La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Workshop La tutela dei Rapaci in Italia e in Europa

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Workshop La tutela dei Rapaci in Italia e in Europa"— Transcript della presentazione:

1 Workshop La tutela dei Rapaci in Italia e in Europa Esperienze a confronto Foggia, 25 Marzo 2011 Interventi per l’avifauna di interesse comunitario nei siti della rete Natura 2000 della bassa pianura parmense (LIFE 07 NAT/IT/000499) Emanuele Fior - Provincia di Parma Foto: Michele Mendi, Emanuele Fior

2 Il Progetto LIFE “Pianura parmense” ( ) si focalizza sulle Azioni di conservazione di alcune specie di uccelli di interesse comunitario, tra cui: Falco cuculo Falco vespertinus (SPEC 3) Grillaio Falco naumanni (SPEC 1) Localizzazione dell’area di progetto Area di studio: ha

3 L’importanza delle specie target nell’area di progetto
Falco cuculo: Nidifica in Italia dal 1995 l’80-90% della popolazione italiana nidifica in provincia di Parma incremento, seppure fluttuante, della popolazione Grillaio: Nidifica nell’area di progetto dal 1996 fino al 2005 il 100% della popolazione del nord Italia nidificava in provincia di Parma incremento, seppure fluttuante, della popolazione

4 L’habitat tipico delle specie target nell’area di progetto
Prati stabili Colture agricole tradizionali non intensive

5 Siti di nidificazione delle specie target nell’area di progetto
Falco cuculo: nidi di corvidi non coloniali (Gazza Pica pica e Cornacchia grigia Corvus cornix) Grillaio: sotto le tegole dei tetti di vecchi edifici rurali, principalmente quelli abbandonati

6 Nel 2009 è stato realizzato uno specifico Piano di Monitoraggio (Gustin & Ferrari 2009), applicato a partire dal 2010, i cui principali obiettivi sono: l’individuazione dei siti riproduttivi la raccolta di dati sulla fenologia e sul successo riproduttivi l’analisi delle caratteristiche ambientali nell’intorno dei nidi Nel 2009 e 2010 i dati sono stati raccolti in collaborazione tra la Provincia di Parma ed il Gruppo Locale di Conservazione della LIPU di Parma

7 Risultati 2009-2010: Falco cuculo
2009 2010 delta n° nidi 25 21 -16% n° pulli 48 18 -62,5% successo riproduttivo 1,92 0,85 -55,7% nidi abbandonati 11 (52,4%) tipologia nido gazza 76% 28,6% cornacchia grigia 20% 33,3% cavità albero 4% 4,8% cassetta nido - specie arborea pioppo nero 60% 71,4% farnia 16% 19% olmo platano 9% robinia

8 Risultati 2009-2010: Grillaio GRILLAIO 2009 2010 delta n° nidi 16 12
2009 2010 delta n° nidi 16 12 -25% n° pulli 34 35 +2,9% successo riproduttivo 2,47 2,91 +15,1% nidi abbandonati tipologia nido coppi/sottotetti di edifici 100% n° colonie 2 3 +50% n° sub-colonie 1 +100% numero di coppie anno

9 Principali minacce nell’area di progetto
Perdita di habitat dovuta a urbanizzazione e a realizzazione di nuove infrastrutture viarie Perdita di prati stabili e di colture agricole tradizionali Uso massiccio di pesticidi Distruzione dei siti di nidificazione (vecchi edifici rurali, alberi isolati e filari) Eccessivo disturbo presso i siti riproduttivi Traffico veicolare (investimenti stradali)

10 Azioni del Progetto Life “Pianura Parmense”per Falco cuculo e Grillaio
Piani di Gestione e di Azione delle specie per il miglioramento della rete ecologica Conservazione ed incremento degli elementi del paesaggio utili alla attività riproduttiva Miglioramento ed allargamento dell’habitat trofico, costituito principalmente dall’agrosistema Interventi a breve termine per la salvaguardia delle attività riproduttive, quali l’installazione di nidi artificiali ed il versamento di indennizzi

