La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GAL Alta Marca Trevigiana Programma di Sviluppo Locale 2007 - 2013 LE ATTIVITA DEL GAL I PRIMI BANDI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GAL Alta Marca Trevigiana Programma di Sviluppo Locale 2007 - 2013 LE ATTIVITA DEL GAL I PRIMI BANDI."— Transcript della presentazione:

1 GAL Alta Marca Trevigiana Programma di Sviluppo Locale LE ATTIVITA DEL GAL I PRIMI BANDI

2 Lapproccio Leader Far emergere nuovi attori e nuove relazioni Affermare nuovi modelli locali di sviluppo per valorizzare risorse ed opportunità del territorio Gli obiettivi Partenariato pubblico-privato Programmazione e decisione partecipata, condivisa, intersettoriale I fattori chiave Il territorio cui si rivolge Rurale e Omogeneo Massa critica sufficiente a sostenere strategie di sviluppo durature e sostenibili

3 ASSE 4 - I GAL

4 Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Propone la strategia integrata di sviluppo locale del territorio (PSL) È responsabile della sua attuazione È costituito da gruppo di soggetti pubblici e privati (almeno 50%), rappresentativi dei diversi settori socio economici e di interessi generali e diffusi del territorio Ha forma e assume personalità giuridica

5 Il GAL dellAlta Marca Trevigiana ABITANTI: SUPERFICIE: 685 kmq COMUNI COINVOLTI: 28 Borso del Grappa, Cavaso del Tomba, Cappella Maggiore, Castelcucco, Cordignano, Cison di Valmarino, Crespano del Grappa, Farra di Soligo, Follina, Fonte, Fregona, Miane, Monfumo, Paderno del Grappa, Pieve di Soligo, Pederobba, Possagno, Refrontolo, Revine Lago, San Pietro di Feletto, San Zenone degli Ezzelini, Sarmede, Segusino, Sernaglia della Battaglia, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio Veneto CONTRIBUTO PUBBLICO ASSEGNATO: ,61 euro INVESTIMENTI PREVISTI: ,20

6 I soci pubblici Provincia di Treviso 5,83% CCIAA Treviso 5,83% C.M. del Grappa2,91% C.M. Prealpi Trevigiane2,91% Comune di Pieve di Soligo2,33% Comune di Valdobbiadene2,33% Comune di Vittorio Veneto2,33% Comune di Cordignano1,36% Comune di Farra di Soligo 1,36% Comune di Fonte 1,36% Comune di Pederobba 1,36% Comune di San Zenone d. E.1,36% Comune di Sernaglia d.B. 1,36% Comune di Borso del Grappa0,84% Comune di Cappella Maggiore 0,84% Comune di Castelcucco 0,84% Comune di Cavaso del T.0,84% Comune di Cison di V. 0,84% Comune di Crespano del G. 0,84% Comune di Follina0,84% Comune di Fregona0,84% Comune di Miane0,84% Comune di Monfumo0,84% Comune di Paderno d. G. 0,84% Comune di Possagno0,84% Comune di Refrontolo0,84% Comune di Revine Lago0,84% Comune di San Pietro di F. 0,84% Comune di Sarmede0,84% Comune di Segusino0,84% Comune di Tarzo0,84% Comune di Vidor0,84% N. 32 soggetti pubblici : totale (48,54%)

7 I soci privati Ass. Altamarca2,91% Ass. Prod. Ort. Veneto Friuli2,91% Ass. Strada Vino Prosecco2,91% Ass. Prod. Latte Veneto2,91% Conf. Italiana Agricoltori CIA2,91% Fed. Reg. Coldiretti2,91% Confagricoltura2,91% Conf. Cooperative TV2,91% UNASCOM Confcommercio 2,91% Latteria Soligo Scarl 2,91% Cons. Vino Prosecco 2,91% Latteria Coop. Cavaso 2,91% Banca Prealpi 2,91% BCC Vedelago 2,91% Unicredit Banca S.p.A. 2,91% Veneto Banca 2,91% Cons. Tutela Casatella0,97% Comitato Prov. UNPLI TV 0,97% Ass. St. Vino Montello C.A. 2,91% N. 19 soggetti privati: totale (51,46%)

8 Lorganizzazione Presidente: Franco Dal Vecchio Coordinatore: Michele Genovese Il Consiglio di Amministrazione Nome Ente Nome Ente Franco Del Vecchio Provincia di Treviso Franco Adami Consorzio Tutela. Prosecco Fulvio Brunetta Vice-P.CCIAA Treviso Franco Renzo Federazione Prov. Coldiretti Tarcisio Ziliotto Borso del Grappa Giuseppe Partata ASCOM Vittorio Veneto Gianpiero Possamai C.M. Prealpi Trevigiane Lino Rossi APO Veneto Friuli

