La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano dazione SCUOLA 21 Progetto ECOLOGICA.MENTE: valorizzare la biodiversità nel territorio locale Azione di promozione del miglioramento dei processi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano dazione SCUOLA 21 Progetto ECOLOGICA.MENTE: valorizzare la biodiversità nel territorio locale Azione di promozione del miglioramento dei processi."— Transcript della presentazione:

1 Piano dazione SCUOLA 21 Progetto ECOLOGICA.MENTE: valorizzare la biodiversità nel territorio locale Azione di promozione del miglioramento dei processi educativi per favorire la crescita delle persone nella comunità Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità LERPETOFAUNA ALLOCTONA E LINFLUENZA SULLA BIODIVERSITÀ Silvia MACCHI Unità di Analisi e Gestione delle Risorse Ambientali Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate Università degli Studi dellInsubria, Varese

2 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LE INVASIONI BIOLOGICHE Introduzione e diffusione (intenzionale o accidentale) di specie animali o vegetali al di fuori del loro areale naturale Seconda causa di perdita di biodiversità dopo il fenomeno della distruzione degli habitat: - Competizione con le specie autoctone - Predazione sulle specie autoctone - Introduzione di nuovi agenti patogeni - Alterazione degli ecosistemi

3 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LE SPECIE ALLOCTONE: QUALCHE DEFINIZIONE SPECIE NATURALIZZATA: specie alloctona per una determinata area dove è rappresentata da una o più popolazioni che si autosostengono. SPECIE ACCLIMATATA: specie alloctona per una determinata area dove è rappresentata da uno o più nuclei non naturalizzati. SPECIE INVASIVA: specie naturalizzata che determina un impatto rilevante sulle biocenosi.

4 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LA PORTATA DEL FENOMENO: ESEMPI ECLATANTI Boiga irregularis Varanus niloticus Rhinella marina «Esistono poche lucertole meno adatte alla vita in cattività del varano del Nilo. Buffrenil (1992) ritiene che, quando lotta per salvarsi la vita, un varano del Nilo diventa un avversario più pericoloso di un coccodrillo delle stesse dimensioni. La sua cura presenta particolari problemi, dovuti alle enormi dimensioni di questa lucertola e alla sua vivacità. Soltanto poche delle persone che acquistano piccoli varani del Nilo dai colori sgargianti sono a conoscenza del fatto che, entro un paio d'anni, il loro acquisto si tramuterà in un enorme carnivoro feroce, grande abbastanza da rompere il collo al gatto di casa con un unico scatto e di inghiottirlo intero». (Bennett, D Little Book of Monitor Lizards, Viper Press, Aberdeen, UK)

5 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LERPETOFAUNA ALLOCTONA IN ITALIA: ANFIBI Nome scientificoNome comuneStatus Lithobates catesbeianusRana toroNaturalizzata Pelophylax kurtmuelleri/Pelophylax ridibundus Rana verde balcanicaNaturalizzata Xenopus laevisXenopo liscioNaturalizzata Informazioni tratte da

6 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LERPETOFAUNA ALLOCTONA IN ITALIA: RETTILI Nome scientificoNome comuneStatus Agama agamaAgama comune Acclimatato Chamaeleo chamaeleonCamaleonte comuneAcclimatato Mediodactylus kotschyiGeco di KotschyNaturalizzato Testudo graecaTestiggine grecaNaturalizzata Testudo marginataTestuggine marginataNaturalizzata Trachemys scripta Testuggine palustre americana Acclimatata Naturalizzata? Mauremys caspica Testuggine palustre caspica Acclimatata Mauremys leprosa Testuggine palustre iberica Acclimatata Eryx jaculusBoa delle sabbieSconosciuto

7 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 RANA TORO (Lithobates catesbeianus) Introdotta dagli Stati Uniti negli anni 30 a scopo alimentare Grandi dimensioni (fino a 20 cm) Cute di colore verde scuro, grosso timpano, sacco vocale mediano Diffusa prevalentemente in Piemonte, Lombardia ed Emilia-Romagna Vive in grandi bacini lacustri e paludi

