La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Detersivi fai da te. Cosa contiene un detersivo? I componenti principali di un detergente sono: Solventi come acqua, etanolo, isopropanolo o ammoniaca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Detersivi fai da te. Cosa contiene un detersivo? I componenti principali di un detergente sono: Solventi come acqua, etanolo, isopropanolo o ammoniaca."— Transcript della presentazione:

1 Detersivi fai da te

2 Cosa contiene un detersivo? I componenti principali di un detergente sono: Solventi come acqua, etanolo, isopropanolo o ammoniaca Tensioattivi per emulsionare lo sporco.Tensioattivi Sequestranti per addolcire l'acquaSequestrantiacqua Candeggianti (ad esempio ipoclorito o perborato di sodio) per sbiancare.Candeggiantiipocloritoperborato di sodio Enzimi per decomporre lo sporco formato da proteine, grassi o carboidratiEnzimiproteinegrassicarboidrati altri componenti per il controllo della schiumosità, profumi, coloranti, azzurranti ottici, emulsionanti, addensanti.schiumositàprofumicolorantiazzurranti otticiemulsionanti

3 Tensioattivi e Micelle

4 Tensioattivi tensioattivi anionici: sono piu' efficaci per lo sporco particolato (a base di polveri). Alcuni esempi: alchilbenzen solfonati a catena lineare (LAS: molto diffusi, abbastanza biodegradabili; sono sospettati tuttavia di essere dannosi per la salute); solfati di alcooli grassi primari (PAS, di cui molto diffuso il lauril solfato, ottimamente biodegradabile); alchil etere solfati (AES, di cui molto diffuso il lauril etere solfato, LES); saponi. tensioattivi non-ionici : sono piu' efficaci contro lo sporco unto. alcooli grassi etossilati (AE); copolimeri ossido di etilene/propilene (addotti EO/PO); Generalmente si usano miscele di anionici e non-ionici combinati. tensioattivi cationici : vengono utilizzati principalmente negli ammorbidenti e nei detersivi per superfici rigide ad azione disinfettante. Molto inquinanti. Esempio: cloruri di ammonio quaternario. tensioattivi anfoteri : sulla stessa molecola sono presenti le due cariche (positiva e negativa) e si comportano in modo diverso a seconda del pH; sono spesso presenti nei detergenti per il corpo perche' sono delicati sulla pelle. Esempio: betaine.

5 Sapone e Lisciva Il sapone e' una miscela di sali sodici o potassici di acidi carbossilici a catena lunga lineare. Gli aspetti negativi dell'utilizzo del sapone riguardano l'efficacia: 1. in acqua dura, il sapone di sodio o potassio e' convertito in sapone di calcio insolubile in acqua, che si rideposita sulle fibre; 2. fra i grassi contenuti nel sebo, i trigliceridi non saponificano, perfino a pH > 11. La lisciva rende basico il pH e gli acidi grassi del sebo (sporco grasso) saponificano, formando saponi di sodio, solubili in acqua! Questo effetto si ha anche aggiungendo ossidi minerali alcalini (es.: tripolifosfati, silicati, perborati, percarbonati). Tuttavia, si ripropongono gli aspetti negativi evidenziati per l'uso del sapone. Dal punto di vista dell'efficacia, il problema della durezza (che in Europa e' molto sentito) condiziona parecchio il rendimento del sapone, tanto che spesso viene sfruttata solo la sua proprieta' antischiuma dovuta proprio alla formazione del sapone di calcio, anziche' le proprieta' detergenti. – nel caso del sapone, lo si rende piu' efficace strofinando il tessuto con le mani; – invece, nel caso per esempio dei detersivi per lavatrice o lavastoviglie, essi devono essere attivi nelle precise condizioni di lavoro impostate con il programma di lavaggio della macchina, senza interventi dall'esterno. In piu', nei detersivi i tensioattivi sono sempre affiancati da altre sostanze che li aiutano in modo decisivo a effettuare un buon lavaggio. Dal punto di vista tossicologico e ambientale, i saponi sono senz'altro i tensioattivi piu' rispettosi della salute e dell'ambiente, sia per la compatibilita' con i tessuti biologici sia per la completa biodegradabilità

6 Sequestranti Si tratta di sostanze addolcenti per l'acqua (water softeners), aggiunte ai tensioattivi per migliorare la detergenza. Esse complessano gli ioni Ca2+ e Mg2+(responsabili della durezza dell'acqua); Ne sono esempio: fosfati, zeoliti, silicati, carbonati. La scelta del tipo di tensioattivo dipende anche da tipo e quantita' dei builders. Sono generalmente presenti al 20-25%. I FOSFATI In Italia il loro uso e' molto limitato (eutrofizzazione) SCAMBIATORI DI IONI (ZEOLITI, SILICATI) Si tratta fondamentalmente di alternative ai polifosfati: Si presentano come polveri quasi insolubili in acqua; a causa di questa caratteristica, creano grosse quantita' di fanghi nei fiumi e nei bacini idrici, tanto che i letti dei fiumi sono gia' considerati sorgenti di zeoliti. Le zeoliti immesse nei bacini non sono affatto sature o inattive: svolgono ancora perfettamente la loro funzione di scambiatrici di ioni, quindi possono perturbare lecosistema in cui si trovano causando danno ambientale.

