La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di organizzazione aziendale Diritto commerciale I titoli di credito Docente: Rag. Nicola DOrazio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di organizzazione aziendale Diritto commerciale I titoli di credito Docente: Rag. Nicola DOrazio."— Transcript della presentazione:

1 Corso di organizzazione aziendale Diritto commerciale I titoli di credito Docente: Rag. Nicola DOrazio

2 Titoli di credito È titolo di credito un documento nel quale è incorporato un diritto di credito letterale ed autonomo. È titolo di credito un documento nel quale è incorporato un diritto di credito letterale ed autonomo. Esempi: Esempi: Cambiale tratta Cambiale tratta Cambiale pagherò o vaglia cambiario Cambiale pagherò o vaglia cambiario Assegno Assegno

3 Funzioni Adempie contemporaneamente ad una duplice funzione, e cioè: Adempie contemporaneamente ad una duplice funzione, e cioè: costituisce un mezzo necessario e sufficiente del diritto espresso nel documento stesso; costituisce un mezzo necessario e sufficiente del diritto espresso nel documento stesso; costituisce un mezzo tecnico di circolazione dello stesso. costituisce un mezzo tecnico di circolazione dello stesso.

4 Trasferibilità La principale utilità dei titoli di credito, oltre a rappresentare il diritto a riscuotere un certo credito ad una certa scadenza, deriva soprattutto dal fatto che si possono facilmente trasferire (girata)

5 La cambiale è un documento contenente la dichiarazione di un ordine o di una promessa di pagamento. è un documento contenente la dichiarazione di un ordine o di una promessa di pagamento. viene inoltre definita titolo esecutivo, esecutivo, all'ordine, all'ordine, formale. formale.

6 La cambiale

7 Titolo esecutivo titolo esecutivo in quanto ha lo stesso valore di una sentenza della magistratura passata in giudicato, perciò il creditore può rivalersi sui beni del debitore; titolo esecutivo in quanto ha lo stesso valore di una sentenza della magistratura passata in giudicato, perciò il creditore può rivalersi sui beni del debitore;

8 Titolo allordine titolo all'ordine in quanto l'intestatario dell'effetto può trasferire la cambiale, prima della scadenza, ad altre persone, mediante girata; titolo all'ordine in quanto l'intestatario dell'effetto può trasferire la cambiale, prima della scadenza, ad altre persone, mediante girata;

9 Titolo formale titolo formale in quanto è soggetto a determinati requisiti di forma senza i quali non è valido. titolo formale in quanto è soggetto a determinati requisiti di forma senza i quali non è valido.

10 Vi sono due tipi di cambiali cambiale pagherò, (o vaglia cambiario) emessa dal debitore (emittente) che promette di pagare una certa somma alla scadenza stabilita; cambiale pagherò, (o vaglia cambiario) emessa dal debitore (emittente) che promette di pagare una certa somma alla scadenza stabilita;pagherò,pagherò, cambiale tratta, emessa dal creditore (traente) che ordina al debitore di pagare. cambiale tratta, emessa dal creditore (traente) che ordina al debitore di pagare.tratta

11 Elementi essenziali della cambiale sono 1) la denominazione cambiaria 2) l'ordine, incondizionato, di pagare la somma determinata (per la cambiale tratta), o la promessa incondizionata di pagare una somma determinata (per la cambiale pagherò) 3) il nome di chi è designato a pagare (trattario nella cambiale tratta, emittente nel pagherò); 4) la scadenza, cioè il giorno in cui il possessore della cambiale avrà la facoltà di chiedere l'esecuzione dell'ordine (tratta) o l'adempimento della promessa (pagherò) 5) il luogo di pagamento, cioè il luogo in cui il possessore avrà la facoltà di chiedere l'esecuzione dell'ordine o l'adempimento della promessa. 6) il nome di colui al quale o all'ordine del quale deve farsi il pagamento; 7) la data e il luogo di emissione; 8) la sottoscrizione di colui che emette la cambiale (traente o emittente).

12 Atti inerenti la cambiale AccettazioneGirataAvalloPagamento Girata per lincasso Protesto Azioni cambiarie

13 L'accettazione l'emissione di una tratta presuppone un rapporto giuridico fra creditore (traente) e trattario che giustifichi l'ordine di pagamento del primo al secondo. l'emissione di una tratta presuppone un rapporto giuridico fra creditore (traente) e trattario che giustifichi l'ordine di pagamento del primo al secondo. Questo rapporto può avere origine diversa (per esempio rapporto contrattuale) e rimanere extracambiario fino a quando non interviene l'accettazione del trattario. Questo rapporto può avere origine diversa (per esempio rapporto contrattuale) e rimanere extracambiario fino a quando non interviene l'accettazione del trattario. Fino a quando l'accettazione non sia avvenuta la cambiale tratta contiene soltanto la promessa del traente di accettazione futura. Fino a quando l'accettazione non sia avvenuta la cambiale tratta contiene soltanto la promessa del traente di accettazione futura. Con l'accettazione il trattario (debitore) assume obbligazione diretta nei confronti del possessore della cambiale anche se questo non sia il traente. Con l'accettazione il trattario (debitore) assume obbligazione diretta nei confronti del possessore della cambiale anche se questo non sia il traente.