8 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 RANA TORO (Lithobates catesbeianus) Molto voraci, si nutrono di insetti, piccoli mammiferi, uccelli, altri anfibi e sono anche cannibali Estremamente prolifiche (fino a uova deposte in masse galleggianti) La metamorfosi è lunghissima:16-24 mesi Considerata tra le 100 specie più invasive al mondo dalla IUCN

9 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 RANA TORO (Lithobates catesbeianus)

10 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 RANA VERDE BALCANICA (Pelophylax kurtmuelleri/Pelophylax ridibundus) Originaria di Albania, Grecia e Montenegro Introdotta nel 1941 a Imperia per scopi alimentari Rapida diffusione in altre località di Liguria, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna Sistematica incerta Vive spesso in sintopia con le altre rane verdi autoctone Contaminazione genetica?

11 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 XENOPO LISCIO (Xenopus laevis) Originario di Africa meridionale e Sud Africa Utilizzato come animale da laboratorio Prime segnalazioni alla fine degli anni 90 in Sicilia Attualmente considerato naturalizzato e in rapida espansione Possibili effetti deleteri sulle altre specie di anfibi locali In altre aree del mondo dove è stata introdotto ha causato notevoli danni alla biodiversità

12 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LA CHITRIDIOMICOSI: UN EFFETTO COLLATERALE Batrachochytrium dendrobatidis Lithobates catesbeianus e Xenopus laevis sono portatori del letale fungo In Italia linfezione è stata accertata su tre specie endemiche, Bombina pachypus, Euproctus platycephalus e Pelophylax bergeri

13 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 AGAMA COMUNE (Agama agama) E CAMALEONTE COMUNE (Chamaeleo chamaeleon) Originari dellAfrica Giunti probabilmente in modo casuale a bordo di navi negli scali portuali di Palermo e Livorno (agama), Sicilia e Puglia (camaleonte) Scarse conoscenze sulleffettiva consistenza dei nuclei presenti Possibile naturalizzazione da parte del camaleonte?

14 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 GECO DI KOTSCHY (Mediodactylus kotschyi) Specie originaria dellarea balcanica In Italia è presente in Puglia e Basilicata (naturalizzato) BOA DELLE SABBIE (Eryx jaculus) Unico boide europeo In Italia è stato segnalato in Sicilia Status sconosciuto

15 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 TESTUGGINE GRECA (Testudo graeca) E TESTUGGINE MARGINATA (Testudo marginata) Giunte in Italia in tempi storici, per scopi alimentari, utilitaristici e come animali da compagnia Diffuse soprattutto in Sardegna Più rare e localizzate nellItalia continentale mediterranea (Toscana, Lazio e T. graeca anche in Sicilia) Da evitare la simpatria con T. hermanni (unica specie autoctona) per motivi sanitari e genetici Testudo hermanni Testudo graeca Testudomarginata Testudo marginata Testudo hermanni Testudo graeca

16 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 TARTARUGA PALUSTRE CASPICA (Mauremys caspica) E TARTARUGA PALUSTRE IBERICA (Mauremys leprosa) M. caspica presente nei Balcani e nei paesi attorno al Mar Caspio M. leprosa presente nella penisola iberica, Marocco, Algeria, Tunisia, Francia meridionale Forse presente anche M. rivulata, originaria dellarea balcanica Giunte in Italia a scopo amatoriale Esistono alcuni nuclei acclimatati in centro Italia (Lazio) Mauremys leprosa Mauremys caspica

17 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LA TARTARUGA PALUSTRE AMERICANA (Trachemys scripta): UN CASO EMBLEMATICO Originaria della valle del Mississippi Note almeno 13 sottospecie Presenza di due bande evidenti ai lati del capo di colore variabile (dal giallo al rosso) Trachemys scripta scripta Trachemys scripta elegans Trachemys scripta troostii

