La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La moneta bancaria Dipartimento di Economia Aziendale IPSSCT CECI - Ascoli Piceno Sede coordinata di Cupra Marittima.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La moneta bancaria Dipartimento di Economia Aziendale IPSSCT CECI - Ascoli Piceno Sede coordinata di Cupra Marittima."— Transcript della presentazione:

1

2 La moneta bancaria Dipartimento di Economia Aziendale IPSSCT CECI - Ascoli Piceno Sede coordinata di Cupra Marittima

3 2 Cosa si intende per moneta bancaria Per moneta bancaria si intendono i mezzi di pagamento messi in circolazione dalle banche in sostituzione della moneta contante. Accanto ai tradizionali assegni circolari e bancari il sistema bancario introduce sempre nuovi mezzi di pagamento: –Le carte di credito; –le carte assegni –le RIBA; –i bonifici e i giroconti bancari; –il Bancomat e le tessere multifunzione.

4 3 Lassegno bancario e circolare Lassegno bancario E simile alla tratta: compaiono tre soggetti: traente (emittente), la banca trattaria, il beneficiario Contiene un ordine di pagamento Per emetterlo occorre avere un c/c presso la banca trattaria Se il traente non ha in deposito in banca il denaro è emesso a vuoto; deve essere emesso allordinee non trasferibile. Può essere rilasciato libero con il pagamento di un bollo di 1,50 Lassegno circolare E simile al pagherò e vi compaiono due soggetti; non occorre essere correntista per ottenerne lemissione; contiene una promessa di pagamento di una banca Se di provenienza lecita (non risulta rubato o falsificato) è di sicuro buon fine; non può essere emesso per un importo superiore a non può essere emesso al portatore e obbligatoriamente con la dicitura non trasferibile;

5 4 Lassegno bancario // // unmilione ==== FRANCESCO DERCOLI Altidona20 aprile 1999 Luogo e data di emissione Importo in lettere e in cifre Beneficiario Firma dellemittente (traente) e n. del suo c/c Banca trattaria Madre coordinate bancarie n° assegno coordinate bancarie e n° assegno per la lettura ottica

6 5 Alcuni aspetti tecnici riguardanti lassegno LASSEGNO BANCARIO Lassegno bancario può essere emesso se esistono fondi sul c/c. I fondi possono provenire: da denaro depositato prima dellemissione dello stesso da un fido o scoperto di conto concesso dalla banca dietro il rilascio da parte del richiedente di alcune garanzie. Se lassegno bancario è emesso senza la presenza di fondi sul c/c è definito come assegno a vuoto o scoperto. lassegno deve sempre indicare la data di emissione essendo un titolo a vista è ammessa solo una posdatatura legata al tempo di spedizione postale. i moduli di assegni sono emessi non trasferibili; è possibile richiedere lassegno in forma libera pagando una imposta di bollo di 1,50 per ogni foglio del blocchetto di assegni non è possibile emettere assegni in forma libera per un importo superiore a sulle girate degli assegni in forma libera dovrà essere inserito il codice fiscale chi richiede o incassa gli assegni in forma libera potrà essere segnalato allAmministrazione finanziaria, se questa ne faccia richiesta.

7 6 Alcuni aspetti tecnici riguardanti lassegno 3 //1.000/00 MILLE/00 ==== DErcoli Pacifico Cupra Marittima19 aprile 2009 Assegno sbarrato è pagabile solo ad un cliente della BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PICENA Se tra le barre appare il nome di unaltra banca anche questa potrà effettuarne il pagamento. BANCA DI ROMA Non trasferibile Tale clausola inserita sul fronte o sul retro del titolo ne interrompe la circolazione. ripeto: tale clausola è obbligatoria in tutti gli assegni di importo superiore a NON TRASFERIBILE Taglio che la banca pratica al momento del cambio.

