La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Entra nel mondo del calcolo combinatorio Inizio Clicca per iniziare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Entra nel mondo del calcolo combinatorio Inizio Clicca per iniziare."— Transcript della presentazione:

1

2 Entra nel mondo del calcolo combinatorio Inizio Clicca per iniziare

3 Calcolo combinatorio Home Calcolo Combinatori

4 HOME PRESENTAZIONE RAGRUPPAMENTI FRA GLI ELEMENTI DI DUE O PIU INSIEMI DISPOSIZIONI PERMUTAZIONI COMBINAZIONI PROPRIETA DEI COEFFICIENTI BINOMIALI Credits home

5 PRESENTAZIONE Il calcolo combinatorio ha come oggetto il calcolo dei modelli con i quali possono essere associati gli elementi di due o più insiemi o di uno stesso insieme. Nelle applicazioni può sorgere il problema di conoscere in quanti modi si può presentare un fenomeno. Il problema di conoscere le risposte alle domande può sembrare banale e in effetti lo è se il numero degli elementi è piccolo, ma quando il numero degli elementi è elevato la difficoltà consiste proprio nel formare tutti i raggruppamenti senza tralasciarne alcuno e senza cadere in ripetizioni. HomeAvanti presentazione

6 HomeIndietro Il calcolo combinatorio riveste notevole importanza nella matematica del >, dove il termine > contrapposto a > sta a indicare che gli elementi sono separati e i valori appartengono a N. I raggruppamenti possono essere fatti in vari modi. E' bene sottolineare che prima di applicare ai casi concreti le formule che otterremo, si dovranno esaminare attentamente i dati e gli scopi che ci si prefiggono. Poiché la matematica offre > che cercano di interpretare i fatti reali, occorre capire a quale modello bisogna riferirsi per le varie applicazioni.

7 Home RAGRUPPAMENTI FRA GLI ELEMENTI DI DUE O PIU' INSIEMI La moltiplicazione costituisce un primo esempio di calcolo combinatoro. Il problema di formare sigle è una questione di attualita: è il problema della codificazione, ossia della individuazione di elementi di qualunque tipo mediante sigle numeriche o alfanumeriche. Raggruppamenti fra + insiemi

8 HomeAvantiIndietro Sia dato linsieme: A={a,b,c,d}. Tutte le sigle di due elementi che si possono formare con gli elementi di A sono le seguenti: aaabacad babbbcbd cacbcccd dadbdcdd Questi raggruppamenti vengono detti disposizione con ripetizione di 4 elementi di classe 2 e sono in numero di 4*4=4 2 =16

9 DISPOSIZIONI I diagrammi ad albero sono particolari rappresentazioni grafiche che permettono di costruire le disposizioni semplici o con ripetizioni e di contarle facilmente. In generale: Dato un insieme A di n elementi, si definiscono disposizioni di classe k i raggruppamenti di k elementi scelti fra gli n dell'insieme A tali che ogni raggruppamento differisca dagli altri : o per la natura degli elementi o per l'ordine degli elementi. HomeAvanti Disposizioni

10 HomeAvantiIndietro Le disposizioni si dicono: a) Semplici, se ogni raggruppamento contiene elementi distinti fra loro; il loro numero si indica con D n,c ; b) Con ripetizione, se nei raggruppamenti gli elementi di A possono comparire più di una volta; il loro numero si indica con D' n,k. Per k qualsiasi si ha quindi: D' n,k = n k Perciò: il numero delle disposizioni con ripetizione di n elementi di classe k è n k. Per k qualsiasi, purché k n, si ha: D n,k =n(n-1)(n-2)...[n-(k-1)]

11 HomeIndietro Perciò: il numero delle disposizioni semplici di n elementi di classe k è uguale al prodotto di k fattori interi consecutivi decrescenti a partire da n. Osservazioni : La condizione k n per le disposizioni semplici è imposta dal fatto che si possono fare dei raggruppamenti formati con elementi tutti diversi solo se, al massimo, si prendono tutti gli elementi dell' insieme. Tale limitazione non esiste, ovviamente, per le disposizioni con ripetizione perché, in questo caso, gli elementi possono essere ripetuti quante volte si vuole. In generale, se l'insieme A contiene k elementi, e l'insieme B contiene n elementi (con k n),il numero delle funzioni iniettive da A in B è uguale al numero delle disposizioni semplici di n elementi di classe k, cioè: D n,k =n(n-1)(n-2)...(n-k+1).

12 PERMUTAZIONI Dato un insieme A di n elementi, si definiscono permutazioni di n elementi (diversi fra loro) i raggruppamenti formati dagli n elementi presi in un ordine qualsiasi. Una permutazione differisce da un'altra solo per l'ordine degli elementi. Le permutazioni coincidono con le disposizioni semplici di classe n, quindi il calcolo del numero delle permutazioni è uguale al calcolo del numero delle disposizioni semplici di n elementi di classe n, cioè: P n =D n,n =n(n-1)(n-2)...[n-(n-2)]*[n-(n-1)]=n(n-1)(n-2)…2*1 Il numero delle permutazioni di n elementi è allora: P n =n! HomeAvanti Permutazioni

13 Osserviamo che n! è funzione di n e cresce rapidamente al crescere di n. Osservazione: Le permutazioni di n elementi si possono collegare alle funzioni biettive fra due insiemi A e B di n elementi (ricordando che una funzione è detta biettiva se ogni elemento di B è corrispondente di uno e un solo elemento di A). HomeIndietro

14 COMBINAZIONI Dato un insime A di n elementi, si definiscono combinazioni semplici degli n elementi di classe k (con k n) i raggruppamenti di k elementi, scelti fra gli n dell'insieme A, tali che ogni raggruppamento differisca dagli altri per la natura degli elementi (senza considerare l'ordine degli elementi). Per determinare il numero delle combinazini di n elementi di classe k ricaviamo una formula che esprime un legame fra il numero delle combinazioni e quello dello disposizioni di n elementi a k. HomeAvanti Combinazioni

15 Le disposizioni di n elementi di classe k si ottengono dalle combinazioni di n elementi di classe k, permutando fra loro i k elementi che costituiscono ciascun raggruppamento. Indicato con Cn,k il numero delle combinazioni semplici di n elementi di classe k, si ha: C n,k * P k = D n,k cioè: C n,k =D n,k /P k =n(n-1)(n-2)...[n-(k-1)]/k! Il simbolo (n k) è detto coefficiente binomiale per il suo uso nello sviluppo delle potenze del binomio. Osservazione importante: In molti tesi stranieri (particolarmente in testi anglosassoni) non si introduce il termine >, ma si usa la locuzione > e invece di D n,k, si scrive nPk; le combinazioni sono indicate con nCk, anzichè con Cn,k. HomeIndietro

16 PROPRIETA' DEI COEFFICIENTI BINOMIALI Il numero delle combinazioni di n elementi di classe k è eguale al numero delle combinazioni degli n elementi di classe(n-k). Home Proprietà coef binomiali

17 Home Credits


Scaricare ppt "Entra nel mondo del calcolo combinatorio Inizio Clicca per iniziare."

Presentazioni simili


Annunci Google