La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I bambini di Terezìn. IL GHETTO DI TEREZIN (THERESIENSTADT) E una località a circa 60 km da Praga, nella Repubblica Ceca, fondata più di 200 anni fa dallimperatore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I bambini di Terezìn. IL GHETTO DI TEREZIN (THERESIENSTADT) E una località a circa 60 km da Praga, nella Repubblica Ceca, fondata più di 200 anni fa dallimperatore."— Transcript della presentazione:

1 I bambini di Terezìn

2 IL GHETTO DI TEREZIN (THERESIENSTADT) E una località a circa 60 km da Praga, nella Repubblica Ceca, fondata più di 200 anni fa dallimperatore Giuseppe II dAustria e il nome deriva dal nome della madre, limperatrice Maria Teresa.

3 Durante la seconda guerra mondiale, Terezìn venne trasformata dai nazisti in un ghetto in cui furono rinchiusi gli ebrei, in attesa di essere trasportati nei campi di sterminio.

4 Ad un certo punto gli adulti più colti decisero di avviare una serie di attività culturali con cui dare nutrimento al desiderio di vivere, di conoscere, di crescere, nonostante tutto e tutti: nel ghetto isolato dal mondo si udirono le note di concerti, i versi, le opere teatrali, le letture, le commedie, furono realizzate mostre e composti poemi.

5 I bambini parteciparono attivamente alle attività, componendo poesie e realizzando disegni, sotto la guida di alcune vere e proprie personalità della cultura ebraica. Attualmente sono conservati circa 60 poesie e disegni.

6 ALCUNE POESIE

7 LETTERA A PAPÀ Mammina ha detto che oggi debbo scriverti non ho avuto tempo, nuovi bimbi sono arrivati dagli ultimi trasporti e giocare volevo non mi accorgevo come fugge l'istante. Mi sono sistemato, dormo sul materasso per terra, per non cadere. Almeno non c'è bisogno di farsi il letto e al mattino dalla finestra vedo il cielo. Ho un po' tossito, ma non voglio ammalarmi così sono felice quando corro in cortile. Oggi da noi una veglia si terrà proprio come in estate al campo degli scout. Canteremo canzoni conosciute la signorina suonerà la fisarmonica. So che ti meravigli di come stiamo bene e che sicuramente ti rallegreresti di stare qui con me. Qualcos'altro, papà: vieni qui presto e sia più lieto il tuo volto! Quando sei triste, mammina allora si dispiace e dei suoi occhi mi manca lo splendore. E hai promesso di portarmi i libri che veramente da leggere non ho nulla, per favore vieni domani prima che sia buio del mio grazie puoi essere sicuro. Ormai debbo finire. Da parte della mamma ti saluto con impazienza aspetto il suono dei tuoi passi nel corridoio. Prima che di nuovo con noi sarai ti saluta e ti bacia il tuo fedele ragazzo. Hajn

8 ADDIO ESTATE Come voi vorrei, poeti, dilungarmi Sulla fine della primavera, e sullamore, sui giorni di sole, sulle dolci serate di ingannevole luna sugli uccelli, sui fiori e sugli alberi in germoglio. Come voi vorrei, liberi, dar laddio e passeggiare nei boschetti, lungo il fiume tra gli alberi da frutto così, come un tempo, quando cera tra noi somiglianza e quando non ero, così come oggi, stremato. Come voi vorrei allestate dar laddio. Con il sole pulito, che attraverso le sbarre non Risplende. Coccolarsi per un istante con lappassente bocciolo. Non posso, non posso, sono in carcere Rinchiuso. Vedem, Zdenek Ohrenstein, 1929

9 NOSTALGIA DELLA CASA È più di un anno che vivo al ghetto, nella nera città di Terezìn, e quando penso alla mia casa so bene di che si tratta. O mia piccola casa, mia casetta, perché mhanno strappato da te, perché mhanno portato nella desolazione, nellabisso di un nulla senza ritorno? Oh, come vorrei tornare a casa mia, fiore di primavera! Quando vivevo tra le sue mura io non sapevo quanto lamavo! Ora ricordo quei tempi doro: presto ritornerò, ecco, già corro. Per le strade girano i reclusi e in ogni volto che incontri tu vedi che cosè questo ghetto, la paura e la miseria. Squallore e fame, questa è la vita che noi viviamo quaggiù, ma nessuno si deve arrendere: la terra gira e i tempi cambieranno. Che arrivi dunque quel giorno In cui ci rivedremo, mia piccola casa! Ma intanto preziosa mi sei Perché mi posso sognare di te. Vedem, Zdenek Ohrenstein, 1929

