La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Servizio Infermieristico: gli assetti istituzionali ed organizzativi. Il modello direzionale e gli strumenti di integrazione organizzativa. Antonella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Servizio Infermieristico: gli assetti istituzionali ed organizzativi. Il modello direzionale e gli strumenti di integrazione organizzativa. Antonella."— Transcript della presentazione:

1

2 Servizio Infermieristico: gli assetti istituzionali ed organizzativi. Il modello direzionale e gli strumenti di integrazione organizzativa. Antonella Peluso Direttore Servizio delle Professioni Sanitarie Infermieristiche ed Ostetriche A.S.L. NA 2

3

4 Legge 10 Agosto 2000 n°251 La laurea e la dirigenza Legge che determina una serie di cambiamenti sostanziali nellorganizzazione sanitaria, nel processo di professionalizzazione e nella rideterminazione dei processi decisionali allinterno delle aziende del S.S.N.

5 Legge 10 Agosto 2000 n°251 la laurea e la dirigenza Il Servizio Infermieristico costituisce una stimolante opportunità per le aziende sanitarie, in quanto consente loro di dotarsi di un modello organizzativo capace di unire il momento clinico diagnostico - terapeutico (competenza medica) con quello clinico assistenziale (competenza infermieristica) interpretando come unico processo il percorso di cura che il cittadino compie allinterno della struttura sanitaria.

6

7

8 Dirigere (direttore/dirigente) significa indicare la direzione verso cui andare Indicare la direzione verso cui andare presuppone lidea di cammino verso determinati posti (conoscenza degli obiettivi) e di come raggiungerli (management)

9 Lo sviluppo di un servizio Infermieristico necessita dellidentificazione, elaborazione e applicazione di 2 elementi su cui si fonda PIANIFICAZIONE ORGANIZZATIVA STRUTTURA ORGANIZZATIVA

10 Pianificazione organizzativa Analisi dellambiente e del sistema organizzativo aziendale; Identificazione ed esplicitazione della missione, della visione e dei valori guida del sistema infermieristico e, cioè delle finalità che ci si propone di perseguire; Determinazione di obiettivi specifici e formulazione di raccomandazioni per la loro realizzazione; Formazione del personale afferente al servizio

11 Struttura organizzativa Rappresenta linsieme di rapporti, comunicazioni, processi decisionali e procedure, atto ad integrare funzioni, risorse umane e materiali al fine di perseguire gli obiettivi preposti

12 Modelli organizzativi diffusi in Italia MODELLO LINE MODELLO DIVISIONALE MODELLO LINE E STAFF MODELLO PER PROGETTO MODELLO A MATRICE

13 MODELLO LINE Modello di elevata diffusione in aziende non molto grandi nelle quali vige una marcata distinzione tra gli ambiti assistenziali, gestionali e formativi.

14 MODELLO LINE ACCENTRAMENRO DECISIONALE (le decisioni vengono assunte al vertice) UNITA DI COMANDO (ogni lavoratore è responsabile nei confronti di un solo superiore dal quale riceve gli ordini) SPECIALIZZAZIONE FUNZIONALE (ogni lavoratore svolge ripetutamente una o poche attività specializzandosi in compiti specifici)

15 MODELLO DIVISIONALE Modello DECENTRATO, che classifica le attività in base ai prodotti e ai loro mercati al fine di sviluppare i ruoli e le competenze con una visione incentrata sul problema da risolvere

16 MODELLO LINE E STAFF MODELLO CARATTERIZZATO DALLAFFIANCAMENTO DELLE DIREZIONI DI STAFF,INTERESSATE ALLA FORMAZIONE E ALLA DIREZIONE PROFESSIONALE, A QUELLE DI LINE, COINVOLTE NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

17 MODELLO PER PROGETTO PREVEDE UNA ORGANIZZAZIONE DEL TIPO LINE E STAFF A CUI SI AFFIANCA UNA DI TIPO ORIZZONTALE PER PROGETTI definendo 2 strutture aziendali: La struttura funzionale istituzionale La struttura del progetto

18 MODELLO PER PROGETTO I dipendenti oltre a svolgere le attività ordinarie dellazienda, sono coinvolti in progetti di carattere tecnico-scientifico. Ogni progetto è presieduto da un leader, in genere c.s., che coopera con il responsabile di line al quale deve rivolgersi per poter utilizzare le risorse necessarie alla realizzazione del progetto

19 MODELLO A MATRICE RAPPRESENTA UN PERFEZIONAMENTO DEL MODELLO PER PROGETTO, IN CUI I DIPENDENTI PARTECIPANO CONTEMPORANEAMENTE A PIU PROGETTI. Trattasi di modello decentrato, difficile da realizzare.