7 EDTA Il tetrasodium EDTA è un chelante, ovvero ha la funzione di reagire e formare complessi con ioni metallici che potrebbero alterare la stabilità e/o laspetto dei cosmetici stessi. In pratica "sequestra" i metalli, ma così facendo li rende disponibili per essere disciolti in acqua. Quindi i residui di cosmetici che finiscono nelle acque, provocano un aumento dei metalli presenti in esse. Con conseguente intossicazione della fauna marina. Presente in genere nello 0,5%

8 Candeggianti Rimuovono il colore dal substrato con una reazione chimica irreversibile; agiscono sia distruggendo o modificando i gruppi cromofori, sia spezzando le molecole colorate in particelle piu' piccole e solubili. Sono di 3 tipi: 1. agenti riducenti (solfiti o bisolfiti): sono efficienti, ma puzzano. 2. composti del cloro: sono efficaci alle basse temperature e costano poco, ma hanno un elevato impatto ambientale (formazione clorammine, cancerogene) e rovinano alcuni tessuti. 3. composti che sviluppano ossigeno libero: perborato sodico: viene ancora utilizzato (detersivi per bucato e lavastoviglie), ma il suo contenuto in boro lo rende dannoso per l'ambiente (pare che abbia effetti negativi sulla crescita delle piante); percarbonato sodico: e' del tutto compatibile con l'ambiente. La sua molecola contiene acqua ossigenata (H 2 O 2 ); in assenza di particolari additivi detti attivatori di sbianca, va usato a temperature superiori a 60°C. In caso contrario, il suo effetto sbiancante e sopratutto l'effetto igienizzante sono molto scarsi. Nei detersivi arrivano al 15%

9 che più bianco non si può! Gli sbiancanti ottici sono sostanze presenti in qualsiasi detersivo comune; si tratta di coloranti che aderiscono alle fibre, assorbono la radiazione ultravioletta e riemettono per fluorescenza luce visibile blu. La luce blu fluorescente fa scomparire lingiallimento delle fibre ed in questo modo locchio umano percepisce il colore del tessuto candeggiato otticamente più bianco del bianco. Ci sono diversi tipi di sbiancanti adatti ai diversi tipi di fibra: quello adatto per il cotone è il DASC ( acido 4, 4- bis- triazinilammina- stilben disolfonico).

10 ANCORA???? Enzimi Agenti schiumogeni Agenti antischiuma Anti-rideponenti (carbossimetilcellulosa, amido di riso) Riempitivi (acqua e solfato di sodio) Riduttori di viscosità Idrotropi (glicole propilenico, trietanolammina) Coloranti (!!) Profumi

11 Detersivo per i piatti SODIUM C10-13 ALKYL BENZENESULFONATE tensioattivo anionico aggressivo LAS, abbastanza biodegradabile SODIUM LAURETH SULFATE tensioattivo forte, biodegradabile MAGNESIUM SULFATE (Riempitivo e aumenta la durezza dellacqua) PARFUM LIMONENE CITRIC ACID TETRASODIUM EDTA BENZISOTHIAZOLINONE (antibatterico, non biodegradabile) TOCOPHERYL ACETATE (antiossidante, biodegradabile) Sodium hydroxide SODIUM SULFATE (riempitivo) Colorants

12 DETERSIVI AUTARCHICI !!! ATTENZIONE USATE SEMPRE I GUANTI PER LE PULIZIE DOMESTICHE! SE USATE PERCARBONATO E CARBONATO ASSICURATEVI DI AVERE SCARPE CHIUSE !!!

