La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La comunicazione come strumento terapeutico: comunicare per assistere Prof.ssa Calaprice.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La comunicazione come strumento terapeutico: comunicare per assistere Prof.ssa Calaprice."— Transcript della presentazione:

1 La comunicazione come strumento terapeutico: comunicare per assistere Prof.ssa Calaprice

2 Punti tematici : Considerazioni conclusive

3 I FONDAMENTI DELLA COMUNICAZIONE Per comunicazione sintende quelprocesso circolare interattivo tra un emittente ed un ricevente, che si verifica in un determinato contesto e che caratterizza la vita di ogni individuo (Watzlaiwick e gli studiosi della Scuola di Palo Alto).

4 Comunicazione come trasmissione passaggio di informazioni emittente ricevente messaggio Passaggio di una informazione

5 Comunicazione come relazione mettere in comune, comprensione Soggetto b Soggetto ainformazione Non significa mandare messaggi ma condivisione

6 Contesto della comunicazione codifica messaggio codifica decodifica E R CODICE feedback

7 Emittente:colui che comunica il messaggio Ricevente: colui che riceve il messaggio Il codice:è il sistema di segni che si usa quando si comunica Il canale. può essere inteso sia come il mezzo tecnico esterno al soggetto con cui il messaggio arriva(telefono,etc?sia come il mezzo sensoriale(udito,vista) La codifica: lattività che svolge lemittente per trasformare le idee,concetti,e immagini mentali in un messaggio comunicabile attraverso il codice

8 La decodifica : è il percorso contrario svolto dal ricevente che trasforma il messaggio da codice in idee, concetti, immagini mentali Il feed-back: è linterscambio che avviene tra ricevente ed emittente quando linformazione di ritorno permette allemittente di percepire se il messaggio è stato ricevuto, capito Il contesto, ambiente: È il luogo fisico, sociale dove avviene lo scambio comunicativo che può incentivare o al contrario disincentivare la comunicazione

9 Lo schema descritto è puramente indicativo: esistono casi che sfuggono a qualsiasi classificazione. Una regola da seguire è quella di dare informazioni al momento opportuno e adattare la quantità dinformazioni alla capacità di recezione ed ascolto, al fine di rendere il paziente partecipe e responsabile della terapia.

10 -linterazione non viene più intesa in senso lineare di emittente-ricevente-emittente e quindi la retroazione (feedback) -tutti i rapporti interpersonali sono dunque considerati come sistemi che si autoregolano in base a meccanismi circolari della retroazione: il comportamento di una persona influenza ed è influenzato dal comportamento di unaltra persona

11 Assiomi della comunicazione La comunicazione è caratterizzata da molti assiomi che permettono di comprendere meglio gli aspetti pragmatici (linguaggio del corpo), in modo da evitare inutili fraintendimenti:

12 Primo assioma -non si può non comunicare. Secondo tale assioma, ogni comunicazione è un messaggio, una forma di comunicazione che influenza il comportamento degli altri.

13 Secondo assioma Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione,in modo tale che il secondo classifica il primo ed è quindi metacognizione Secondo tale assioma ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto (di notizia) ed uno di relazione o comunicazione non verbale(comando) E proprio laspetto di relazione a definire le modalità in cui il contenuto viene interpretato e a determinare il futuro comportamento del ricevente, che a sua volta diviene emittente perché con il suo comportamento determina il comportamento del ricevente (meccanismo circolare inerattivo ). Secondo assioma

14 Metacognizione Questa riflessione sullaspetto relazionale definisce la metacognizione (comunicazione sulla comunicazione) che permette di stabilire se il contenuto della comunicazione è coerente con gli aspetti formali o contraddittorio rispetto ad essi. Secondo assioma

15 Terzo assioma la natura di una relazione dipende dalla punteggiatura della sequenze di comunicazione tra i comunicanti.

16 Quarto assioma -gli esseri umani comunicano sia con il modulo numerico (comunicazione verbale, attraverso simboli, come ad es. le parole) che con quello analogico (comunicazione non verbale attraverso gesti, mimica facciale, postura, ritmo della voce).

17 Quinto assioma - tutti gli scambi di comunicazione sono simmetrici o complementari, a seconda che siano basati sulluguaglianza o sulla differenza.