18 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LA TARTARUGA PALUSTRE AMERICANA (Trachemys scripta): UN CASO EMBLEMATICO Dimorfismo sessuale: nelle lunghezza carapace fino a 28 cm, coda sottile e corta; nei il carapace raggiunge i 24 cm, coda più grossa e più lunga; artigli delle zampe anteriori molto sviluppati Maturità sessuale: 3-4 anni nei ; 6-9 nelle 2-17 uova deposte Longevità in natura: anni

19 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LA TARTARUGA PALUSTRE AMERICANA (Trachemys scripta): UN CASO EMBLEMATICO Sfruttata come fonte alimentare A partire dagli anni 60 catturata per allevamento Nel 1975 addotta come fonte di trasmissione della salmonellosi agli esseri umani dal U.S. Food and Drug Administration: bandito il commercio di tartarughe dal carapace di lunghezza < 10 cm Stimati 3-10 milioni di individui esportati ogni anno (Sud Corea, Italia e Giappone maggiori importatori) Popolazioni naturali sovrasfruttate Problemi di conservazione in loco

20 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LA TARTARUGA PALUSTRE AMERICANA (Trachemys scripta): UN CASO EMBLEMATICO Stati dove T. scripta è considerata naturalizzata: Sudafrica Israele Sud Corea Singapore Spagna Francia? … Considerata tra le 100 specie più invasive al mondo dalla IUCN

21 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LA TARTARUGA PALUSTRE AMERICANA (Trachemys scripta): UN CASO EMBLEMATICO Presente in Italia a partire dagli anni 70 in vendita nei negozi di animali domestici Negli Anni esplode il fenomeno dellabbandono delle testuggini in zone umide naturali e artificiali Alla fine degli Anni 80 vengono avviati i primi punti di raccolta per testuggini abbandonate

22 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LA TARTARUGA PALUSTRE AMERICANA (Trachemys scripta): UN CASO EMBLEMATICO Nel 1997 il Regolamento CEE n.2551 blocca limportazione della sola sottospecie T. scripta elegans, che viene inserita nellAllegato B della CITES (Convention on International Trade in Endangered Species of Wildlife Fauna and Flora) Attualmente in Italia T. scripta è ancora considerata acclimatata, nonostante casi di riproduzione accertata Trachemys scripta elegansTrachemys scripta scriptaTrachemys scripta troostii

23 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 … E LA NOSTRA TARTARUGA PALUSTRE EUROPEA (Emys orbicularis)? Unico emidide paleartico, insieme a Emys trinacris Note 13 sottospecie

24 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 … E LA NOSTRA TARTARUGA PALUSTRE EUROPEA (Emys orbicularis)? Note 13 sottospecie Dimorfismo sessuale: nelle lunghezza carapace fino a 30 cm (ma raramente supera i 20), coda sottile e corta; nei carapace notevolmente più corto, piastrone concavo anziché piatto, coda più grossa e più lunga; Maturità sessuale: 6 anni nei ; 6-15 nelle 3-16 uova deposte Longevità in natura: oltre un secolo

25 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 … E LA NOSTRA TARTARUGA PALUSTRE EUROPEA (Emys orbicularis)? Inserita nellAllegato II della Convenzione di Berna del 19.XI.1979, ratificata in Italia con la legge n. 503 del 5.VIII.1981: specie di fauna rigorosamente protette Inserita negli Allegati II e IV della Direttiva CEE 92/43, ratificata in Italia con il D.P.R. n. 357 del 8.IX.1997: (II) Specie animali e vegetali di interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione; (IV) Specie animali e vegetali di interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa Specie Lower Risk/Near Threatened secondo la classificazione IUCN

26 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 … E LA NOSTRA TARTARUGA PALUSTRE EUROPEA (Emys orbicularis)? In forte regressione numerica sul territorio regionale Deliberazione della Giunta Regionale Lombarda n. 7/4345 del 20.IV.2001: Approvazione del Programma Regionale per gli interventi di conservazione e gestione nelle aree protette e del protocollo di attività per gli interventi di reintroduzione di specie faunistiche nelle aree protette della Regione Lombardia. Ad Emys orbicularis è stato assegnato il livello di priorità massimo (14) per la sua conservazione, per la quale sono previsti interventi diretti sulla zoocenosi e sullhabitat, monitoraggio, azione sulla componente sociale.

