La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paolo Manca Enrico Bernardi La formazione per i lavori in quota.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paolo Manca Enrico Bernardi La formazione per i lavori in quota."— Transcript della presentazione:

1 Paolo Manca Enrico Bernardi La formazione per i lavori in quota

2 2 Procedura di adozione dei DPI

3 Importanza di informazione, formazione, addestramento 3 La Cassazione ha affermato che l'applicazione delle misure di prevenzione degli infortuni sul lavoro sottendono... allo scopo di evitare che l'errore umano, possibile e, quindi, prevedibile, influente su di una condotta lavorativa diversa da quella corretta, ma pur sempre posta in essere nel contesto lavorativo, possa determinare il verificarsi di un infortunio. Se tutti i dipendenti fossero sempre diligenti, esperti e periti non sarebbe necessario dotare i luoghi di lavoro e le macchine di sistemi di protezione ( Corte di Cassazione - Sezione IV Penale - 7 giugno 2010 n ). E se tutti fossero sempre diligenti, esperti e periti non sarebbe neanche necessario informare, formare, addestrare, con aggiornamenti periodici, i lavoratori, ma anche i preposti e i dirigenti. Ma così non è : non tutti sono diligenti-esperti-periti e anche chi lo è ha la tendenza a sottovalutare l'importanza dell'attenzione ininterrotta alla sicurezza e all'igiene del lavoro. Diventa dunque obbligatorio, nonché fondamentale, garantire a tutti i lavoratori, ma anche ai dirigenti e ai preposti, una formazione adeguata e idonea.

4 Obblighi generici di formazione Art 18, comma 1 lettera l D.Lgs. n. 81/2008: Il datore di lavoro e il dirigente devono adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento di cui agli articoli 36 e 37 Articolo 37 D.Lgs. n. 81/2008 (Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti) rappresenta gli obblighi fondamentali in materia: Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza, anche rispetto alle conoscenze linguistiche… 4

5 Obblighi di formazione sui DPI Articolo 71, comma 7, del D.Lgs. del n. 81/2008: qualora le attrezzature richiedano per il loro impiego conoscenze o responsabilità particolari in relazione ai loro rischi specifici, il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché: a) luso dellattrezzatura di lavoro sia riservato ai lavoratori allo scopo incaricati che abbiano ricevuto una informazione, formazione ed addestramento adeguati; b) in caso di riparazione, di trasformazione o manutenzione, i lavoratori interessati siano qualificati in maniera specifica per svolgere detti compiti. 5

6 Obblighi di formazione sui DPI Inoltre per lart. 77 comma 4, lettera h (Uso dei dispositivi di protezione individuale – Obblighi del datore di lavoro) del D.Lgs. n. 81/2008 il datore di lavoro: assicura una formazione adeguata e organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa luso corretto e lutilizzo pratico dei DPI L'articolo 116 del titolo IV del D.Lgs. n. 81/2008, norma speciale rispetto alla norma generale di cui all'art. 37 e speciale di cui all'articolo 77 del D.Lgs. n. 81/2008 (che prevede comunque l'obbligo di addestramento per tutti coloro che lavorano in quota), prevede uno specifico obbligo formativo per quel che riguarda i lavori in quota nei quali nel contempo si abbia anche il posizionamento e il sistema di accesso mediante funi. 6

7 Quindi I lavoratori che lavorano in quota con rischio di caduta dall'alto devono essere sempre formati e addestrati al corretto utilizzo dei dpi anticaduta (terza categoria), quindi si applica D.Lgs. n. 81/2008 art. 77 comma 4, lettera h) e comma 5, ad esempio: spazzacamino, lattoniere, antennista, carpentiere e così via. Se gli stessi lavoratori devono affidarsi alla sospensione su fune di lavoro per lavorare allora è obbligatoria la formazione ai sensi dell'art. 116 e allegato XXI D.Lgs. n. 81/2008, ad esempio: lavavetri di facciate di edifici, posa di reti e disgaggi su parete di roccia, potatura e abbattimento controllato di alberi e cosi via. 7