18 Tipi di relazione La relazione simmetrica è caratterizzata da scambi comunicativi che avvengono a livello paritario; La relazione equilibrata è flessibile in quanto gli scambi simmetrici sono alternati a scambi complementari, a seconda del contesto e delle situazioni. La relazione medico-paziente deve essere basata su reciproco interscambio.

19 LE RELAZIONI EMOTIVE DEL PAZIENTE E DEI FAMILIARI Ogni paziente vive levento malattia secondo la sua personalità di base (stabilità dellumore, immaginazione e fantasia, capacità adattive), i suoi antecedenti evolutivi e le precedenti esperienze di vita (la malattia può far emergere alcuni disturbi della personalità, che in condizioni ambientali ottimali sarebbero rimasti silenti per lungo tempo o quoad vitam).

20 IL SOGGETTO come PAZIENTE Lunicità di ogni paziente e le differenze individuali nel reagire allevento malattia, esistono delle fasi reattive, uguali in tutti gli individui.

21 LE FASI REATTIVE Sono fasi reattive : -Primo periodo di dolorosa protesta e diniego; -Secondo periodo di disperazione ed accoramento; -Lungo periodo di distacco ed accettazione.

22 Fase della negazione Tali fasi possono variare per durata e gravità da un individuo allaltro e da una famiglia allaltra, tanto che in certi casi il turbamento iniziale può essere particolarmente grave e tale da determinare una completa disorganizzazione, mentre in altri casi di breve durata e tale da poter essere superato facilmente. Alla negazione possono essere associati, o far seguito, sentimenti di ansia e depressione, sensi di colpa e risentimenti.

23 LE PERSONALITA DEI PAZIENTI Sono state indicate diverse tipologie di pazienti che richiedono linee di condotta differenti da parte dei medici o altre figure per quanto riguarda le informazioni da fornire e le decisioni da prendere: - il paziente dipendente è quel tipo di paziente che tende a delegare al medico ogni responsabilità (decida Lei, dottore);

24 -il paziente ipercritico è quel tipo di paziente che fa molte domande e che si perde in particolari inutili e marginali ed ha unorganizzazione di personalità caratterizzata da rigidità e pensieri ossessivi; -il paziente ansioso è il paziente che non è in grado di decidere perché sopraffatto dalla diagnosi;

25 -il paziente che nega è quel paziente che usa i meccanismi della negazione per gestire le sue paure, per sostenere la tensione; -Il paziente consapevole è il paziente sicuro di sé o comunque in grado di controllare le proprie emozioni.

26 RICAPITOLANDO Ai fini di una relazione proficua, il medico non deve usare modalità relazionali istintive e legate alla propria organizzazione di personalità, Bensì deve comprendere la personalità del paziente. Unattenzione particolare deve essere data al momento diagnostico, perché la diagnosi impone sempre una riflessione molto dolorosa.

27 Comunicazione relazionale Per interagire in maniera soddisfacente con personalità così diverse, la comunicazione relazionale oltre ad essere concordante, deve essere basata sulla comprensione del paziente. Deve cioè di comprendere i suoi vissuti, le sue difese, le sue idee sulla malattia e le sue aspettative nei riguardi del medico.

28 Il medico o infermiere deve -dare informazioni semplici e relative a singole problematiche al fine di evitare fraintendimenti; -fornire spiegazioni scritte semplici e chiarificatrici, che il paziente può leggere e comprendere in ogni momento e che indichino anche eventuali controlli a distanza da seguire; -dire sempre la verità che, in casi più drammatici, deve sempre essere associata ad un po di speranza; -discutere le alternative su eventuali rischi e benefici;

29 -indurre il paziente ad esprimere le proprie le proprie esigenze ed il proprio stile di vita al fine di adattare le spiegazioni ed eventualmente la terapia da seguire; -discutere eventuali tematiche inerenti la sfera sessuale e riproduttiva; -rassicurare che ogni progresso scientifico inerente la malattia del paziente verrà comunicato tempestivamente.


Scaricare ppt "La comunicazione come strumento terapeutico: comunicare per assistere Prof.ssa Calaprice."

Presentazioni simili


Annunci Google