27 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 DISTRIBUZIONE DI Emys orbicularis IN LOMBARDIA

28 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 DISTRIBUZIONE DI Trachemys scripta IN LOMBARDIA

29 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 LINTRODUZIONE DI Trachemys scripta: punti critici Aggiornamento della situazione distributiva e stima numerica della presenza Valutazione della sopravvivenza e del successo riproduttivo Valutazione degli effetti diretti sulle biocenosi locali: - analisi delle preferenze alimentari - competizione diretta con la specie autoctona per risorse fondamentali (siti di basking, di deposizione, risorse alimentari) - caratterizzazione dello status sanitario

30 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 AGGIORNAMENTO DISTRIBUTIVO DI Trachemys scripta

31 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 VALUTAZIONE DEL SUCCESSO RIPRODUTTIVO Osservati corteggiamenti e tentativi di accoppiamento in natura

32 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 VALUTAZIONE DEL SUCCESSO RIPRODUTTIVO Osservati corteggiamenti e tentativi di accoppiamento in condizioni sperimentali

33 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 VALUTAZIONE DEL SUCCESSO RIPRODUTTIVO Femmine negative alla palpazione addominale per verifica della presenza di uova, ma… Trovato un nido con embrioni vitali allinterno Le condizioni ambientali sfavorevoli hanno successivamente portato al fallimento della schiusa

34 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 VALUTAZIONE DEL SUCCESSO RIPRODUTTIVO Rinvenuto un individuo di T. scripta scripta con segni della cicatrice ombelicale

35 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 ANALISI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Confronto tra la dieta di Emys orbicularis e Trachemys scripta

36 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 VALUTAZIONE DELLA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA Valutazione della competizione tra Emys orbicularis e Trachemys scripta per laccesso ai siti di basking

37 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 VALUTAZIONE DELLA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA Impianto sperimentale per valutare la competizione per i siti di basking

38 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 VALUTAZIONE DELLA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA Valutazione della competizione tra Emys orbicularis e Trachemys scripta per le risorse alimentari

39 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATUS SANITARIO Indagini parassitologiche e batteriche

40 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATUS SANITARIO Indagine ematologica

41 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 ALTRE SPECIE PROBLEMATICHE Trachemys scripta elegans con Graptemys sp.

42 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 ALTRE SPECIE PROBLEMATICHE Graptemys sp.

43 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 ALTRE SPECIE PROBLEMATICHE Pseudemys concinna

44 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 ALTRE SPECIE PROBLEMATICHE Chelydra serpentina

45 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 ALTRE SPECIE PROBLEMATICHE Macroclemys temminckii

46 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 ALTRE SPECIE PROBLEMATICHE Chinemys reevesii

47 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre 2012 POSSIBILI SOLUZIONI A MONTE Rafforzamento della legislazione vigente sullimportazione e il commercio di testuggini esotiche Aumento della sensibilizzazione pubblica A VALLE Rimozione degli individui abbandonati Creazione di nuove località di ricezione degli individui abbandonati Eradicazione della specie

48 Percorso didattico sulle specie alloctone e sulla conservazione della biodiversità Busto Arsizio (VA) 19 ottobre GRAZIE PER LATTENZIONE! -


Scaricare ppt "Piano dazione SCUOLA 21 Progetto ECOLOGICA.MENTE: valorizzare la biodiversità nel territorio locale Azione di promozione del miglioramento dei processi."

Presentazioni simili


Annunci Google