La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G. B. VICO (1668-1744). APERTURA TEMATICA Filosofia della storia non semplice provincia della cultura, ma tema centrale: nella comprensione storica noi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G. B. VICO (1668-1744). APERTURA TEMATICA Filosofia della storia non semplice provincia della cultura, ma tema centrale: nella comprensione storica noi."— Transcript della presentazione:

1 G. B. VICO ( )

2 APERTURA TEMATICA Filosofia della storia non semplice provincia della cultura, ma tema centrale: nella comprensione storica noi ricerchiamo il significato del nostro esserci e del nostro essere CONOSCENZA DELLA NATURA E LIMITE DI TALE CONOSCERE Alluomo compete la conoscenza matematica: gli elementi generativi (numero, punto) di tale disciplina sono prodotti della mente umana. Antitesi tra conoscenza divina e umana, tra intelligere e coagitare La natura è oggetto di reale conoscenza solo da parte della mente creatrice divina Principio verum-factum, verum et factum convertuntur: Cognoscere est scire per causas Pedagogica Contro il pan-matematismo dei cartesiani. rivendicava la dignità pedagogica della cultura classica. Filosofica Il cogito è solo -coscienza del proprio esserci (ex-sistere), non scienza di esso; -certezza psicologica non verità metafisica. POLEMICA ANTICARTESIANA

3 SCIENZA NUOVA Metafisica della mente umana ( = esposizione delle strutture immutabili della mente umana): studia le origini delle idee umane nel loro legame con lo sviluppo storico Filosofia dellautorità: comprova il vero (fornito dalla filosofia) attraverso lautorità dei fatti (forniti dalla filologia Storia ideale eterna: mostra i principi e le leggi costanti della storia Teologia civile ragionata: dimostra lordine provvidenziale che si attua nella storia

4 LA SCIENZA NUOVA La storia si fonda sul concorso di… Filologia: i fatti, il certo, il constatabile: documenti monumenti dati testimonianze materiale storico in genere Filosofia: il vero, il senso, lordine, il significato profondo, le leggi di sviluppo del divenire storico La storia deve: spiegare i fatti e verificare i principi esplicativi (le ipotesi); coniugare pensiero (filosofia) e realtà effettuale (filologia); raccordare lelemento razionale e universale con lelemento empirico e particolare.

5 La Provvidenza garantisce il concorso di ordine e libertà. Il caso non spiega lordine Il fato non spiega la libertà La storia è teologia civile ragionata della Provvidenza divina STORIA IDEALE ETERNA ETA DEGLI DEIETA DEGLI EROIETA DEGLI UOMINI Le leggi del progresso storico sono le stesse leggi che regolano lo sviluppo delluomo: senso, fantasia, ragione

6 CORSI E RICORSI STORICI La Provvidenza divina trasforma scopi utilitaristici in fini di giustizia e progresso. Persino gli impulsi più rovinosi si rivelano mezzi per fini universali e superiori Dalla libidine e dallistinto sessuale sono nati i matrimoni Dalla sete di potere le istituzioni e le città Dalla brama di possesso le attività economiche Ai corsi storici possono seguire i ricorsi, cioè il periodico ritornare della storia sui propri passi (M.E. ritorno della barbarie, Dante novello Omero); le nazioni civili per eccesso di civiltà degenerano nel lusso, nello scetticismo e nellanarchia Linizio di un nuovo ciclo non smentisce tuttavia lidea di progresso e di sviluppo lineare del cammino storico


Scaricare ppt "G. B. VICO (1668-1744). APERTURA TEMATICA Filosofia della storia non semplice provincia della cultura, ma tema centrale: nella comprensione storica noi."

Presentazioni simili


Annunci Google