9 Il Programma di Sviluppo Locale (PSL) È lo strumento di programmazione per lelaborazione e lattivazione della strategia di sviluppo locale Descrizione del partenariato del GAL Analisi del territorio Descrizione della strategia di sviluppo individuata e delle linee di intervento Illustrazione delle iniziative Piano finanziario delle singole misure attivate Piano degli interventi di cooperazione Modalità e strumenti di monitoraggio Modalità e strumenti di informazione e comunicazione Contenuti

10 Lobiettivo generale e il tema centrale Esaltare i sapori, i profumi e i colori dellAlta Marca Trevigiana mettendo in rete le eccellenze Valorizzazione dei prodotti tipici, del territorio e messa in rete delle eccellenze per un turismo rurale sostenibile Obiettivo generale (strategia) Tema centrale

11 Le linee strategiche di intervento diversificazione delle attività svolte dalle aziende agricole 1.Favorire la diversificazione delle attività svolte dalle aziende agricole, promuovendo limplementazione di servizi turistici ed ambientali nuove iniziative imprenditoriali 2.Sostenere la nascita di nuove iniziative imprenditoriali collegate al settore agricolo realizzazione di strutture, servizi e iniziative di promozione integrata 3.Valorizzare il potenziale turistico locale e promuovere la realizzazione di strutture, servizi e iniziative di promozione integrata nel campo del turismo valorizzazione del patrimonio paesaggistico, storico, culturale, architettonico e naturale 4.Valorizzare la ruralità del territorio attraverso la valorizzazione del patrimonio paesaggistico, storico, culturale, architettonico e naturale professionalità 5.Migliorare la professionalità degli operatori locali relativamente agli obiettivi di turismo rurale sostenibile 6.Agevolare i prodotti tipici e la loro valorizzazione nei confronti del consumatore cooperazione 7.Attivare forme di cooperazione con GAL di altri territori

12 Le misure previste Misura 410: attuazione di strategie di sviluppo locali Misura 410: attuazione di strategie di sviluppo locali Misura 411: attuazione misure asse 1 (Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale) Misura 413: attuazione misure asse 3 (Qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione delleconomia) Misura 421: progetti di cooperazione Misura 421: progetti di cooperazione Misura 431: gestione del GAL Misura 431: gestione del GAL

13 GAL dellAlta Marca Trevigiana Dati finanziari di sintesi del PSL Ripartizione della spesa prevista: Fondi Leader: ,61 Cofinanziamento previsto: ,59 Totale budget PSL: ,20 Ripartizione dei fondi Leader: ASSE 1 Miglioramento settore agricolo: ,00 euro ASSE 3 Sez. Diversificazione: ,00 euro ASSE 3 Sez. Qualità della vita: ,43 euro Misura 421 Cooperazione: ,16 euro Misura 431 Gestione del GAL: ,02 euro Fondi Leader per imprenditori agricoli: 51,80% Fondi Leader per altri soggetti: 48,20%

14 Misura 411 – Asse 1 Miglioramento competitività settore agricolo Misura 121: ammodernamento aziende agricole fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 42,50% Misura 123: accrescimento valore aggiunto dei prodotti agricoli (aziende con prevalente trasformazione di materia prima acquistata da terzi fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 30,00% Misura 133: informazione e promozione agroalimentare fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 60,00% Misure previste:

15 Asse 3 Sezione Diversificazione Misura 311 diversificazione attività non agricole Azioni previste AZIONE 1 - Creazione e consolidamento di fattorie plurifunzionali, quali fattorie sociali (agri-nidi, ippoterapia, ecc.), fattorie didattiche, fattorie creative (produzioni artigianali aziendali, ecc.), eco-fattorie (servizi ambientali, ecc.) fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 37,50% AZIONE 2 - Sviluppo dellospitalità agrituristica, sulla base di progetti di adeguamento, miglioramento e sviluppo delle imprese agrituristiche fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 27,50%

16 Asse 3 Sezione Diversificazione Misura 313 – incentivazione attività turistiche Azioni previste AZIONE 1: Itinerari - Identificazione e realizzazione di itinerari e/o percorsi fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 70,00% AZIONE 2: Accoglienza - Adeguamento di infrastrutture esistenti, a carattere collettivo, finalizzate a garantire laccoglienza al visitatore/turista fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 50,00% AZIONE 3: Servizi - Progettazione e realizzazione di servizi per la promozione e la commercializzazione dellofferta di turismo rurale fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 60,00%

17 Asse 3 Sezione Diversificazione Misura 313 – incentivazione attività turistiche Azioni previste AZIONE 4: Informazione - Attività informative, promozionali e pubblicitarie per incentivare la conoscenza dellofferta di turismo rurale presso operatori e turisti fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 50,00% AZIONE 5: Integrazione Offerta Turistica - Realizzazione di iniziative e progetti che promuovano il collegamento funzionale fra lofferta turistico-ricettiva e culturale del Veneto e le zone di produzione di prodotti tipici e di qualità delle aree rurali fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 50,00%

