La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2 febbraio 2011 NOVITA FISCALI PER I PROFESSIONISTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2 febbraio 2011 NOVITA FISCALI PER I PROFESSIONISTI."— Transcript della presentazione:

1 2 febbraio 2011 NOVITA FISCALI PER I PROFESSIONISTI

2 PRINCIPALI NOVITA novità in materia di leasing immobiliare; novità in materia di leasing immobiliare; ripristino del cd. elenco «clienti-fornitori»; ripristino del cd. elenco «clienti-fornitori»; comunicazioni black-list; comunicazioni black-list; nuovi vincoli alla compensazione dei crediti tributari; nuovi vincoli alla compensazione dei crediti tributari; autorizzazione alleffettuazione di operazioni intra-UE. autorizzazione alleffettuazione di operazioni intra-UE.

3 NOVITA IN MATERIA DI LEASING IMMOBILIARE art. 1, commi 15-16, Legge n. 220/2010 Per i contratti aventi ad oggetto fabbricati strumentali stipulati a decorrere dal 1° gennaio 2011, equiparazione del trattamento del leasing immobiliare allacquisto diretto sul piano dellimposizione di registro e ipocatastale con conseguente: - eliminazione dellimposta di registro (1%) in precedenza corrisposta sui canoni; - applicazione delle imposte ipotecaria e catastale (3%+1%) allatto dellacquisto e tassazione fissa al momento del riscatto (in precedenza: 1,5%+0,5% allacquisto e 1,5%+0,5% al riscatto con detrazione di quanto nel frattempo pagato a titolo di imposta di registro). Per i contratti stipulati anteriormente al 1° gennaio 2011, eliminazione delle imposte di registro ed ipocatastali ancora dovute mediante applicazione di una imposta sostitutiva da versare entro il 31 marzo 2011 a cura delle società di leasing.

4 RIPRISTINO DEL CD. «ELENCO CLIENTI/FORNITORI» Art. 21 D.L. n. 78/2010 A partire dal 1° maggio 2011, i titolari di partita IVA dovranno comunicare allAgenzia delle Entrate, entro il 30 aprile dellanno successivo a quello di riferimento, tutte le operazioni di acquisto e di vendita soggette ad IVA qualora, nella loro unitarietà, queste risultino di importo superiore a ( se non soggette ad obbligo di fatturazione). Gli elementi da segnalare sono: lanno di riferimento delloperazione (individuato in base al momento di registrazione o, in mancanza, in base al momento di effettuazione delloperazione); lanno di riferimento delloperazione (individuato in base al momento di registrazione o, in mancanza, in base al momento di effettuazione delloperazione); il numero di partita IVA (o, in mancanza, il codice fiscale) del cliente e/o del fornitore (se questo è non residente, i dati anagrafici completi); il numero di partita IVA (o, in mancanza, il codice fiscale) del cliente e/o del fornitore (se questo è non residente, i dati anagrafici completi); limponibile delloperazione e la relativa imposta (o il titolo di inapplicabilità); per le operazioni certificate mediante scontrino o ricevuta, limporto comprensivo dellimposta. limponibile delloperazione e la relativa imposta (o il titolo di inapplicabilità); per le operazioni certificate mediante scontrino o ricevuta, limporto comprensivo dellimposta.

5 RIPRISTINO DEL CD. «ELENCO CLIENTI/FORNITORI» aspetti particolari Per lindividuazione del limite di ( 3.600) è necessario avere riguardo alloperazione nel suo complesso e non ai singoli corrispettivi di volta in volta certificati; Per lindividuazione del limite di ( 3.600) è necessario avere riguardo alloperazione nel suo complesso e non ai singoli corrispettivi di volta in volta certificati; per le prestazioni che danno luogo a corrispettivi periodici (es. assistenza software) occorre fare riferimento ai corrispettivi annuali. per le prestazioni che danno luogo a corrispettivi periodici (es. assistenza software) occorre fare riferimento ai corrispettivi annuali.

6 RIPRISTINO DEL CD. «ELENCO CLIENTI/FORNITORI» Operazioni escluse dallobbligo di comunicazione Sono escluse dallobbligo di comunicazione: le importazioni; le importazioni; le cessioni allesportazione dirette; le cessioni allesportazione dirette; le operazioni già in possesso dellAmministrazione Finanziaria per effetto delle comunicazioni ex art. 7 D.P.R. n. 605/73; le operazioni già in possesso dellAmministrazione Finanziaria per effetto delle comunicazioni ex art. 7 D.P.R. n. 605/73; le operazioni intercorse con soggetti residenti in paesi «black list»; le operazioni intercorse con soggetti residenti in paesi «black list»; le operazioni di compravendita immobiliare (risposta a Telefisco). le operazioni di compravendita immobiliare (risposta a Telefisco). Non risultano al momento indicazioni ufficiali in ordine allesclusione delle operazioni intra-UE (già oggetto di segnalazione mediante gli intrastat) mentre è stata confermata la rilevanza delle operazioni aventi ad oggetto beni mobili registrati (risposta a Telefisco).

