La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

…si chiamano Mayra, Lorena, Alejandro….sono le ragazze e i ragazzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "…si chiamano Mayra, Lorena, Alejandro….sono le ragazze e i ragazzi."— Transcript della presentazione:

1 …si chiamano Mayra, Lorena, Alejandro….sono le ragazze e i ragazzi

2 che a gruppi vivono nelle strade di Città del Guatemala, per mancanza della famiglia o per fuggire da condizioni di vita insopportabili nelle baraccopoli.

3 Nelle strade di Città del Guatemala, una ventina danni fa, Mayra e compagni hanno fatto un incontro importante: il professore Gérard Lutte delluniversità La Sapienza di Roma, che è stato ad ascoltare i loro racconti di miseria e violenza, ma anche di speranza e di futuro.

4 Da allora è iniziato un processo di liberazione, personale e di gruppo, che li ha portati a riscoprire la propria dignità umana. Hanno preso coscienza che solitudine, povertà, droga, violenza, razzismo e sfruttamento non sono fatti naturali e inevitabili, ma prodotti di un mondo e di una società ingiusti. Così, con l'appoggio e l'amicizia di giovani e adulti anche di altri paesi, è nato il MOVIMIENTO JÓVENES DE LA CALLE (MOJOCA) che ha iniziato ad organizzarsi e a progettare il proprio futuro a partire dalla strada. Oggi in Guatemala il MOJOCA è lunica realtà che si interessa dei ragazzi di strada e per loro rappresenta lunica speranza, dopo che varie associazioni o istituzioni hanno chiuso la loro attività.

5 Il primo sogno realizzato al MOJOCA è stato laffitto nel 1998 e poi lacquisto nel 2000 della casa dellamicizia, ristrutturata nel La casa è diventata un luogo dincontro frequentato ogni giorno da 60–70 giovani.

6 Nella casa si mangia (una cinquantina i pasti serviti al giorno).

7 Nella casa si studia (circa 50 ragazzi frequentano la scuola di base).

8 Nella casa si lavora (circa 40 apprendisti falegnami, panettieri-pasticceri, cuochi, sarti). Dal 2010 laddestramento professionale si fa allinterno dei laboratori solidali Mojoca.

9 Nella casa si fanno riunioni e assemblee dove si prendono decisioni e si fanno progetti.

10 Nel MOJOCA si è assistiti da medici e psicologi. Molti giovani partecipano a corsi esterni di scuola (secondaria e università) e formazione professionale. Diversi si sono inseriti in attività lavorative esterne, arrivando allautosufficienza per lavoro e casa.

11 Nel 2006 è stata inaugurata una seconda casa: la casa 8 marzo per ospitare per un periodo le ragazze che vogliono uscire dalla strada e i loro bambini, soprattutto quelle che soffrono situazioni di emergenza: gravidanza, salute, violenza, pericolo di morte.

12 Nel 2007 è stata inaugurata una casa analoga per i ragazzi: la "casa degli amici".

13 Nel 2010 sono nati i Laboratori Solidali Mojoca per produrre e vendere pane, pizza, pasticceria, gelati, prodotti di sartoria, prodotti di falegnameria, e dare così uno sbocco lavorativo ai giovani del Mojoca. Dal 2010 laddestramento professionale si fa allinterno di questi laboratori.

14 Nel 2013 nella casa 8 marzo è stata aperta una pizzeria con produzione e vendita di pizze e gaufrettes

15 Più di giovani hanno avuto rapporti con il MOJOCA da quando è nato. Non tutti sono usciti dalla strada, troppi sono morti di aids, e droga o uccisi dagli squadroni della morte. Però molte/i sono diventate/i responsabili del movimento, delle attività formative e produttive e già più di cento vivono stabilmente fuori dalla strada.

16 Le ragazze uscite dalla strada (una cinquantina) hanno formato un gruppo di auto-aiuto: LAS QUETZALITAS (il quetzal è un uccello del Guatemala simbolo di libertà).

17 I bambini figli delle Quetzalitas (una ottantina) hanno formato il gruppo delle MARIPOSAS (farfalle).

18 Gli adolescenti figli delle Quetzalitas (una quindicina) hanno formato il gruppo GENERAZIONE DEL CAMBIAMENTO.

19 Anche i ragazzi (una quindicina) hanno formato un loro gruppo, analogo a quello delle Quetzalitas, denominato NUEVA GENERACIÓN.

20 UN MOVIMENTO ORIGINALE Primo aspetto fondamentale che caratterizza il MOJOCA La fiducia in se stessi, lo spirito di iniziativa, il senso di responsabilità, hanno portato alla completa autogestione: dal 2006 sono le ragazze e i ragazzi che prendono tutte le decisioni e gli adulti sono semplici consiglieri.

21 La sincerità, il rispetto, la fiducia negli altri, la parità, la condivisione, sono ispirate dalla pedagogia-pratica dell'amicizia liberatrice. UN MOVIMENTO ORIGINALE Secondo aspetto fondamentale che caratterizza il MOJOCA

22 LE RETI DI AMICIZIA Le reti di amicizia (in Italia e in Belgio) sostengono con impegni di volontariato e con contributi finanziari le attività del MOJOCA. La rete italiana (Amistrada) annovera diverse centinaia di persone e una ventina di gruppi e fa parte del CIPSI (Coordinamento di Iniziative Popolari di Solidarietà Internazionale).

23 GLI OBIETTIVI FINANZIARI Per garantire funzionamento e sviluppo del MOJOCA occorre reperire circa /anno, così suddivisi: dal Guatemala, dal Belgio, dall'Italia

24 PER COLLABORARE impegni di volontariato Organizzare un gruppo di amicizia; fare conoscere le/i ragazze/i di strada; diventare socia/o della rete; svolgere un lavoro volontario per la rete contributi finanziari Scelta del 5per1000 per Amistrada: cf Versamento, una o più volte all'anno, preferibilmente per linsieme dei programmi Contributo (anche parziale) per uno dei vari programmi: alle spese dei pasti (85 /giorno), alladozione a distanza di un figlio di ragazza di strada (25 /mese), a una borsa per formazione scolastica o professionale (50 /mese) a una borsa di studio universitaria di un giovane (75 /mese), al salario di un giovane del coordinamento del Mojoca (250 /mese), alla gestione della casa 8 marzo (500 /mese), alla gestione della casa degli amici (500 /mese)

25 PER INFORMARSI - sito: - bollettini: Las Quetzalitas - libro: Principesse e sognatori nelle strade in Guatemala - video 3: Educazione è amicizia e libertà (2011) - video 2: Principesse e sognatori nelle strade del Guatemala (2007) - video 1: La loro storia si scrive nella strada (1998), Mirna e Mayra ci raccontano la strada (2001)


Scaricare ppt "…si chiamano Mayra, Lorena, Alejandro….sono le ragazze e i ragazzi."

Presentazioni simili


Annunci Google