8 7 I termini per il pagamento //1.000/00 MILLE/00 ==== DErcoli Pacifico Cupra Marittima19 aprile 2009 Se lassegno è presentato per lincasso su piazza (CUPRA MARITTIMA) il termine di presentazione è di 8 giorni Se lassegno è presentato per lincasso fuori piazza (UNALTRA CITTA) il termine di presentazione è di 15 giorni Trascorso tale termine, se sul conto non sono disponibili i fondi, lassegno non è protestabile e viene riconsegnato al beneficiario insoluto. Ha perso pertanto il diritto allazione esecutiva. Ai fini del protesto è altrettanto importante fare attenzione alla correttezza formale del titolo. Esso infatti oltre ad essere completo non deve presentare correzioni. In presenza di correzioni esse devono essere confermate dal traente con unapposita dichiarazione firmata apposta sul fronte del titolo (ad esempio:confermo data …………, firma).

9 8 Lassegno circolare Elementi essenziali : - Denominazione di assegno cir. - Banca emittente - impegno a pagare - indicazione del beneficiario - luogo e data di emissione - importo - firma del cassiere Elementi aggiuntivi : - numero; - importo massimo - dati per lettura magnetica - numeri di controllo

10 9 Assegno circolare (madre) E la copia a calco che rimane al richiedente dellassegno come promemoria. Contiene gli stessi dati scritti sulloriginale. Oltre a lasciare traccia dellassegno in caso di utilizzo come mezzo di pagamento, contiene i dati che servono, in caso di smarrimento, a presentare limmediata denuncia in modo da bloccarne la circolazione

11 10 LASSEGNO CIRCOLARE Nellassegno circolare è la banca che si impegna a pagare la somma su di esso indicata; Sullassegno circolare la banca paga unimposta di bollo del 6 per mille. Tale imposta però non grava sul cliente; Può essere riscosso in uno qualsiasi degli sportelli della banca emittente; Salvo nei casi di furto in bianco, furto per rapina, ecc. lassegno è garantito nella copertura dalla banca e quindi è sempre destinato al buon fine; Se è superiore a e non addebitato in c/c è soggetto al pagamento del bollo di 14,62 deve essere presentato per il pagamento entro 30 giorni dalla sua emissione. Il ritardo nella presentazione non provoca il mancato pagamento ma riduce le tutele di legge nel caso di mancato pagamento. Alcuni aspetti tecnici riguardanti lassegno 2

12 11 Le carte di credito I due esempi sopra riprodotti riguardano carte di credito emesse da apposite società Sono nel contempo strumenti di pagamento (in quanto sostituiscono il denaro nei pagamenti) e strumenti di credito (in quanto al titolare limporto viene addebitato dopo un certo periodo di tempo). Sono destinati a pagamenti anche di una certa rilevanza presso negozi, ristoranti, alberghi convenzionati. A fine mese viene inviato al cliente un estratto conto con i prelevamenti effettuati e i versamenti che lutilizzatore fa a saldo. In caso di smarrimento deve essere data immediata comunicazione allemittente in modo da bloccarne lutilizzo.

13 12 Il bancomat e le carte multifunzione La carta bancomat è diventata con il tempo una tessera multifunzione. Oltre alla possibilità prelevare denaro contanti da qualsiasi sportello automatico posto fuori dalla banca è stata abilitata nel corso del tempo a numerosi altre funzioni: - richiesta di estratto conto e saldo - pagamento della spesa presso i negozi che aderiscono al servizio; - pagamento del pedaggio autostradale; - fino a tutte le funzioni di pagamento assistito garantito dalle classiche carte di credito. Banda magnetica con i dati del titolare della carte Points of sale Le carte multifunzione sono destinate ad un uso rivolto alle esigenze giornaliere. Danno una possibilità di spesa giornaliera (250 ) e mensile (1.500 ) limitata. FronteRetro

14 13 Il bonifico bancario Debitore Colui che ordina il pagamento Banca del debitoreBanca del beneficiario Beneficiario Colui che deve riscuotere La banca addebita il c/c del debitore e trasferisce i fondi alla banca del beneficiario La banca del beneficiario riceve i fondi e accredita il suo c/c Il giroconto bancario Debitore Colui che ordina il pagamento Beneficiario Colui che deve riscuotere Banca di entrambi La banca preleva limporto dal c/c del debitore e versa limporto sul c/c del beneficiario Entrambi correntisti della stessa banca


Scaricare ppt "La moneta bancaria Dipartimento di Economia Aziendale IPSSCT CECI - Ascoli Piceno Sede coordinata di Cupra Marittima."

Presentazioni simili


Annunci Google