8 Contenuto dei corsi Osservazioni a carattere generale: Nellambito degli obblighi di cui agli articoli 36 e 37 del D.Lgs.81 /08 il datore di lavoro provvede, affinché per ogni attrezzatura di lavoro messa a disposizione, i lavoratori incaricati delluso dispongano di ogni necessaria informazione e istruzione e ricevano una formazione e un addestramento adeguati, in rapporto alla sicurezza relativamente: a) alle condizioni di impiego delle attrezzature; b) alle situazioni anormali prevedibili. Il datore di lavoro provvede altresì a informare i lavoratori sui rischi cui sono esposti durante luso delle attrezzature di lavoro, sulle attrezzature di lavoro presenti nellambiente immediatamente circostante, anche se da essi non usate direttamente, nonché sui cambiamenti di tali attrezzature. Il datore di lavoro provvede affinché i lavoratori incaricati delluso delle attrezzature che richiedono conoscenze e responsabilità particolari di cui allarticolo 71, comma 7 del D.L.gs 81/08, ricevano una formazione, informazione ed addestramento adeguati e specifici, tali da consentire lutilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone. 8

9 Contenuti minimi dei corsi ex art. 116 Accordo Stato-Regioni sui corsi di formazione per lavoratori addetti in quota Soggetti formatori, durata indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per lavoratori e preposti addetti alluso di attrezzature di lavoro in quota. (Allegato XXI, D.Lgs. 81/08) 9 NOTA: lallegato riporta dicitura che sembra indirizzarlo ad un più ampio gruppo di lavoratori (lavoratori addetti in quota) rispetto alle situazioni limitate e specifiche che poi va invece a normare: Lavoratori e preposti addetti al montaggio/smontaggio/trasformazione dei ponteggi Lavoratori addetti ai sistemi di accesso e posizionamento mediante funi

10 Contenuti minimi dei corsi ex art Lapprendimento delle tecniche operative e delluso dei dispositivi necessari 2.Laddestramento specifico sia su strutture naturali sia su manufatti 3.Lutilizzo dei dispositivi di protezione individuale, loro caratteristiche tecniche, di manutenzione, durata e conservazione; 4.Gli elementi di primo soccorso 5.I rischi oggettivi e le misure di prevenzione e protezione 6.Le procedure di salvataggio 10 La formazione di cui al comma 2 dellart. 116 ha carattere teorico e deve riguardare:

11 Contenuti formazione addetti ponteggi 11

12 Contenuti formazione addetti funi 12

13 Il lavoratore autonomo Una menzione a parte merita la disciplina del lavoratore autonomo: linterpello ANCE - 07/2013 del 02/05/2013, ha ribadito che Il legislatore … … ha introdotto non uno specifico obbligo ma una facoltà … … di partecipare a corsi di formazione specifici in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Tuttavia questa posizione lascia aperte tre problematiche: 1.Etica: morte o ferimento del lavoratore autonomo in seguito ad incidente attribuibile a scarsa formazione 2.Di responsabilità effettiva del committente (sicuramente esclusa?) 3.Possibilità di danni collaterali a persone terze o a proprietà di terzi in seguito ad incidente attribuibile a scarsa formazione (di chi la responsabilità?)

14 Durata della formazione La durata della formazione sui lavori in quota è specificata solo per quanto riguarda i corsi dellAll. XXI del D.Lgs. 81/08. E possibile però fare anche un confronto con l Accordo Conferenza Stato - Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dellart. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 che fornisce indicazioni minime di durata per la formazione generale e specifica richiesta per tutti i lavoratori. 14

15 Durata dei corsi La formazione generale non può richiedere meno di 4 ore è comune a tutti i livelli di rischio e consiste nella trasmissione dei concetti generali La formazione specifica invece differisce a seconda del livello di rischio e consiste in almeno: 4 ore per il basso rischio 8 ore per il medio rischio 16 ore per lalto rischio 15

