La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La risposta dellebrea Etty alla dissoluzione della civiltà

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La risposta dellebrea Etty alla dissoluzione della civiltà"— Transcript della presentazione:

1 La risposta dellebrea Etty alla dissoluzione della civiltà

2 Nata nel 1914 in Olanda da una famiglia della borghesia intellettuale ebraica, Etty Hillesum muore ad Auschwitz nel novembre del 1943, a 29 anni.

3 Ragazza brillante, intensa, con la passione della letteratura e della filosofia, si laurea in giurisprudenza e si iscrive quindi alla facoltà di lingue slave; quando intraprende lo studio della psicologia, divampa la seconda guerra mondiale e con essa la persecuzione del popolo ebraico.

4 Campo di concentramento di Westerbork (Olanda)

5 Durante gli ultimi due anni della sua vita, scrive un diario personale: undici quaderni fittamente ricoperti da una scrittura minuta e quasi indecifrabile, che abbracciano tutto il 1941 e il 1942, anni di guerra e di oppressione per lOlanda. Forse anche a seguito di carenze educative e vuoti affettivi dovuti al burrascoso matrimonio dei suoi genitori, in quel periodo Etty vive relazioni sentimentali complicate, che la lasciano lacerata interiormente e mortalmente infelice.

6 Seguendo quindi un proprio itinerario, Etty matura una sensibilità religiosa che da ai suoi scritti una grande dimensione spirituale. La parola Dio compare anche nelle prime pagine del diario, usata però quasi inconsapevolmente, come spesso accade nel linguaggio quotidiano.

7 A poco a poco però Etty va verso un dialogo molto più intenso con il divino, che percepisce intimo a se stessa: Quella parte di me, la più profonda e la più ricca in cui riposo, è ciò che io chiamo Dio.

8 Ormai libera dagli errori del passato, si avvia sulla strada del dono di sé a Dio ed ai fratelli, nel suo caso il popolo ebraico, la cui sorte sceglie di condividere pienamente. Nel 1942, lavorando come dattilografa presso una sezione del Consiglio Ebraico, avrebbe la possibilità di aver salva la vita,

9 invece sceglie di non sottrarsi al destino del suo popolo e nella prima grande retata ad Amsterdam si avvia al campo di sterminio con gli altri ebrei prigionieri:

10 è infatti convinta che lunico modo per render giustizia alla vita sia quello di non abbandonare delle persone in pericolo e di usare la propria forza interiore per portare luce nella vita altrui.

11 I sopravvissuti del campo hanno confermato che Etty fu fino allultimo una persona luminosa. Al momento della sua partenza definitiva per il campo di sterminio Etty, che presagisce la fine, chiede ad unamica olandese di nascondere i suoi quaderni e di farli avere ad uno scrittore di sua conoscenza, a guerra finita.

12 WESTERBORK

13 [Westerbork lunedì pomeriggio alluna 23 novembre 1943, nel bugigattolo dei Mahler, dove Eichwald mi sta cuocendo una pappa nel latte] Carissimi, vorrei finalmente concludere una lettera per voi: è la quinta volta che ne comincio una. Qui si vivono troppe esperienze, e si è presi da sentimenti troppo contraddittori per poter scrivere. Io per lo meno non ci riesco. Vi mando appena un saluto.

14

15 Io sto in una baracchetta con cinque colleghe. Letti a due piani che tentennano molto sui loro sostegni, sicché quando la mia grassa viennese del piano di sopra si gira di notte nella sua cuccetta, il letto traballa come una nave nella tempesta.

16 E di notte ci sono dei topi che attaccano le provviste e i letti, una situazione un poco inquietante. E io, che faccio? Di nuovo mi arrabatto con quei cinque poveri bicchierini di caffè tra centinaia di persone. A volte scappo via per pura impotenza…

17 A volte si pensa che sarebbe più semplice essere finalmente deportati, che dover sempre assistere alle paure e alla disperazione di quelle migliaia e migliaia, uomini, donne, bambini, invalidi, mentecatti, neonati, malati, anziani, che in una processione ininterrotta sfilano lungo le nostre mani soccorrevoli.

18

19 Ricordo due giovani gemelli dagli identici bei visi scuri del ghetto e dagli occhi calmi e fanciulleschi sotto i loro zuccotti, che raccontavano con cortesia e stupore di essere stati portati via dalla messa alle quattro e mezzo di mattina,

20

21 Cerano bambini che cadevano addormentati sullassito polveroso o giocavano ad acchiapparsi in mezzo agli adulti. Due bambinetti svolazzano smarriti intorno al corpo pesante duna donna che giace priva di sensi in un angolo, proprio non capiscono perché la loro mamma se ne stia così immobile e non risponda.

