La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Struttura Istituzionale delle Comunità ISTITUZIONI PRINCIPALI –Parlamento Europeo –Consiglio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Struttura Istituzionale delle Comunità ISTITUZIONI PRINCIPALI –Parlamento Europeo –Consiglio."— Transcript della presentazione:

1 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Struttura Istituzionale delle Comunità ISTITUZIONI PRINCIPALI –Parlamento Europeo –Consiglio dellUnione –Commissione Europea –Corte di Giustizia –Corte dei Conti

2 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Struttura Istituzionale delle Comunità Altri Organi previsti dal Trattato -Comitato Economico e Sociale -Comitato delle Regioni -Banca Centrale Europea -Banca Europea degli investimenti

3 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie IstituzioneMembriNomina Competenze Parlamento785Suffragio universale ogni 5 anni Deliberativi e di controllo Consiglio1 Rapp. Per Stato Membro Ogni Stato designa il proprio rappresentante Emanazione atti formativi. Commissione1 Rapp. Per Stato Membro Nominati dagli Stati Membri con approvazione del Parlamento Proposta;esecutive, di vigilanza e di rappresentanza Corte di Giustizia1 Rapp. Per ogni Stato Membro Nominati dagli Stati membri Giurisdizionali Corte dei Conti1 Rapp. Per ogni Stato membro Nominato dl Consiglio previa consultazione del parlamento Controllo generale sulle entrate e sulle spese

4 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie PARLAMENTO EUROPEO – FUNZIONI Poteri: Deliberativi Il Parlamento europeo condivide il potere legislativo equamente con il Consiglio dell'Unione europea. Esso ha dunque facoltà di adottare le leggi comunitarie (direttive, regolamenti, ecc).

5 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Come si svolge in pratica il lavoro legislativo? In seno a una commissione parlamentare, il deputato elabora una relazione su una proposta di "testo legislativo" presentata dalla Commissione europea, la quale ha il monopolio dell'iniziativa normativa. La commissione parlamentare vota su tale relazione, eventualmente modificandola. Il Parlamento definisce la propria apportando modifiche al testo e votandolo in Aula. Questo processo viene ripetuto una o più volte, a seconda del tipo di procedura e in base al raggiungimento o meno di un accordo con il Consiglio.

6 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Per l'adozione degli atti legislativi, si distinguono la procedura legislativa ordinaria (codecisione), che pone il Parlamento allo stesso livello del Consiglio, e le procedure legislative speciali, che si applicano esclusivamente a casi specifici in cui il Parlamento svolge soltanto un ruolo consultivo. Va rilevato che, in effetti, per le questioni cosiddette sensibili (fiscalità, politica industriale, politica agricola, ecc.), il Parlamento europeo esprime soltanto un parere consultivo

7 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie PRIMA LETTURA La (1) Commissione presenta un testo legislativo contemporaneamente al (2) Parlamento e al (3) Consiglio. Il Parlamento approva degli (4) emendamenti e li sottopone al Consiglio Il Consiglio è d'accordo con i risultati della prima lettura al Parlamento : (5) il testo legislativo è approvato

8 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie SECONDA LETTURA Il (1) Consiglio non accetta il voto del Parlamento e stabilisce una (2) posizione comune. (3) Il Parlamento approva la posizione comune o non esprime parere : il (4) testo legislativo approvato corrisponde alla posizione comune del Consiglio Il Parlamento conferma gli emendamenti non accolti nella posizione comune : il (5) Consiglio li adotta: (6) testo legislativo approvato il Consiglio li respinge: viene convocato il Comitato di conciliazione (27 membri del Parlamento e 27 membri del Consiglio) incaricato di individuare un compromesso tra le posizioni divergenti Il Parlamento respinge la posizione comune con la maggioranza assoluta dei suoi membri: il testo legislativo è respinto

9 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie TERZA LETTURA Il (1) Comitato di conciliazione adotta un (2) progetto comune basato sulla posizione comune del Consiglio e sugli emendamenti presentanti dal Parlamento in seconda lettura. Il Consiglio e il (3) Parlamento approvano il progetto comune : (4) il testo legislativo è adottato. Il Comitato di conciliazione non riesce a elaborare un progetto comune : il Parlamento europeo può respingere definitivamente la (5) proposta.

10 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Settori in cui è prevista la CODECISIONE -Ambiente -Cultura -Fondo Sociale Europeo -Formazione -Ricerca e sviluppo -Salute -Trasporti -Politica Sociale -Occupazione

11 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Settori in cui è prevista la CONSULTAZIONE -Aiuti di Stato -Concorrenza -Modifica dei trattati -Politica Agricola -Politica Commerciale -Fiscalità -Politica Industriale

12 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Lobby – Fare Lobby – Lobbying Le LOBBIES sono aggregazioni di cittadini che condividono un interesse comune e che si propongono di influenzare la politica governativa in materia. Modello Anglosassone

13 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Anglosassone: Linteresse Generale è la somma degli interessi particolari Latino/Francese: Lo Stato si pone come lunico detentore dellinteresse generale che difende contro gli interessi particolari

14 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie In ITALIA la Legge 241 del 1990 per la prima volta prevede la partecipazione al procedimento amministrativo e alla definizione dei suoi contenuti di: qualunque soggetto, portatore di interessi pubblici o privati nonché di interessi diffusi in associazioni o comitati cui possa derivare un pregiudizio del provvedimento

15 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Lobbying presso le Istituzioni Comunitarie Modello Anglosassone – Non è un tabù Professionalità – Competenza - Radicate - Storiche Aumento della Complessità – Norme e Diritto Comunitario - Allargamento Le Lobbies hanno bisogno delle nostre informazioni e noi dello loro conoscenze

16 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Oggetto della Lobbying Commissione – Funzionari (Commissari) Consiglio – Rappresentanze Permanenti Parlamento - Parlamentari Organi Consultivi Opinion leader a Bruxelles

17 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Chi sono i Lobbisti Circa Lobbisti stabiliti a Bruxelles (circa accreditati al Parlamento Europeo) Gruppi con uffici permanenti 65% Interessi Economici 25% Società Civile 10% Enti Locali / Organizzazioni Internazionali

18 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Interessi Economici -Uffici di affari europei di singole società -Associazioni di categoria di TUTTI i settori economici -Pubbliche relazioni o public affairs -Studi di avvocati (in crescendo)

19 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Interessi pubblici Stati Membri -Le rappresentanze permanenti nazionali -Le rappresentanze Regionali -Le rappresentanze Provinciali -Network di Città/Regioni/Settoriali e Parziali (In Crescendo)

20 Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Interessi sociali -ONG -Gruppi dinteresse associativi -Difesa dei consumatori -Associazioni di tutela e di promozione dei diritti


Scaricare ppt "Lazione di lobby nei confronti delle istituzioni comunitarie Struttura Istituzionale delle Comunità ISTITUZIONI PRINCIPALI –Parlamento Europeo –Consiglio."

Presentazioni simili


Annunci Google