicitare lo stato danimo e le aspettative. Prevedere la presenza di stati danimo quali la negazione, lansia, la depressione. Rilevare gli indicatori di ansia: tachicardia, sudorazione delle mani, tremito,sonno disturbato, difficoltà a ricorda le spiegazioni. Interventi: verificare le comprensione delle informazioniverificare le comprensione delle informazioni fornite, fornite, assistere il paziente con atteggiamento sicuro,assistere il paziente con atteggiamento sicuro, integrare le informazioni quando necessario.integrare le informazioni quando necessario. Su prescrizione: assicurare le prescrizioni terapeutiche per il contenimento dellansia.assicurare le prescrizioni terapeutiche per il contenimento dellansia. Rilevare leventuale presenza di indicatori di negazione quali, rifiuto di parlare della patologia, apparente mancanza di preoccupazione sulle condizioni attuali. Stimolare un adattamento efficace. Rischi di adattamento inefficace dalla persona correlato allansia, alla negazione della malattia, alla depressione o alla paura della morte. Continua…

9 motivare le restrizioni determinate dallintervento.motivare le restrizioni determinate dallintervento. valutare leffetto della negazione sulla salute del paziente.valutare leffetto della negazione sulla salute del paziente. Dopo le prime 12 ore rilevare leventuale presenza di indicatori di depressione, quali: preoccupazione eccessiva circa le condizioni di salute, manifestazioni di tristezza, mancanza di appetito, insonnia, apatia. Interventi: favorire il riposo,favorire il riposo, stimolare il paziente ad intraprenderestimolare il paziente ad intraprendere gradualmente le abitudini quotidiane (igiene, gradualmente le abitudini quotidiane (igiene, lettura, brevi camminate più volte al giorno), lettura, brevi camminate più volte al giorno), favorire la socializzazione con gli altrifavorire la socializzazione con gli altri degenti, degenti, sollecitare lesplicitazione delle emozioni.sollecitare lesplicitazione delle emozioni. motivare alladattamento verso una nuova qualità di vita, strutturando interventi di educazione sanitaria in presenza dei familiari.motivare alladattamento verso una nuova qualità di vita, strutturando interventi di educazione sanitaria in presenza dei familiari. Su prescrizione: assicurare le prescrizioni terapeutiche.assicurare le prescrizioni terapeutiche. Continua… Stimolare un adattamento efficace.

10 Problema Alterato stato nutrizionale dovuto alla patologia ed allinterventochirurgico. Obiettivo Garantire e mantenere un adeguato stato nutrizionale. Intervento Assicurare il regime dietetico prescritto in relazione alle condizioni cliniche del paziente utilizzando lo schema predisposto: ricca di proteine, povera di carboidrati ad alto tenore di lipidi,ricca di proteine, povera di carboidrati ad alto tenore di lipidi, non inferiore a 1500/2000 kcal.non inferiore a 1500/2000 kcal. Valutare la necessità di fare assumere integratori alimentari specifici. Adattare il regime dietetico in relazione alla tipologia dellintervento chirurgico. In presenza di nausea, favorire lassunzione di cibi solidi ed invitare il paziente a consumare il pasto a letto. Ottimizzare la scelta dei cibi in relazione alla possibilità e capacità del paziente di assunzione di alimenti. Assicurare un adeguato livello di idratazione. In presenza di stipsi prevedere una dieta ricca di fibre. Mantenimento del peso corporeo. Rivalutare il regime dietetico in presenza di complicanze. Rivalutare il regime dietetico in presenza di complicanze. In presenza di 0 2 terapia con maschera, durante il pasto applicare cannule nasali, monitorando spO 2. Motivare il paziente a frazionare i pasti durante la giornata, ad evitare sforzi fisici prima dellassunzione dei pasti, per evitare linsorgenza di dispnea. Monitoraggio del peso corporeo ogni tre giorni. Su prescrizione: assicurare le prescrizioni terapeutiche (farmaci procinetici),assicurare le prescrizioni terapeutiche (farmaci procinetici), garantire le procedure diagnostiche (posizionamento sng).garantire le procedure diagnostiche (posizionamento sng).

