La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 La normativa per qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dellenergia elettrica nel periodo 2004-2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 La normativa per qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dellenergia elettrica nel periodo 2004-2007."— Transcript della presentazione:

1 Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 La normativa per qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dellenergia elettrica nel periodo Ferruccio Villa AUTORITÀ PER LENERGIA ELETTRICA E IL GAS Area consumatori e qualità del servizio Trento, federenergia – ASPE 10 maggio 2004 Questa presentazione non costituisce un documento ufficiale dellAutorità per lenergia elettrica e il gas

2 Autorità per l'energia elettrica e il gas2 Periodo di regolazione : processo di consultazione 1. PRIMO DOC. CONSULTAZ. REGOLAZIONE QUALITA Giu AUDIZIONI PUBBLICHE REGOLAZIONE QUALITA Lug-03 Dati e analisi quantitative su effetti del primo periodo Obiettivi secondo periodo Opzioni alternative Spunti per la consultazione 3. SECONDO DOC. CONS. REGOLAZIONE QUALITA Nov-03 Schema dettagliato di provvedimento (continuità del servizio) Ulteriori opzioni a seguito osservazioni Range di valori numerici 4. TERZO DOC. CONSULTAZ. REGOLAZIONE QUALITA Gen AUDIZIONI PUBBLICHE REGOLAZIONE QUALITA Gen-04 Rafforzamento obiettivo di convergenza livelli di qualità sul territorio nazionale Ulteriori opzioni a seguito osservazioni Range di valori numerici D. 4/04 TESTO INTEGRATO QUALITA Gen-04 Comprende sia regolazione continuità che regolazione qualità commerciale Relazione tecnica disponibile.

3 Autorità per l'energia elettrica e il gas3 La deliberazione 4/04 Parte I – regolazione della continuità del servizio Titolo 2 Obblighi di registrazione delle interruzioni Si applica a tutte le imprese distributrici. La registrazione automatica, per le imprese con meno di clienti, si applica dall1 gennaio Titolo 3 Indicatori di continuità del servizio Si applica a tutte le imprese distributrici. Titolo 4 Regolazione della durata delle interruzioni senza preavviso lunghe Si applica a tutte le imprese distributrici con più di clienti. Obbligatoria per ambiti con più di clienti, facoltativa per ambiti con meno di clienti. Titolo 5 Regolazione del numero delle interruzioni senza preavviso lunghe Si applica a tutte le imprese distributrici con più di clienti e con almeno un cliente di maggiori dimensioni. Titolo 6 Contratti per la qualitàSi applica a tutte le imprese distributrici con più di clienti. Titolo 7 Obblighi di servizio per le interruzioni con preavviso Si applica a tutte le imprese distributrici con più di clienti.

4 Autorità per l'energia elettrica e il gas4 Obiettivi della regolazione della continuità del servizio Avvicinare il livello (medio) italiano di continuità a quelli di altri Stati membri dellUnione europea Colmare i divari regionali esistenti in particolare tra le regioni del Centro-Nord e quelle del Sud, a parità di grado di concentrazione Mantenere i livelli di continuità già acquisiti in alcune aree di eccellenza Convergere su livelli obiettivo al massimo in 3 periodi di regolazione Limitare il numero delle interruzioni annue subite dai clienti di maggiori dimensioni Semplificare la registrazione delle interruzioni Introdurre strumenti di mercato per adeguare il servizio a particolari esigenze di qualità (inclusa voltage quality)

5 Autorità per l'energia elettrica e il gas5 Continuità del servizio: confronto tra primo e secondo periodo Prossima consultazione per ridurre le interruzioni non localizzate Nessun obbligo per le protezioni dei clienti Meccanismo di contenimento del rischio Rischio di volatilità per le imprese piccole Eliminazione del meccanismo precedente e ammissibilità di recuperi oltre i livelli obiettivo Meccanismo di riconoscimento dei costi di mantenimento della qualità a livelli ottimali Incentivi basati sulla willingness to pay dei clienti per la continuità Valore economico del miglioramento basato solo sui costi delle imprese Contratti per la qualità come strumento di mercato Regolazione senza elementi di mercato Nuove regole sulla f. m. e incentivi a prevenire interruzioni da danni Regolazione sulle interruzioni senza preavviso esclusi forza m. e danni Regolaz. per std. generali + std. specifici per clienti AT e MT Regolazione solo per standard generali

