La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE SANITARIO ADDETTO AL PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLLO DELLUTERO Reggio Emilia, 16 – 17 ottobre 2006 Palazzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE SANITARIO ADDETTO AL PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLLO DELLUTERO Reggio Emilia, 16 – 17 ottobre 2006 Palazzo."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE SANITARIO ADDETTO AL PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLLO DELLUTERO Reggio Emilia, 16 – 17 ottobre 2006 Palazzo Rocca Saporiti Risultati dellandamento del programma di screening in Emilia-Romagna a 10 anni dallattivazione Carlo Naldoni Centro di riferimento e coordinamento screening Assessorato Politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna

2

3 Aziende USL in Emilia-Romagna

4 Programmi di Screening di popolazione attivati nella Regione Emilia-Romagna: Screening tumori mammella: nelle donne fra i 50 ed i 69 anni ( circa), con mammografia biennale (periodo di attivazione: 1996 – 1998) Screening tumori collo dellutero: nelle donne fra i 25 ed i 64 anni ( circa) con Pap-test triennale (periodo di attivazione: 1996 – 1997)

5 Programmi di screening di popolazione recentemente attivati nella Regione Emilia-Romagna Screening tumori colon-retto: donne e uomini fra i 50 ed i 69 anni ( circa) con ricerca sangue occulto nelle feci (metodo immunologico) (21/3/2005)

6 Programma di screening per la prevenzione dei tumori del collo dellutero Regione Emilia-Romagna Avanzamento del programma e adesione al 31/12/ Popolazione anni residente: III-IV round al ,0%

7 Programma di screening per la prevenzione dei tumori del collo dellutero Regione Emilia-Romagna Avanzamento del programma e adesione al 30/06/ Popolazione bersaglio anni: ONS* ,8 38,8 ONS* ,7 37,7 * Osservatorio Nazionale Screening

8 Rilevazione puntuale al 31/12/2005 Allineamento al programma (%) Adesione all'invito corretta (%) Copertura del test (%) PIACENZA 90,8 47,2 53,5 PARMA 76,1 60,1 47,9 REGGIO EMILIA 95,0 63,7 72,6 MODENA 100,0 62,0 67,7 BOLOGNA SUD 98,8 51,2 55,0 BOLOGNA CITTA 95,9 52,2 56,8 BO NORD 99,9 57,4 62,8 IMOLA 95,8 68,0 68,8 FERRARA 94,9 59,6 60,5 RAVENNA 89,6 65,4 64,9 FORLI 84,1 50,2 52,1 CESENA 95,0 53,4 64,9 RIMINI 99,7 53,5 59,4 RER 93,6 58,0 61,1

9 Programma di screening per la prevenzione dei tumori del collo dellutero Popolazione obiettivo ( donne di età 25-64anni) Rilevazione puntuale al 30 giugno 2006 *Aderente: popolazione che ha eseguito il Pap-test nel programma di screening negli ultimi tre anni ^Da interessare: popolazione ancora da invitare o re-invitare

10 Programma di screening per la prevenzione dei tumori del collo dellutero Anno 2004 in 12 regioni italiane il programma è attivo su tutto il territorio

11 Tasso di partecipazione= Totale donne rispondenti/ totale donne invitate Tasso di adesione o copertura= da schede di avanzamento semestrali

12 Adesione ai programmi di screening

13 Programma di screening per la prevenzione dei tumori del collo dellutero Regione Emilia-Romagna Adesione allinvito (%) per classi di età I round _______ II round _______ III round _______

14 Risultati dallindagine multiscopo salute Emilia-Romagna

15

16 +10,4 +10,5 +14,7 +8,6

17 Programmi di screening organizzati maggior numero di donne che ha fatto il paptest con lintervallo raccomandato ER: 82% (IC 79%-85%) Diagnosi precoce tumore della cervice per Regioni Paptest riferito negli ultimi 3 anni

18 Screening per tumore cervice nelle Ausl dellEmilia-Romagna Paptest riferito negli ultimi 3 anni ER: 82% (IC 79%-85%)

19 Diagnosi precoce tumore della cervice per Regioni % donne che hanno ricevuto la lettera di invito ER: 90% (IC 87%-92%)

20 Screening per tumore cervice nelle Ausl dellEmilia-Romagna % donne che hanno ricevuto la lettera di invito ER: 90% (IC 87%-92%)

21 Dove è stato eseguito lultimo paptest? Struttura pubblica ER: 70% (IC 66%-73%)

22 Tasso di invio in colposcopia x aderenti: confronto 1° -2°-3° round valori regionali

23 Distribuzione delle donne con Pap-test positivo per diagnosi citologica (%)

24 Tassi delle lesioni citologiche x aderenti: confronto 1° -2°-3° round valori regionali

25 Pap test positivi ( ) STANDARD (GISCi) invio in colposcopia (pap test positivi) accettabile 40, desiderabile 30 1° round 2° round3° round PIACENZA11,922,1 PARMA11,915,811,3 REGGIO EMILIA28,023,125,1 MODENA20,923,622,5 BOLOGNA SUD37,745,336,3 BOLOGNA CITTA'32,626,628,0 BOLOGNA NORD36,446,028,8 IMOLA31,657,648,4 FERRARA32,942,454,4 RAVENNA23,525,927,7 FORLI'60,236,524,9 CESENA34,840,429,4 RIMINI41,953,165,5 REGIONE28,531,831,5