20 Il passaggio da modelli organizzativi semplici a quelli più complessi ha segnato la nascita e lo sviluppo di nuovi sistemi organizzativi dellassistenza infermieristica

21 ASSISTENZA FUNZIONALE Trova la sua realizzazione nellassegnazione, da parte del c.s.,dei diversi compiti ai membri costituenti il gruppo di lavoro. Trattasi di un sistema poco stimolante, poiché il professionista è deputato ad un singolo compito routinario.

22 ASSISTENZA DI GRUPPO team Nursing Si basa sulla collaborazione di più operatori (infermieri,oss,ota) facenti parte di uno stesso gruppo di lavoro. Questo sistema decentra lautorità del c.s. allinfermiere capogruppo, sviluppando la cooperazione dei membri del gruppo, garantendo una visione globale dellassistenza.

23 ASSISTENZA PRIMARIA Primary Nursing Un infermiere primario si occupa di un numero X di pazienti, identificandone i bisogni, pianificando e valutando i relativi interventi durante lintero periodo di degenza.

24 ASSISTENZA MODULARE Rappresenta una combinazione dellassistenza di gruppo e del primary nursing. I pazienti vengono divisi in moduli. Ogni modulo risulta assegnato ad un piccolo gruppo di lavoro diretto da un capo infermiere che eroga direttamente lassistenza infermieristica

25 CASE MANAGEMENT gestore del caso Viene riconosciuta una nuova figura professionale, il case manager, il quale provvede allassistenza, svolge il ruolo di educatore, collabora con i membri delle altre professioni socio-sanitarie.

26 Il servizio infermieristico rappresenta un attività dal volto manageriale che si occupa di percorsi aziendali assistenziali orientati al problem solving, la cui gestione si ispira ai seguenti principi:

27 1. esercizio dellaudit 2. ricorso alla evidenza scientifica per la pratica assistenziale 3. attuazione di programmi di gestione del rischio

28 4. coerenza dei programmi di aggiornamento e di sviluppo professionale 5. valutazione della performance assistenziale 6. attuazione dellorganizzazione più idonea ed appropriata in relazione alle risorse disponibili

29

30 Esempio di modello organizzativo del Servizio Infermieristico della USLL 8 Regione Veneto direttore infermieristico in staff Direzione Generale AREE FUNZIONALI Ospedaliera Territoriale Formazione Verifica di qualità

31

32 Legge regionale n°4 del 10 aprile 2001 Regolamento attuativo regolamento aziendale A.S.L. Na 2 1. Il Direttore del Servizio è un Dirigente incaricato con le modalità previste dallarticolo 4 della L.R. n.4/ Il Direttore del Servizio opera in staff alla Direzione Generale, con un ruolo di autonoma responsabilità nella direzione del personale assegnato ed a tal fine: a) dirige i responsabili delle varie articolazioni organizzative delegando loro funzioni di direzione del personale assegnato ai vari livelli corrispondenti; b) ha la responsabilità, a livello centrale, delle attività previste dallarticolo 1 del presente regolamento e di ogni altra attività prevista dalla normativa in vigore;

33 IL SERVIZIO INFERMIERISTICO NELLE AZIENDE OSPEDALIERE A.O. G. Rummo; A.O. V. Monaldi A.O. Santobono- Pausilipon; A.O. S. Giovanni di Dio e Ruggi dAragona;

34 IL SERVIZIO INFERMIERISTICO NELLE AZIENDE SANITARIE A.S.L. NA 2 A.S.L. SA 3

35 A.O. di RILIEVO NAZIONALE SANTOBONO-PAUSILIPON Anno di attivazione: 2001; Modello organizzativo:Line e Staff

36 RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE ASSISTENZIALE; PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE; FORMAZIONE PERMANENTE; AREA ORGANIZZATIVA PER PROCESSI; AREA DIPARTIMENTALE.