6 Autorità per l'energia elettrica e il gas6 Principali innovazioni Regolazione durata: livelli obiettivo Livelli obiettivo: livelli che devono essere raggiunti da tutti gli ambiti al massimo in 3 periodi di regolazione: 25 min (alta conc.) 40 min (media conc.) 60 min (bassa conc.) Livelli tendenziali - Media concentrazione Livello obiettivo: 40 min/cl; miglioramento annuo: max 20%; min: 2% / Minuti persi per cliente BT (media biennale)

7 Autorità per l'energia elettrica e il gas7 Principali innovazioni Regolazione durata: interr.esterne Regolazione facoltativa dal 2005: le imprese possono optare per includere in regolazione le interruzioni da cause esterne tendenziali rivisti con stock semplificazione documentazione Interruzioni di responsabilità dellimpresa Interruzioni dovute a danni da terzi Livelllo obiettivo Miglioramento richiesto: 2%-20%. Miglioramento richiesto: 2%

8 Autorità per l'energia elettrica e il gas8 Livello tendenziale Livello effettivo Liv.naz. riferimento Principali innovazioni Reg. durata: recuperi oltre liv.obiett. Periodo Periodo Incentivo in caso di mantenimento nellanno successivo di un livello migliore della qualità ottimale Estensione dei recuperi Soppressione del meccanismo precedente Incentivo per miglioramento (recuperi) Livello. obiettivo

9 Autorità per l'energia elettrica e il gas9 Principali innovazioni Semplificazione interruzioni forza magg. Reggio Emilia 13 dicembre 2001 Metodo probabilistico a due stadi: tempo medio di ripristino elevato (a sinistra della linea rossa) > μ CAIDI + σ CAIDI contributo eccezionale allindicatore di riferimento (sopra la linea verde) > μ SAIDI + 3σ SAIDI comunque ammesso 1 giorno/anno

10 Autorità per l'energia elettrica e il gas10 Più in dettaglio - registrazione Criteri di registrazione: di utenza, di accorpamento con la durata netta, di unicità della causa e dellorigine. Grado di concentrazione e censimento Introduzione dellorigine sistema elettrico e semplificazione nella registrazione dei distacchi programmati e dei blackouts: durata teorica del piano di distacco (DIPRO); istante di fine convenzionale quando almeno il 90% dellutenza è stato rialimentato, senza evidenze del sistema di telecontrollo (Blackouts); stima del numero di clienti BT disalimentati in base allassetto standard della rete (DIPRO, Blackouts); le interruzioni dei giorni in cui si manifestano DIPRO e Blackouts non contribuiscono alla formazione degli indici utilizzati per valutare lesito dei controlli tecnici;

11 Autorità per l'energia elettrica e il gas11 Più in dettaglio - registrazione Introduzione della registrazione mediante ordine funzionale al sistema di telecontrollo (facoltativa); Rinvio all1 gennaio 2007 degli obblighi di registrazione automatica delle interruzioni per le imprese con meno di clienti. Registrazione delle interruzioni brevi in assetto reale di rete dal Registrazione del numero esatto di clienti BT disalimentati dal 2008.

12 Autorità per l'energia elettrica e il gas12 Più in dettaglio – invio dati allAutorità A partire dal 2005, relativamente ai dati di continuità del 2004, ai dati di continuità dovrà essere allegata una copia elettronica delle principali informazioni del registro delle interruzioni (lAutorità preparerà il modello). Nel corso del 2004 gli Uffici dellAutorità richiederanno alle imprese distributrici i dati principali del registro delle interruzioni degli ambiti territoriali che saranno sottoposti a controlli tecnici.

13 Autorità per l'energia elettrica e il gas13 Più in dettaglio – regolazione della durata delle interruzioni senza preavviso lunghe Esclusione delle imprese con meno di clienti BT. Regolazione facoltativa per gli ambiti con numero di clienti BT compreso tra e Facoltà per le imprese di accorpare gli ambiti (purchè appartenenti alla stessa regione e con lo stesso grado di concentrazione). Facoltà di presentare istanza entro il 31 marzo 2004 per il rinvio all1 gennaio 2005 per lunificazione degli ambiti territoriali nei Comuni nei quali si è proceduto allunificazione delle reti. Le imprese con più di clienti BT che avevano richiesto lesenzione temporanea dagli obblighi di registrazione automatica e che non si sono adeguate sono passibili di procedimento sanzionatorio.

