La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Friedrich NIETZSCHE (1844-1900) Nietzsche rappresenta la spietata ed acuta negazione del passato, il rifiuto di tutte le tradizioni, lappello ad una svolta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Friedrich NIETZSCHE (1844-1900) Nietzsche rappresenta la spietata ed acuta negazione del passato, il rifiuto di tutte le tradizioni, lappello ad una svolta."— Transcript della presentazione:

1 Friedrich NIETZSCHE ( ) Nietzsche rappresenta la spietata ed acuta negazione del passato, il rifiuto di tutte le tradizioni, lappello ad una svolta radicale. Nietzsche è il filosofo che mette in dubbio tutta la storia della filosofia occidentale, che cerca, dopo venticinque secoli di interpretazione metafisica dellessere, un nuovo principio. By Maria Elena Auxilia

2 introduzione Il suo pensiero può essere suddiviso in tre fasi: 1 La nascita della tragedia 2 La morte di Dio,il nichilismo la morte della metafisica non significa il nulla. 3 Invenzione di nuovi valori per controbattere il nichilismo essi sono: Leterno ritorno. Il superuomo o oltreuomo. La volontà di potenza. Linterpretazione nazista di Nietzsche è stata inventata dalla sorella, la quale non esitò a manipolare i testi del filosofo, pubblicando nel 1906 un libro intitolato La volontà di potenza, in cui il pensiero di Nietzsche assume quella fisionomia anti-umanitaria e razzista su cui farà leva la lettura nazista, che influenzerà la cultura del primo 900. Solo nel secondo dopoguerra è stata rivista tutta lopera nietzschiana, dando vita alledizione critica completa delle opere, che dimostrano la totale estraneità del filosofo al nazismo o a tesi simili. Allinizio della sua riflessione, Nietzsche fu influenzato da Schopenhauer, per il quale la vita è crudele e cieca irrazionalità, è dolore e distruzione. Ma egli non si ferma al pessimismo di Schopenhauer: il sentimento tragico della vita è accettazione della vita stessa, è una esaltante adesione a tutti gli aspetti dellesistenza, anche a quelli terribili, poiché tutto fa parte dellimmensa marea della vita. By Maria Elena Auxilia

3 Prima fase Distinzione tra dionisiaco e apollineo nel senso di contrasto tra gli opposti, come oordinate dello spirito greco caos e forma divenire e stasi infinito e finito istinto e ragione Ne La nascita della tragedia(1872), Nietzsche vede nel mondo greco la stagione spiritualmente più alta e ricca dellumanità. La civiltà greca era infatti nutrita da un vigoroso senso tragico, che è per Nietzsche lautentico modo di rapportarsi alla vita: è accettazione di essa, coraggio davanti al Fato. Luomo greco vedeva dappertutto laspetto orribile e assurdo dellesistenza: ma egli seppe, nellarte, trasfigurando lorribile e lassurdo in immagini ideali, rendere accettabile la vita. La grande tragedia greca è la forma suprema di arte, in quanto in essa si compongono gli impulsi vitali creativi (spirito dionisiaco), e la moderazione, lequilibrio, la razionalità (spirito apollineo). Distinzione tra dionisiaco e apollineo nel senso di contrasto tra gli opposti, come oordinate dello spirito greco caos e forma divenire e stasi infinito e finito istinto e ragione Ne La nascita della tragedia(1872), Nietzsche vede nel mondo greco la stagione spiritualmente più alta e ricca dellumanità. La civiltà greca era infatti nutrita da un vigoroso senso tragico, che è per Nietzsche lautentico modo di rapportarsi alla vita: è accettazione di essa, coraggio davanti al Fato. Luomo greco vedeva dappertutto laspetto orribile e assurdo dellesistenza: ma egli seppe, nellarte, trasfigurando lorribile e lassurdo in immagini ideali, rendere accettabile la vita. La grande tragedia greca è la forma suprema di arte, in quanto in essa si compongono gli impulsi vitali creativi (spirito dionisiaco), e la moderazione, lequilibrio, la razionalità (spirito apollineo). By Maria Elena Auxilia

