La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL MEDIATORE (cosa fa il mediatore?) Facilita la comunicazione Conduce il percorso Garantisce lequilibrio delle parti: equi-distante ed equi- vicino Addestra.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL MEDIATORE (cosa fa il mediatore?) Facilita la comunicazione Conduce il percorso Garantisce lequilibrio delle parti: equi-distante ed equi- vicino Addestra."— Transcript della presentazione:

1 IL MEDIATORE (cosa fa il mediatore?) Facilita la comunicazione Conduce il percorso Garantisce lequilibrio delle parti: equi-distante ed equi- vicino Addestra alla cooperazione e sollecita la creatività Aiuta nella definizione degli accordi Non esprime giudizi né valutazioni Non consiglia né rappresenta gli interessi di una delle parti È tenuto alla riservatezza

2 Funzione conciliativa del giudice e equivicinanza del mediatore …il giudice è pensato nei sistemi moderni come nec utrum, né luno né laltro,…il mediatore … deve perdere la neutralità e perderla fino in fondo (E. Resta) Il mediatore abita il conflitto, sta nel mezzo... perché…la vita è in mezzo e quel che cè in mezzo potrebbe essere tutto… (la giusta distanza del mediatore) attraverso la competenza dello sguardo, lascolto empatico e unefficace comunicazione che sa fare silenzio, il m. può scoprire e valorizzare gli aspetti meno visibili della relazione e le risorse delle persone, offuscate dal conflitto, per propiziare il cambiamento.

3 Mediazione e mandato difensivo Loggetto della mediazione è la relazione (conflittuale) Loggetto del mandato difensivo è la tutela dei diritti e dei valori fondamentali della persona umana cui lo.g. attribuisce un signficato metaindividuale Equi-vcinanza del mediatore versus Parzialità del difensore

4 Funzione conciliativa dellavvocato e specificità della mediazione Il ruolo dellavvocato: Acquisire conoscenze specifiche sulla mediazione e competenze nellutilizzo delle tecniche mediative Riconoscere i bisogni e le emozioni delle persone Svincolare il/la proprio/a assistito/a dalle rigide maglie del diritto e offrirgli/le uno spazio diverso in cui – i mediatori, appunto – possano accompagnarlo/la in un percorso di restituzione della propria dignità e della propria autonomia decisionale.(T. Calfietro-R. Cornelli)

5 Arbitrato conciliazione e mediazione Larbitrato si basa sulla volontà dei contendenti di rivolgersi ad un terzo decisore neutrale. Le parti si accordano soltanto sul chi, sulloggetto della discussione e ove possibile sui limiti di efficacia della decisione che è comunque eteronoma. Nella conciliazione il terzo ha un ruolo attivo e direttivo. Utilizza tecniche di comunicazione, scoraggia ed evita gli sfoghi emozionali, fissa i punti della discussione e può proporre una bozza di accordo. La decisone finale è un compromesso frutto di reciproche concessioni tra le parti. La mediazione è un processo affidato alla responsabilità delle persone coinvolte le quali scelgono il mediatore, definiscono il contenuto della discussione, sono invitate ad ascoltarsi, ad esprimere le proprie emozioni ed a riconoscere i reciproci bisogni e interessi. Laccordo finale ha le caratteristiche di un patto basato sulla progressiva ri-costruzione della relazione, che consente di creare nuove regole per gestire il conflitto in atto ed imparare ad affrontarne altri che si troveranno a vivere.

6 La mediazione familiare è un processo volontario, di breve durata, partecipato ed inclusivo, rivolto al presente e al futuro, cognitivo e comportamentale, tendente allaccordo non imposto, accettabile per entrambi le parti facilita la comunicazione addestra alla negoziazione riduce il conflitto recupera la coppia genitoriale può prendere in esame tutti gli aspetti connessi alla separazione, da quelli legali a quelli finanziari, domiciliari e così via (mediazione globale), o solo le modalità di relazione con i figli e la loro gestione (mediazione parziale); si focalizza maggiormente sugli aspetti sottesi alle richieste esplicite e lavora attorno alla relazione; opera una distinzione tra problema e persona, tra posizione e interesse;

7 Le fasi del percorso di mediazione familiare 1 - Primo contatto: invio, contatto telefonico, coinvolgimento dellaltra parte, accoglienza e raccolta dati 2 – Il primo colloquio (gratuito); introduzione, eventuale pre-mediazione, il contratto 3 - Il confronto e la definizione degli argomenti 4 - Chiarimento del conflitto 5 - (segue) Approfondimento 6 - La ricerca delle opzioni creative 7 - La ridefinizione degli argomenti 8 - La contrattazione 9 - La stesura dellaccordo 10 – Il follow up (per valutare la tenuta nel tempo dellaccordo)

8 Laccordo finale: un programma di genitorialità condivisa È un verbale che contiene una descrizione del percorso svolto Viene sottoscritto da entrambi i coniugi e dal mediatore quale garante del percorso Presupposti: fiducia e riconoscimento reciproco Contenuti espressi: continuità dei legami genitoriali; responsabilità congiunta nelle decisioni (progetto educativo condiviso);equilibrio dei diritti e dei doveri (omologabilità) Contenuti espliciti: liberi secondo le esigenze precipue dei genitori e dei figli in situazione