14 Autorità per l'energia elettrica e il gas14 Piu in dettaglio – regolazione della durata delle interruzioni senza preavviso lunghe Introduzione dei livelli obiettivo (25 minuti per AC, 40 minuti per MC, 60 minuti per BC) da raggiungere entro tre periodi di regolazione e soppressione dei livelli nazionali di riferimento. Livelli tendenziali: j = max [1-(LivOb k /LivPart j ) 1/12 ; 2%] T 2004,j = max [LivPart j *(1- j ); LivOb k ] T 2005,j = max [T 2004,j *(1- j ); LivOb k ] T 2006,j = max [T 2006,j *(1- j ); LivOb k ] T 2007,j = max [T 2006,j *(1- j ); LivOb k ] Il livello di partenza è pari alla media mobile biennale dellindicatore di riferimento.

15 Autorità per l'energia elettrica e il gas15 Piu in dettaglio – regolazione della durata delle interruzioni senza preavviso lunghe Incentivi e penalità: parametro c espressione della WTP (utilizzo per lanno 2004 del valore c1 anche per lenergia consumata dai clienti domestici); utilizzata tutta lenergia MT e BT per il calcolo degli incentivi e delle penalità; Incentivi per ambiti territoriali con livelli di continuità migliori dei livelli obiettivo: estensione dei recuperi aggiuntivi di continuità al di sotto dei livelli obiettivo. Introduzione di un meccanismo di contenimento degli incentivi e delle penalità.

16 Autorità per l'energia elettrica e il gas16 Piu in dettaglio – regolazione della durata delle interruzioni senza preavviso lunghe Franchigia: confermata +/-5%, con un minimo di 2 minuti per AC, 4 minuti per MC e 6 minuti per AC; non si applica in diminuzione se il livello tendenziale coincide con il livello obiettivo; pari a +5%/-10% per gli ambiti che nel 2003 non hanno raggiunto il livello tendenziale (maggiorato del 10%); incrementata di 1 minuto per AC, 2 minuti per MC, 3 minuti per BC in aumento al livello tendenziale per le imprese che nel corso del periodo adottano un sistema di rilevazione del numero esatto di clienti BT disalimentati.

17 Autorità per l'energia elettrica e il gas17 Piu in dettaglio – regolazione della durata delle interruzioni senza preavviso lunghe Meccanismo di contenimento delle penalità relative agli anni 2004 e penalità per lanno 2004 diluita in tre rate negli anni 2005, 2006 e 2007; se negli anni 2005, 2006 o 2007 viene raggiunto il livello tendenziale, la rata di penalità viene annullata; penalità per lanno 2005 diluita in tre rate negli anni 2005, 2006 e Deve essere pagata la rata relativa al 2005, mentre se negli anni 2006 o 2007 viene raggiunto il livello tendenziale, la rata di penalità viene annullata.

18 Autorità per l'energia elettrica e il gas18 Piu in dettaglio – regolazione della durata delle interruzioni senza preavviso lunghe Controlli tecnici (riduzione della penalizzazione in caso di esito negativo del controllo e semplificazione degli indici): soppressione dellindice di accuratezza; indice di precisione compreso tra 0 e +3%; semplificazione dellindice di correttezza per le imprese che adottano il metodo probabilstico e la regolazione delle interruzioni dovute a cause esterne; introduzione dellindice di sistema di registrazione ISR (al di sotto del 95% gli incentivi vengono moltiplicati per ISR fino alla metà del valore iniziale, le penalità divise per ISR, fino al doppio del valore iniziale); Neutralizzazione delle interruzioni avvenute nel mese di gennaio 2004.

19 Autorità per l'energia elettrica e il gas19 Principali innovazioni Regolazione numero: standard specifici Standard specifici: massimo numero di interruzioni per singolo cliente (dal 2006 per clienti AT e MT di maggiore dimensione): 1 int.lunga/anno (AT) 3 int.lunghe/anno (MT, alta conc.) 4 int.lunghe/anno (MT, media conc.) 5 int.lunghe/anno (MT, bassa conc.) Escluse interruzioni per danni di terzi, forza maggiore, origine RTN/AT e sistema elettrico % campione clienti MT P>=100 kW, anno 2002