11 Recupero e creazione di habitat
Acquisto di terreni coltivati per la realizzazione di prati stabili, siepi e filari agricoli ed ambienti di margine Produzione di semi da specie ed ecotipi di piante erbacee di prati stabili storici

12 Percorso di condivisione e adozione della rete ecologica
Studio e pianificazione degli obiettivi Agenda 21 locale con gli Stakeholder sui siti Natura 2000 e sulla rete ecologica AG21L: 5 workshops (Apr-Giu 2010) Temi: 1. Presentazione del Progetto 2. Trasformazione del territorio 3. Agricoltura 4. Fruizioni ricreative, caccia e pesca 5. Gestione idrica “Conferenza dei Servizi” (Autorità ed Enti locali) Adozione delle Misure di Conservazione nel Piano Provinciale (PTCP)

13 Stakeholders Servizi dell’Amministrazione Provinciale: Ambiente, Pianificazione Agricoltura e Attività Produttive, Risorse Immobiliari, Parchi e aree Protette Enti Locali: Comune Di Busseto, Comune Di Colorno, Comune Di Fontanellato, Comune Di Mezzani, Comune Di Parma, Comune Di Roccabianca, Comune Di San Secondo P.Se, Comune Di Sissa, Comune Di Soragna, Comune Di Torrile, Comune Di Trecasali, Comune Di Zibello, Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura,, ARPA Sezione Provinciale di Parma, AUSL Dipartimento igiene pubblica, Servizio Tecnico degli affluenti di Po, Corpo Forestale dello Stato, Consorzio di Bonifica P.se, Agenzia Territoriale Ambito Organizzazioni Professionali: Unione Parmense degli industriali, A.P.I. Associazione Piccole e medie imprese, APLA Associazione provinciale liberi artigiani, CNA, GIA Gruppo Imprese Artigiane, ASCOM Confcommercio, CONFESERCENTI, Federazione Provinciale Coltivatori diretti, Unione Provinciale Agricoltori, Confederazione Italiana Agricoltori, Associazione provinciale allevatori, Confcooperative, Lega Provinciale Cooperative, Confedilizia, Ordine degli ingegneri, Ordine dei chimici, Ordine degli architetti, Ordine degli agronomi e periti agrari, Collegio dei Geometri Sindacati Confederati: U.I.L., C.G.I.L., C.I.S.L. Organizzazioni Ambientaliste: LIPU, WWF, LEGAMBIENTE, Associazione Donne Ambientaliste, Verdi Ambiente Società, Italia Nostra, Fondo per l’Ambiente Italiano FAI, Guardie ecologiche Volontarie Organizzazioni dei Consumatori: Federconsumatori, Adoc, Adiconsum, Movimento consumatori, Lega Consumatori, Confconsumatori Università, Scuole, Centri di Educazione Ambientale: CIREA, CIDIEP, Università di Parma – Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Rete di scuole “RESPIRA” Foundations: Fondazione Cassa di Risparmio di Parma, Fondazione Monte di Parma

14 Coinvolgimento della popolazione
12 incontri pubblici, uno per ogni Comune della Bassa Parmense 6 visite guidate, una per ogni sito Rete Natura 2000 Distribuzione di gadget aventi come tema le specie target Forum on-line per lo scambio di dati/osservazioni naturalistici e per la partecipazione a discussioni (www.naturaparma.net)

15 Grazie per l’attenzione!
Staff del Progetto LIFE” Pianura Parmense” Enrico Ottolini, Alessandro Ferrarini, Michele Adorni, Emanuele Fior, Marco Gustin, Cinzia Schianchi, Michele Mendi, Paolo Almansi, Massimiliano Miselli, LIPU Grazie per l’attenzione!


Scaricare ppt "Workshop La tutela dei Rapaci in Italia e in Europa"

Presentazioni simili


Annunci Google