La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elke Moeltner COMUNICAZIONE FORMALE – INFORMALE Trento, 24 maggio 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elke Moeltner COMUNICAZIONE FORMALE – INFORMALE Trento, 24 maggio 2013."— Transcript della presentazione:

1 Elke Moeltner COMUNICAZIONE FORMALE – INFORMALE Trento, 24 maggio 2013

2 Comunicazione: definizione base La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l'insieme dei fenomeni che comportano il trasferimento di informazioni

3 Comunicazione: obiettivo Lobiettivo principale della comunicazione interpersonale è: FARSI CAPIRE

4 Il processo di comunicazione EMITTENTERICEVENTEMESSAGGIO canale codice canale codice Inizio comunicazione Risposta (feedback) rumore

5 Il modello delle 5W+1H

6 5 assiomi della comunicazione 1.Il significato della comunicazione sta nel responso che se ne ottiene e non nelle intenzioni 2.Non si può non comunicare 3.La mappa non è il territorio 4.Non esistono fallimenti ma solo risultati 5.Nella comunicazione esiste un aspetto di contenuto ed uno di relazione

7 I livelli della comunicazione QUELLO CHE DICO (VERBALE) Parole Lingua scritta COME LO DICO (PARAVERBALE) Volume Tono Ritmo Pause Inflessioni dialettali QUELLO CHE FACCIO (NON VERBALE) Mimica facciale Gestualità Prossemica Look Postura

8 La comunicazione formale La comunicazione formale trasmette messaggi riconosciuti esplicitamente come ufficiali, che diffonde attraverso canali e mezzi stabiliti per questa funzione. Però in ogni gruppo umano si forma spontaneamente una rete di comunicazione non stabilita formalmente e neanche intenzionale, che sorge intorno alle relazioni sociali dei membri e appare ogni volta un membro ha necessità di comunicarsi con altri senza che esista un canale formale per questo, o se i canali disponibili non sono adeguati

9 La comunicazione formale Questo tipologia di comunicazione è prevalentemente basata su documenti ed elaborazioni scritte, quali circolari, resoconti informativi, verbali di assemblea, verbali relativi a riunioni,…, ma costituita anche da colloqui ufficiali, convegni, assemblee È un tipo di comunicazione precisa, autorevole, rigida

10 La comunicazione informale La comunicazione informale presenta dei vantaggi rispetto a quella formale perché é più diretta, generalmente é più rapida che la formale e quando la comunicazione formale soffre restrizioni, può anche essere più esatta. La comunicazione informale è anche più ricca perchè si includono elementi non razionali, come sentimenti e valori, per cui riesce a trasmettere una maggiore quantità di informazione sullo stato danimo e il grado di accettazione della circostanza da parte del personale

11 La comunicazione informale Questo tipologia di comunicazione è basata soprattutto sulloralità (commenti, opinioni, impressioni, battute ironiche, valutazioni personali, tensioni verbali). Comprende anche informazioni, messaggi scritti fatti pervenire in modo privato e non secondo sistemi procedurali e di archiviazione È un tipo di comunicazione più libera ed elastica

12 I 2 livelli di comunicazione Comunicazione ufficiale Comunicazione informale Regolamenti Procedure Disposizioni organizzative Dati numerici Normative Comunicati Storie Narrazioni locali Suggerimenti Conversazioni Consigli Trucchi Miti e rituali

13 Quali strumenti di comunicazione abbiamo a disposizione? Procedure Bacheche Giornalini Newsletter House-organ Rassegna stampa Telefono Riunioni interne Gruppi di lavoro Mailing list Intranet Videoconferenza Corsi di formazione interna Spazi di socializzazione Assemblee e seminari tematici Colloqui personali Comunicazione informale

14 Il linguaggio burocratico in PA Burocrazia deriva dallunione della parola francese bureau, che significa ufficio, con quella della lingua greca cratia, che significa potere: questo linguaggio è espressione di un potere, quello esercitato dallapparato degli uffici amministrativi pubblici. Caratteristiche È un linguaggio di tipo misto, perché si configura come un incrocio di diversi linguaggi specialistici, come quello giuridico, economico e finanziario – con largo uso di parole ed espressioni latine (esempio di parole: idem, extra, omissis, quorum, vademecum, curriculum, rebus; esempio di espressioni: in primis, ad hoc, ad personam, ad abundantiam, ex aequo)

15 Il linguaggio burocratico in PA È complesso, formale, caratterizzato da un lessico (parole) tecnico, antiquato, difficile e da una sintassi (organizzazione delle frasi e del periodo) involuta e complicata, che non tiene in nessun conto il destinatario a cui si rivolge, il cittadino medio, disconoscendo completamente il concetto di efficacia comunicativa Usa tecnicismi non giustificati da reali esigenze comunicative (obliterare invece di timbrare, oblazione invece di pagamento, …). Tali caratteristiche hanno portato a definire il burocratese come esempio di linguaggio anti-comunicativo, di ostacolo alle relazioni e ai rapporti tra le persone: rappresenta una delle maggiori difficoltà che il cittadino incontra nelladempimento dei suoi doveri e nellesercizio dei suoi diritti

16 Nella corrispondenza si possono seguire alcune indicazioni In fase di apertura È consigliabile evitare: "Allegata alla presente inviamo copia dell'informativa..." "In riferimento all'oggetto suindicato..." "Facendo seguito alla telefonata intercorsa in data odierna..." "Con la presente si comunica che lo scrivente Servizio ha provveduto a..." È consigliabile utilizzare un tono e una scelta di parole più colloquiali: "Siamo lieti di inviare/le/vi..." "Come le ho anticipato oggi per telefono..." "Riteniamo utile informarvi che questo Servizio ha avviato.."

17 Nella corrispondenza si possono seguire alcune indicazioni Nella fase di saluto Evitare le formule standard: "Ci è gradita l'occasione per porgerle..." "Nell'attesa di un cortese riscontro, distintamente salutiamo." Le formule del saluto sono: "Distinti saluti" (formale-freddo) "Con i migliori saluti" (formale-caldo) "Cordiali saluti" (più informale)

18 Sitografia rativa/http://www1.agenziaentrate.it/documentazione/guide/scrittura_amminist rativa/ Normative relative alla semplificazione del linguaggio nella PA: Direttiva del Ministro per la Funzione pubblica dell'8 maggio "Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi Direttiva del Ministro per la Funzione Pubblica del 7 febbraio "Direttiva sulle attività di comunicazione delle pubbliche amministrazioni Circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 2 maggio "Regole e raccomandazioni per la formulazione tecnica dei testi legislativi Legge 7 giugno 2000, n "Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni"


Scaricare ppt "Elke Moeltner COMUNICAZIONE FORMALE – INFORMALE Trento, 24 maggio 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google