37 A.O. di Rilievo Nazionale e di Alta specializzazione V. Monaldi ( Napoli ) Anno di attivazione: 2004;

38 Modello organizzativo:Line e Staff; DIRETTORE DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO Coordinatore Infermieristico di Dipartimento Coordinatore Infermieristico di Unità Operativa Personale infermieristico; O.T.A.; tecnico…

39 A.S.L. SA3 DIRETTORE DEL SERVIZIO AREA AREA AREA Ass. Ass. Formazione Ospedaliera Territoriale

40 A.S.L. NA2 Anno di attivazione:2004; Modello organizzativo:Line e Staff Struttura aziendale:n.1 D.E.A.; n.3 P.S.A.; n.9 Distretti

41 A.S.L. NA2 DIRETTORE DEL SERVIZIO AREA AREA Assistenziale Assistenziale Ospedaliera Territoriale

42 AZIENDE SANITARIE IN EVOLUZIONE A.O. A. Cardarelli; A.S.L. NA3;

43 A.O. di Rilievo Nazionale A. CARDARELLI (Napoli) POSIZIONI ORGANIZZATIVE n.15 a livello della Direzione Generale; n.37 a livello Dipartimentale.

44 A.O.R.N. CARDARELLI DIREZIONE DIPARTIMENTALE 37 posizioni organizzative ripartite in 14 Dipartimenti aziendali. Svolgono funzioni di vigilanza e controllo dellassistenza infermieristica ed ostetrica.

45 A.S.L. NA3 SERVIZIO INFERMIERISTICO AREA AUTONOMA DI FORMAZIONE AREA AREA Assistenziale Assistenziale Ospedaliera Territoriale

46

47 LATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE IN REGIONE CAMPANIA E…. ….UNA REALTA

48 Conclusioni Il Servizio Infermieristico ha un lungo percorso da effettuare con non poche difficoltà: Peso di una professione che sconta ancora una immagine di sudditanza rispetto alla categoria dei medici; In passato scarsa incisività nella individuazione del proprio ruolo e della propria identità; Rischio che il servizio diventi uno strumento di rivendicazione di una professione; Settore giovane devono essere incentivate e acquisite le competenze manageriali ed i ruoli di autonomia e responsabilità dei singoli professionisti; Lobiettivo di gestire le risorse e rispondere dei risultati deve essere perseguito con gradualità e attenta programmazione.

49 Il Servizio infermieristico implementa 1) AUTONOMIA PROFESSIONALE, in termini di: - pieno esercizio delle funzioni esercitate; - interdisciplinarietà allatto medico. 2) RESPONSABILITA PROFESSIONALE, che riguarda: - progettazione dellassistenza; - gestione dellassistenza; - valutazione dellassistenza.

50 Strumenti Percorsi Clinico Assistenziali Piani Assistenziali Individuali Carte di Controllo e Rilevazione Qualità Percepita

51 Il Servizio non deve essere scambiato come il luogo dove distribuire funzioni ed incarichi ma deve basarsi su quattro aspetti fondamentali in ambito assistenziali: 1 ) Esperienza dei membri dellorganizzazione; 2) Concettualità fondata sulla padronanza della teoria; 3) Sistematicità derivante dalla definizione di protocolli e linee guida; 4) Routinarietà frutto della interiorizzazione di comportamenti operativi corretti.

52 Il Servizio Infermieristico potrà costruirsi ed implementarsi solo se si esprime sul terreno della conoscenza sul quale dovrà convergere la condivisione, il dinamismo e sviluppo di nuove conoscenze. GRAZIE


Scaricare ppt "Servizio Infermieristico: gli assetti istituzionali ed organizzativi. Il modello direzionale e gli strumenti di integrazione organizzativa. Antonella."

Presentazioni simili


Annunci Google