La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L A RELAZIONE CON I GENITORI. R APPRESENTAZIONI ED EMOZIONI IN GIOCO NELLA RELAZIONE SCUOLA - FAMIGLIA : QUALI E PERCHÉ ? Strategie di gestione del colloquio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L A RELAZIONE CON I GENITORI. R APPRESENTAZIONI ED EMOZIONI IN GIOCO NELLA RELAZIONE SCUOLA - FAMIGLIA : QUALI E PERCHÉ ? Strategie di gestione del colloquio."— Transcript della presentazione:

1 L A RELAZIONE CON I GENITORI. R APPRESENTAZIONI ED EMOZIONI IN GIOCO NELLA RELAZIONE SCUOLA - FAMIGLIA : QUALI E PERCHÉ ? Strategie di gestione del colloquio e dei rapporti con le famiglie. Giulia Cavalli - Ist. Compr. Rodano-Settala 03/09/2009 A scuola di relazioni 1

2 O BIETTIVI DELL INCONTRO Fornire alcuni spunti di riflessione, per divenire più consapevoli di ciò che accade nella relazione con i genitori (e in se stessi) Conoscere un nuovo punto di vista teorico sulla relazione genitori-educatori, intesa come sistema dinamico, in cui ciascun Soggetto è attivo e flessile, e analizzare le conseguenze operative di tale approccio Mettere a fuoco le strategie relazionali e comunicative utili nellincontro con i genitori 3/9/ Giulia Cavalli

3 L A RELAZIONE POSSIBILE TRA INSEGNANTI E GENITORI RELAZIONE - cosè? ( rete relazionale) - come funziona? ( regolazione auto e mutua) POSSIBILE - cosa vuole dire possibilità? ( anche impossibile?) - quali elementi permettono questa possibilità? INSEGNANTI e GENITORI - chi sono? ( immagine di sé come insegnante e del genitore influenza sullimmagine di bambino- ragazzo e sulla relazione con il genitore) - perché insegnanti e genitori devono/possono entrare in relazione? - quali regole (esplicite e implicite) la scuola dà per regolare la relazione genitori-educatori? - perché ci interessa questa relazione? 3/9/ Giulia Cavalli

4 Consideriamo che: ognuno fa quel che riesce in quel momento della sua vita, per come è fatto ognuno esprime se stesso in quella relazione, in quel preciso contesto spazio-temporale ognuno è diverso dallaltro (non è sempre così ovvio! spesso al genitore è richiesto di pensare con la testa dellinsegnante e viceversa…) Ogni relazione ci parla di noi! E noi parliamo attraverso la relazione. Laltro ci parla di noi (quando ci arrabbiamo/proviamo fastidio…) La relazione è sempre tra più persone, ognuno contribuisce allesito: ci siamo dentro anche noi (non solo quando le cose vanno bene, ma anche quando vanno male; inoltre un genitore può essere diverso con più insegnanti e un insegnante può essere diverso con più genitori) 3/9/ Giulia Cavalli

5 Come ogni narrazione (= dar senso/ interpretare/ rappresentarsi nella testa)… CHI – COSA – COME – DOVE – QUANDO – PERCHE Tra chi? Cosa succede? In che modo? In quali momenti? E dove? Perché? 3/9/ Giulia Cavalli

6 Perché lincontro di insegnanti e genitori? Perché gli adulti si comportano così tra loro? Perché è considerato un bene creare un rapporto scuola-famiglia? Da questo discende anche il come della relazione PERCHÈ 3/9/ Giulia Cavalli

7 Insegnanti e genitori si scambiano informazioni sul bambino-ragazzo (non è un rapporto uni-direzionale) I genitori si informano di cosa succede a scuola e gli insegnanti si informano di… Ma anche… Ciascun adulto cerca di mostrare il proprio valore nel campo delleducazione, di chiarire il proprio ruolo Io mi fido di te/non mi fido Il genitore ignora/iper-coinvolge linsegnante (e anche viceversa) Ciascuno cerca di trovare un canale comunicativo adeguato per parlare con laltro e regolare se stesso in relazione allaltro 3/9/ Giulia Cavalli

8 Il come è innanzitutto una disposizione interiore e si manifesta soprattutto attraverso la componente non verbale della comunicazione Posso dare del tu o del lei, posso abbracciare o rimanere distante, posso parlare o ascoltare, posso creare incontri di tante ore o posso fare incontri di 5 minuti, tutto è lecito! Limportante è dirsi onestamente qual è lobiettivo (il perché) Per mettere a mio agio laltro o per sentirmi io a mio agio? Per darmi un tono, per dimostrare il mio ruolo o per capire cosa sta accadendo al bambino? Perché credo che il genitore abbia bisogno di essere educato o per la crescita migliore del bambino? Per spronare il genitore a interessarsi del figlio o per sfogarmi di quello che il bambino mi ha fatto patire in classe? …. Non è detto che ci siano degli o ma degli e (più motivazioni). COME 3/9/ Giulia Cavalli