9 Specificità della mediazione Relazione daiutomediazionediritto obiettivoCurare disagioOccuparsi della relazione conflittuale in vista della sua trasformazione Tutela legale contestoprivato Pubblico- giurisdizione ruoloaiutareeducaredifendere riferimentivissutiEmozioni-punti di vista-bisogni- interessi-progetto posizioni-diritti azionipassatofuturogiudizio oggettoIo-noiRelazione conflittualefatti esitoConsapevolezza/Ri- Soluzione del disagio Accordi Win-winsentenza

10 LA REGOLAZIONE GIUIDICA DEL CONFLITTO CONIUGALE Famiglia fondata sul contratto Modello di separazione rimedio Principio dellautoregolamentazione del conflitto coniugale (consenso) Interesse superiore del minore

11 LINTERESSE SUPERIORE DEL MINORE Riduzione della conflittualità Diritto alla co-genitorialità Mediazione familiare

12 Travolti da un insolito destino…restare genitori e…figli! La mediazione familiare consente alle persone di transitare dalla condizione di coppia coniugale e quella di coppia genitoriale perché Rappresenta unopportunità di trasformazione del conflitto coniugale e di ri-costruzione della relazione in senso generativo.

13 Il paradosso della mediazione familiare la ri-generazione del legame di coppia il dis-velamento del fine (genitoriale) dellalleanza originaria

14 I vantaggi dellaffido condiviso assicurare il diritto del minore alla bi- genitorialità ri-disegnare il modello di famiglia separata accogliere i bisogni e personalizzare le risposte

15 Art. 155 sexies co. 2°cod.civ. Poteri del giudice e ascolto del minore … Qualora ne ravvisi lopportunità, il giudice, sentite le parti e ottenuto i loro consenso, può rinviare ladozione dei provvedimenti di ci allart. 155 per consentire che i coniugi,avvalendosi di esperti, tentino una mediazione per raggiungere un accordo, con particolare riferimento alla tutela dellinteresse morale e materiale dei figli

16 Volontarietà della mediazione e obbligo informativo passaggio preliminare presso un Centro di Mediazione familiare pubblico o privato previsto dal ddl 957 di nuovo in discussione dal 5 giugno 2012 presso la commissione giustizia del senato (terminata la fase dellindagine conoscitiva e delle audizioni) "sganciare la mediazione familiare dal processo e dalla "giuridicizzazione – regolamentazione leggera – tregua legale

17 ESPERTO MEDIATORE SECONDO LE LINEE GUIDA AIMEF nuova figura tipica, extraprocessuale accesso alle sue specifiche prestazioni in base alle seguenti LINEE GUIDA OPERATIVE 1. in applicazione dellart.155sexies c.c. il provvedimento del giudice potrebbe essere del seguente tenore: Il giudice, sentite le parti ed ottenuto il loro consenso, riservato ogni provvedimento, rinvia ludienza al………..…..… per permettere alle parti di raggiungere un accordo avvalendosi di esperti mediatori familiari; … 4. è preferibile che il giudice non disponga un invio coatto indiretto in mediazione familiare (in ambito di Consulenza Tecnica dUfficio) ma che, alloccorrenza, si limiti a sensibilizzare le parti e i loro legali sulle opportunità che la risorsa offre, invitandoli al più ad un incontro informativo con un mediatore familiare qualificato, senza obbligo di accesso al percorso di mediazione; 5. allo scopo è necessario rendere accessibile alle parti e agli organi tradizionali del processo un elenco dei mediatori familiari esperti a favorire la comunicazione e la negoziazione finalizzata agli accordi di separazione distinto da quello dei CTU e degli altri ausiliari del giudice. LA.I.Me.F. chiede di rendere disponibile e consultabile lelenco dei propri associati presso la Cancelleria della Sez. Famiglia del Tribunale o della Volontaria Giurisdizione;

18 Le prassi giudiziarie L invio ai servizi socio-sanitari territoriali (affinché tentino una mediazione) Il mediatore come ausiliario del giudice (lesperienza del Tribunale di Lamezia) Linformazione preventiva (ludienza presidenziale presso il Tribunale di Roma – lelenco dei soggetti impegnati nel settore della mediazione familiare presso il Tribunale di Tivoli – lelenco presso lOrdine degli Avvocati di Messina (2011)- il Protocollo di Avezzano)

19 Esperienze ( ) Tipo di invio: informale (richiesta di uno/a dei due) -invito/suggerimento del magistrato (richiesta/contatto informativo anche da parte del legale) Tipologia di coppia: coppie, anche more uxorio, in crisi (informazione e/o premediazione) - coppie in fase di divorzio – Presenza di figli: tra i 2 e gli 8 anni Tipologia di affidamento disposto dal tribunale: affido condiviso (senza un percorso di mf) e convivenza presso la madre Rapporti economici: assegno di mantenimento e spese straordinarie al 50% Famiglie ricostituite: opportunità di colloqui con i nuovi partner


Scaricare ppt "IL MEDIATORE (cosa fa il mediatore?) Facilita la comunicazione Conduce il percorso Garantisce lequilibrio delle parti: equi-distante ed equi- vicino Addestra."

Presentazioni simili


Annunci Google