20 Autorità per l'energia elettrica e il gas20 Più in dettaglio – regolazione numero Si applica alle imprese con più di clienti finali e con almeno un cliente di maggiore dimensione. Penalizzazione in caso di mancato rispetto standard specifici: PMI = potenza media interrotta, pari al 70% della potenza disponibile; Vp = 2,5 - 2 /kW interrotto (per scaglioni di potenza) per clienti MT, 1 /kW per clienti AT; Calcolata separatamente per i clienti AT e MT;

21 Autorità per l'energia elettrica e il gas21 Più in dettaglio – regolazione numero Determinazione con successivo provvedimento, a seguito di consultazione, di alcuni aspetti che completano la regolazione del numero: indennizzi a favore dei clienti di maggiore dimensione; requisiti tecnici dei dispositivi di protezione dei clienti di maggiore dimensione affinchè abbiano diritto agli indennizzi automatici; termini oltre i quali i clienti di maggiore dimensione che non adeguano le protezioni dei propri impianti ai requisiti tecnici saranno tenuti al pagamento di un corrispettivo; ammontare e destinazione dei corrispettivi; eventuali altre misure finalizzate a promuovere leliminazione delle interruzioni non localizzate.

22 Autorità per l'energia elettrica e il gas22 Principali innovazioni Contratti per la qualità Caratteristiche dei contratti per la qualità: Livello di qualità concordata Premio annuo pagato dal cliente (per limpresa distrib. non rientra nel vincolo ai ricavi) Rimborso al cliente nel caso di mancato rispetto del livello di qualità concordata Introduzione di elementi di mercato nel rapporto tra imprese distributrici e clienti sia del mercato libero che del mercato vincolato. Facoltà di stipulare contratti per la qualità tra imprese e clienti, attraverso clausole personalizzabili e aggiuntive al contratto di trasporto, finalizzati ad un ulteriore miglioramento della continuità del servizio e della qualità della tensione. I clienti di maggiore dimensione che non aderiscono sono comunque protetti dagli standard specifici

23 Autorità per l'energia elettrica e il gas23 Più in dettaglio – contratti per la qualità Si applicano alle imprese con più di clienti BT. Possono essere stipulati con i clienti finali, i clienti grossisti ed altre utenze quali produttori, autoproduttori e imprese distributrici interconnesse, nel rispetto dei criteri fissati dallAutorità. Non possono avere ad oggetto la pattuizione di livelli di qualità inferiori a quelli definiti dallAutorità. Sono esclusi dai ricavi ammessi dal vincolo V1. Devono avere evidenza contabile separata.

24 Autorità per l'energia elettrica e il gas24 Più in dettaglio – contratti per la qualità Le imprese distributrici, su richiesta dei clienti, hanno lobbligo di installare un registratore individuale di interruzioni conforme alle norme tecniche vigenti CEI EN e CEI EN (con costi a carico del cliente). Le registrazioni possono essere estese anche ai parametri che caratterizzano la qualità della tensione (es. buchi di tensione) ai fini dei contratti per la qualità. Gli stessi clienti di maggiori dimensioni hanno facoltà di installare un proprio registratore purchè conforme alle norme tecniche vigenti CEI EN e CEI EN

25 Autorità per l'energia elettrica e il gas25 Dati da fornire allAutorità: nome del cliente, ambito territoriale e attività svolta; livello di tensione e potenza disponibile; data di stipula, data di decorrenza e durata del contratto; indicatori di qualità e livelli di qualità concordata oggetto del contratto; modalità di registrazione; ammontare dei premi versati; ammontare degli indennizzi riconosciuti al cliente finale. Più in dettaglio – contratti per la qualità

26 Autorità per l'energia elettrica e il gas26 Interruzioni con preavviso Preavviso da comunicare almeno 24 ore prima dellinterruzione. Con modalità adeguate ad assicurare linformazione dei clienti interessati. Il preavviso deve contenere la data di comunicazione del preavviso, la data dellinterruzione, listante di inizio previsto e listante di fine previsto. Tolleranza di 5 minuti in anticipo rispetto allistante di inizio e in eccesso rispetto allistante di fine.

27 Autorità per l'energia elettrica e il gas27 La deliberazione 4/04 Parte II – regolazione della qualità commerciale Esercenti con più di clienti La parte II si applica integralmente. Esercenti con numero di clienti compreso tra e Si applicano tutti e solo gli standard specifici. Gli esercenti non devono comunicare i dati allAutorità (art. 72) e non sono tenuti allinformazione ai clienti per la qualità commerciale (art. 73). Esercenti con numero di clienti compreso tra e Si applicano solo alcuni standard specifici: -tempo di attivazione -tempo di riattivazione -tempo di rettifica fatturazione -tempo di ripristino della fornitura per guasto al gruppo di misura Gli esercenti non devono comunicare i dati allAutorità (art. 72) e non sono tenuti allinformazione ai clienti per la qualità commerciale (art. 73). Esercenti con meno di clienti Non si applica la parte II.

