La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

3 Proprietà della fluorescenza. Conseguenze: Regola di Kasha Lo spettro di emissione è indipendente dalla lunghezza donda di eccitazione Lemissione avviene.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "3 Proprietà della fluorescenza. Conseguenze: Regola di Kasha Lo spettro di emissione è indipendente dalla lunghezza donda di eccitazione Lemissione avviene."— Transcript della presentazione:

1 3 Proprietà della fluorescenza

2 Conseguenze: Regola di Kasha Lo spettro di emissione è indipendente dalla lunghezza donda di eccitazione Lemissione avviene sempre dal livello vibrazionale fondamentale di S 1 (fa eccezione lazulene, che emette da S 2 per la grande differenza energetica tra S 2 ed S 1 )

3 Conseguenze: Stokes shift La luce emessa ha sempre energie minori di quella assorbita.

4 Conseguenze: Regola dellimmagine speculare Lo spettro di emissione può essere limmagine speculare di quello di assorbimento. Vale se le curve di energia elettronica dello stato eccitato e fondamentale sono simili.

5 Mirror rule Mirror rule fails! Sodium 7-aminonapthalene-1,3-disulfonate (ANDA)

6 Tempo di vita dello stato eccitato Eccitazione IMPULSATA ( di Dirac) k r =costante di decadimento radiativo k n.r. =costante di decadimento attraverso i processi non radiativi [M * ]=concentrazione di molecole nello stato eccitato

7 Tempo di vita dello stato eccitato

8 Resa quantica di un processo di rilassamento Resa quantica di fluorescenza Sperimentalmente, per molecole organiche, si trova

9 1,1-dietil-2,2-cianina Chem. Phys Lett : 426.

10

11

12 Minore probabilità di transizioni radiative Maggiore probabilità di conversione intersistema

13 Rigidità e resa quantica Processi non radiativi inibiti Geometria di S 0 ed S 1 simile elevati fattori FC

14 4 Fluorescenza in stato stazionario

15 Il fluorimetro Lampada Monocromatore di eccitazione Beam splitter Lente Monocromatore di emissione ecc. em. Campione PMT segnale PMT riferimento Computer

16 Condizioni fotostazionarie M+h M* M kAkA krkr k nr Si raggiunge (in pochi ns) una condizione di equilibrio, in cui è eccitata una frazione costante di fluorofori. Lintensità di fluorescenza è costante e proporzionale alla resa quantica. Con le normali intensità delle lampade, questa frazione è sempre prossima a 0 (k A dipende dal flusso di fotoni)


Scaricare ppt "3 Proprietà della fluorescenza. Conseguenze: Regola di Kasha Lo spettro di emissione è indipendente dalla lunghezza donda di eccitazione Lemissione avviene."

Presentazioni simili


Annunci Google