La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REGIONE LOMBARDIA Presentazione del Modello di Rating.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REGIONE LOMBARDIA Presentazione del Modello di Rating."— Transcript della presentazione:

1 REGIONE LOMBARDIA Presentazione del Modello di Rating

2 2 Il modello di rating come sviluppo del sistema di accreditamento Finalità Indici ed indicatori Calcolo del rating Regole per linserimento dati in MonitorWeb Tempistiche di lavoro 2006 Tempistiche di lavoro 2007 Indice

3 3 Il Modello di rating come sviluppo del sistema di accreditamento SISTEMA DI ACCREDITAMENTO Il sistema di accreditamento è basato sul criterio della soglia minima definita per ciascun indicatore dalla d.g.r /2004. Al fine del governo complessivo del sistema dellofferta formativa il sistema di accreditamento è stato sviluppato con un modello di rating, quale strumento di valutazione e di monitoraggio in grado di misurare periodicamente le performance delle sedi operative accreditate a partire dagli indicatori definiti per laccreditamento. Sono stati pertanto sviluppati ed affinati gli indicatori previsti nel sistema di accreditamento per elevare la rappresentazione della qualità del servizio formativo offerto. MODELLO DI RATING

4 4 Finalità Duplice finalità del Modello di rating: Valutazione e Monitoraggio Il modello di rating è strutturato, rispetto al alcuni parametri di performance, con il duplice scopo di 1.valutazione della qualità intrinseca e percepita 2.monitoraggio Visto laffinamento del modello di rating con lattivazione degli indicatori considerati spenti, è stata formulata una ipotesi per la valutazione degli enti, prendendo in considerazione gli elementi, ridefiniti ed evidenziati in giallo nella figura, che più sono in grado di rappresentare la qualità del servizio formativo offerto. Il modello valorizza i nuovi indicatori introdotti, in quanto maggiormente in grado di evidenziare fattori oggettivi di qualità intrinseca e di qualità percepita. Tale scelta tuttavia non impone limitazioni allattività di monitoraggio dei parametri di accreditamento su tutti i dati inizialmente presi in considerazione.

5 5 Indici ed indicatori Nella seguente tabella sono riportati gli indici e gli indicatori utili per la valutazione degli enti. Per ogni indicatore sono riportate: la modalità di misurazione; la modalità di attribuzione del punteggio; la modalità di rilevazione; la modalità di calcolo; le tempistiche per linserimento dei dati.

6 6 Indici ed indicatori

7 7

8 8 Calcolo del rating Il confronto delle performance delle sedi operative avviene per classi omogenee. Lomogeneità delle classi dei soggetti valutati è ottenuta intersecando tre livelli di analisi: 1.Tipologia di accreditamento SF3; SF2; SF1. 2.Servizio Formativo Diritto-Dovere Istruzione Formazione (DDIF); Formazione superiore; Formazione continua. 3.Tipologia dei destinatari Disoccupati di lunga durata; Giovani laureati e diplomati; Persone con svantaggio sociale; Donne inattive; Donne attive; Persone che hanno abbandonato gli studi; Persone provenienti da paesi extra UE; Adulti under 50 anni Adulti over 50 anni Altri destinatari non contemplati nelle precedenti classi.

9 9 Calcolo del rating Intersecando i tre livelli di analisi, si arriva al seguente raggruppamento in cluster. Ad ogni sezione del cubo corrisponde un gruppo omogeneo di destinatari. Tipologie di destinatari … Donne inattive Persone con svantaggio sociale Giovani laureati e diplomati in cerca di occupazione Disoccupati di lunga durata SF3 Formazione continua Formazione superiore Servizi Formativi Tipologie di accreditamento SF2SF1 In tale campo sono presenti giovani laureati in cerca di occupazione che svolgono formazione continua in una sede formativa accreditata SF1 DDIF