4 Dionisio e Bacco ovvero Caos e Forma Lo spirito presocratico era in sostanza lo spirito dionisiaco è lesaltazione del mondo così come è, è lesaltazione della vita nella sua potenza Lo spirito presocratico era in sostanza lo spirito dionisiaco è lesaltazione del mondo così come è, è lesaltazione della vita nella sua potenza Dioniso era il dio greco che i romani chiamavano Bacco. Dioniso incarna la festa, il baccanale, il caos, l'istintualità primordiale, la sensualità Dunque la Grecia presocratica, la Grecia delle "Tragedie, ovvero di quella forma d'arte in cui l'uomo ha il coraggio di affrontare la vita per ciò che è, è per Nietzsche il luogo dello spirito vitale ancora non corrotto dal razionalismo Per contro il razionalismo socratico(e il razionalismo di tutta la filosofia che fonda le sue argomentazioni sull'uso della ragione) è invece tendenzialmente rispondente allo spirito apollineo, ovvero quel valore che si rifà alle qualità proprie del dio Apollo, dio dell'armonia e dell'equilibrio tra le forme. Lo spirito apollineo cristallizza quindi l'istinto entro una legge di armonia, che intende il mondo come costruzione ordinata, negandone il lato caotico e imprevedibile By Maria Elena Auxilia

5 La felicità L'uomo greco presocratico non era stato ancora corrotto dall'idea socratica che il bene va raggiunto per mezzo della ragione la virtù non è il mezzo per raggiungere la felicità invece è vero il contrario E La felicità l'idea della virtù che produce è l'inizio di ogni considerazione veramente positiva e della filosofia Per Nietzsche non esiste dunque la felicità posta come una meta, bensì è il caotico fluire dell'esistenza che produce del tutto autonomamente quel vigore di forze che portano a uno stato esistenziale e fisiologico felice. La felicità giunge autonomamente secondo modalità casuali, è dunque compito dell'uomo agevolare queste tendenze vitalistiche ponendo un pensiero che si addica al loro vigore. Nietzsche pone dunque come valore veramente originario e autentico il flusso caotico e istintuale degli eventi, questo valore costituisce il culmine del possibile percorso umano questa idea apollinea, questo artificio della morale (il bene come disciplina dello spirito) intende raggiungere la felicità per mezzo della virtù. By Maria Elena Auxilia

6 Il rimedio è peggiore del male La filosofia occidentale pone le realtà metafisiche, come un tentativo di trovare il rimedio alle paure degli uomini, alla paura della morte, del nulla, del caos, dell'ignoto. ogni tentativo di rimediare a questa paura fonda un mondo di realtà eterne e immutabili assolutamente fittizio(ogni metafisica è per Nietzsche un tentativo di rendere concreto il nulla). Le realtà metafisiche non corrispondono ad alcuna verità Il mondo vero è per Nietzsche questo mondo, il mondo che abbiamo davanti, il mondo entro il quale si manifesta il vigore vitale, unica vera e possibile fonte di benessere. Ogni tentativo di fondare un rimedio contro la paura dell'ignoto finisce per limitare e infiacchire il vigore vitale nell'uomo: ogni tentativo di rimedio è quindi peggiore del male, poiché per combattere la paura dell'ignoto (il male) finisce per allontanare l'uomo dalla vita. La vita è per Nietzsche un originario e ignoto movimento di impulsi, in cui si alternano nel caos più totale momenti sublimi a momenti terribili. Ma questo caos, al quale si tenta di dare un ordine per rendere gli eventi più prevedibili e quindi consolatori, è la fonte stessa della vita e del benessere, per cui se da un lato l'uomo tenta di ingabbiare questo caos entro leggi prevedibili, dall'altro Nietzsche avverte come questo progetto finisce per allontanare l'uomo dalla fonte della vita e irrigidirlo entro un razionalismo che uccide l'istinto e la passione. By Maria Elena Auxilia

7 Il divenire Nietzsche critica quindi tutta la tradizione filosofica occidentale: ciò che la filosofia occidentale vuole negare a partire da Socrate è sostanzialmente il caos, e così facendo va contro la vita stessa: se la ragione pretende di trovare un ordine nel caos (e renderlo consolatorio), dall'altro questo ordine finisce per andare contro quell'istintualità primordiale che è la fonte di ogni impulso vitale. La realtà è a-sistematica, la realtà è quel luogo entro il quale forze ignote continuamente e caoticamente si scontrano, nessuna forma di sistematicità (e qui si fa riferimento al sistema razionale) è verità, ma solamente menzogna che nasconde e ingabbia l'originario tumulto degli istinti. Il tema centrale della filosofia di Nietzsche: Il tema centrale della filosofia di Nietzsche: L'autentico e originario movimento della vita è il divenire, il divenire non è menzogna, tutto il resto lo è. Il divenire, la vita stessa, si manifesta nella fisiologia umana, liberare la fisiologia dagli ostacoli che impediscono all'impulso vitale di fluire pieno e impetuoso nell'uomo è il compito supremo della nuova umanità. Con il divenire viene accettato in toto ogni aspetto della vita: il tragico e il lieto, la vita e la morte, la produzione e l'annientamento. By Maria Elena Auxilia