14 La girata è l'atto mediante il quale la cambiale viene ceduta in proprietà dal girante ad un'altra persona (giratario). Colui che riceve la cambiale per girarla può a sua volta trasferirla ad altri mediante un'altra girata, e così via; sarà l'ultimo giratario che presenterà la cambiale al debitore per ottenere il pagamento. La girata può essere in pieno od in bianco

15 girata in pieno con la girata in pieno viene indicato (sul retro della cambiale) anche il nome del nuovo beneficiario;

16 girata in bianco con la girata in bianco viene apposto solo il nome del girante (in questo caso chi possiede la cambiale ne è il proprietario; la cambiale diventa in pratica un titolo al portatore). con la girata in bianco viene apposto solo il nome del girante (in questo caso chi possiede la cambiale ne è il proprietario; la cambiale diventa in pratica un titolo al portatore).

17 L'avallo è un atto mediante il quale una persona si impegna a pagare la cambiale nel caso in cui il debitore non paghi alla scadenza. è un atto mediante il quale una persona si impegna a pagare la cambiale nel caso in cui il debitore non paghi alla scadenza. Colui che pone la propria firma per avvallo sulla cambiale si chiama avvallante. Colui che pone la propria firma per avvallo sulla cambiale si chiama avvallante.

18 Il pagamento la presentazione per il pagamento deve avvenire alla scadenza e precisamente nel giorno della scadenza o nei due giorni feriali immediatamente successivi e, nelle cambiali a vista, nel termine stabilito o, in mancanza, entro l'anno della data di emissione. la presentazione per il pagamento deve avvenire alla scadenza e precisamente nel giorno della scadenza o nei due giorni feriali immediatamente successivi e, nelle cambiali a vista, nel termine stabilito o, in mancanza, entro l'anno della data di emissione. La presentazione deve farsi nel luogo del pagamento e all'indirizzo indicato sul titolo; ove non risulti un preciso indirizzo deve farsi al domicilio del trattario o dell'emittente. La presentazione deve farsi nel luogo del pagamento e all'indirizzo indicato sul titolo; ove non risulti un preciso indirizzo deve farsi al domicilio del trattario o dell'emittente. Chi paga ha diritto alla consegna del titolo e alla quietanza del creditore sullo stesso. Chi paga ha diritto alla consegna del titolo e alla quietanza del creditore sullo stesso.

19 La girata per incasso spesso l'incasso della cambiale avviene tramite banca, a questo scopo il possessore della cambiale in scadenza gira la stessa ad una banca perché provveda ad incassarla. spesso l'incasso della cambiale avviene tramite banca, a questo scopo il possessore della cambiale in scadenza gira la stessa ad una banca perché provveda ad incassarla. Questo tipo di girata è particolare in quanto non trasferisce la proprietà della stessa. Questo tipo di girata è particolare in quanto non trasferisce la proprietà della stessa.

20 Il protesto se alla scadenza della cambiale l'obbligato (debitore) principale rifiuta di pagare è necessario che il possessore dimostri tale rifiuto. se alla scadenza della cambiale l'obbligato (debitore) principale rifiuta di pagare è necessario che il possessore dimostri tale rifiuto. A questo scopo la cambiale viene consegnata ad un Pubblico Ufficiale (Ufficiale Giudiziario) che accerta il rifiuto al pagamento. A questo scopo la cambiale viene consegnata ad un Pubblico Ufficiale (Ufficiale Giudiziario) che accerta il rifiuto al pagamento. L'atto di protesto è un verbale che viene attaccato alla cambiale non pagata. L'atto di protesto è un verbale che viene attaccato alla cambiale non pagata. Dopo il protesto può iniziare l'azione per il recupero del credito. Dopo il protesto può iniziare l'azione per il recupero del credito. I nominativi delle persone che non hanno onorato la cambiale o tratta accettate vengono pubblicati a cura della Camera di Commercio nel Bollettino dei protesti cambiari. I nominativi delle persone che non hanno onorato la cambiale o tratta accettate vengono pubblicati a cura della Camera di Commercio nel Bollettino dei protesti cambiari.