22

23 Certo, accadono cose che un tempo la nostra ragione non avrebbe creduto possibili. Ma forse possediamo altri organi oltre alla ragione, organi che allora non conoscevamo, e che potrebbero farci capire questa realtà sconcertante.

24 Ma la ribellione che nasce solo quando la miseria comincia a toccarci personalmente non è vera ribellione, e non potrà mai dare buoni frutti. E assenza dodio non significa di per sé assenza di un elementare sdegno morale.

25

26 La gente è stata già caricata sui vagoni merci, le porte stanno per chiudersi. In giro cè molta polizia verde, che stamattina è sfilata lungo il treno cantando e a passo di marcia, e cè pure molta gendarmeria olandese. Il totale previsto dei partenti non è stato ancora raggiunto. Poco fa mi sono imbattuta nella mamma dellorfanotrofio con un bambino piccolo in braccio: anche lui doveva partire, da solo.

27

28 Il cielo è pieno di uccelli, i lupini violetti stanno là così principeschi e così pacifici, su quella cassa si sono sedute a chiacchierare due vecchiette, il sole splende sulla mia faccia e sotto i nostri occhi accade una strage, è tutto così incomprensibile.

29

30 Vorrei tanto poter trasmettere ai tempi futuri tutta l'umanità che conservo in me stessa, malgrado le mie esperienze quotidiane. L'unico modo che abbiamo di preparare questi tempi nuovi è di prepararli fin d'ora in noi stessi.

31 Quel che fa paura è il fatto che certi sistemi possono crescere al punto da superare gli uomini e da tenerli stretti in una morsa diabolica, gli autori come le vittime.

32 Credo in Dio e negli uomini e oso dirlo senza falso pudore. La vita è difficile ma non è grave: dobbiamo cominciare a prendere sul serio il nostro lato serio, il resto verrà da sé.

33 Una pace futura potrà essere veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in se stesso; se ogni uomo si sarà liberato dall'odio contro il prossimo, di qualunque razza o popolo; se avrà superato quest'odio e l'avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore, se non è chiedere troppo.

34 E' l'unica soluzione possibile. E' quel pezzettino d'eternità che ci portiamo dentro. Sono una persona felice e lodo questa vita, nell'anno del Signore 1942, l'ennesimo anno di guerra.

35 Le mie battaglie le combatto contro di me, contro i miei proprio demoni: ma combattere in mezzo a migliaia di persone impaurite, contro fanatici furiosi e gelidi che vogliono la nostra fine, no, questo non è proprio il mio genere. Non ho paura, non so, mi sento così tranquilla. Mi sento in grado di sopportare il pezzo di storia che stiamo vivendo, senza soccombere.

36 I MALATI, I VECCHI E I BAMBINI SONO TRA I PRIMI AD ESSERE PORTATI SUI TRENI

37 mi capita spesso di camminare di buon passo lungo il filo spinato e allora dal mio cuore s'innalza sempre una voce: non ci posso far niente, è così, è di una forza elementare e questa voce dice: la vita è una cosa splendida e grande, più tardi dovremo costruire un mondo completamente nuovo.

38

39 Mi sembra che si esageri nel temere per il nostro corpo. Lo spirito viene dimenticato, s'accartoccia e avvizzisce in qualche angolino. Viviamo in un modo sbagliato, senza dignità. Io non odio nessuno, non sono amareggiata: una volta che l'amore per tutti gli uomini comincia a svilupparsi in noi, diventa infinito.

40

41 Bene, io accetto questa nuova certezza: vogliono il nostro totale annientamento. Ora lo so: Continuo a lavorare e a vivere con la stessa convinzione e trovo la vita ugualmente ricca di significato, anche se non ho quasi più il coraggio di dirlo quando mi trovo in compagnia.

42

43 La vita e la morte, il dolore e la gioia e persecuzioni, le vesciche ai piedi e il gelsomino dietro la casa, le innumerevoli atrocità, tutto, tutto è in me come un unico, potente insieme e come tale lo accetto e comincio a capirlo sempre meglio.

44 Un'altra cosa ancora dopo quella mattina: la mia consapevolezza di non essere capace di odiare gli uomini malgrado il dolore e l'ingiustizia che ci sono al mondo, la coscienza che tutti questi orrori non sono come un pericolo misterioso e lontano al di fuori di noi, ma che si trovano vicinissimi e nascono dentro di noi: e perciò sono più familiari e assai meno terrificanti.

45 A ogni nuovo crimine o orrore dovremo opporre un nuovo pezzettino di amore e di bontà che avremo conquistato in noi stessi.

46 Possiamo soffrire ma non dobbiamo soccombere.

47 Fine della presentazione


Scaricare ppt "La risposta dellebrea Etty alla dissoluzione della civiltà"

Presentazioni simili


Annunci Google