La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trattamento delle cefalee. Cefalea Patologia comune e di notevole rilevanza clinica Fenomeno sociale di grandi proporzioni Impatto sullindividuo e societa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trattamento delle cefalee. Cefalea Patologia comune e di notevole rilevanza clinica Fenomeno sociale di grandi proporzioni Impatto sullindividuo e societa."— Transcript della presentazione:

1 Trattamento delle cefalee

2 Cefalea Patologia comune e di notevole rilevanza clinica Fenomeno sociale di grandi proporzioni Impatto sullindividuo e societa >> elevati costi economici Colpisce prevalentemente gli adulti con incidenza del 15-20% della popolazione (12% in Italia) La massima incidenza viene raggiunta tra i 35 e i 45 anni. Le donne risultano essere 3 volte più colpite rispetto ai soggetti maschi.

3 Lincidenza dellemicrania : sesso - età Lipton RB et al, Headache, 2005, 45:S3

4 Impact of Migraine PERSONAL COSTS Leisure time lost due to migraine each year days lost days with restricted activity Inability or decreased ability to carry out daily activities Disruption of family and social life Fear of future migraines Stigma Data on file, GalxoWellcome Inc.; Survey: Impact of Migraine on Lifestyle 1995

5 Cefalee primitive Emicrania (nelle sue varianti) Cefalea tensiva Cefalea a grappolo ed emicrania cronica parossistica Cefalee da stress e psicogene Cefalee non associate a motivazioni riconoscibili

6 Mal di testa da tensione o cefalea muscolo-tensiva: è la più comune e riguarda circa il 70% delle cefalee. Emicrania comune (senza aura): circa 85% dei casi di emicrania Emicrania classica (con aura): circa 14% dei casi di emicrania. Cefalea a grappolo o cluster (nevralgia emicranica): circa 1% dei casi di cefalea.

7 Migraine Without Aura (Common Migraine) A. Two of the following: Headacheuni-bilateral site Headachepulsating quality Associated nausea Associated photophobia and phonophobia Moderate to Severe fronto- temporal pain - lasts 6 to 28 hours B. Other criteria: History of similar headaches No evidence of organic disease

8 Emicrania classica (con aura) Si differenzia dall'emicrania comune per alcuni disturbi premonitori come: ipersensibilità alla luce e/o al rumore, oscuramento del campo visivo, percezione di linee scintillanti o mosche volanti. La durata degli attacchi varia dalle 4 alle 24 ore.

9 Cefalea a grappolo o cluster (nevralgia emicranica) circa 1% dei casi di cefalea. È caratterizzata da estrema intensità, è molto invalidante, si presenta improvvisamente, solitamente localizzata intorno ad un occhio o alla tempia, dura in genere pochi minuti e nelle 24 ore può insorgere anche 10 o più volte. Per questo motivo viene definita cefalea a grappolo e colpisce in maggiore misura il sesso maschile.

10 Cefalee secondarie Post-traumatiche Associate a infezioni (meningee, cranio/facciali e sistemiche) Associate a patologie vascolari intracraniche (emorragia sub-aracnoidea, malformazioni vascolari, edema cerebrale, patologia cerebrovascolare acuta ecc.) Associate a patologie vascolari extracraniche (ipertensione sistemica, feocromocitoma) Associate a patologia intracranica non vascolare (neoplasie) Associate a patologia metabolico/endocrina (ipoglicemia, insufficienza respiratoria, insufficienza renale, dialisi ecc). Da algie facciali tipiche e atipiche (nevralgie craniche, alterarazioni delle strutture facciali o craniche, nevralgie posterpetiche, glaucoma e altre cause oculari) Da farmaci e tossici esogeni (assunzione e sospensione di alcol ecc.)

11 Probabili fattori scatenanti lemicrania FATTORI ALIMENTARI FARMACI VASODILATATORI (NITRATI) ESTROGENI PROGESTINICI ASTINENZA DA CAFFEINA FATTORI AMBIENTALI FATTORI METEOROLOGI ODORI RUMORI FATTORI PSICOLOGICI E COMPORTAMENTALI ANSIA DEPRESSIONE STRESS FAME DISTURBI DEL SONNO ALTRI FATTORI VARIAZIONI ORMONALI ALTITUDINE FATICA TRAUMA

12 Alimenti molto ricchi di istamina Alimenti fermentati (es. alcuni tipi di formaggi) Salumi stagionati Alimenti inscatolati Pesce inscatolato (tonno, acciuga, aringa ecc.) Alcuni tipi di pesce fresco (tonno, sardine, salmone, filetto dacciuga) Spinaci, pomodoro Carne di maiale Alimenti ricchi di tiramina Molti tipi di formaggio (con esclusione di parmigiano e mozzarella) Salumi Cacciagione frollata Caviale, aringhe affumicate o salate, tonno Uva, fichi Patate, fave, pomodoro, spinaci, cavolfiori Alimenti potenzialmente in causa nellemicrania