18 Asse 3 Sezione Diversificazione Misura 331: formazione e informazione per gli operatori economici delle aree rurali Azioni previste AZIONE 1 - Interventi a carattere collettivo di formazione, educazione ambientale e sul territorio realizzati sulla base di apposite iniziative che prevedono corsi di formazione e aggiornamento in presenza, in aula e in campo, e a distanza (e-learning), conferenze, seminari, sessioni divulgative, caratterizzati da omogeneità tematica e coerenza con le misure attivate nellambito dellAsse 3 del PSR. Le iniziative formative possono avere una durata compresa fra 8 e 24 ore oppure superiore a 25 ore fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 100,00%

19 Asse 3 Sezione Qualità della vita Misura 321 – servizi essenziali per leconomia e la popolazione rurale* Azioni previste AZIONE 3 - Realizzazione di impianti per la produzione dellenergia da biomasse (<1MW) fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 40,00% * Solo comuni <5.000 abitanti

20 Asse 3 Sezione Qualità della vita Misura 323/a: tutela e riqualificazione del patrimonio rurale Asse 3 Sezione Qualità della vita Misura 323/a: tutela e riqualificazione del patrimonio rurale Azioni previste AZIONE 1 - Realizzazione di studi e censimenti, finalizzati a monitorare e documentare gli elementi che caratterizzano larchitettura rurale fondi Leader: ,43 euro % di finanziamento medio: 70,00% AZIONE 2 – Recupero e valorizzazione del patrimonio storico- architettonico delle aree rurali, con particolare riferimento a immobili e fabbricati rurali, che presentano particolare interesse sotto il profilo architettonico, artistico, storico, archeologico o etno-antropologico fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 47,50% privato, 75% pubblico

21 Asse 3 Sezione Qualità della vita Misura 323/a: tutela e riqualificazione del patrimonio rurale Asse 3 Sezione Qualità della vita Misura 323/a: tutela e riqualificazione del patrimonio rurale Azioni previste AZIONE 3 – Valorizzazione e qualificazione del paesaggio rurale, con riferimento a elementi specifici e tipici del paesaggio rurale fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 47,50% privato, 75% pubblico AZIONE 4 – Interventi per la valorizzazione culturale delle aree rurali riguardanti iniziative di recupero di immobili pubblici e di uso pubblico finalizzati ad una prevalente fruizione culturale fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 50%

22 Asse 3 Sezione Qualità della vita Tutela patrimonio rurale Misura 323/b: piani di protezione e gestione Azioni previste AZIONE 1 - Piani di gestione delle aree Natura 2000 (spese per la predisposizione tecnica del Piano di Gestione: studi, consulenze, monitoraggi, analisi e consultazioni) fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 100% AZIONE 2 - Piani di protezione e gestione di altri siti di grande pregio naturale (spese per analisi e monitoraggi, raccolta dati e informazioni, verifiche in campo, consulenze e studi preventivi alla stesura del Piano di gestione, spese per la predisposizione tecnica del Piano di Protezione e gestione in analogia allazione 1) fondi Leader: ,00 euro % di finanziamento medio: 100%

23 Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale 2 Azioni: Cooperazione interterritoriale: tra due o più GAL in almeno due regioni Cooperazione transnazionale: tra due e più GAL in almeno due stati membri Interventi previsti: Cooperazione interterritoriale: creazione di una rete di itinerari tematici fra i Gal Veneti e Friulani Cooperazione transnazionale: promozione congiunta dei territori e dei prodotti fra Gal Veneti, Friulani e delleuroregione dellAlpe Adria promozione dei prodotti nella GDO con i Gal Trentini e dellAustria sviluppo del turismo rurale e cultura con i Gal italiani ed europei

24 CALENDARIO ATTIVITA 10 marzo 2009: Approvazione del Programma di Sviluppo del GAL con delibera n. 545 della Giunta Regionale 1° trimestre 2010 Predisposizione dei bandi che saranno sottoposti allapprovazione da parte di Avepa e dellAutorità di Gestione Attività di informazione e animazione sul territorio e uscita dei primi bandi e riconoscibilità delle spese per i beneficiari

25 PROCEDURA E TEMPISTICA DEI BANDI Il CdA del GAL propone il bando, la Regione esprime parere di conformità, il CdA quindi approva il bando definitivo Il GAL pubblica il Bando (anche sul BUR) con almeno 45/60 giorni per le domande Istruttoria delle domande e approvazione graduatoria finale (Commissione Gal – Avepa) (tempo stimato 100 – 110 gg) …in conclusione circa 7 mesi dopo dalla proposta di bando si assegnano i contributi

26 GAL dellAlta Marca Trevigiana RECAPITI Sede legale e operativa presso Villa Brandolini a Solighetto di Pieve di Soligo Via Roma 4 Telefono Fax UFFICIO APERTO dal lunedi al venerdi Il pomeriggio su appuntamento A richiesta dei Soci saranno attivati Sportelli informativi presso le loro sedi


Scaricare ppt "GAL Alta Marca Trevigiana Programma di Sviluppo Locale 2007 - 2013 LE ATTIVITA DEL GAL I PRIMI BANDI."

Presentazioni simili


Annunci Google