28 Autorità per l'energia elettrica e il gas28 Obiettivi della regolazione della qualità commerciale Tutelare i diritti dei clienti attraverso livelli specifici e generali di qualità commerciale dei servizi di distribuzione, misura e vendita dellenergia elettrica e indennizzi automatici per il cliente in caso di mancato rispetto dei livelli specifici di qualità per cause imputabili allesercente. Assicurare una corretta ed omogenea registrazione delle prestazioni richieste dai clienti per disporre di indicatori di qualità commerciale affidabili, comparabili e verificabili e per consentire una adeguata informazione ai clienti in merito alla tempestività di esecuzione delle prestazioni richieste.

29 Autorità per l'energia elettrica e il gas29 Qualità commerciale: confronto tra primo e secondo periodo Semplificazione: standard unificato per lavori con preventivi predetermin. Monitoraggio qualità servizi telefonici: attese, livello servizio Nessuno standard per qualità servizi telefonici (call center) Nuovo standard: tempo max pagamento rettifiche fatturazione Standard generale rettifiche fatturazione solo per accertamento rettifica Nuovo standard: tempo max ripristino guasti gruppo misura Nessuno standard su ripristino del servizio dopo guasti Aggiornamento degli standard basato su dati disponibili Determinazione degli standard (Carte dei servizi, analisi aspettative) Std. ripartiti tra distributore, opera- tore di misura e venditore Standard ripartiti tra distributore e venditore Regolazione per standard generali + specifici con indennizzi

30 Autorità per l'energia elettrica e il gas30 Prestazione Servizio di distribuzion e Servizio di misura Servizio di vendita Tempo di preventivazione Tempo di esecuzione lavori semplici e complessi Tempo di attivazione della fornitura Tempo di disattivazione della fornitura su richiesta del cliente Tempo di riattivazione della fornitura per cessata morosità Fascia di puntualità per gli appuntamenti con i richiedenti Tempo per la verifica della tensione di fornitura Tempo di risposta motivata ai reclami e richieste di informazione scritti Tempo di ripristino della fornitura in seguito a guasto del gruppo di misura Tempo per leffettuazione della verifica del gruppo di misura Numero annuo di letture e autovetture per cliente finale Tempo di rettifica di fatturazione Qualità dei servizi telefonici

31 Autorità per l'energia elettrica e il gas31 Qualità commerciale Preventivazione ed esecuzione di lavori. Attivazioni, disattivazioni e riattivazioni: confermato lo standard di 5 giorni per i clienti BT; modificato da 10 a 5 giorni lo standard per i clienti MT; Gli esercenti il servizio di vendita devono informare gli esercenti il servizio di distribuzione se si tratta di una riattivazione in seguito a sospensione per morosità. Rettifiche di fatturazione: trasformazione dello standard generale in specifico (90 giorni solari per i clienti BT, 60 giorni solari per i clienti MT).

32 Autorità per l'energia elettrica e il gas32 Verifica tecnica della tensione. Nel caso di verifica da condurre secondo la norma EN i 10 giorni intercorrono tra la richiesta del cliente a linizio della registrazione. Reclami e richieste di informazioni: separazione dei reclami scritti inerenti il servizio telefonico. Appuntamenti personalizzati: mantenimento dello standard specifico e soppressione dello standard generale. Ripristino di guasti dei misuratori: 3 ore dalle 8.00 alle nei giorni lavorativi; 4 ore dalle alle 8.00 nei giorni lavorativi e nei giorni non lavorativi (…). Qualità commerciale

33 Autorità per l'energia elettrica e il gas33 Non introdotto standard generale relativo al tempo massimo per la sostituzione del misuratore con un misuratore conforme alle specifiche previste per i clienti del mercato libero. Monitoraggio della qualità dei servizi telefonici, a partire dall1 luglio 2004, per gli esercenti con più di clienti finali, anche multiservizi. Non sono incluse le chiamate per la segnalazione dei guasti alle imprese distributrici. Soppresso standard generale relativo ai conguagli di fatturazione. Aggiornamento degli indennizzi automatici. Qualità commerciale

