La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Siamo una comunità che educa ? Esperienze e testimonianze SABATO 27 NOVEMBRE 2010 Non ci è permesso scegliere la cornice del nostro destino, ma ciò che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Siamo una comunità che educa ? Esperienze e testimonianze SABATO 27 NOVEMBRE 2010 Non ci è permesso scegliere la cornice del nostro destino, ma ciò che."— Transcript della presentazione:

1 Siamo una comunità che educa ? Esperienze e testimonianze SABATO 27 NOVEMBRE 2010 Non ci è permesso scegliere la cornice del nostro destino, ma ciò che mettiamo in questa cornice è nostro. Dag Hammarskjold

2 PROGETTO A(T)TRAZIONE I minori, la famiglia e la scuola, la comunità

3 vision : LE FINALITA Il progetto intende rispondere ai bisogni educativi dei minori, lavorando con la scuola, le famiglie, la comunità. Si propongono percorsi con minori, corpo docente, genitori e agenzie educative, affinché tutti i soggetti siano parte attiva e responsabile dellazione educativa.

4 ALCHIMIE DI COMUNITA «…serve allestire terre di mezzo, luoghi nei quali facilitare le interazioni tra i soggetti e le visioni… ……lazione di queste diversificate aggregazioni è preziosa, perché qualifica la gestione dei progetti in termini partecipativi e favorisce lancoraggio dei servizi sociali al territorio e alla scuola…».

5 ALCHIMIE DI COMUNITA Gli obiettivi Accrescere le competenze dei soggetti delle comunità locali nella progettazione e realizzazione di politiche a favore dei minori. Stimolare la crescita e la sedimentazione delle dimensioni del senso e della responsabilità collettiva che motivano il lavoro in rete.

6 ALCHIMIE DI COMUNITA Lazione Attivazione delle «Regie di Ambito», partendo dallesperienza pregressa delle «Regie di paese», quali luoghi di progettazione partecipata. Gli ambiti: Albavilla e Orsenigo Alzate B.za, Alserio e Anzano del Parco Canzo e la Valassina Erba Eupilio, Longone al Segrino, Proserpio e Pusiano Merone, Lambrugo e Monguzzo Ponte Lambro, Castelmarte e Caslino dErba

7 ALCHIMIE DI COMUNITA Composizione delle Regie di Ambito 34 Amministratori Comunali 10 Assistenti sociali 9 Dirigenti Scolastici 20 Insegnanti 15 Genitori 5 Referenti degli Oratori in 30 incontri realizzati ad oggi.

8 TUTTI A SCUOLA! «Abbiamo giocato, ma nello stesso tempo, abbiamo messo in pratica i diritti.»

9 TUTTI A SCUOLA! Gli obiettivi Prevenire e contrastare i fenomeni e le situazioni di disagio dei minori. Supportare il corpo docente nellanalisi e gestione delle dinamiche relazionali degli alunni. Promuovere confronto e riflessione sulle metodologie educative, sugli atteggiamenti e comportamenti agiti.

10 TUTTI A SCUOLA! Lazione Percorsi laboratoriali, nei gruppi classe individuati, sui temi: del rispetto delle regole dello sviluppo socio-relazionale delle dinamiche di gruppo e bullismo dello sviluppo delle capacità espressive attraverso la musicoterapia, la drammaterapia, larteterapia e la danza-movimento terapia.

11 TUTTI A SCUOLA! Gli interventi a.s interventi attivati a fronte di 56 richieste pervenute 30 docenti e 340 alunni coinvolti a.s interventi programmati a fronte di 88 richieste pervenute

12 LA GENITORIALITA DIFFUSA «…lo spazio compreso tra il privato-domestico e il pubblico… spazio di confronto fecondo, per dar vita a dimensioni condivise..»

13 LA GENITORIALITA DIFFUSA Gli obiettivi Sostenere i genitori nella lettura dei bisogni educativi dei propri figli e nel rispondervi in maniera sinergica tra loro e con le altre agenzie educative. Attivare le competenze relazionali per costruire risposte condivise alle questioni educative poste dalla nuova generazione.

14 LA GENITORIALITA DIFFUSA Lazione Percorsi di approfondimento e riflessione su temi educativi emergenti. Momenti aggregativo-animativi tra genitori. Occasioni di incontro tra genitori, scuola e territorio.

15 LA GENITORIALITA DIFFUSA Gli interventi per ambito Albavilla e Orsenigo: progetto «Piedibus» nelle Scuole Primarie. Alzate, Alserio e Anzano: «La pasticca dellinfelicità». Canzo e Valassina: in programmazione. Erba: formazione ai volontari Caritas «Famiglie che si prendono cura». Eupilio, Longone, Proserpio, Pusiano: «Il complesso mondo dei giovani e delle nuove tecnologie». Merone, Lambrugo e Monguzzo: «Genitori… si balla!». Ponte Lambro, Castelmarte Caslino: «Educare alle regole oggi».


Scaricare ppt "Siamo una comunità che educa ? Esperienze e testimonianze SABATO 27 NOVEMBRE 2010 Non ci è permesso scegliere la cornice del nostro destino, ma ciò che."

Presentazioni simili


Annunci Google