La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GLICOGENOSI DI TIPO III: RIVALUTAZIONE DELLE CARATTERISTICHE CLINICHE E GENETICHE DEI PAZIENTI E STATO DELLARTE SUL MODELLO MURINO KNOCK-OUT Giacomo P.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GLICOGENOSI DI TIPO III: RIVALUTAZIONE DELLE CARATTERISTICHE CLINICHE E GENETICHE DEI PAZIENTI E STATO DELLARTE SUL MODELLO MURINO KNOCK-OUT Giacomo P."— Transcript della presentazione:

1 GLICOGENOSI DI TIPO III: RIVALUTAZIONE DELLE CARATTERISTICHE CLINICHE E GENETICHE DEI PAZIENTI E STATO DELLARTE SUL MODELLO MURINO KNOCK-OUT Giacomo P. Comi, Sabrina Lucchiari, Serena Pagliarani, Domenico Santoro Centro Dino Ferrari, Dipartimento di Scienze Neurologiche, Università degli Studi di Milano, Fondazione I.R.C.C.S. Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, Milano, Italia

2 Collaborazioni con: Istituto G. Gaslini, Genova: Mirella Filocamo Maja Di Rocco Maja Di Rocco Dipartimento di Neuroscienze, Messina: Carmelo Rodolico Antonio Toscano Antonio Toscano Ist. Pediatrico, Univ. Federico II, Napoli: Daniela Melis Michelina Sibilio Michelina Sibilio Pediatria, Ospedale S. Gerardo, Monza: Rossella Parini Pediatria Ospedale San Paolo, Milano: Sabrina Paci Marta Torcoletti Marta Torcoletti Ospedale Pediatrico Meyer, Firenze: Maria Alice Donati

3 Studio Internazionale sulla Glicogenosi di tipo III progetto multicentrico di ricerca retrospettivo che riguarda la diagnosi, il decorso clinico ed il trattamento della GSDIII descrizione di ciascun paziente tramite dati clinici raccolti in un questionario appositamente elaborato analisi dei dati complessivi per una valutazione più fine della malattia G.P.A. Smit, Beatrix Childerns Clinic, University Medical Center, Groningen, NL

4 Dati generali Gravidanza/nascita Primi sintomi Diagnosi:istologicaenzimatica analisi di mutazioni Dieta e trattamenti farmacologici Crescita

5 Parametri ematochimici e dati clinici IpoglicemiaIperlipidemia Complicanze epatiche Osteopenia Aspetti psicosociali Cardiomiopatia Disordini neuromuscolari Disordini endocrinologici Funzionalità renale

6

7 44 pts:3 mesi-30 anni(0-3, 3-6, 6-12, 12-18, >18) Iperlipidemia e rischio cardiovascolare early onset ipercolesterolemia Ipertrigliceridemia correlazione con ipoglicemia importante in pts <3 aa raccogliere dati sulla dieta

8 Pazienti GSDIII : Maschi 26 Femmine 25

9 Età alla diagnosi

10 Attività enzimatica in muscolo e globuli rossi

11 Correlazione tra età e transaminasi AST ALT

12 Media U/L > <10 Classi di età Media U/L > <10 Classi di età

13 Ecografia epatica

14 Compromissione muscolatura respiratoria, tetraplegia. Grado 10 Impossibile mangiare, bere o restare seduto senza aiuto. Grado 9 Deambulazione impossibile senza sostegno. Grado 8 Non si alza da una sedia. Grado 7 Non sale le scale. Grado 6 Non si alza in piedi se seduto sul pavimento. Grado 5 Segno di Gowers. Grado 4 Ipostenia, marcia steppante, sale le scale con corrimano. Grado 3 Difficoltà a camminare su punte dei piedi, difetto di postura o marcia. Grado 2 Deambulazione normale, mialgie, atrofia, non corre. Grado 1 Tutte le funzioni normali, IperCK asintomatica. Grado 0 Scala modificata di Gardner–Medwin e Walton per la valutazione della severità della patologia muscolare

15 Nostri riscontri

16 Evoluzione clinica dell'ipostenia Correlazione diretta tra età e progressione dell'ipostenia. Limitazione funzionale lieve in pazienti minori di 40 anni (Punteggio Scala di Walton < 2). Ampia variabilità negli adulti maggiori di 40 anni (Punteggio Scala di Walton da 3 a 10). Ipostenia variabile prossimale e distale con prensione debole, marcia steppante… Frequente ipotrofia distale.

