La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO."— Transcript della presentazione:

1 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

2 Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti, i quali si troveranno impegnati a cercare, leggere, analizzare, valutare, organizzare e sintetizzare informazioni utilizzando il World Wide Web.

3 E una metodologia didattica… formalizzata nel 1995 da Bernie Dodge della San Diego State University e successivamente perfezionata da Tom March a partire dalle teorie pedagogiche del costruttivismo e dellapprendimento cooperativo.Bernie Dodge costruttivismo Essa si basa sulluso del computer e di internet e ha lo scopo di sviluppare nellallievo delle capacità di analisi, sintesi e valutazione.

4 Il Webquest non è una semplice ricerca su internet Un webquest ben preparato va ben oltre la semplice ricerca e facilita lo sviluppo di competenze cognitive e metacognitive più elevate e lutilizzo di capacità intellettuali quali la comparazione, la classificazione, linduzione, la deduzione, abduzione.

5 Il discente, attraverso una ricerca guidata in internet su siti preselezionati dal docente, deve svolgere un compito (ricerca-azione) che parte dalla rielaborazione delle informazioni raccolte per arrivare alla realizzazione di un prodotto finale, che può essere un oggetto multimediale, un testo, una presentazione o qualsiasi altra elaborazione.

6 Vantaggi dei Webquest Rendere efficace il tempo speso dagli allievi nella loro attività di navigazione in Internet. Creare un ambiente di apprendimento in situazione. Favorire la formazione di competenze tramite strategie di problem solving e apprendimento cooperativo. Rafforzare la motivazione negli alunni che imparano divertendosi e si sentono protagonisti e attivi nellapprendimento e nellautovalutazione continua dei metodi e dei prodotti.

7 Struttura di una Webquest Introduzione Compito Risorse Procedimento Valutazione Conclusione

8 Introduzione Introduce lattività o la lezione agli studenti. Lo scopo è quello di preparare il lettore e di tener vivo il suo interesse. Spesso il problema è espresso sotto forma di scenario.

9 Compito Descrizione di cosa gli studenti dovranno produrre, come elaborato finale della Webquest. Dovranno essere indicati quali sono i risultati attesi e la forma nella quale dovranno essere realizzati, includendo luso di eventuali software o tecniche particolari.

10 Risorse Vengono indicate le risorse web da consultare, che possono essere uniche per tutti i discenti o suddivise per gruppi ed elencate a seconda delle funzioni. Si tratta di risorse liberamente fruibili in rete, precedentemente visitate e recensite dal docente, oppure preparate appositamente e inserite su un sito web.

11 Procedimento Si descrivono nel dettaglio le attività che gli studenti devono svolgere per portare a termine il compito. È importante che questa sezione sia chiara e ben progettata, che contempli leventuale suddivisione in sottogruppi e preveda esercitazioni pratiche e un ruolo attivo dei discenti.

12 Valutazione Consiste in genere in una griglia di valutazione, nella quale sono presi in considerazioni i vari elementi che costituiscono lattività. Si possono inserire dei consigli per aiutare i discenti a organizzare le informazioni raccolte. Questi strumenti forniscono una guida agli studenti e permettono loro di raggiungere risultati che altrimenti non sarebbero probabilmente in grado di raggiungere.

13 Conclusione E il momento in cui si riepiloga che ricorda agli studenti cosa hanno imparato e li si consiglia su come successivamente ampliare l'esperienza per acquisire ulteriore conoscenza Viene aggiunta dal docente al termine dellattività. E un riassunto di quanto realizzato dagli studenti e può contenere ulteriori spunti di riflessione o di approfondimento.

14 I Webquest possono essere: Di breve durata: vengono realizzati nellarco di 2 o 3 lezioni, propongono un compito meno complesso che comporta lacquisizione di nuove informazioni e il loro utilizzo in classe attraverso una rielaborazione semplice. Di lungo termine: i discenti affrontano a fondo un argomento, reperendo tutte le informazioni e rielaborandole per la realizzazione del compito assegnato e applicando e sviluppando capacità di pensiero e competenze ben più sofisticate.

15 Alcuni suggerimenti… Nella costruzione dei Webquest bisogna partire da argomenti che si conoscono bene, strutturandoli come Webquest a breve durata, per poi pensare a delle architetture più complesse in campi più ampi o di natura interdisciplinare.

16 Usi didattici di una Webquest Linsegnante può: analizzare i Webquest disponibili in rete; produrre un nuovo Webquest per i suoi alunni; invitare gli studenti a produrre un Webquest.

17 Tipologie di Webquest I Webquest possono assumere laspetto di database organizzati dagli allievi; possono configurarsi come micromondi esplorabili dagli utenti; possono proporre una storia o uninchiesta interattiva; possono diventare un documento in cui si analizza e risolve una situazione controversa

18 Conclusione… Attraverso i Webquest Linsegnante: -utilizza la rete quale ambiente di apprendimento -riflette sul suo operato, innescando un processo di rinnovamento didattico. Gli studenti: -imparano a ricercare e a selezionare informazioni in rete; -sviluppano capacità di tipo relazionale; -imparano a risolvere problemi reali legati a un determinato contesto.

19 Eercitazione - Webquest: Modello per la composizione Introduzione: descrivi un contesto, o richiama una lezione, in modo accattivante che serva ad introdurre gli studenti al compito che li attende con un certo entusiasmo. Compito: descrivi quale dovrà essere lobiettivo che gli studenti dovranno raggiungere alla fine del lavoro (cioè quale prodotto finale è richiesto). Chiarire anche se il prodotto prevede lutilizzo di alcuni strumenti (come ad es. word, power-point, internet, ecc.)

20 Webquest: Modello per la composizione 1 Procedimento: Indica i passaggi attraverso i quali gli studenti portano a termine il compito. Indica anche le risorse (ad es. i siti web, i libri di testo, ecc.). Se gli studenti lavoreranno in gruppi, vanno indicati i passaggi che ciascun gruppo dovrà compiere. Valutazione: Allegare delle griglie di autovalutazione (che compileranno gli studenti stessi come parte integrante del compito) e delle griglie di valutazione che compilerà il docente. Valutazione

21 Webquest: Modello per la composizione 2 Conclusione: riepiloga lattività portata a termine o ciò che gli studenti hanno appreso completando questa specifica attività. Puoi aggiungere delle domande di approfondimento o ulteriori collegamenti per incoraggiare gli studenti ad andare oltre il mero contenuto della Webquest.

22 Un esempio di Webquest

23 Esempio di Webquest: Galileo Galilei

24 Risorse online di-risorse-e-buone-pratiche-nel-mondo-della-scuola# di-risorse-e-buone-pratiche-nel-mondo-della-scuola# 1/1/tesi%20finale%20A033%20BONANNO.pdf 1/1/tesi%20finale%20A033%20BONANNO.pdf ead_cnt&id_cnt=730&area_menudx=news_eun ead_cnt&id_cnt=730&area_menudx=news_eun id=1505 id=1505


Scaricare ppt "I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO."

Presentazioni simili


Annunci Google