13 Laceto e lacido citrico possono essere usati per pulire tutte le superfici lavabili, sono ottimi per i sanitari. Non vanno bene per MARMO. Laceto non va bene per le superfici METALLICHE

14 Acido Citrico RICETTA ANTICALCARE: prepara una soluzione al 18%-20% (cioè sciogli g di acido citrico in 800ml dacqua), lascia agire per qualche minuto e risciacqua. Stai certo che tutte le incrostazioni calcaree spariranno. Ricorda che lacido citrico è sì naturale, ma è efficace come un normale detergente acido, per cui sconsigliamo di utilizzarlo su superfici sensibili allacido quali il marmo, il cotto, le pietre e il legno RICETTA DISINCROSTANTE PER LAVATRICE: prepara una soluzione al % in un litro dacqua (anche qui significa da 180 a 250g di acido citrico in ml dacqua). Versa il liquido ottenuto direttamente nel cestello della lavatrice ancora vuoto ed esegui un lavaggio ad alta temperatura. Per avere il migliore risultato ripeti loperazione una volta al mese. Va bene pure per macchine da caffè, ferro da stiro e lavastoviglie (brillantante) RICETTA AMMORBIDENTE: lacido citrico ha una doppia funzione per la lavatrice, disincrosta lelettrodomestico e ammorbidisce la biancheria. Per usare lacido citrico come ammorbidente perpara una soluzione un po più leggera, al 10% (100g di prodotto in 900ml dacqua); versa poi 100ml - equivalente a mezzo bicchiere dacqua - nella vaschetta dellammorbidente. Aggiungi a piaciere alcune gocce di olio essenziale (usare acqua distillata oppure se si forma il corpo di fondo non utilizzarlo, è citrato di calcio)

15 Preparare soluzioni senza bilancia Il succo di limone contiene circa il 7% di acido citrico Lacido citrico è meno denso del sale, un cucchiaio raso pesa 10 grammi, uno colmo 15 grammi

16 Fare laceto in casa

17 Lucidare largento CON UNA PILA… Basta mettere loggetto in una bacinella, con sale, bicarbonato e un foglio di alluminio… Acqua Silicato di Alluminio Octadecyl 3-mercaptopropionate (gelificante) Alcohols, C16-18 and C18-unsatd., ethoxylated PARFUM XANTHAN GUM (serve come legante) DIMETHICONE (antischiuma) clorocresolo (conservante) bifenil-2-olo (conservante) Silicato di litio e magnesio Formaldehyde (conservante) SODIUM METAPHOSPHATE (sequestrante) ETHANOLAMINE (tampone)

18 LE BASI Le basi o alcali sono sostanze che in soluzione acquosa danno un pH>7 Si possono usare sul marmo e sullacciaio (che invece a contatto con acido uno si scioglie, lalto libera nichel) e nelle lavatrici In cucina si trovano NaHCO3, Na2CO3, NaOH, Citrato di sodio

19 Detersivo per lavastoviglie 50°C Sodio carbonato (Solvay) 40% (alcalinizzante, rompe lo sporco) Sodio Citrato tetraidrato 44% (Sequestrante) Sodio percarbonato 15% (liberatore di ossigeno) Amido 1% (Antiridepositante) Brillantante:caricate la vaschetta del brillantante con una soluzione concentrata di acido citrico al 15%.

20 Bucato A mano: Sapone (fatto in casa, ALGA, allolio di cocco nei discount) Maglioni a mano: Shampoo bio (LUSH. Il sapone non è a ph 5.5, si infeltrisce!) Lavatrice, massimo una volta a settimana per lenzuola, intimo, pantaloni… alta temperatura (60) e pochissimo detersivo per bucato biologico in polvere. Il sapone non fa niente se non viene strofinato prima. Il percarbonato è un buon detersivo ma danneggia i tessuti. Aggiungere 2 palline da tennis

21 Detersivo per lavatrice (forte) 50°C Sodio carbonato (Solvay) 40% (alcalinizzante, rompe lo sporco) Sodio Citrato 10% (Sequestrante) Sodio percarbonato 20% (liberatore di ossigeno) Sapone marsiglia 15% (tensioattivo) Detersivo 15% 100 g per 7 kg di bucato sporco: 2 manciate di sapone di Marsiglia - mezzo bicchiere di detersivo per piatti ecologico - 2 cucchiai rasi di soda solvay - 1 cucchiaio e mezzo di per carbonato - 2 cucchiai di acido citrico sciolto in mezzo bicchiere di acqua e aggiungere bicarbonato di sodio finchè non reagisce più. Per i capi scuri togliere il percarbonato

22 Dove lo trovo il percarbonato?? AllEurospin!! Dexal - PiùBianco Sbiancante INCI: Sodium carbonate peroxide / ossidante / sbiancante a base di ossigeno Sodium sulfate / viscosizzante Silica / abrasivo / assorbente / opacizzante / viscosizzante / antiimpaccante Fatty alcohol polyglycol ethers / alcool grasso poliglicoletere / tensioattivo non ionicoparfum Formato: secchiello rosso in plastica da 1 kg Prezzo: 2.29 euro