7 RIPRISTINO DEL CD. «ELENCO CLIENTI/FORNITORI» regime transitorio Operazioni effettuate nel 2010: sono oggetto di comunicazione le sole operazioni soggette allobbligo di fatturazione e recanti un corrispettivo superiore a ; sono oggetto di comunicazione le sole operazioni soggette allobbligo di fatturazione e recanti un corrispettivo superiore a ; il termine per la comunicazione è fissato al 31 ottobre il termine per la comunicazione è fissato al 31 ottobre Operazioni effettuate tra il 1° gennaio ed il 30 aprile 2011: sono oggetto di comunicazione le sole operazioni soggette allobbligo di fatturazione. sono oggetto di comunicazione le sole operazioni soggette allobbligo di fatturazione.

8 RIPRISTINO DEL CD. «ELENCO CLIENTI/FORNITORI» regime sanzionatorio In caso di omessa comunicazione o di comunicazione con dati inesatti o incompleti, si applica la sanzione da 258 a (art. 11 D.Lgs. n. 471/97). Non sono dovute le sanzioni qualora il contribuente provveda ad integrare la comunicazione in precedenza trasmessa nel termine di 30 gg. dalla scadenza del termine ordinario (30 maggio). Si applica listituto del ravvedimento operoso.

9 COMUNICAZIONI «BLACK LIST» Art. 1 D.L. n. 40/2010 D.M. 30 marzo 2010 D.M. 5 agosto 2010 Tutti i soggetti titolari di partita IVA (ad eccezione dei contribuenti minimi e di quelli in regime di nuove iniziative produttive) sono tenuti a comunicare allAgenzia delle Entrate, entro il mese successivo al periodo di riferimento, tutte le operazioni effettuate con altri operatori economici residenti in paesi inclusi nelle «black lists» di cui ai D.M. 4 maggio 1999 e 21 novembre 2001, ivi comprese le operazioni rese a loro stabili organizzazioni/rappresentanti fiscali localizzati in paesi «white list».

10 COMUNICAZIONI «BLACK LIST» operazioni soggette allobbligo di comunicazione Devono essere comunicate: tutte le operazioni registrate o soggette a registrazione ai fini IVA; tutte le operazioni registrate o soggette a registrazione ai fini IVA; le importazioni; le importazioni; i servizi resi fuori campo IVA ex art. 7-ter D.P.R. n. 633/72; i servizi resi fuori campo IVA ex art. 7-ter D.P.R. n. 633/72; i servizi resi e ricevuti fuori campo IVA ex artt. 7-quater e 7- quinquies D.P.R. n. 633/72. i servizi resi e ricevuti fuori campo IVA ex artt. 7-quater e 7- quinquies D.P.R. n. 633/72. Le operazioni vanno comunicate al netto delle note di variazione emesse/ricevute nel periodo di riferimento (quelle precedenti vanno evidenziate a parte).

11 COMUNICAZIONI «BLACK LIST» operazioni escluse dalla comunicazione Non devono essere comunicate: le operazioni fuori campo IVA (ad eccezione di quelle espressamente considerate); le operazioni fuori campo IVA (ad eccezione di quelle espressamente considerate); le operazioni escluse dalla base imponibile ex art. 15 D.P.R. n. 633/72; le operazioni escluse dalla base imponibile ex art. 15 D.P.R. n. 633/72; le operazioni esenti in presenza di dispensa dagli adempimenti ex art. 36-bis D.P.R. n. 633/72; le operazioni esenti in presenza di dispensa dagli adempimenti ex art. 36-bis D.P.R. n. 633/72; le vendite al dettaglio documentate da scontrino/ricevuta fiscale non intestati. le vendite al dettaglio documentate da scontrino/ricevuta fiscale non intestati.

12 COMUNICAZIONI «BLACK LIST» individuazione del periodo di riferimento Il periodo di riferimento per la comunicazione è individuato: tramite la data di registrazione nei registri IVA per le operazioni soggette ad IVA; tramite la data di registrazione nei registri IVA per le operazioni soggette ad IVA; tramite la data di registrazione nelle altre scritture contabili (libro giornale, registro cronologico) per le operazioni non soggette ad IVA; tramite la data di registrazione nelle altre scritture contabili (libro giornale, registro cronologico) per le operazioni non soggette ad IVA; tramite la data della bolletta doganale per le importazioni. tramite la data della bolletta doganale per le importazioni.

