La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Giornalismo e giornalisti dams aa.2012/13. 2 Cera una volta… Professione giornalista.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Giornalismo e giornalisti dams aa.2012/13. 2 Cera una volta… Professione giornalista."— Transcript della presentazione:

1 1 Giornalismo e giornalisti dams aa.2012/13

2 2 Cera una volta… Professione giornalista

3 3 Servono ancora i giornalisti? Il giornalismo tradizionale è in crisi: -crollano le vendite dei quotidiani cartacei -ristrutturazioni, licenziamenti, ridimensionamento nel numero, nella qualità professionale, del ruolo sociale, delle retribuzioni dei giornalisti. Addio privilegi! Esplosione dei social network, del citizen journalism

4 4 Mediasauri addio?..\rex.jpg

5 5 Lasteroide Internet Michael Crichton (autore di Jurassic Park) coniò la definizione mediasauri nel 1994, prevedendo la possibile fine del vecchio sistema dellinformazione e della tradizionale figura del giornalista per colpa di un asteroide che uccide di colpo i dinosauri. Previsione vera?

6 6 Pubblicità per settori (nielsen, 2012/2011) Totale pubblicità Italia -14% Quotidiani -16,9 Periodici -17,8 Tv -15,3 Radio -10,2 Internet +7,1 Cinema -24% Cartelloni -13,3 Direct mail -17,2 Negli Usa dal 2000 e il 2006 calo del 13%; dal 2006 al 2011 crollo 51%; a valori costanti pubblicità 2011 uguale a 1954

7 7 Il crollo verticale delle vendite VARIAZIONE%VENDITE 2011/ ,4VARIAZIONE%VENDITE 2011/ ,4 Ma dal 2001 al 2011 cresciuti i lettori da 20 milioni a 24,6; molti lettori anche fra giovani

8 8 Ma quando cè la notizia… Eppure quando ci sono fatti grossi, la vendita registra anche picchi positivi. Effetto formazione governo, manovra economica, campagna elettorale; stragi, terremoti, morti eccellenti, grandi eventi sportivi Necessità di approfondimento, di dettaglio, voglia di storie e personaggi, oltre la notizia più cruda, che non trova piena soddisfazione nellinformazione online?

9 9 Anche la free press soffre 2008, nel mondo 42milioni copie, 27 in Europa 2011 calate a 36 milioni Calo in Europa da 27 a 18 milioni Nelle Americhe regge su 7 milioni,in Asia è cresciuta In Italia: nel 2011, 12 testate per 2,95 milioni di copie;nel 2012, 10 testate per 1,7 milioni di copie La pubblicità calata 2011/2007 del 54%

10 10 Se lo Stato non paga Tutta la stampa riceve contributi dallo Stato anche i grandi giornali Ma per i giornali di partito, cooperative, è la sopravvivenza:oggi ci sono 100 testate a rischio Fino adesso elargizioni anche se non vendono Giusto per garantire libertà di stampa e pluralismo? Condizionamento? Spreco?

11 11 Web,web e ancora web Il sorpasso. Nel marzo 2011 negli Stati uniti la pubblicità e i lettori online hanno superato quelli della carta stampata. Ricerca del Pew reserch center il 46% degli americani accede allinformazione via web tre volte alla settimana contro il 40% che si rivolge ai quotidiani e ai loro siti. L raccolta pubblicitaria dei quotidiani è calata in 4 anni del 46%, scendendo a 22,8 miliardi di dollari; quella online è in continuo aumento e nel 2010 aveva raggiunto i 25,8 miliardi di dollari.

12 12 Anche il Pulitzer è online Per ben due volte, 2011 e 2010, nella storia il premio Pulitzer ( fondato nel 17 da Joseph Pulitzer, assegnato dalla scuola di giornalismo della Columbia università per un valore di 10mila dollari) è stato vinto da una testata online, ProPublica, per una inchiesta sul mondo della finanza pubblicato esclusivamente sul web. ProPublica lo aveva vinto anche lanno precedente per una inchiesta sugli ospedali dopo luragano Katerina, ma era stato pubblicato sul New York Times. ProPublica è una organizzazione no-profit che produce appunto inchieste anche su richiesta di grandi testate, finanziata da ex finanzieri, e gestita da una trentina di giornalisti di altissimo livello, diretti da Paul Steiger, ex direttore del Wall Street Journal.

13 13 I giornali online Dal 2009 al 2011 lettori siti quotidiani cresciuti del 47%, contro crescita utenti internet del 22%, e rappresentano il 46,5% sul totale utenza web. Negli Usa diminuiscono copie carta, aumentano web, ora 14% diffusione totale contro 8,7 nel Rappresenta un terzo diffusione Wall street journal, 50%New York Time pure a pagamento

14 14 Una professione poco amata Nellopinione pubblica i giornalisti non sono amati: idolatrati come mito ma spesso disprezzati Accuse: superficiali, bugiardi, servi, non autonomi, malati di protagonismo..\..\Documenti\Immagini\cover. jpg..\..\Documenti\Immagini\cover. jpg

15 15 Tentazione:farsi da soli il giornale? E possibile orientarsi da soli, nel mare magnum dellinformazione senza la mediazione di professionisti di cui ci si fidi? Quanto i social network sono giornalismo? La gerarchia delle notizie: le più lette sono davvero le più importanti? Ma una società senza giornalisti è più libera e democratica?

