La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Unità 5 Modelli di Apprendimento Cooperativo. Introduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Unità 5 Modelli di Apprendimento Cooperativo. Introduzione."— Transcript della presentazione:

1 Unità 5 Modelli di Apprendimento Cooperativo

2 Introduzione

3 2 n La ricchezza di ricerche ed applicazioni pratiche costituisce un serio ostacolo per definire in modo preciso lApprendimento Cooperativo. n Nei paesi Europei ed in Israele i gruppi cooperativi contemplano discussioni relativamente non strutturate e progetti di gruppo. Gli studenti cambiamo gruppo ad ogni nuovo progetto. Lo scopo dellattività è la socializzazione o lacquisizione di competenze di pensiero di ordine superiore (risolvere problemi, prendere decisioni, ecc.). Linee di tendenza

4 3 n Negli Stati Uniti si applica lAC allinterno di programmi di istruzione relativamente strutturati. Coinvolgono gruppi eterogenei di 4 persone che lavorano assieme per e o 4 settimane o per un tempo più prolungato. Lo scopo delle attività è lacquisizione ed il miglioramento di abilità, concetti e saperi scolastici. I gruppi ricevono riconoscimenti, premi e valutazione relativi al rendimento scolastico raggiunto. n Negli ultimi 25 anni lAC si è sviluppato in modo così articolato con influenze tra nazione e nazione, che è quasi impossibile parlare di un impianto teorico ed applicativo unico e ben definito. Linee di tendenza

5 4 n Ci si trova di fronte ad un movimento molto ampio, con diverse correnti che danno più importanza ora a certe variabili ora ad altre. n Si può affermare che i vari modelli applicativi continuano a svilupparsi grazie e procedure e di verifica. Di conseguenza vi è una continua ottimizzazione degli impianti tecnici iniziali. n Entro questo quadro si possono individuare la prevalenza di alcune modalità di AC rispetto ad altre. È nostra intenzione passare in rassegna i 5 approcci attualmente più diffusi nel panorama mondiale: il Learning Together di David T. Johnson e Robert T. Johnson lo Structural Approach di Spencer Kagan la Complex Instruction di Elisabeth Cohen lo Student Team Learning di Robert Slavin il Group Investigation di Yael Sharan e Shlomo Sharan Una metodologia in continua evoluzione

6 5 Cosa sintende per modelli applicativi? n Lespressione modelli applicativi non è casuale, né frutto di concessioni estetiche al linguaggio metodologico. n Lespressione, invece, è associata a un significato funzionale piuttosto preciso. n Per modelli applicativi sintende uno specifico filone caratterizzato da almeno tre elementi: un insieme di principi che ne spiegano lefficacia, una serie di tecniche didattiche, e uno schema di pianificazione per la progettazione delle attività di apprendimento.

7 In breve i modelli

8 7 DEFINIZIONE È una proposta articolata di AC applicabile in diverse condizioni e a diversi livelli di classe e scuola. Responsabilità personale Revisione Interazione promozionale Interdipendenza positiva Abilità sociali Interazione promozionale: raccoglie quei comportamenti che sostengono i membri del gruppo nello sforzo di raggiungere gli scopi comuni. Abilità sociali: linsieme di comportamenti che permettono ad una persona di iniziare e mantenere un livello di efficacia nella cooperazione. Revisione e valutazione del lavoro: è la riflessione che il gruppo fa per migliorare lefficacia dei membri nel contribuire allo sforzo di raggiungere scopi comuni. PRINCIPI Interdipendenza positiva: indica un legame con altre persone per il conseguimento di un risultato. : Responsabilità: è lesito di una struttura dinterdipendenza positiva, media lefficacia della cooperazione. FILOSOFIA Le scuole non sono gli edifici, i piani di studio e le strumentazioni meccaniche. Le scuole sono le interazioni e le relazioni tra le persone. Learning Together (Impariamo insieme)