11 Problema Alterata eliminazione urinaria e intestinale. Obiettivo Contribuire a favorire leliminazione urinaria e intestinale. Intervento ELIMINAZIONE URINARIA ELIMINAZIONE URINARIA Il paziente è portatore di catetere vescicale mantenuto in sito per 48 ore o in relazione alle condizioni cliniche. Gestione del catetere vescicale come da protocollo. Monitorare la diuresi: oraria nelle prime 24 ore,oraria nelle prime 24 ore, ogni 2 ore nelle successive 24.ogni 2 ore nelle successive 24. Valore di diuresi oraria >30 ml/ora. Monitorare il bilancio idrico a carenza oraria o al bisogno. Rilevare ed annotare le caratteristiche delle urine. Rilevare la presenza e landamento degli edemi declivi. Su prescrizione: Modificare il regime dietetico,Modificare il regime dietetico, Applicare procedure diagnostiche,Applicare procedure diagnostiche, Eventuale mobilizzazione per favorireEventuale mobilizzazione per favorire la diuresi spontanea. Su prescrizione: Modificare il regime dietetico,Modificare il regime dietetico, Applicare procedure diagnostiche,Applicare procedure diagnostiche, Eventuale mobilizzazione per favorireEventuale mobilizzazione per favorire la diuresi spontanea. ELIMINAZIONE INTESTINALE ELIMINAZIONE INTESTINALE Identificare segni e sintomi di alterata eliminazione stipsi da correlare: alla frequenza abituale di evacuazione,stipsi da correlare: alla frequenza abituale di evacuazione, alla dieta, alla mobilizzazione, a patologie concomitanti, a effettialla dieta, alla mobilizzazione, a patologie concomitanti, a effetti farmacologici e dellanestesia; farmacologici e dellanestesia; diarrea da correlare: alla frequenza abituale di evacuazione ediarrea da correlare: alla frequenza abituale di evacuazione e alle caratteristiche delle feci. alle caratteristiche delle feci. Rilevare ed annotare le caratteristiche anomale delle feci Per colore e consistenza. Su prescrizione: garantire le prestazioni diagnostiche,garantire le prestazioni diagnostiche, assicurare le prestazioni terapeutiche,assicurare le prestazioni terapeutiche, modificare il regime dietetico.modificare il regime dietetico. ELIMINAZIONE INTESTINALE ELIMINAZIONE INTESTINALE Identificare segni e sintomi di alterata eliminazione stipsi da correlare: alla frequenza abituale di evacuazione,stipsi da correlare: alla frequenza abituale di evacuazione, alla dieta, alla mobilizzazione, a patologie concomitanti, a effettialla dieta, alla mobilizzazione, a patologie concomitanti, a effetti farmacologici e dellanestesia; farmacologici e dellanestesia; diarrea da correlare: alla frequenza abituale di evacuazione ediarrea da correlare: alla frequenza abituale di evacuazione e alle caratteristiche delle feci. alle caratteristiche delle feci. Rilevare ed annotare le caratteristiche anomale delle feci Per colore e consistenza. Su prescrizione: garantire le prestazioni diagnostiche,garantire le prestazioni diagnostiche, assicurare le prestazioni terapeutiche,assicurare le prestazioni terapeutiche, modificare il regime dietetico.modificare il regime dietetico.