10 10 Regole per linserimento dati Nuove regole per linserimento/aggiornamento dati Laggiornamento dei dati strutturali (B1 - Dotazione Logistica, B2 - Situazione Economica, B3 - Risorse Umane e B4 - Relazioni con il territorio) dovrà avvenire nel settembre 2006 nella fase di sperimentazione e nel mese di luglio negli anni successivi con tabelle annualizzate (che permettano quindi la storicizzazione del dato). I dati da inserire (o aggiornare) saranno riferiti a periodi diversi, seguendo modalità riportate di seguito: B1 – Dotazione logistica: saranno riportate in MW le assegnazioni degli spazi come comprovato dalle planimetrie predisposte per le ispezioni dellASL, indicando con esattezza la destinazione degli stessi; B2 – Situazione economica: saranno riportati in MW i dati relativi al bilancio riferito allanno fiscale precedente (es. nel mese di settembre 2006 si farà riferimento al bilancio del 2005); B3 – Risorse Umane: saranno riportati in MW i dati delle figure di docenza che hanno prestato almeno 200 ore di servizio e delle figure di sistema riferite allanno formativo precedente (es. nel mese di settembre 2006 si farà riferimento allanno formativo settembre 2005 – agosto 2006). B4 – Relazioni con il Territorio: saranno riportati in MW i dati inerenti lanno fiscale precedente (es. nel mese di settembre 2006 si farà riferimento al periodo del bilancio 2005)

11 11 Regole per linserimento dati Nuove regole per linserimento/aggiornamento dati I dati inerenti i progetti (riferiti cioè al calcolo degli indicatori di efficacia ed efficienza, ivi compreso il dato sulla Customer Satisfaction) saranno inseriti non oltre i 90 giorni previsti per linoltro della rendicontazione finale (per i soli dati inerenti lindicatore di Soddisfazione occupazionale linserimento delle risposte ai singoli questionari o di una sintesi degli stessi avverrà necessariamente 6 mesi dopo la chiusura del corso). Oltre alle informazioni quantitative, sarà richiesto agli operatori di inserire in MW la vocazione della sede, ossia le principali tipologie di corsi di formazione che la sede effettua.

12 12 Tempistiche di lavoro 2006 AGOSTOOTTOBRESETTEMBREDICEMBRENOVEMBRE Rilevazione Customer corsi chiusi 3° trimestre Rilevazione e inserimento Placement corsi rendicontati 3° trim Inserimento dati 2005 rel. territorio e vocazione Rating completo su corsi rendicontati nel III trimestre 06 (senza customer) Rating parziale degli indicatori di tipo B Comunicazione agli enti esiti rating parziale 24 novembre 23 ottobre 5 gennaio – 25 Agosto - Chiusura aziendale RL Inserimento Customer corsi rendicontati 4° trimestre N.B.: il rating completo di tutti gli indicatori sarà rilevato il 5 aprile 2007 Inserimento dati 2005 Bilancio, Logistica e Risorse Umane Comunicazione agli enti circa i nuovi dati da inserire 10 agosto Rilevazione Customer corsi chiusi 4° trim sal Comunicazione agli enti circa i nuovi dati da inserire RISULTATI ATTIVITA COMUNICAZIONE GIUGNOMAGGIOLUGLIO

13 13 5 aprile Tempistiche di lavoro 2007 GENNAIOFEBBRAIO APRILE GIUGNO MAGGIO MARZO ATTIVITA COMUNICAZIONE RISULTATI Primo Rating completo (fase sperimentale) Aggiornamento dati 2006 Bilancio, Logistica e Risorse Umane, rel. territorio e vocazione Secondo Rating completo (fase sperimentale) Comunicazione agli enti esiti rating 30 aprile Comunicazione agli enti esiti rating 30 luglio Rilevazione e inserimento Placement corsi rendicontati 4°trim 06 Rilevazione Customer corsi chiusi 1° trim 07 Inserimento Customer corsi rendicontati 1° trim 07 Rilevazione e inserimento Placement corsi rendicontati 1°trim 07 Rilevazione Customer corsi chiusi 2° trim 07 Inserimento Customer corsi rendicontati 2° trim 07 5 luglio luglio 2007 Conclusione e valutazione FASE sperimentale LUGLIO


Scaricare ppt "REGIONE LOMBARDIA Presentazione del Modello di Rating."

Presentazioni simili


Annunci Google