9 8 DEFINIZIONE È una proposta di AC basata sulla definizione e luso di molteplici strutture durante ununica lezione. Le strutture organizzano linterazione degli alunni. Partecipazione Interdipendenza positiva Responsabilità individuale Interazione simultanea PRINCIPI Interazione simultanea: si riferisce alla condizione nella quale una classe, organizzata secondo strutture di lavoro cooperativo, permette a più di uno studente la partecipazione attiva e simultanea allattività consegnata o richiesta dallinsegnante. Linterazione simultanea è preferibile allinterazione sequenziale poiché aumenta il numero di studenti attivamente coinvolti in una frazione di tempo aumentando di conseguenza la quantità di tempo di partecipazione allattività stessa. Partecipazione: si verifica quando le strutture di lavoro prevedono lesercizio simultaneo di ruoli e funzioni ciascuno utile allo svolgimento e conclusione di unattività Interdipendenza positiva: indica un legame con altre persone per il conseguimento di un risultato. : Responsabilità individuale: è lesito di una struttura dinterdipendenza positiva, media lefficacia della cooperazione. FILOSOFIA La scuola non solo deve produrre alunni dotati di abilità e contenuti di base ma anche promuovere in essi abilità di pensiero di ordine superiore, di comunicazione e abilità sociali. Structural Approach (Approccio strutturale)

10 9 DEFINIZIONE È fortemente sviluppato laspetto della valutazione dellapprendimento. Gli studenti cooperano spinti dallaspettativa di migliorare i propri punteggi e quelli di gruppo. Tale miglioramento è sempre associato alla possibilità di ricevere premi e gratificazioni. Ricompensa individuale Ricompensa di gruppo Responsabilità personale Ricompensa individuale: Per ricompensa individuale si intende una gratificazione ricevuta in relazione al miglioramento che ciascuno è riuscito a conseguire rispetto alla prova di valutazione precedente. Responsabilità personale: Il gruppo non è unoccasione per lavorare meno. Il successo finale, sia del gruppo sia del singolo, dipenderà da quanto questultimo sarà capace di contribuire al conseguimento di risultati positivi nel gruppo.. PRINCIPI : Ricompensa di gruppo: Per ricompensa di gruppo si intende lattribuzione di un voto al lavoro globale di gruppo e la sua pubblicizzazione attraverso un sistema di riconoscimento che rende visibile ciò che il gruppo ha saputo fare durante un periodo di lavoro. FILOSOFIA Il modello si colloca allinterno di unipotesi di lavoro motivazionale, secondo la quale premi, valutazione basata sul miglioramento e particolari strutture di obiettivo motivano gli studenti alla collaborazione e allapprendimento. Student Team Learning (Squadre di studenti che apprendono)

11 10 DEFINIZIONE Il modello chiede agli studenti di realizzare un ricerca in gruppo attorno a temi di interesse comune. Il modello può favorire un senso di responsabilità, autoregolazione, capacità di presa di decisione e una disponibilità ad aiutarsi reciprocamente. FILOSOFIA Lascia gli studenti autonomi e implica un elevato grado di partecipazione, responsabilizzazione dei membri e interdipendenza di compito. Group investigation (Gli alunni fanno ricerca) Rapporti sociali Costruzione di conoscenza Motivazione intrinseca Democrazia Costruzione di conoscenza: un soggetto non come è contenitore passivo di informazione un costruttore attivo di conoscenze. Lindividuo crea, assimila ed integra conoscenze con lobiettivo di perfezionarle e di accrescerle Motivazione intrinseca: la scuola dovrebbe promuovere motivazione intrinseca piuttosto che estrinseca. Questo significa sollecitare curiosità, autodeterminazione e desiderio competenza. PRINCIPI Democrazia: Lo studente deve percepire che ciò che studia è legato alla sua vita. Egli non deve essere riempito di nozioni e di fatti ma deve essere preparato a saper vivere con gli altri in modo democratico. : Rapporti sociali: lindividuo si evolve nel contesto delle sue relazioni sociali e di vita. Questa nozione applicata alla scuola implica lo sviluppo di didattiche capaci di far lavorare insieme gli studenti


Scaricare ppt "Unità 5 Modelli di Apprendimento Cooperativo. Introduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google