21 Le azioni cambiarie nel caso in cui l'emittente o accettante non paghino la cambiale alla scadenza, il portatore può procedere ad una duplice azione, in base al tipo di cambiale: nel caso in cui l'emittente o accettante non paghino la cambiale alla scadenza, il portatore può procedere ad una duplice azione, in base al tipo di cambiale: l'azione diretta nei confronti dell'emittente o dell'accettante e dei loro avvallanti. Non è necessario il protesto per esercitare l'azione diretta che deve essere però esercitata entro tre anni dalla scadenza della cambiale; l'azione diretta nei confronti dell'emittente o dell'accettante e dei loro avvallanti. Non è necessario il protesto per esercitare l'azione diretta che deve essere però esercitata entro tre anni dalla scadenza della cambiale; l'azione di regresso viene esercitata nei confronti degli altri obbligati cambiari quali i giranti. Ogni giratario poi si rivolgerà al proprio girante, così da risalire fino al debitore principale. Per esercitare questa azione occorre prima elevare il protesto entro due giorni dalla scadenza. L'azione di regresso deve essere esercitata entro un anno dalla scadenza della cambiale. l'azione di regresso viene esercitata nei confronti degli altri obbligati cambiari quali i giranti. Ogni giratario poi si rivolgerà al proprio girante, così da risalire fino al debitore principale. Per esercitare questa azione occorre prima elevare il protesto entro due giorni dalla scadenza. L'azione di regresso deve essere esercitata entro un anno dalla scadenza della cambiale.

22 L'esercizio dell'azione diretta e dell'azione di regresso si attua attraverso tre atti: atto di precetto: il possessore si rivolge ad un ufficiale giudiziario che intima al debitore di pagare entro 10° giorno; pignoramento: scaduto il termine senza che sia intervenuto il pagamento l'Ufficiale Giudiziario procede al pignoramento dei beni mobili ed immobili vendita all'asta dei beni pignorati.

23 Imposta di bollo Le cambiali al momento dell'emissione scontano un'imposta di bollo pari al 12 per mille dell'importo stabilito nel titolo stesso; i notevoli oneri in termini di imposta di bollo e di responsabilità ne hanno limitato notevolmente l'utilizzo, lasciando spazio a nuove forme di regolazione commerciale (quali le RI.BA.).

24 L'assegno Gli assegni si distinguono dalla cambiale essenzialmente per le diversità della funzione economica a cui adempiono: infatti, mentre la cambiale è uno specifico strumento di credito, gli assegni hanno la funzione di mezzi di pagamento sostitutivi della moneta. Gli assegni si distinguono dalla cambiale essenzialmente per le diversità della funzione economica a cui adempiono: infatti, mentre la cambiale è uno specifico strumento di credito, gli assegni hanno la funzione di mezzi di pagamento sostitutivi della moneta.

25 Lassegno bancario

26 Assegno bancario È un titolo di credito all'ordine o al portatore contenente l'ordine diretto ad una banca di pagare al possessore del titolo, la somma indicata nell'assegno. L'emissione dell'assegno presuppone l'esistenza di somme disponibili presso la banca alla quale l'ordine è diretto e presuppone che di queste somme il traente (colui che firma l'assegno,) possa disporre mediante assegno bancario. La riscossione dell'assegno dovrebbe avvenire presso la banca dove il correntista ha il deposito, nel termine di 8 giorni (se è pagabile nello stesso luogo di emissione) o di 15 giorni (se è pagabile in un altro luogo). Ciò non significa che, se non presentato nei termini sopraindicati, l'assegno non venga pagato; però l'assegno non può essere più protestato e quindi il possessore può esercitare i suoi diritti solo nei confronti dell'emittente dell'assegno e non dei giranti.

27 Elementi essenziali dell'assegno bancario sono: la denominazione di assegno bancario inserito nel contenuto; la denominazione di assegno bancario inserito nel contenuto; l'ordine incondizionato di pagare con una somma determinata; l'ordine incondizionato di pagare con una somma determinata; il nome di chi è designato a pagare (trattario banca); il nome di chi è designato a pagare (trattario banca); l'indicazione del luogo di pagamento. In mancanza di indicazione specifica vale come luogo di pagamento quello indicato accanto al nome del trattario; in mancanza di ogni indicazione vale come luogo di pagamento quello di emissione; l'indicazione del luogo di pagamento. In mancanza di indicazione specifica vale come luogo di pagamento quello indicato accanto al nome del trattario; in mancanza di ogni indicazione vale come luogo di pagamento quello di emissione; la data e il luogo di emissione. la data e il luogo di emissione. la sottoscrizione del traente. La circolazione dell'assegno bancario presenta pericoli ben maggiori di quelli che sono insiti nella circolazione cambiaria. la sottoscrizione del traente. La circolazione dell'assegno bancario presenta pericoli ben maggiori di quelli che sono insiti nella circolazione cambiaria.