16 16 Giornalismo, neogiornalismo, postgiornalismo… Il ruolo del quarto potere (diventato poi quinto, sesto con tv e internet):ancora strumento di democrazia, o di disinformazione, di killeraggio politico? Watergate: il giornalismo civile dinchiesta, il giornalismo cane da guardia della democrazia, è ancora possibile? Più difficile forse, ma cè sempre spazio. Certo bisogno. Anche se lindipendenza dei giornali sempre da difendere Giornalisti o mezzemaniche

17 17 4 punti cardinali:ancora validi? 1. è giornalista: colui che raccoglie, seleziona, valuta, elabora, commenta, diffonde… 2. la materia prima di cui si occupa: le notizie 3. rispettando le regole della professione: leggi e norme deontologiche 4. e usando tutti gli strumenti: (i media) possibili, quindi carta, radio, tv, online…

18 18 Cosa distingue il giornalista Di questi 4 punti il più qualificante è il primo:non tanto raccogliere le notizie come in passato,dato che ne arrivano una marea infinita, ma valutarle, valutare le fonti, dare loro una gerarchia, una profondità. Moltiplicazione delle fonti, il dilagare dei social network oggi chiede soprattutto la selezione delle notizie, la capacità di capire e spiegare perché alcune sono più importanti di altre, qual è la più importante, quali conseguenze provoca, dare loro un contesto. Il caso wikileaks Per poterlo fare occorre intuito, professionalità,cultura,conoscenza della materia. Molti sono formalmente giornalisti. Pochi, e sempre meno, i bravi giornalisti

19 19 Quanti giornalisti in Italia! Sono iscritti allordine 112mila giornalisti ( prof; 6128 pensionati;1900 praticanti;62mila pubbl; 7mila pubbl pens;10mila elenchi speciali;300 stranieri). Nel 75 erano 28mila; siamo il triplo che in Francia, doppio di americani e inglesi. Ultimo anno +2084, quasi tutti pubblicisti Ogni anno 1000/1300 candidati. Promossi 65% Solo uno su cinque rapporto di lavoro dipendente. Iscritti Inpgi(quelli attivi che lavorano) 45mila: 20mila dipendenti, 45mila autonomi 62% freelance dichiara meno di 5000 euro anno; 26% più di 10mila;10% più di 25mila Articoli pagati fra 3 e 5 euro Guadagnano: Fra dipendenti 66% più di 30mila euro lanno; Stipendio medio lordo 62mila euro anno Diminuiscono contratti subordinati (circa 4% 2011/10), cresce il precariato Blocco turnover (meno 30% praticanti). Dal 2008 giornalisti diminuiti di Aumenta disoccupazione, sussidi, cassa integrazione

20 20 Come diventare giornalista Cento anni fa il primo contratto di lavoro nazionale. Prima senza regole Situazione attuale: Istituzione Ordine con legge 69 del 1963 che prevede l giornalisti divisi in tre gironi: professionisti, pubblicisti, praticanti Le scuole di giornalismo (14) sfornano solo disoccupati? Questo Albo: serve ancora? E internet? Tutti giornalisti uguale a nessun giornalista? Sempre più difficile entrare Non cè posto per tutti, solo per quelli molto bravi

21 21 Quattro categorie di giornalisti A. I principi dellinformazione. Sono ovviamente i direttori, la direzione. Ma anche le grandi firme, i commentatori, i grandi inviati, i vignettisti di prima, i conduttori dei tg e dei gr, insomma le star, quelli che vanno in Tv, fanno opinione, sono il modello dei giovani che sognano di fare il giornalista B. Gli uomini macchina. I veri gestori dellinformazione, caporedattori, caposervizio, responsabili di pagina, decidono la scelta delle aperture, gli spazi, le illustrazioni C. I collaboratori autorevoli. Importanti solo se altamente qualificati e specializzati D. I paria. Redattori ordinari, praticanti, stagisti, pubblicisti art 36, collaboratori saltuari ininfluenti E. A parte uffici stampa

22 22 Giornalista, anche un mestiere pericoloso. Gli inviati Nel 2007 anno record 172 morti, di cui 50 in Iraq In totale in Iraq dal 2003 al 2010 ci sono state 265 vittime Somalia (19) Poi Messico,Pakistan,Filippine, Georgia, Messico, Brasile In Russia dal 2000 al 2009 assassinati 35 giornalisti. E si è continuato Mestiere anche pericoloso: morti incidentali sul lavoro (teatri di guerra, catastrofi); ma anche ammazzati perché sfidavano il potere Nel 2012: 121 morti 35 in Siria 7 in Libia, 18 in Somalia,10 in Mesico Nel 2011, 107 reporter morti sul lavoro.(1044 arrestati,1959 aggrediti, 71 sequestrati)

