La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Meningiti batteriche Prof. Enzo Raise Diretttore Malattie Infettive Osp. SS. Giovanni e Paolo ed Umberto 1° Venezia e Mestre-Venezia- Direzione Dipart.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Meningiti batteriche Prof. Enzo Raise Diretttore Malattie Infettive Osp. SS. Giovanni e Paolo ed Umberto 1° Venezia e Mestre-Venezia- Direzione Dipart."— Transcript della presentazione:

1 Meningiti batteriche Prof. Enzo Raise Diretttore Malattie Infettive Osp. SS. Giovanni e Paolo ed Umberto 1° Venezia e Mestre-Venezia- Direzione Dipart. Di Medicina.

2 2-5 casi per abitanti/anno in ITALIA Nel VENETO 0.3 per abitanti, in EUROPA 4 per abitanti Nei paesi del terzo mondo vi è una incidenza 10 volte più elevata,40 per ab.; in Italia il numero delle forme batteriche oscilla tra 600 e 900 casi. In Europa la meningite è: 1° da pneumococco ;2° neisseria meningitidis; 3° da Haemophilus Influentiae ( in notevole riduzione dopo l introduzione della vaccinazione). In Italia il numero delle forme da meningococco (Neisseria M.) sono circa 200 l anno di cui il sierotipo B e C sono i più diffusi.La sepsi da meningococco ha tassi di mortalità del %, la sola meningite del 14-30%

3 MENINGOCOCCO: paesi con epidemie

4

5 MENINGITE da meningococco C VENETO: Gruppo C

6 MENINGITE da Meningococco C VENETO

7 Età: 0-4settimane:Pneumococco,E.coli,Listeria M.,S.Agalactiae 1-3 mesi: come sopra più H.influentiae,Neisseria M. 3 mesi-18 aa: H.infl., Neisseria M.,Pneumococco 18-29: Meningococco 30-50aa:Pneumococco,Meningocco >50a:Pneumococco,Listeria Monocytogenes, Stafilococco coagulasi neg o positivo,Enterobatteriacee.

8 MENINGITE da Meningococco La maggior parte delle infezioni in Italia è dovuta al tipo C e B, dai 300 ai 200 casi del 2005, 86 nel 2006, 94 sino al 25 settembre 2007, quindi si sono ridotti rispetto agli anni precedenti, nel VENETO erano in media 20, nel 2007 sono stati 14 comprese i 7 del Trevigiano ma escluso il paz. di Venezia-Zelarino

9 MENINGITE Il sierotipo è una identificazione del gruppo a cui appartiene il meningococco (A,B,C, etc.) Il genotipo è la prova della paternità ossia da dove viene, nel caso di Treviso è un ceppo ispanico proveniente dal Sud America, nel 2000 è entrato in nord- Europa poi in Italia, è l ST-11/ET 37

10 MENINGITE I portatori temporanei sono in media il 10% della popolazione con un picco del 25% tra i 15 e 30 anni e del 5% tra gli adulti con più di 30 anni. Lo stato di portatore è temporaneo, qualche settimana /mese,poi trasferisce il meningococco ad altra persona perché si immunizza

11 MENINGITE: COME SI CONTRAE Attraverso il contatto stretto a meno di 1 metro con portatori o ammalati in fase di incubazione, quindi è per via aerea che si dissemina, pertanto devono essere profilassati i conviventi, chi ha dormito o mangiato a stretto contatto nella stessa casa, chi ha avuto contatti con la sua saliva ( baci con scambio di saliva, spazzolini da denti condivisi con il malato), chi è stato vicino in treno o in aereo o nel banco di scuola

12 MENINGITE : INFEZIONE delle MENINGI Le cause possono essere batteriche o virali

13 Meningite in prov. Treviso Birreria KALTEMBERG di Pederego 15 dicembre :decesso del 1°caso a Tv (paz origine greca) 17 dicembre decesso di paz senegalese di Silea 17 dicembre decesso di paz trevigiano(donna) 21 dicembre paz trevigiano ricoverato a PD (vivente)