9 Solo genitore-insegnante? Oppure coinvolgere anche il bambino-ragazzo? In fondo è lui/lei il soggetto di cui si parla e di cui siamo interessanti (sia genitori sia insegnanti). Se siamo un unico sistema, non è sempre necessario e utile dividerci in diadi (genitore- insegnante; genitore-figlio; insegnante-studente) CHI 3/9/ Giulia Cavalli

10 L A RELAZIONE CON I GENITORI RISORSE PROBLEMI Pensieri Emozioni Comportamenti 3/9/ Giulia Cavalli

11 L A TEORIA DEI SISTEMI DINAMICI NON LINEARI : PRINCIPI BASE DI FUNZIONAMENTO SISTEMA = totalità di parti interconnesse, che si influenzano a vicenda; è una totalità organizzata al fine di promuovere ladattamento e la sopravvivenza Es.: bambino, insegnante, scuola, genitore (sistemi Soggetto attivi), diadi, classe DINAMICO NON LINEARE= sempre in processo, può progredire in maniera non deterministica verso forme più complesse di organizzazione (mai statico e immutabile) Laccento è posto tanto sulla singola soggettualità quanto sullambiente 3/9/ Giulia Cavalli

12 APERTURA: il sistema è aperto, ovvero in continuo interscambio con lambiente (lo influenza e ne è influenzato) ORGANIZZAZIONE: il sistema è organizzato, cioè è in grado di regolarsi, per mantenere lequilibrio dinamico (ovvero NON RIGIDO) REGOLAZIONE: il sistema mette in atto processi attivi di auto e mutua-regolazione, i due processi si influenzano ADATTAMENTO: processo in cui più sistemi si armonizzano tra loro, si coordinano (non è un sistema che si adatta allaltro, ma ladattamento è sempre RELAZIONALE) CRESCITA: il sistema raggiunge nuovi livelli di complessità, interagisce in maniera diversa e deve quindi giungere a nuovi livelli di adattamento L A TEORIA DEI SISTEMI DINAMICI NON LINEARI : PRINCIPI BASE DI FUNZIONAMENTO 3/9/ Giulia Cavalli

13 Tutto è co-costruito Le parti infuenzano il tutto e viceversa La flessibilità (vs rigidità) Il sistema diadico insegnante-genitore: una riflessione Quale equilibrio dinamico/adattamento il sistema raggiunge? E flessibile o rigido? Che sistemi di regolazione auto e mutua adotta? L A TEORIA DEI SISTEMI DINAMICI NON LINEARI : PRINCIPI BASE DI FUNZIONAMENTO : CONSEGUENZE OPERATIVE 3/9/ Giulia Cavalli

14 F LESSIBILITÀ Possibilità di scegliere liberamente (e non per reazione al comportamento dellaltro) di usare una strategia per entrare in quella specifica relazione e non rigidamente sempre la stessa strategia in tutte le relazioni, in ogni contesto 3/9/ Giulia Cavalli

15 Il rapporto con le famiglie è un compito non facile, richiede la condivisione tra colleghi rispetto alle modalità e finalità di lavoro. Tener presente non solo il livello scolastico, ma lo studente nella sua totalità Limitare nei genitori le eccessive aspettative di successo (questo dipende anche da come impostiamo il colloquio, se è solo centrato sui voti e sul potrebbe dare di più si favorisce lidea che ciò che conta è prendere bei voti) Invitarli ad avvicinarsi alla scuola durante tutto il corso dellanno e non soltanto alla fine del quadrimestre 3/9/ Giulia Cavalli R APPORTO SCUOLA - FAMIGLIA

16 I L C OLLOQUIO Pensa ai colloqui che fai… chi comincia a parlare per primo? cosa dici? (fai una domanda, unaffermazione…); che espressione del viso hai?; che tono usi?; quanto ti avvicini?; come tieni il corpo (busto) e le mani?; provi emozioni particolari o ti vengono in mente dei pensieri? 3/9/ Giulia Cavalli

17 Attenzione alla mimica del volto e al tono Non mettersi sulle difensive o allattacco Cominciare lasciando spazio al genitore (potrebbe essere utile una domanda aperta, generica) C OMINCIARE IL COLLOQUIO 3/9/ Giulia Cavalli