23 23 Giornalismo investigativo Scandali, mafia e minacce Poi ci sono quelli che vanno a scoprire scandali, corruzioni. Chi si occupa di malavita spesso è minacciato, alcuni vivono sotto scorta Nel 2009/10 in Italia circa 400 episodi di censura violenta e gravi intimidazioni:43 intimidazioni individuali,24 minacce collettive,13 aggressioni fisiche, 10 danneggiamenti Nel 2011 registrati 95 episodi di cui 40 minacce collettive che hanno coinvolto 324 giornalisti In Lombardia, Calabria, Sicilia, Campania,Lazio,Puglia

24 24 Censura di stato su internet Molti stati censurano Internet, con filtri che bloccano le ricerche. Per motivi di sicurezza, di decenza, ma anche per motivi politici. Per questo i blogger che violano gli ordini sono spesso perseguitati. Google ha denunciato la richiesta di rimozione dei contenuti da parte di molti paesi: Brasile 291, Germania 188, India 142, Stati Uniti 123. Italia 57. Richiesti anche dati utenti: Brasile 3663, Stati Uniti 3580, Gran Bretagna 1166, Italia 550. Mancano dati certi sulla Cina, attivissima. Oggi oltre 40 governi impongono la rimozione di informazioni da Internet; nel 2002 erano 4

25 25 Che tipo di giornalista? Mestiere dipende anche dal medium A.) Agenzie Chi raccoglie al fronte Chi rielabora Gli specialisti B.)Quotidiani: b1-specializzati b2-nazionali omnibus b3-regionali,interregionali b4-locali C.) Settimanali/periodici News magazine specialistici D.) Radio Come quotidiani E.) Tv Come quotidiani F.) On line: f1. siti di testate f2. siti solo online f3. blog affermati f4. blog selvaggi f5. citizen journalism

26 26 Giornalista critico o critico giornalista ? Giornalista professionista o esperto della materia?O entrambi? Esercizio continuo o saltuario dellattività giornalistica? Quale testata? Prevale la testata o la firma?

27 27 Aggiornarsi o morire Probabile ridimensionamento ulteriore dei giornali. Ma non necessariamente loro morte. Però devono: -differenziare il prodotto, non inseguire la notizia ma il suo approfondimento -accettare la sfida sulla qualità, sulla serietà, sulla affidabilità Spazio per giornali specializzati (economia, sport, hobby) Spazio per giornali locali

28 28 Cosi parlo lo squalo ANALISI DI MURDOCH: IL GIORNALISMO SU CARTA E MORIBONDO, MA IL GIORNALISMO NON E AFFATTO MORIBONDO; RUOLO INDISPENSABILE PER LIBERTA E DEMOCRAZIA; FORNIRE LE NOTIZIE UTILI, CHE VUOLE IL PUBBLICO; SMETTERLA DI SCRIVERSI ADDOSSO; IL MODELLO DI BUSINESS BASATO SOLO SULLA PUBBLICITA E ENTRATO IN UNA CRISI FORSE IRREVERSIBILE; LA PUBBLICITA SUL WEB RIMPIAZZA SOLO IN PICCOLA PARTE QUELLA PERDUTA IL MEDIUM PIU MINACCIATO E LA FREE TV; IL FUTURO DEL GIORNALISMO APPARTIENE ALLE AZIENDE CHE GUADAGNANO E CHE VIVONO SENZA SOVVENZIONI PUBBLICHE INDIPENDENTEMENTE DALLE TECNOLOGIE CHE USANO

29 29 Cercasi giornalista tuttofare, mobile e flessibile Da oggi in avanti: Maggiore mobilità interaziendale, geografica e funzionale Unificazione redazioni cartacee e online Verso il redattore universale, con gerarchia desk che gestisce le diverse piattaforme (carta, tv, online, iptv, radio, telefonino) Verso linviato tuttofare: giornalista,operatore, fonico, montatore, con telecamere leggere o videofonini Termine francese proNetariat il proletario digitale

30 30 TRE INTERROGATIVI PER UNA PROFESSIONE 1. SOPRAVVIVERA LA CARTA AL DILAGARE DELLINFORMAZIONE ONLINE? QUALE EQUILIBRIO COL WEB? COME CAMBIA LA DIETA MEDIATICA? 2. DOVE PORTA LA TECNOLOGIA NEL PRODURRE, DISTRIBUIRE E FRUIRE LE NOTIZIE? 3. COME CAMBIA LA PROFESSIONE DEL GIORNALISTA NEL NUOVO MONDO?

31 31 Attenti, pericolo!!!!!!


Scaricare ppt "1 Giornalismo e giornalisti dams aa.2012/13. 2 Cera una volta… Professione giornalista."

Presentazioni simili


Annunci Google