16 Durata della formazione ex art.116 Per quanto riguarda il corso per addetto ai ponteggi, allinterno del Modulo tecnico sono previste almeno 2 ore di formazione relative ai DPI anticaduta; mentre nel modulo pratico devono essere svolte almeno 2 ore sugli elementi di gestione della prima emergenza – salvataggio Il corso per addetti ai sistemi di accesso e posizionamento mediante funi invece non indica la durata minima della formazione sui singoli argomenti ma allinterno del modulo base teorico pratico di 12 ore identifica come necessaria la formazione sui DPI specifici per lavori su funi e quella sugli elementi di pronto soccorso e procedure operative di salvataggio 16

17 Conclusioni In attesa che venga normata anche la formazione sui lavori in quota, è possibile comunque fare alcune considerazioni sulla base dei concetti fin qui esposti. Ferme restando la formazione generale e specifica obbligatoria per i lavoratori ai sensi dellAccordo Stato-Regioni 21/12/2011 restano da collocare contenuti e durata di un corso di formazione per i lavori in quota che presenta caratteristiche di specificità ulteriori e perciò deve essere effettuato in aggiunta. Per ottemperare sia agli obblighi di formazione che di alladdestramento il corso dovrà verosimilmente comprendere un modulo teorico e uno pratico.

18 Conclusioni Per quanto riguarda i contenuti sembra ragionevole integrare nozioni di base e normative con procedure tecnico-operative e soprattutto con la conoscenza delle caratteristiche tecniche di utilizzo e manutenzione dei DPI richiesti per lo specifico lavoro in quota. MODULO TEORICO: Caratterizzazione del rischio Misure di prevenzione e protezione Dispositivi di protezione individuale (adeguatezza nella scelta, obblighi dei lavoratori, caratteristiche, la nota informativa, durata,manutenzione e conservazione, verifica e controllo) Sistemi di protezione, posizionamento, trattenuta e anticaduta Punti di ancoraggio e sistemi di ancoraggio Uso e limitazioni di utilizzo dei DPI (tirante daria e fattore di caduta) Cenni sul soccorso delloperatore in quota MODULO PRATICO: Illustrazione uso dei DPI oggetto della formazione (equipaggiamento, collegamenti) Posizionamento, spostamento e trattenuta con fune e bloccante su piano inclinato Accessi verticali e orizzontali con doppio cordino anticaduta Accessi verticali con anticaduta guidati su linee di ancoraggio flessibili e rigide Uso di ancoraggi portatili in fettuccia e di linea di ancoraggio orizzontale Concatenamenti in sicurezza di passaggi in quota. Elementi di primo soccorso e procedure operative di salvataggio

19 Conclusioni Per quanto riguarda invece lorario una proposta risulta più complessa in quanto mancano riferimenti precisi sui tempi che sono presenti solo per gli addetti ai ponteggi. In ragione però degli argomenti da trattare esposti precedentemente sembra ragionevole un corso che vada dalle 8 alle 12 ore diviso in modulo teorico di 2-4 ore e modulo pratico di 6-8 ore

20 Lavori in quota: lemergenza 20 Arresto di caduta Salvataggio Vista la complessità di predisporre ed attuare le procedure di salvataggio di un operatore sospeso ad un sistema anticaduta è preferibile operare con tecniche, procedure ed attrezzature che evitino la caduta nel vuoto.

21 21 TRIESTE Via Manna 18 Tel. 040/43833 UDINE P.le XXVI Luglio 9 Tel. 0432/

22 22 Principali ambiti di intervento Consulenza, commercializzazione, installazione, verifica e formazione … LINEE VITA SCALE PARAPETTI DPI CONSULENZA FORMAZIONE


Scaricare ppt "Paolo Manca Enrico Bernardi La formazione per i lavori in quota."

Presentazioni simili


Annunci Google