13 COMUNICAZIONI «BLACK LIST» periodicità delle comunicazioni La comunicazione deve essere trasmessa telematicamente entro la fine del mese successivo al periodo di riferimento individuato: nel trimestre solare qualora loperatore non effettui nessuna categoria di operazioni (cessione/acquisto di beni; prestazione/acquisto di servizi) per importi superiori a nei 4 trimestri precedenti; nel trimestre solare qualora loperatore non effettui nessuna categoria di operazioni (cessione/acquisto di beni; prestazione/acquisto di servizi) per importi superiori a nei 4 trimestri precedenti; nel mese qualora loperatore ecceda anche per una sola categoria di operazioni limporto di nei 4 trimestri precedenti. nel mese qualora loperatore ecceda anche per una sola categoria di operazioni limporto di nei 4 trimestri precedenti.

14 COMUNICAZIONI «BLACK LIST» regime sanzionatorio (art. 1, c. 3, D.L. n. 40/2010) Lomissione o lincompletezza degli elenchi comporta lapplicazione della sanzione pecuniaria variabile tra un minimo di 516 ad un massimo di In caso di violazioni ripetute, non si applica il cd. «cumulo giuridico» delle sanzioni. Trova invece applicazione listituto del «ravvedimento operoso».

15 COMPENSAZIONI IN F24 (art. 31 D.L. n. 78/2010) Per i modelli F24 presentati a decorrere dal 1° gennaio 2011 è vietata la compensazione di crediti dimposta erariali in presenza di: debiti per tributi erariali debiti per tributi erariali di importo superiore a di importo superiore a iscritti a ruolo a titolo definitivo iscritti a ruolo a titolo definitivo non pagati nei termini. non pagati nei termini.

16 COMPENSAZIONI IN F24 (art. 31 D.L. n. 78/2010) La norma dispone che il divieto di compensazione soltanto «fino a concorrenza dellimporto dei debiti iscritti a ruolo»: di conseguenza, sembrerebbe plausibile ammettere in compensazione crediti superiori ai debiti iscritti a ruolo per lammontare eccedente i debiti medesimi. Es. credito tributario erariale: 9.500; debito per ritenute alla fonte: 5.000; debito per ritenute alla fonte: 5.000; cartella di pagamento definitiva e scaduta: cartella di pagamento definitiva e scaduta: interpretazione 1: eccedenza di credito rispetto alla cartella pari a ( ), di conseguenza possibilità di compensare tutto il debito per ritenute di interpretazione 1: eccedenza di credito rispetto alla cartella pari a ( ), di conseguenza possibilità di compensare tutto il debito per ritenute di interpretazione 2: eccedenza di debito rispetto alla cartella pari a ( ), di conseguenza possibilità di compensare il debito per ritenute per soli interpretazione 2: eccedenza di debito rispetto alla cartella pari a ( ), di conseguenza possibilità di compensare il debito per ritenute per soli

17 COMPENSAZIONI IN F24 posizione dellAgenzia delle Entrate (comunicato stampa del 14 gennaio 2011 Telefisco del 26 gennaio 2011) «La disposizione è tesa a non consentire la compensazione immediata (e dunque il mancato versamento delle imposte dovute) a chi è nel contempo debitore di altri importi iscritti a ruolo che continua a non pagare». Di conseguenza, a parere dellAgenzia delle Entrate, per i crediti dimposta erariali la compensazione cd. «orizzontale» ex art. 17 del D.Lgs. N. 241/97 è in ogni caso vietata qualora il contribuente non abbia provveduto al pagamento dei propri debiti erariali definitivi e scaduti (allo scopo, è stata anticipata lemanazione di un apposito provvedimento attuativo per il pagamento delle cartelle mediante compensazione).

18 COMPENSAZIONI IN F24 aspetto sanzionatorio Lindebita compensazione comporta lapplicazione di una sanzione pari al 50% dei debiti iscritti a ruolo fino a concorrenza dellimporto indebitamente compensato. Es. credito tributario erariale: 9.500; debito per ritenute alla fonte: 5.000; debito per ritenute alla fonte: 5.000; cartella di pagamento definitiva e scaduta: cartella di pagamento definitiva e scaduta: interpretazione 1: eccedenza di credito rispetto alla cartella pari a ( ), di conseguenza teorica possibilità di compensare tutto il debito per ritenute di senza sanzioni (v. però Agenzia delle Entrate: eventuale sanzione di 2.000); interpretazione 1: eccedenza di credito rispetto alla cartella pari a ( ), di conseguenza teorica possibilità di compensare tutto il debito per ritenute di senza sanzioni (v. però Agenzia delle Entrate: eventuale sanzione di 2.000); interpretazione 2: eccedenza di debito rispetto alla cartella pari a ( ), di conseguenza possibilità di compensare il debito per ritenute per soli In caso contrario, sanzione pari a interpretazione 2: eccedenza di debito rispetto alla cartella pari a ( ), di conseguenza possibilità di compensare il debito per ritenute per soli In caso contrario, sanzione pari a