12 Problema Limitazione della cura di sé correlata ad intervento chirurgico Limitazione della cura di sé correlata ad intervento chirurgico Obiettivo Garantire misure igieniche adeguate. Interventi Garantire un ambiente confortevole e sicuro ed il rispetto della privacy. Valutare la possibilità di mobilizzazione per eseguire le cure igieniche: predisporre bombola di ossigeno per ilpredisporre bombola di ossigeno per il trasferimento in bagno, trasferimento in bagno, rilevare la presenza di dispnea da sforzo,rilevare la presenza di dispnea da sforzo, supportare e rassicurare il paziente durante le cure igieniche.supportare e rassicurare il paziente durante le cure igieniche. Educare il paziente ad eseguire ligiene del cavo orale almeno una volta al giorno. Applicare il protocollo delle cure igieniche. Controllo quotidiano della cute, in Particolare delle zone sottoposte a maggior pressione da postura di Fowler (sacro, talloni, scapole). Valutare lapplicazione del protocollo per la prevenzione e la cura delle lesioni da decubito in relazione allindice di Northon. Informare il medico della presenza ed evolversi delle lesioni per eventuali terapie farmacologiche ed intervento dello specialista. Controllo quotidiano della cute, in Particolare delle zone sottoposte a maggior pressione da postura di Fowler (sacro, talloni, scapole). Valutare lapplicazione del protocollo per la prevenzione e la cura delle lesioni da decubito in relazione allindice di Northon. Informare il medico della presenza ed evolversi delle lesioni per eventuali terapie farmacologiche ed intervento dello specialista. Prevenire linsorgenza di lesioni da decubito Prevenirelinsorgenza di vizi posturali. Durante il periodo di allettamento, modificare la postura ogni 2 ore e ricercare nel limite del vincolo della postura di Fowler, posizioni alternative e confortevoli. Educare il paziente a non rimanere seduto per lunghi periodi. Durante il periodo di allettamento, modificare la postura ogni 2 ore e ricercare nel limite del vincolo della postura di Fowler, posizioni alternative e confortevoli. Educare il paziente a non rimanere seduto per lunghi periodi.

13 Problema Rischio di contrarre infezioni e di pericoli ambientali. Obiettivo Assicurare la prevenzione delle infezioni. Intervento Rilevare la temperatura corporea 4 volte al giorno in 1° e 2° giornata (nei pazienti con pneumonectomia fino alla dimissione). In presenza di TC >38°C.: applicare crioterapia; applicare crioterapia; favorire termodispersione cutanea;favorire termodispersione cutanea; su prescrizione somministrare farmaci antipiretici.su prescrizione somministrare farmaci antipiretici. Gestione degli accessi venosi e arteriosi in asepsi come da protocollo. Rimozione degli accessi venosi in 3° giorrnata, in relazione alle condizioni cliniche, al termine della terapia infusionale. Osservare e monitorare la presenza di ematomi o flogosi in sede di inserzione degli accessi venosi e arteriosi. Osservare laspetto di cute e mucose per la rilevazione di segni di infezione o di allergie. Garantire lasepsi nella gestione del catetere vescicale: assicurare il tubo di caduta sotto larto assicurare il tubo di caduta sotto larto inferiore del paziente, inferiore del paziente, rimuovere il catetere vescicale appenarimuovere il catetere vescicale appena possibile (2° giornata). possibile (2° giornata). Monitorare la quantità e le caratteristiche delle urine, e rilevare la comparsa di secrezioni uretrali. Rilevare la presenza di viraggio delle caratteristiche del materiale drenato. In presenza di paziente portatore di catetere peridurale, assicurarlo in modo che non si dislochi accidentalmente e controllare la sensibilità degli arti inferiori. Su prescrizione: garantire le prestazioni diagnostiche,garantire le prestazioni diagnostiche, assicurare le prestazioni terapeutiche.assicurare le prestazioni terapeutiche. Garantire lasepsi nella gestione del catetere vescicale: assicurare il tubo di caduta sotto larto assicurare il tubo di caduta sotto larto inferiore del paziente, inferiore del paziente, rimuovere il catetere vescicale appenarimuovere il catetere vescicale appena possibile (2° giornata). possibile (2° giornata). Monitorare la quantità e le caratteristiche delle urine, e rilevare la comparsa di secrezioni uretrali. Rilevare la presenza di viraggio delle caratteristiche del materiale drenato. In presenza di paziente portatore di catetere peridurale, assicurarlo in modo che non si dislochi accidentalmente e controllare la sensibilità degli arti inferiori. Su prescrizione: garantire le prestazioni diagnostiche,garantire le prestazioni diagnostiche, assicurare le prestazioni terapeutiche.assicurare le prestazioni terapeutiche.