18 Interessarsi del punto di vista del genitore sul ragazzo: come pensa che si stia vivendo la scuola/materia/studio? Esporre il proprio punto di vista, da considerare come unipotesi e non unaffermazione categorica Riferire i voti, sempre accompagnati da motivazioni (cosa non sapeva di preciso il bambino-ragazzo? E cosa è riuscito a fare? Meglio evitare il generico ha fatto troppi errori, è utile che anche il genitore sappia cosa sia andato bene e cosa no) Ragionare insieme sulle possibili risoluzioni o sul possibile modo di proseguire far emergere abilità di coping Se il bambino-ragazzo non dà problemi, non liquidare in fretta il genitore, ma confrontarsi, non per forza si deve impostare il colloquio sugli aspetti che non vanno, anzi… D URANTE IL COLLOQUIO 3/9/ Giulia Cavalli

19 Importante riferire non solo landamento scolastico, relativamente allapprendimento (ok dire i voti, unitamente al riferire in quali aspetti il bambino-ragazzo riesce bene e in quali sta facendo più fatica ad apprendere), ma anche gli aspetti emotivi e di comportamento, che il genitore può non osservare a casa propria (perché il contesto è diverso). Sarebbe meglio non riempire solamente lo spazio comunicativo con non si concentra, ha preso questo voto… (dove, alla fine, uno parla e laltro ascolta). Ad esempio: quando non si concentra? Perché secondo insegnante e genitore non si concentra? Perché non ama quella materia? Penserò a un modo per interessarlo, se le viene in mente qualche strategia può venire a riferirmelo (stiamo lavorando insieme!) Possiamo osservare entrambi, a scuola e a casa, in quali momenti è concentrato e in quali meno e poi confrontarci (il confronto può avvenire direttamente, ma anche in forma di comunicazione scritta e il bambino-ragazzo deve sapere e vivere la presenza di questo confronto tra gli adulti che si occupano di lui) Quali conquiste ha fatto in questo periodo il bambino-ragazzo, quali aspetti positivi possono essere sottolineati? A volte ometto la verità/edulcoro la realtà… Perché? Meglio essere sinceri (a meno che si corra il rischio di violenza per il bambino-ragazzo) C OSA DIRE ? E PERCHÉ DIRLO ? 3/9/ Giulia Cavalli

20 Importante curare sia lincipit sia la conclusione del colloquio Attenzione al tono, al ritmo delleloquio, alle pause lasciarsi in maniera tranquilla e positiva, con unidea di stiamo collaborando e non ti sto accusando/mi stai accusando o non sappiamo più cosa fare per risolvere la situazione C ONCLUSIONE COLLOQUIO 3/9/ Giulia Cavalli

21 G LI ELEMENTI DELLA COMUNICAZIONE IL COME PREVALE SU CHE COSA 3/9/ Giulia Cavalli

22 L E LEGGI DELLA COMUNICAZIONE Non si può non comunicare Quello che viene comunicato è quello che laltro comprende (che può non corrispondere a ciò che vogliamo realmente comunicare) Lattività o il non fare, la parole e i silenzi hanno tutti valore di messaggio Tutti i messaggi (verbali e non verbali) influenzano reciprocamente gli interlocutori AUTO-REGOLAZIONE MUTUA-REGOLAZIONE 3/9/ Giulia Cavalli

23 C ON COSA COMUNICHIAMO Il linguaggio Il paralinguaggio (sbadigli, sussurri, pause, ritmo delleloquio) La mimica del volto (sguardo, espressione) Il tono della voce Comportamento nello spazio (vicinanza, contatto, postura, orientamento) La gestualità corporea 3/9/ Giulia Cavalli

24 L A COMUNICAZIONE NON VERBALE Sostiene (o contraddice) la comunicazione verbale Ha una funzione di comunicare qualcosa sulla relazione E più autentica Regola linterazione e se stessi 3/9/ Giulia Cavalli

25 L E DOMANDE APERTE Permettono allinterlocutore di rispondere con i suoi tempi, di espandere e chiarire aspetti importanti Lasciano la possibilità di scegliere il punto di partenza e di narrare in modo personale Mostrano reale interessamento e ascolto Come sta Marco? Come si vive la scuola Alice? Cosa potremmo fare per…? 3/9/ Giulia Cavalli

26 D OMANDE PERCHÈ Possono chiarirci le idee e capire le motivazioni di determinati comportamenti Il tono inquisitorio può porre il genitore sulla difensiva, soprattutto se riferito ad abilità che il bambino-ragazzo non ha ancora acquisito Perché Sara non ha ancora imparato le tabelline? Perché Gabriele è così lento a mangiare? In questo periodo Mattia non mi è sembrato molto attento in classe. Per quale motivo? 3/9/ Giulia Cavalli

27 D OMANDE INDUTTIVE Inducono ad una particolare risposta Mettono linterlocutore alle strette Lasciano poche possibilità di essere contraddetti o di dichiararsi in disaccordo Non sarebbe ora che Tommaso studiasse? Adesso riesce a leggere meglio, vero? 3/9/ Giulia Cavalli