19 AUTORIZZAZIONE ALLE OPERAZIONI INTRA-UE Art. 27 D.L. n. 78/2010 Provvedimenti del Direttore dellAgenzia delle Entrate nn e A decorrere dal 29 dicembre 2010, chi inizia unattività dimpresa o di lavoro autonomo deve comunicare, nella propria denuncia di inizio attività, la volontà di effettuare operazioni attive o passive intracomunitarie. Dalla data presentazione della denuncia di inizio attività con lindicazione dellopzione, lAgenzia delle Entrate ha 30 gg. di tempo per concedere o meno lautorizzazione ad effettuare le operazioni (si applica il «silenzio-assenso»). Lautorizzazione (tacita) comporta liscrizione nellarchivio informatico degli operatori legittimati ad operare in ambito intracomunitario. Nei confronti dei soggetti iscritti nellarchivio informatico sono effettuati controlli più approfonditi entro 6 mesi dalla ricezione della denuncia di inizio attività (prima verifica entro il 31 luglio 2011).

20 AUTORIZZAZIONE ALLE OPERAZIONI INTRA-UE cause di esclusione Possibili cause di esclusione: tipo di attività e rischio di evasione connesso; tipo di attività e rischio di evasione connesso; inadempimenti agli obblighi dichiarativi IVA; inadempimenti agli obblighi dichiarativi IVA; precedente coinvolgimento in frodi fiscali; precedente coinvolgimento in frodi fiscali; ogni altro elemento che evidenzi rischi e criticità. ogni altro elemento che evidenzi rischi e criticità.

21 AUTORIZZAZIONE ALLE OPERAZIONI INTRA-UE regime transitorio Soggetti che hanno iniziato lattività fra il 31 maggio ed il 28 dicembre 2010: se hanno esercitato lopzione nella denuncia di inizio attività non devono compiere alcun altro adempimento; se hanno esercitato lopzione nella denuncia di inizio attività non devono compiere alcun altro adempimento; se non hanno esercitato lopzione nella denuncia di inizio attività, entro il 29 gennaio dovevano trasmettere a qualsiasi ufficio dellAgenzia delle Entrate una comunicazione contenente lopzione, pena la mancata inclusione nellarchivio informatico; tale comunicazione non è richiesta qualora questi operatori abbiano presentato gli elenchi intrastat con riferimento ad operazioni intracomunitarie effettuate nel corso del secondo semestre del 2010). se non hanno esercitato lopzione nella denuncia di inizio attività, entro il 29 gennaio dovevano trasmettere a qualsiasi ufficio dellAgenzia delle Entrate una comunicazione contenente lopzione, pena la mancata inclusione nellarchivio informatico; tale comunicazione non è richiesta qualora questi operatori abbiano presentato gli elenchi intrastat con riferimento ad operazioni intracomunitarie effettuate nel corso del secondo semestre del 2010).

22 AUTORIZZAZIONE ALLE OPERAZIONI INTRA-UE regime transitorio Soggetti che hanno iniziato anteriormente al 31 maggio 2010: linclusione nellarchivio informatico è automatica per coloro che nel 2009 o nel 2010 abbiano effettuato almeno una operazione intracomunitaria assolvendo allobbligo di presentazione del relativo modello intrastat e che abbiano altresì presentato la dichiarazione annuale IVA per il 2009; linclusione nellarchivio informatico è automatica per coloro che nel 2009 o nel 2010 abbiano effettuato almeno una operazione intracomunitaria assolvendo allobbligo di presentazione del relativo modello intrastat e che abbiano altresì presentato la dichiarazione annuale IVA per il 2009; qualora tali soggetti non avessero effettuato operazioni intracomunitarie (ma avessero presentato la dichiarazione IVA per il 2009), linclusione nellarchivio entro il 28 febbraio 2011 era possibile a condizione che tali soggetti avessero trasmesso allAgenzia delle Entrate la comunicazione di esercizio dellopzione; qualora tali soggetti non avessero effettuato operazioni intracomunitarie (ma avessero presentato la dichiarazione IVA per il 2009), linclusione nellarchivio entro il 28 febbraio 2011 era possibile a condizione che tali soggetti avessero trasmesso allAgenzia delle Entrate la comunicazione di esercizio dellopzione; in tutti gli altri casi, liscrizione nellarchivio automatico verrà effettuata con effetto dai 30 gg. successivi alla comunicazione dellopzione. in tutti gli altri casi, liscrizione nellarchivio automatico verrà effettuata con effetto dai 30 gg. successivi alla comunicazione dellopzione.


Scaricare ppt "2 febbraio 2011 NOVITA FISCALI PER I PROFESSIONISTI."

Presentazioni simili


Annunci Google