13 Alimenti di uso comune che possono contenere bisolfiti Vino e birra Bevande analcoliche Alcuni tipi di formaggio Frutti di mare Aceto, sottaceti Funghi in scatola Succhi di frutta Vegetali e frutta fresca Patatine fritte in bustina Carne macinata e conservata Alimenti potenzialmente in causa nellemicrania

14 Ipotesi patogenetiche dellemicrania Dilatazione intracranica dei vasi sanguigni Attivazione delle terminazioni sensoriali perivascolari del trigemino Trasmissione del dolore Rilascio di neuropeptidi dalle terminazioni nervose (es. sostanza P, CALCITONIN GENE RELATED PEPTIDE) Aumento vasodilatazione e del dolore Attivazione di altre vie centrali

15 Teorie patogenetiche dellemicrania Teoria vascolare: I fase: vasocostrizione arterie intracraniche (aura); II fase: vasodilatazione arterie extracraniche (dolore). Teoria serotoninergica: causa vasocostrizione; potenzia lazione algogena di prostaglandine e bradichinina. Teoria della spreading depression: riduzione focale dellattività elettrica e aumento del flusso ematico in seguito allapplicazione di uno stimolo doloroso. Teoria del dolore centrale: ipertono serotoninergico + riduzione peptidi oppiodi.

16 Antidepressivi triciclici: amitriptilina Agonisti dopaminergici: lisuride Anticonvulsivanti: acido valproico Sali di litio (cefalea a grappolo) Vitamina B6, magnesio

17 Farmaci per il trattamento dellattacco acuto Agonisti dei recettori serotonergici 5-HT 1B/1D/1F FANS

18 Farmaci per il trattamento dellattacco acuto TRIPTANI Agonisti dei recettori serotonergici 5-HT 1B/1D/1F

19 Distribuzione fisiologica della serotonina 5% SNC 95% tratto GI di cui: 90% cellule EC 10% neuroni

20 Funzioni endogene Neurotrasmettitore centrale con effetti generali di tipo inibitorio Precursore della melatonina Proaggregante piastrinico e vasocostrittore Mediatore della motilità intestinale e del riflesso del vomito

21 Ruoli fisiopatologici della 5-HT aumento della peristalsi intestinale per azione diretta e tramite plesso mioenterico; contrazione muscolatura liscia (bronchi, utero) effetto di vasocostrizione (diretto e tramite il sistema simpatico) e di vasodilatazione (endotelio dipendente); aggregazione piastrinica; stimolazione fibre nocicettive; eccitazione/inibizione neuroni SNC.

22 Patologie associate alla 5-HT emicrania sindrome carcinoide (ipersecrezione neoplastica di serotonina) alterazioni dellumore ed ansia

23 RecettoreSottotipoMeccanismo di trasduzione del segnale 5-HT 1 5-HT 1A G i/o cAMP 5-HT 1B G i/o cAMP 5-HT 1D G i/o cAMP 5-HT 1E G i/o cAMP 5-HT 1F G i/o cAMP 5-HT 2 5-HT 2A G q/11 IP 3 /DAG 5-HT 2B G q/11 IP 3 /DAG 5-HT 2C G q/11 IP 3 /DAG 5-HT 3 Recettore canale 5-HT 4 GsGs cAMP 5-HT 5 5-HT 5A ? 5-HT 5B ? 5-HT 6 GsGs cAMP 5-HT 7 GsGs cAMP

24 Effetti mediati dai Recettori Sottotipo Funzione 5-HT 1A,1B,1D Neuronal inhibition of central nervous system (CNS) neurons, smooth muscle relaxation, contraction of some vascular smooth muscle 5-HT 2 Neuronal depolarization; vasoconstriction of most blood vessels, bronchoconstriction, contraction of gastrointestinal smooth muscle, platelet aggregation 5-HT 3 Neuronal depolarization leading to activation of autonomic reflexes, neuronal excitation in the CNS 5-HT 4 Gastrokinetic action (cholinergically mediated ileal contraction) myocardial stimulation, esophageal relaxation (in animal studies)

25 Localizzazione dei recettori 5-HT 5-HT 1 : SNC, vasi meningei tessuto muscolare liscio delle arterie piali. Attivazione determina vasocostrizione I recettori 5-HT1B/1D si trovano anche nel sistema cardiovascolare 5-HT 2 : SNC, muscolatura liscia 5-HT 3 : SNC, afferenze vagali, chemoreceptor trigger zone 5-HT 4 : SNC, tessuto cardiaco, GI

