La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO DI ASSISTENZA: IL PAZIENTE CON IPERTENSIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO DI ASSISTENZA: IL PAZIENTE CON IPERTENSIONE."— Transcript della presentazione:

1

2 PIANO DI ASSISTENZA: IL PAZIENTE CON IPERTENSIONE

3 La pressione arteriosa è il prodotto della gittata cardiaca per la resistenza vascolare periferica. La gittata cardiaca, a sua volta, è il prodotto della frequenza cardiaca per il volume di eiezione. Si definisce ipertensione una condizione in cui la pressione arteriosa sistolica è >140mmHg e la pressione arteriosa diastolica è >90mmHg per un periodo di tempo relativamente lungo

4 La tabella mostra le categorie relative ai livelli di pressione arteriosa Si definiscono tre stadi di ipertensione (I; II; III). La letteratura internazionale ha stabilito che la diagnosi di ipertensione debba basarsi sulla media di due o più misurazioni eseguite durante due o più visite di controllo successive

5 EPIDEMIOLOGIA Negli USA il 20-25% della popolazione adulta è iperteso. Nel 90% dei casi si tratta di ipertensione primaria. Nel restante 10% dei casi lipertensione è dovuta a cause specifiche quali una riduzione del calibro delle arterie renali, patologie che interessano il parenchima renale, assunzione di farmaci, gravidanza, coartazione aortica, in questi casi si parla di ipertensione secondaria

6 Lipertensione è una condizione multifattoriale, in quanto segno clinico può avere cause diverse, perché si stabilisca uno stato ipertensivo ci deve essere un cambiamento in uno dei parametri il cui prodotto definisce la pressione arteriosa, cioè la resistenza periferica e la gittata cardiaca

7

8 I principali fattori di rischio sono: - fumo - diabete mellito - età superiore a 60 anni - sesso ( maschi e donne postmenopausa) - familiarità - patologie cardiache (ipertrofia vsx, angina, ima, bac pregresso) - Infarto cerebrale, TIA - nefropatia - arteriopatia periferica

9 Lesame fisico potrebbe no rilevare anomalie allinfuori di un elevata pressione arteriosa. I soggetti ipertesi possono rimanere asintomatici per anni Solitamente la comparsa di segni e sintomi è indice di danno vascolare, con manifestazioni specifiche a carico dell organo irrorato dai vasi compromessi. Le manifestazioni cliniche aspecifiche possono essere: - cefalea - capogiro, palpitazioni - alterazioni a carico della retina con possibili emorragie

10 Specifiche dorgano per danno vascolare: Cuore: coronoropatia con angina e /o infarto, ipertrofia ventricolare sinistra; insufficienza cardiaca Rene: nicturia,aumento dellazotemia e della creatinina Cervello: T.I.A. con oscuramento o alterazioni della vista e della parola, vertigini, debolezza, cadute improvvise, emiplegia temporanea

11 Per formulare una diagnosi sono necessari un anamnesi approfondita e un attento esame obiettivo. Gli esami di routine consistono in - creatinina, azotemia albuminuria, analisi delle urine delle 24 h - Ecg. La presenza di segni elettrocardiografici di ipertrofia ventricolare sinistra suggerisce che lipertensione è cronica - glicemia, colesterolo (tot e HDL), trigliceridi,Na, K, - emoglobina ed ematocrito

12 Lobiettivo del trattamento medico consiste nella prevenzione delle conseguenze letali dellipertensione e delle complicanze grazie al ripristino e al mantenimento di valori di PA pari o inferiori a 140/90 mmHg I farmaci raccomandati per il trattamento iniziale dellipertensione arteriosa sono diuretici e/o beta bloccanti

13

14 DIAGNOSI INFERMIERISTICA Mancata osservanza del regime terapeutico correlato a mancata conoscenza dell effetto della terapia manifestato da irregolarità nellassunzione dei farmaci OBIETTIVO Il paziente assumerà i farmaci secondo le prescrizioni e saprà riferire gli effetti collaterali

15 INTERVENTI - Informare il paziente circa la terapia prescritta - Insegnare al paziente lautoassistenza - Fornire al paziente opuscoli informativi circa gli effetti attesi e gli effetti collaterali indesiderati della terapia farmacologica - Eseguire regolari visite di controllo a domicilio, se possibile, per lottimizzazione del trattamento

16 RISULTATI ATTESI Il paziente dimostra di rispettare il programma di autoassistenza come evidenziato dallassunzione dei farmaci secondo le prescrizioni e riferisce eventuali effetti collaterali.

17 DIAGNOSI INFERMIERISTICA Alterazione nel mantenimento della salute correlato a stile di vita inidoneo manifestato da vita sedentaria e da una di dieta non idonea al suo stato di salute OBIETTIVO Il paziente adotterà dei comportamenti idonei a mantenere la salute, svolgerà più attività fisica e adotterà un programma alimentare sano

18 INTERVENTI - Insegnare al paziente lautoassistenza - Ridurre il fumo di sigarette, se possibile evitare di fumare - incrementare lattività fisica - se possibile evitare le situazioni stressanti ed aiutare ad affrontare lo stress insegnando tecniche di rilassamento - incoraggiare il paz. a consultare un dietista per definire un programma dietetico - ridurre il consumo di sodio, grassi e aumentare il consumo di frutta e verdura

19 RISULTATI ATTESI Il paziente dimostra di rispettare il programma di autoassistenza come evidenziato dal rispetto del programma dietetico prescritto riducendo lassunzione di sodio e grassi, svolge regolarmente attività fisica e ha ridotto il consumo di sigarette.

20


Scaricare ppt "PIANO DI ASSISTENZA: IL PAZIENTE CON IPERTENSIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google