23 E il citrato? Pesare lacido citrico, aggiungere un po dacqua e bicarbonato di sodio fino a scomparsa delle bollicine… Lacido citrico è un acido e reagisce con il bicarbonato di sodio, una base, per dare citrato di sodio e anidride carbonica (le bollicine)

24 Disincrostante Caffè bollente sulla pentola in cui è rimasto attaccato del grasso animale FORNO: Soda Solvay (o lisciva) – Na2CO3 Pappetta bicarbonato con pochissimo detersivo piatti (tipo VIM)

25 DETERSIVO PER PAVIMENTI Secchio di acqua molto calda Mezzo bicchiere di aceto 2 gocce di detersivo per piatti Se avete il marmo non mettete laceto ma lalcool, con lalcool potete usare un pezzettino di sapone avanzato invece che le 2 gocce di detersivo Per il parquet usare acido citrico e un cucchiaino di detersivo per piatti bio

26 Stura lavandino Fai bollire 4 litri di acqua, versa 4 cucchiai di bicarbonato nel tubo e immediatamente lacqua bollente Se non dovesse funzionare ripeti la stessa cosa con acqua + un bicchiere di aceto. Oppure acqua e cenere bollita, acqua e soda caustica (ATTENZIONE)

27 Ammorbidente Un ammorbidente convenzionale è composto principalmente da esterquat (molecola ammorbidente) che può essere di origine vegetale o animale e una serie di ingredienti di origine petrolchimica scarsamente o per nulla biodegradabili Aqua > solvente Hardened TEA Quaternary (?) > tensioattivo cationico Isopropyl Alcohol > solvente Tallow Alcohol >emolliente Parfum >fragranza Simethicone >emolliente Aloe Barbadensis >Botanicals Cetyl Hydroxyethylcellulose >Filmante Benzisothiazolinone >antibatterico Butylphenyl Methylpropional >fragranza Hexyl Cinnamal >fragranza Benzyl Alcohol >fragranza Polymeric Bright Yellow >colorante Polymeric Patent Blue >colorante 100ml di aceto 100ml di acido citrico al 10%- 25% (per acque dure due cucchiai in mezzo bicchere dacqua)

28 Candeggina?? Acqua ossigenata: è ecologica, sbianca, non puzza, aggredisce poco le superfici trattate. È un ottimo disinfettante Dose per candeggina delicata: diluire 5 volte acqua ossigenata al 35% (dal ferramenta)

29 Detersivo vetri Mettere in uno spruzzino 50ml di succo di limone o di aceto e 450ml di acqua con un goccio di detersivo per piatti In un barattolo di vetro capiente raccogliere bucce di limoni usati e aceto. Usare aceto puro con una spugnetta o le bucce dei limoni per strofinare il piano Sgrassatore del piano cottura (no acciaio)

30 Sapone (tecnica a freddo) 1 tazza da te di acqua IN UN SECCHIO DENTRO LA PILA, spargere 4 cucchiai colmi di soda caustica. Lavare subito il cucchiaio. Scaldare in un bollilatte mezzo litro di olio Quando lolio è caldo ma si può toccare con un dito METTERSI I GUANTI E VERSARE A FILO NEL SECCHIO Mescolare energeticamente con una forchetta di legno lunga. Poi con frullino monta panna Appena fa il nastro, mettere in una vaschetta per gelati. Chiudere e mettere in caldo (coperta+bagnina, termosifone, sole…) Dopo 10 ore tagliarlo a pezzi e metterlo nello sgabuzzino ad asciugare x 2 mesi, è possibile prelevarlo prima per lavare i panni ma mettersi i guanti.

31 Detersivo per piatti bio DETERSIVO PER PIATTI A MANO (tensioattivo) Alchilpoliglucoside 20% (oppure maprosyl 30, oppure SLS) (conservante) Alcool etilico 5% (sequestrante)Acido citrico 5% Glicerina 3%

32 Ingredienti Acido Citrico: Negozi x laboratori chimici Aceto, Alcool, Olio, Carbonato, Percarbonato: Supermercati Soda Caustica, Acqua ossigenata: Ferramenta Tensioattivi bio: gruppi dacquisto (altrimenti il lW5 ECO alla lidl…)

33 BIBLIOGRAFIA!! DOVE TROVARE I PRODOTTI Santoro prodotti chimici Via Antonio Di Rudinì, 12, Palermo


Scaricare ppt "Detersivi fai da te. Cosa contiene un detersivo? I componenti principali di un detergente sono: Solventi come acqua, etanolo, isopropanolo o ammoniaca."

Presentazioni simili


Annunci Google