17 Correlazione CPK/età Valori normali < 180 I.U./L

18 Valutazione ecografica dellipertrofia cardiaca (spessore del setto) in rapporto al BMS normale 14 mm

19 Pt: donna, 42 aa, omozigosi R285X debolezza msc severa, ipotrofia, crampi segni miogenici diffusi dim. conduz nervi arti infer. no cardiomiopatia Pt: uomo, 42 aa, omozigosi R285X Progressiva debolezza msc prox e dist LVH, ipertrofia del setto e parete posteriore ventricolo sin 1.Spessore del setto intervent. 2.Volume diastolico/sistolico 3.Frazione di eiezione

20 Una grossa percentuale (55%) di pazienti sviluppa una cardiomiopatia, ecocardiograficamente simile ad una iniziale cardiomiopatia ipertrofica idiopatica (ref. Lee et al. 1997). Lecocardio è in genere normale o mostra lieve ipertrofia cardiaca asintomatica nella prima decade. Tra i pazienti nella prima decade, 8 avevano un ecocardio normale (47%), 9 avevano una lieve ipertrofia (53%), mentre nessuno aveva unipertrofia cardiaca moderata o severa. Nel gruppo di età tra gli 11 e i 20 anni, un paziente aveva un ecocardio normale, 2 avevano lieve e uno moderata ipertrofia. Tra i maggiori di 21 anni, abbiamo rilevato 5 pazienti (31%) con ecocardio normale, 9 (56%) con lieve e 1 (6%) con moderata ipertrofia. Un paziente è stato sottoposto a trapianto cardiaco alletà di 45 anni. I nostri dati indicano globalmente un basso richio di scompenso cardiaco e una lenta evoluzione del danno cardiaco, ma un attento follow up annuale è necessario per identificare soggetti a richio. Ipertrofia cardiaca nei pazienti GSDIII

21 Dati elettromiografici di 21 pazienti Scariche pseudomiotoniche in 4 pts con segni di miopatia e in 10 pts con denervazione neurogenica cronicaNormale4Miopatico4 Neurogeno10 Entrambi3

22

23

24 Modello animale Targeting vector completato ma non è stato possibile trovare una sonda specifica per rilevare le ES positive al K.O. dellesone 3 1 esone 4 collocare la cassetta Neo nellesone 4 ripetendo lintera procedura per la costruzione del vettore e il disegno della sonda 2 gene trap metodica del gene trap con lacquisto di cloni di cellule ES 129SvEv che contengono già il gene interrotto.

25 Piazza Cavour, Rimini Lucchiari S, Santoro D, Pagliarani S, Comi GP. Clinical, biochemical and genetic features of glycogen debranching enzyme deficiency. Acta Myol. 2007;26(1): Lucchiari S, Pagliarani S, Salani S, Filocamo M, Di Rocco M, Melis D, Rodolico C, Musumeci O, Toscano A, Bresolin N, Comi GP. Hepatic and neuromuscular forms of glycogenosis type III: nine mutations in AGL. Hum Mutat Jun;27(6): Lucchiari S, Donati MA, Melis D, Filocamo M, Parini R, Bresolin N, Comi GP. Mutational analysis of the AGL gene: five novel mutations in GSD III patients. Hum Mutat. 2003;22(4): Lucchiari S, Donati MA, Parini R, Melis D, Gatti R, Bresolin N, Scarlato G, Comi GP. Molecular characterisation of GSD III subjects and identification of six novel mutations in AGL. Hum Mutat. 2002;20(6): Lucchiari S, Fogh I, Prelle A, Parini R, Bresolin N, Melis D, Fiori L, Scarlato G, Comi GP. Clinical and genetic variability of glycogen storage disease type IIIa: seven novel AGL gene mutations in the Mediterranean area. Am J Med Genet ;109(3): Comi GP, Fortunato F, Lucchiari S, Bordoni A, Prelle A, Jann S, Keller A, Ciscato P, Galbiati S, Chiveri L, Torrente Y, Scarlato G, Bresolin N. Beta- enolase deficiency, a new metabolic myopathy of distal glycolysis. Ann Neurol. 2001;50(2): Hadjigeorgiou GM, Comi GP, Bordoni A, Shen J, Chen YT, Salani S, Toscano A, Fortunato F, Lucchiari S, Bresolin N, Rodolico C, Piscaglia MG, Franceschina L, Papadimitriou A, Scarlato G. Novel donor splice site mutations of AGL gene in glycogen storage disease type IIIa. J Inherit Metab Dis. 1999;22(6):762-3.


Scaricare ppt "GLICOGENOSI DI TIPO III: RIVALUTAZIONE DELLE CARATTERISTICHE CLINICHE E GENETICHE DEI PAZIENTI E STATO DELLARTE SUL MODELLO MURINO KNOCK-OUT Giacomo P."

Presentazioni simili


Annunci Google