14 MENINGITE L infezione si ha nello spazio subaracnoideo

15 MENINGITE nel veneziano alla fine del 2007-inizio novembre: ragazza inglese che proveniva da Barcellona e sbarcata a Treviso 4 gennaio: ragazzo di Venezia- Zelarino

16 MENINGITE Interessa tutto il sistema nervoso centrale encefalo cervelleto Midollo spinale

17 Tempo di incubazione : da 2 a 10 giorni, in media 2-4 giorni Sintomi:febbre elevata > 38.5, cefalea, nausea, vomito, perdita di coscienza, possibile comparsa di petecchie o porpora,rigidità nucale, gambe a cane di fucile, Brudzinsky positivo, kernig di 1° e 2° tipo positivo,lasegue positivo, globo vescicale, crisi epilettiche, assenza dei riflessi profondi e superficiali, etc.

18 Vi è l invasione batterica dello spazio subaracnoideo: superamento della barriera ematoliquorale. La meningite batterica può giungere per via ematogena ( attraverso il sangue) ( Pneumococco, Listeria M., meningococco),per contiguità per otiti, sinusiti, mastoiditi, fistole liquorali sfenoidali, etmoidali, del tegmen timpani,dell orbita. La presenza dei polisaccaridi capsulari, delle fimbrie, gioca un ruolo fondamentale nell impedire la fagocitosi, il rilascio di TNF alfa, ossido nitrico crea una migrazione leucocitaria con aumento della permeabilità vasale

19 MENINGOCOCCO MICROSCOPIO: COCCHI GRAM Neg.

20 MENINGOCOCCO

21 LIQUIDO DI COLTURA

22 Profilassi del personale sanitario: per coloro che hanno contatti stretti entro 1 metro ed hanno effettuato manovre di rianimazione con strumenti o bocca a bocca senza l ausilio della maschera FFp3. In caso di sospetta meningite batterica al paz. deve essere posta una mascherina chirurgica onde non vi sia la diffusione ambientale ( già dal sospetto in ambulanza). La profilassi si attua per le forme da Meningococco ed H. influenzae. Con Rifampicina 600 mg due volte die per 2 giorni consecutivi, in alternativa ciprofloxacina 500 mg due volte al dì per 1 giorno. La meningite batterica è soggetta a denuncia obbligatoria

23 Meningite :profilassi antibiotica La profilassi antibiotica serve a ridurre il rischio di nuovi casi dell 89%, inoltre riduce il numero dei portatori Profilassi con vaccino: serve a immunizzare una parte della popolazione creando un cordone sanitario tale da ridurre drasticamente la diffusione del meningococco

24 Meningite-Vaccino Il vaccino contro il meningococco C è attivo e ben tollerato. Gli effetti collaterali nel 3-5% dei casi sono dolore, astenia, rossore nella zona di iniezione,febbricola,l immunità è presente dall8° al 15° giorno dall iniezione

25 MENINGITE Il vaccino è presente anche per altri sierotipi: A,C,D,Y,W135, per coloro che si recano in zone ad alta endemia. Non esiste il vaccino per il sierotipo B

26 Meningite Il vaccino si effettua ai bambini di 13 mesi poiché prima non si immunizzano(lettera) Chiamata attiva per i 6 anni(lettera) Chiamata attiva per i 14 anni(lettera) Chiamata attiva ai trevigiani tra i 15 e i 29 anni(lettera) Offerta ai veneti tra i 15 e i 29 anni(presentazione spontanea all Igiene pubblica) Con ticket per coloro che hanno più di 29 anni(presentazione spontanea all Igiene pubblica)

27 Meningite Rapidità di diagnosi Rapidità di effettuazione della terapia Profilassi antibiotica Profilassi con vaccino Denuncia all Igiene pubblica


Scaricare ppt "Meningiti batteriche Prof. Enzo Raise Diretttore Malattie Infettive Osp. SS. Giovanni e Paolo ed Umberto 1° Venezia e Mestre-Venezia- Direzione Dipart."

Presentazioni simili


Annunci Google