34 Autorità per l'energia elettrica e il gas34 Clienti BTClienti MT Tempo massimo di preventivazione per lesecuzione di lavori sulla rete BT 20 gg. lavorativi n.a. Tempo massimo di esecuzione di lavori semplici 15 gg. lavorativi 30 gg. lavorativi Tempo massimo di attivazione della fornitura5 gg. lavorativi Tempo massimo di disattivazione della fornitura su richiesta del cliente 5 gg. lavorativi 7 gg. lavorativi Tempo massimo di riattivazione della fornitura in seguito a sospensione per morosità 1 giorno feriale Fascia massima di puntualità per appuntamenti personalizzati 3 ore Riassumendo: standard specifici per gli esercenti il servizio di distribuzione

35 Autorità per l'energia elettrica e il gas35 Riassumendo: standard specifici per gli esercenti il servizio di misura Clienti BTClienti MT Tempo massimo di ripristino della fornitura in seguito a guasto del gruppo di misura 3 ore (1) 4 ore (2) n.a. (1)Richieste pervenute nei giorni lavorativi dalle 8.00 alle 18.00, (2)Richieste pervenute nei giorni non lavorativi o nei giorni lavorativi dalle alle Clienti BTClienti MT Tempo massimo di rettifica di fatturazione90 gg. solari60 gg. solari Riassumendo: standard specifici per gli esercenti il servizio di vendita

36 Autorità per l'energia elettrica e il gas36 Clienti BTClienti MT Percentuale minima di richieste di preventivi per lesecuzione di lavori sulla rete MT messi a disposizione entro il tempo massimo di 40 gg. lavorativi n.a.90% Percentuale minima di richieste di esecuzione di lavori complessi realizzati entro il tempo massimo di 60 gg. lavorativi 85%90% Percentuale minima di esiti di verifiche della tensione di fornitura su richiesta del cliente messi a disposizione entro il tempo massimo di 10 gg. lavorativi 90%95% Percentuale minima di risposte motivate a reclami scritti o a richieste di informazioni scritte messe a disposizione entro il tempo massimo di 20 gg. lavorativi 90%95% Riassumendo: standard generali per gli esercenti il servizio di distribuzione

37 Autorità per l'energia elettrica e il gas37 Clienti BTClienti MT Percentuale minima di esiti di verifiche del gruppo di misura su richiesta del cliente messi a disposizione entro il tempo massimo di 10 gg. lavorativi 90%95% Percentuale minima di risposte motivate a reclami scritti o a richieste di informazioni scritte messe a disposizione entro il tempo massimo di 20 gg. lavorativi 90%95% Clienti BT domestici a fatturazione bimestrale Clienti BT non domestici a fatturazione bimestrale Percentuale minima di clienti finali con numero annuo di letture e autoletture non inferiore a 1 95% Riassumendo: standard generali per gli esercenti il servizio di misura

38 Autorità per l'energia elettrica e il gas38 Riassumendo: standard generali per gli esercenti il servizio di vendita Clienti BTClienti MT Percentuale minima di risposte motivate a reclami scritti o a richieste di informazioni scritte messe a disposizione entro il tempo massimo di 20 gg. lavorativi 90%95% Qualità dei servizi telefonici(*) (*) Da definire in seguito al monitoraggio: - tempo medio di attesa telefonica - tempo medio di rinuncia per eccessiva attesa telefonica

39 Autorità per l'energia elettrica e il gas39 La Parte II della 4/04 si applica a partire dall1 febbraio Gli standard specifici relativi al tempo massimo di esecuzione di lavori semplici, limitatamente ai clienti MT, e al ripristino della fornitura in seguito a guasto del gruppo di misura si applicano dall1 gennaio 2005 per gli esercenti con più di clienti e dall1 gennaio 2006 per gli esercenti con meno di clienti. Lo standard specifico relativo alle rettifiche di fatturazione si applica a tutti gli esercenti a partire dall1 febbraio Il monitoraggio della qualità dei servizi telefonici si applica agli esercenti con più di clienti a partire dall1 luglio Date di decorrenza

40 Autorità per l'energia elettrica e il gas40 Grazie per lattenzione! Per ulteriori informazioni:


Scaricare ppt "Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 La normativa per qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dellenergia elettrica nel periodo 2004-2007."

Presentazioni simili


Annunci Google