10 O CHIARO RICORDO La poesia propone la voce di un adolescente prigioniero; in unesistenza che non ha più nulla di umano rimane accesa, nonostante tutto, la fiamma di un ricordo damore, che diviene testimonianza di vita là dove la vita è ad ogni istante calpestata e distrutta. O chiaro ricordo che minviti alla quiete e mi rammenti colei che amai, ancora sorrido alla tua carezza, ancora con te mi confido come al migliore amico. O dolce ricordo, raccontami la storia della mia ragazza perduta, racconta, racconta dellanello doro e chiama la rondine che la vada a trovare. E tu pure vola da lei e sottovoce domandale se ancora pensa a me, se sta bene e se ancora, se ancora sono rimasto il suo amore di un tempo. E poi ritorna veloce, non ti perdere, perché io possa ricordarmi qualche altra cosa. Era così bella: chissà se mai più la rivedrò. Addio, mia cara, addio! Ti amavo.

11 VEDRAI CHE È BELLO VIVERE La poesia che ti viene qui presentata porta la data del 1941; non si conosce il nome del ragazzo che lha scritta, ma il messaggio che contiene fa riflettere sul coraggio di vivere e sulla fede nella vita. Lautore si identifica nelluccello che vola libero nellaria e che indirizza ai suoi compagni, paurosi di lasciare il nido, il suo grido di gioia: "vedrai che è bello vivere!" Chi saggrappa al nido non sa che cosè il mondo, non sa quello che tutti gli uccelli sanno e non sa perché voglia cantare il creato e la sua bellezza. Quando allalba il raggio del sole illumina la terra e lerba scintilla di perle dorate, quando laurora scompare e i merli fischiano tra le siepi, allora capisco come è bello vivere. Prova, amico, ad aprire il tuo cuore alle bellezza quando cammini tra la natura per intrecciare ghirlande coi tuoi ricordi: anche se le lacrime ti cadono lungo la strada, vedrai che è bello vivere.

12 TEREZÌN Una macchia di sporco dentro sudice mura e tuttattorno il filo spinato ci dormono e quando si sveglieranno vedranno il mare del loro sangue. Sono stato bambino tre anni fa. Allora sognavo altri mondi. Ora non sono più un bambino, ho visto gli incendi e troppo presto sono diventato grande. Ho conosciuto la paura, le parole di sangue, i giorni assassinati: dovè il babau di un tempo? Ma forse questo non è che un sogno e io ritornerò laggiù con la mia infanzia infanzia, fiore di roseto, mormorante campana dei miei sogni, come madre che culla il figlio con lamore traboccante della sua maternità. Infanzia miserabile catena che ti lega al nemico e alla forca. Miserabile infanzia, che dentro il

13 suo squallore già distingue il bene e il male. Laggiù dove linfanzia dolcemente riposa nelle piccole aiuole di un parco, laggiù, in quella casa, qualcosa si è spezzato quando su me è caduto il disprezzo: laggiù, nei giardini o nei fiori o sul seno materno, dove io sono nato per piangere… Alla luce di una candela maddormento forse per capire un giorno che io ero una ben piccola cosa, piccola come il coro dei , come la loro vita che dorme laggiù nei campi che dorme e si sveglierà, aprirà gli occhi e per non vedere troppo si lascerà riprendere dal sonno… Hanus Hachenburg nato il – morto il ad Auschwitz

14

15

16

17

18

19

20

21 ALCUNI DISEGNI

22

23

24 Zeichne, was Du siehst Disegna ciò che vedi Il pupazzo di neve I DISEGNI DI HELGA

25 Arrivo a Terezin

26 Un convoglio di bambini polacchi

27 Lista degli averi

28 Il dormitorio nelle baracche

29 I lavatori

30 Le lezioni dei bambini

31 In fila di fronte alla cucina

32 Pane sui carri funebri

33 Catturare le pulci

34 Il recupero degli anziani

35 Alla ricerca dei pidocchi

36 Il lavoro agricolo

37 FINE DELLA PRESENTAZIONE


Scaricare ppt "I bambini di Terezìn. IL GHETTO DI TEREZIN (THERESIENSTADT) E una località a circa 60 km da Praga, nella Repubblica Ceca, fondata più di 200 anni fa dallimperatore."

Presentazioni simili


Annunci Google