14 Garantire un ambiente sicuro. Monitorare il microclima. Assicurare la degenza in ambiente protetto (semintensiva postoperatoria fino in 2° giornata dallintervento). Nel trasferimento in corsia evitare la vicinanza a pazienti con infezioni polmonari in atto. Indicare i comportamenti e le modalità per evitare traumi e cadute. Fornire ausili per facilitare la deambulazione in presenza di 2 drenaggi (carrello porta bottiglioni). Predisporre entrambi le spondine laterali anticaduta in presenza di paziente con disorientamento spazio- temporale. Identificare e segnalare tempestivamente la presenza di anomalie e guasti di presidi o strutture. Continua…

15 Problema Rischio di alterazione dellequilibrio emodinamico. Obiettivo Contribuire a mantenere lequilibrio emodinamico. Intervento Monitoraggio orario di: PA, FC, FR, PA, FC, FR, saturazione O 2, saturazione O 2, diuresi, diuresi, stato di coscienza, stato di coscienza, condizione di cute e mucose (colore, idratazione, condizione di cute e mucose (colore, idratazione, temperatura, sudorazione), temperatura, sudorazione), PVC. PVC. Mantenere pervio il CVC e assicurarsi della disponibilità di un accesso venoso periferico ad alta portata. Monitoraggio del bilancio idrico in e out, orario e ogni 2 ore in relazione alle condizioni cliniche. Applicare pompe infusive e/o regolatori di flusso. Monitorare traccia ECGrafica per rilevare linsorgenza di aritmie (da ipossia, ipercapnia, ipotensione, squilibrio acido-base, versamenti pericardici). Valutare i valori di pressione arteriosa e correlare: ipotensione: emorragia, disitratazione, aritmie ipotensione: emorragia, disitratazione, aritmie azione residua di farmaci anestetici, insufficienza azione residua di farmaci anestetici, insufficienza respiratoria; respiratoria; ipertensione: dolore, ansia, stress chirurgico. ipertensione: dolore, ansia, stress chirurgico. Verifica corretta infusione di emoderivati ed Osservazione del paziente per rilevare leventuale insorgenza di reazioni allergiche. Motivare il paziente ad assumere liquidi per via orale: Su prescrizione: garantire le prestazioni diagnostiche; garantire le prestazioni diagnostiche; assicurare le prescrizioni terapeutiche. assicurare le prescrizioni terapeutiche. Valutare i valori di pressione arteriosa e correlare: ipotensione: emorragia, disitratazione, aritmie ipotensione: emorragia, disitratazione, aritmie azione residua di farmaci anestetici, insufficienza azione residua di farmaci anestetici, insufficienza respiratoria; respiratoria; ipertensione: dolore, ansia, stress chirurgico. ipertensione: dolore, ansia, stress chirurgico. Verifica corretta infusione di emoderivati ed Osservazione del paziente per rilevare leventuale insorgenza di reazioni allergiche. Motivare il paziente ad assumere liquidi per via orale: Su prescrizione: garantire le prestazioni diagnostiche; garantire le prestazioni diagnostiche; assicurare le prescrizioni terapeutiche. assicurare le prescrizioni terapeutiche.

16


Scaricare ppt "CORSO DI AGGIORNAMENTO INFERMIERISTICO DIPARTIMENTO CARDIOTORACICO ANNO 2003 ASSISTENZA INFERMIERISTICA ALLA PERSONA SOTTOPOSTA A INTERVENTO DI CHIRURGIA."

Presentazioni simili


Annunci Google