28 D OMANDE MULTIPLE Confondono, imbarazzano Fanno sentire sotto interrogatorio Le risposte sono poco chiare e spesso confuse E stato malato? Cosa ha avuto? Il raffreddore? Ma adesso si è ripreso? Non gli piace la matematica? Come mai? Li fa da solo i compiti a casa? A scuola lo vedo sempre pensare ad altro 3/9/ Giulia Cavalli

29 PASSIVO proiettato sullaltro AGGRESSIVO concentrato su sé ASSERTIVO non rinuncia ad esprimersi ma lo fa nel rispetto dellaltro 3/9/ Giulia Cavalli A LCUNI STILI COMUNICATIVI

30 LO STILE PASSIVO Desiderio di voler essere accettati/voluti bene sempre e comunque. Riluttanza a entrare in conflitto, per paura di non uscirne vincitore. Si ritiene che comunque sia il proprio intervento non porterà a una soluzione. Desiderio di voler evitare il senso di colpa conseguente al perdere il controllo di sé (ad es. alzare la voce) I conflitti servono! (ognuno fa il proprio mestiere) limportante è affrontarli, senza sentirsi attaccati/sminuiti nel proprio ruolo E controproducente evitare conflitti o demandare ad altri la soluzione. La strategia migliore è quella di dotarsi delle capacità utili a governarli al meglio. 3/9/ Giulia Cavalli

31 LO STILE AGGRESSIVO Attraverso limposizione si ottengono i risultati: alla base di questo convincimento sta lidea che laltro (genitore) sia contrario/ostile e che quindi sia necessario essere armati ed attaccare per primi. Si deve restituire pan per focaccia: laltro non ascolta/non mi stima, allora adesso vedrà chi sono io gioco di potere (connesso al ruolo di sé come insegnanti: chi mi sento io nei confronti del genitore?). Non si colgono così le ragioni del genitore (che possono benissimo essere diverse..anzi devono esserlo ogni tanto!). Se laltro non capisce la nostra aggressività reagirà o chiudendosi/adeguandosi passivamente (rinunciando alla propria libertà/creatività) o vendicandosi con provocazioni. Lo stesso vale per noi: se non capiamo lostilità dellaltro o ci adeguiamo o ci vendichiamo. 3/9/ Giulia Cavalli

32 LO STILE ASSERTIVO Colui che riconosce i diritti propri e quelli altrui è pronto ad ascoltare il punto di vista espresso dal suo interlocutore e ad esprimere il proprio eventuale disaccordo, mantenendo il totale rispetto nei suoi confronti. 3/9/ Giulia Cavalli

33 OSSERVARE Tenere gli occhi aperti su sé e sullaltro è importante per poter apportare piccoli cambiamenti alle strategie e ai comportamenti adottati Ci sono tanti modi di entrare in relazione, le dinamiche relazionali sono molteplici: nessuna ci deve spaventare o irritare. Più conosciamo (osservando) ciò che accade e ci accade, più abbiamo la possibilità di muoverci flessibilmente allinterno delle varie dinamiche. 3/9/ Giulia Cavalli

34 ALCUNE SCALE PER OSSERVARE CIÒ CHE STA ACCADENDO (SCALA DA 0 A 5) Tra parentesi esempi per assegnare punteggi alti (4/5) 1) FOCALIZZAZIONE SULLOBIETTIVO DEL COLLOQUIO (completamente attento allobiettivo, non si sposta su dettagli irrilevanti in quel momento) 2) CHIARI CONFINI (accetta il bambino-ragazzo di cui si parla e laltro adulto come una persona separata, con delle sue prospettive e vissuti; non si fa sopraffare dalle emozioni del bambino e dellaltro adulto); 3) TOLLERANZA (permette allaltro adulto di esprimersi senza essere difensivo o giudicante); 4) COINVOLGIMENTO E RECIPROCITA (mostra un atteggiamento positivo durante linterazione, è collaborativo con laltro adulto e ha interesse per ciò che viene detto del bambino-ragazzo) 5) OSTILITA (mostra ostilità, rabbia o sminuisce laltro adulto e il bambino); scala al contrario (p alti = comportamento negativo) 6) ACCETTAZIONE (accetta i suggerimenti) 7) COPING (quando si parla di situazioni negative, riesce a trovare vie di uscita, senza farsi prendere dallo sconforto o dalla rabbia) 3/9/ Giulia Cavalli


Scaricare ppt "L A RELAZIONE CON I GENITORI. R APPRESENTAZIONI ED EMOZIONI IN GIOCO NELLA RELAZIONE SCUOLA - FAMIGLIA : QUALI E PERCHÉ ? Strategie di gestione del colloquio."

Presentazioni simili


Annunci Google