26 Farmaci che agiscono sui recettori 5HT 1 TRIPTANI : agonisti 5-HT 1B/1D –antiemicranici Derivati dellergot : agonisti 5-HT 1 e 5-HT 2 – antiemicranici Buspirone: agonista 5-HT 1A – _ ansiolitico LSD: 5HT 1A – allucinogeno

27 Triptani: Ipotesi sul meccanismo dazione Vasocostrizione in seguito a stimolazione dei recettori 5-HT 1B/1D sulle arterie della dura madre e cerebrali Attenuazione diretta delleccitabilita delle cellule del nucleo trigemino.

28 Triptani: Ipotesi sul meccanismo dazione Inibizione del release del CGRP (calcitonin gene related peptide) tramite stimolazione dei recettori presinaptici 5-HT 1D localizzati sul nervo trigemino impedendo la vasodilatazione durale. I triptani sono cranio-selettivi, hanno modesto effetto di vasocostrizione coronarica

29 Trigeminal Vagal Dorsal Root Ganglia Primary Sensory Neurons Polymodal Nociceptor C – Aδ fibers TRPV1 Dorsal Spinal Cord SP/NKA CGRP Central Reflex (Pain, Cough) Perivascular, etc. Neurogenic Vasodilatation SP /NKA CGRP SP/NKA CGRP

30 Molecular Structures 5-hydroxytryptamine and Sumatriptan HO NIHNIH NH CH NHSO CH N(CH ) 5-HT NIHNIH Sumatriptan ( GR43175 ) 3-[2-(Dimethylamino)ethyl]-N-Methyl-IH-Indole- 5-Methane Sulphonamide

31 TRIPTANI disponibili in Italia

32 Response Two Hours After Injection of Imigran (6mg) or Placebo for the Treatment of Migraine Patients with Improvement (%) N Engl J Med 1991; 325: Placebo + Placebo (n=104) 6mg of Sumatriptan + Placebo (n=202) Mild or no pain Pain free

33 TRIPTANI Farmaci in genere ben tollerati. Non oltre 3 somministrazioni mensili oltre le quali e necessario linserimento di farmaci preventivi nel trattamento dellemicrania Interazioni: – Sumatriptan e altri triptani e derivati dellergot inibitori del reuptake di 5-HT – Rizatriptan e propranololo (usato per la prevenzione della cefalea)

34 Sumatriptan Injection ADVERSE EVENTS Patients (%) Sumatriptan 6 mg Placebo Adverse event (n=547) (n=370) Injection-site reaction Tingling Dizziness/vertigo Warm/hot sensation Burning sensation Feeling of heaviness Pressure sensation Flushing Feeling of tightness5.10.3

35 Effetti avversi del rizatriptan

36 TRIPTANI Controindicazioni Coinvolgono tutti I triptani. NON VANNO SOMMINISTRATI IN PRESENZA DI: – Disturbi ischemici cardiaci – Vasospasmo arterioso coronarico (ex. angina di Prinzmetal) – Disturbi cerebrovascolari (es. TIA) – Ipertensione non controllata

37 Alcaloidi dellErgot Molecole complesse prodotte da un fungo (Claviceps purpurea) che infetta i raccolti dei cereali I principali alcaloidi comprendono: ergotamina, usata nel trattamento dellemicrania; ergometrina, usata in ostetricia (ossitocico); metisergide, utilizzata nella sindrome carcinoide e nella profilassi dellemicrania (antagonista serotonergico 5-HT2); bromocriptina, usata nel morbo di Parkinson (agonista dopaminergico D2). Agiscono sui recettori della 5-HT, della dopamina e sui recettori adrenergici.

38 Alcaloidi dellErgot

39 Derivati dellergotamina Possono dare ipertensione, nausea, vomito, pallore e raffreddamento della cute, cianosi degli arti, prurito, diarrea e segni a carico del sistema nervoso centrale (agitazione). Si somministrano per via orale, sottocutanea o intramuscolare e rettale.

40 Acute Treatment of Migraine Subjective Outcome of Treatment BadModerateGood (%)(%)(%) Analgesics(n=94) NSAIDs(n=26) Ergots(n=26)02377 Triptans(n=146)0496 Anti-emetics(n=9)05644 Source: Audit in Migraine Dahlöf et al. 1998

41


Scaricare ppt "Trattamento delle cefalee. Cefalea Patologia comune e di notevole rilevanza clinica Fenomeno sociale di grandi proporzioni Impatto sullindividuo e societa."

Presentazioni simili


Annunci Google