28 Aseegno postdatato La posdatazione, per quanto molto diffusa in pratica, contrasta con la natura dell'assegno. Non solo non essendo valida impedisce la presentazione immediata dell'assegno ma, costituisce una irregolarità. Infatti attraverso l'emissione di assegni postdatati si usurpano le funzioni della cambiale e si sfugge all'applicazione delle tasse di bollo per questa previste; La posdatazione, per quanto molto diffusa in pratica, contrasta con la natura dell'assegno. Non solo non essendo valida impedisce la presentazione immediata dell'assegno ma, costituisce una irregolarità. Infatti attraverso l'emissione di assegni postdatati si usurpano le funzioni della cambiale e si sfugge all'applicazione delle tasse di bollo per questa previste;

29 Clausole dellassegno la clausola "non trasferibile" toglie all'assegno il carattere di titolo di credito impedendone la circolazione. L'assegno bancario non trasferibile è pagabile soltanto a chi vi è indicato e non può da questo essere girato se non ad un banchiere per l'incasso; la clausola "non trasferibile" toglie all'assegno il carattere di titolo di credito impedendone la circolazione. L'assegno bancario non trasferibile è pagabile soltanto a chi vi è indicato e non può da questo essere girato se non ad un banchiere per l'incasso; la clausola dello sbarramento consiste in due linee parallele trasversali sulla facciata anteriore del titolo. L'assegno sbarrato è pagabile dal trattario (banca) soltanto ai propri clienti o ad altra banca. la clausola dello sbarramento consiste in due linee parallele trasversali sulla facciata anteriore del titolo. L'assegno sbarrato è pagabile dal trattario (banca) soltanto ai propri clienti o ad altra banca.

30 Assegno circolare È un titolo di credito all'ordine emesso da un istituto all'uopo autorizzato o da un suo corrispondente e contiene la promessa di pagare a vista la somma indicata sul titolo, presso uno qualsiasi dei recapiti comunque indicati dall'emittente. È un titolo di credito all'ordine emesso da un istituto all'uopo autorizzato o da un suo corrispondente e contiene la promessa di pagare a vista la somma indicata sul titolo, presso uno qualsiasi dei recapiti comunque indicati dall'emittente. A differenza dell'assegno bancario, che ha la struttura della tratta, l'assegno circolare ha la struttura del pagherò cambiario e comporta l'obbligo del pagamento dello stesso da parte della banca. A differenza dell'assegno bancario, che ha la struttura della tratta, l'assegno circolare ha la struttura del pagherò cambiario e comporta l'obbligo del pagamento dello stesso da parte della banca. In considerazione di ciò l'assegno circolare è comunemente accettato come mezzo di pagamento in sostituzione delle monete e serve in particolar modo per l'invio e il trasferimento di somme da un luogo all'altro. In considerazione di ciò l'assegno circolare è comunemente accettato come mezzo di pagamento in sostituzione delle monete e serve in particolar modo per l'invio e il trasferimento di somme da un luogo all'altro. L'assegno circolare risulta sempre coperto perché l'emittente (la banca) richiede la copertura (in contanti o tramite addebito in conto corrente) dell'importo dell'assegno al momento stesso dell'emissione. L'assegno circolare risulta sempre coperto perché l'emittente (la banca) richiede la copertura (in contanti o tramite addebito in conto corrente) dell'importo dell'assegno al momento stesso dell'emissione.

31 Ricevute bancarie È attualmente il più diffuso strumento per incassare i crediti; le ricevute vengono emesse dal soggetto che vanta il credito e vengono consegnate ad una banca che riceve l'incarico di incassare alla scadenza il credito per conto del creditore. È attualmente il più diffuso strumento per incassare i crediti; le ricevute vengono emesse dal soggetto che vanta il credito e vengono consegnate ad una banca che riceve l'incarico di incassare alla scadenza il credito per conto del creditore. Al momento della riscossione la banca provvederà ad inviare al debitore ricevuta per quietanza. Al momento della riscossione la banca provvederà ad inviare al debitore ricevuta per quietanza. Le ricevute bancarie non sono vincolanti per il debitore, per cui non possono essere assimilate alle cambiali e non scontano l'imposta di bollo pari al 12 per mille. Le ricevute bancarie non sono vincolanti per il debitore, per cui non possono essere assimilate alle cambiali e non scontano l'imposta di bollo pari al 12 per mille.


Scaricare ppt "Corso di organizzazione aziendale Diritto commerciale I titoli di credito Docente: Rag. Nicola DOrazio."

Presentazioni simili


Annunci Google