26 Dati Survey Gisci 2001

27 Adesione all'invito (%) e tasso di richiamo () per età

28 Lesioni citologiche per età

29 Percentuale di pap test ripetuti donne che hanno ripetuto il pap test / donne con pap test inadeguato

30 Tempi di risposta: confronto tra round STANDARD (RER) Intervallo test/referto negativo entro 21gg 70% accettabile; entro28gg85% desiderabile;

31 Adesione alla colposcopia STANDARD (GISCi) adesione alla colpo accettabile 80%, desiderabile 90%; per hg/ctm accettabile 90%, desiderabile 95%

32 % cumulative dei tempi per liter diagnostico STANDARD (RER) Intervallo iter diagnostico entro 60gg 90%;

33 Adesione al trattamento STANDARD (RER) partecipazione al trattamento accettabile 95%; Adesioni al trattamento (%) CIN1 HPVCIN2 CIN3SqCa AdCa PIACENZA PARMA--- REGGIO EMILIA100 MODENA99100 BOLOGNA SUD BOLOGNA CITTA'100 BOLOGNA NORD100 IMOLA100 FERRARA100 RAVENNA FORLI'100 CESENA RIMINI100 TOT REGIONE

34 Adeguatezza del trattamento 1° round2° round3° round % isterectomie in HPV/CIN10,280,300,34 % isterectomie in CIN2/CIN310,14,51,7 STANDARD (GISCi) isterectomie in CIN1 0% STANDARD (RER) isterectomie in CIN2/CIN3 accettabile 5%, desiderabile 2%

35 Programma di screening per la prevenzione dei tumori del collo dellutero Regione Emilia-Romagna Adeguatezza del trattamento chirurgico GISCi 2002/03: 3,5

36 Lesioni istologiche per età Tassi per 1.000

37 CLASSIFICAZIONE CITOLOGICA TBS 2001 ASC – US ASC – H Criticità: riproducibilità e concordanza diagnostica

38 Caratteristiche delle due serie Distribuzione per età (%) TBS 1991 TBS 2001 (n = 180,988) (n = 79,495) __________________________________________________________________ __________________________________________________________________ P<0.0001

39 Conclusioni 1)TBS 2001 non modifica significativamente - il tasso dei Pap test inadeguati (O:A = 1.01) - il tasso di richiamo (O:A = 0.96) - il tasso di adesione al follow-up (O:A = 0.99) 2) riduce del 10% il tasso di ASC (O:A = 0.91) 3)ASC-H ha un valore predittivo di CIN2-3/carcinoma - più alto di quello di ASC-US (VPP: 17.0 vs. 3.5%; O:A = 4,87) 4)TBS 2001 è compatibile con lo screening cervicale di popolazione

40 968 con pap-test normale verranno invitate nuovamente allo screening dopo circa 3 anni Ogni donne che eseguono il PAP -TEST di screening a 0,2 viene diagnosticata una NEOPLASIA MALIGNA a 3,5 viene diagnosticata una lesione pre-cancerosa il 98% dei trattamenti è conservativo a 5,7 viene diagnosticata una lesione di basso grado che spesso regredisce spontaneamente il 45% dei Carcinomi squamosi sono microinvasivi 32 vengono richiamate per approfondimenti diagnostici

41 Lesioni identificate dallattivazione dello screening al 31/12/2004 Lesioni precancerose Carcinomi 453 circa 40% sono microinvasivi tumori prevenuti (grazie a identificazione di lesioni pre-cancerose) Programma di screening per la prevenzione dei tumori del collo dellutero

42 Programma di screening per la prevenzione dei tumori del collo dellutero INDICATORI DI QUALITA e standard di riferimento dati aggiornati al 31/12/2004

43 Trend dei tassi specifici per stato di screening CASI IN SITU + MICRO DI ETA ANNI

44 Trend dei tassi specifici per stato di screening CASI INVASIVI (pT1+) DI ETA ANNI

45 Numero assoluto dei casi di tumori in situ e invasivi per anno di registrazione

46 Anno% intervento radicale (isterectomia) Screen detectedNon screen detected Dubbio ,026,237, ,022,826, ,617,311, ,917,75, ,012,120, ,48,715, ,28,3- totale13,617,020,8 Percentuale di lesioni precoci (in situ e micro) trattate radicalmente per anno di diagnosi e stato di screening

47 Protocollo diagnostico per pap-test positivo (Linee Guida nazionali 2006 in pubblicazione) Classificazione citologica TBS 2001 ASC-H e H-Sil: direttamente colposcopia L-Sil: colposcopia (di regola) o triage HPV (se zona ad alta frequenza virus ad alto rischio) ASC-US: - triage HPV e colposcopia solo per virus ad alto rischio - citologia a 6 mesi - colposcopia


Scaricare ppt "CORSO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE SANITARIO ADDETTO AL PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLLO DELLUTERO Reggio Emilia, 16 – 17 ottobre 2006 Palazzo."

Presentazioni simili


Annunci Google