8 Seconda fase Nietzsche, deliberatamente, mette tutto in discussione:romanticismo,ideali smo, positivismo, socialismo, evoluzionismo, cristianesimo, metafisiche e dogmatismi vari. Tutte le realtà che sono state presentate come nobili, vere, spirituali sono in realtà umane, troppo umane. Sono costruzioni che esprimono solo gli istinti, appetiti, passioni e interessi più intimi delluomo. Nietzsche rifiuta così ogni tipo di metafisica e di religione, ed attacca lo stesso concetto di verità : secondo Nietzsche si sono chiamate verità gli errori utili, quelli che sono indispensabili alluomo per poter vivere, giacché non sopporta il vivere senza un senso. La volontà di verità ha la sua radice proprio nel bisogno di stabilità, nella paura di instabilità. Ma non esiste nessuna verità se non allinterno di una interpretazione ed in riferimento ad una particolare prospettiva. In altre parole, non vi sono verità evidenti se non allinterno di categorie storicamente instaurate dagli uomini. Il cristianesimo oppone i valori del cielo a quelli della terra. Così esso è la religione dei deboli, dei vinti. Lateismo, appare quindi a Nietzsche come lunica alternativa per liberare luomo. Esso è in lui qualcosa di ovvio: Sono troppo curioso, troppo incredulo, troppo insolente per accontentarmi di una risposta così grossolana. Dio è una risposta grossolana, unindelicatezza verso noi pensatori; anzi, addirittura, non è altro che un grossolano divieto contro di noi: non dovete pensare(cfr. Ecce homo). Dicendo che Dio è morto! Nietzsche vuol indicare insomma che sono morti gli ideali ed i valori del mondo occidentale. Dio è stato ucciso perché in Lui era sintetizzato tutto ciò che era contro la vita. Però, ora che Dio è morto, luomo non sa più che cosa fare: è privo di valori ed è quindi solo, sperduto nel gran mare dellessere, senza punto dappoggio. Non cè che una alternativa : è luomo stesso che deve creare i valori. Ne La gaia scienza Nietzsche sostiene che luomo ha ucciso Dio. Dio è morto e noi labbiamo ucciso. La civiltà occidentale ha ucciso Dio a poco a poco, ma, uccidendo, ha perso ogni punto di riferimento. By Maria Elena Auxilia

9 La morale Ma quali valori ? Prima di proporre una nuova tavola di valori, Nietzsche si dedica allo smantellamento della morale. In Al di là del bene e del male (1886) e nella Genealogia della morale(1887), egli risale allorigine dei comportamenti morali. La morale per Nietzsche è uno strumento di dominio : essa consiste nella costituzione di valori presentati come universali e auto-evidenti, ma in realtà astratti e repressivi. In nome di tali valori, alcuni uomini ( i buoni) ne soggiogano altri(i forti). Vi sono infatti due tipi di morale la morale dei sani, dei forti, che privilegia lindividualismo, la fierezza, lamore per la vita; la morale degli schiavi, dei deboli, che è sociale e utilitaristica, che predica la democrazia ecc. La morale degli schiavi è nata col cristianesimo ed è sorta per il risentimento verso la classe dei forti : infatti i mediocri non sanno elaborare nulla di proprio e di autonomo, la vera azione è loro negata, ed allora trovano il compenso in una vendetta immaginaria. Il disinteresse, labnegazione, il sacrificio di sé sono il frutto del risentimento delluomo debole verso la vita. I deboli, che non sanno vivere, hanno fatto diventare valore la negazione della vita; è questa la vendetta dei deboli contro i forti. Se il mondo è quindi puro divenire (ovvero movimento e mutamento caotico incessante), allora la morale rappresenta un tentativo illegittimo di negare questo divenire in nome di concetti che si vogliono assumere come eterni. la realtà originaria ed evidente è il fluire caotico e incontrollato delle energie vitali, ragion per cui ogni forma di morale rappresenta una costrizione di questo flusso. By Maria Elena Auxilia

10 Pulsioni e istinti,forze vitali Lessere umano desiderava soddisfare le proprie pulsioni, realizzarsi in questo mondo. La morale lo ha invece spinto a credere in una specie di anti-mondo, lo ha portato ad allontanarsi dalla sua natura originaria, che è terrestre. Ma la natura si è vendicata e gli istinti si sono rifugiati allinterno delluomo Luomo appare così a Nietzsche come un animale malato. Orbene, per liberare luomo da questo nichilismo (nella sua storia lOccidente ha progressivamente negato i valori vitali), Nietzsche propone una trasvalutazione di tutti i valori, una nuova tavola di valori che realizzino lideale della grande salute. Per poterla attuare, egli ha elaborato i concetti di volontà di potenza, superuomo ed eterno ritorno. La morale tende così ad indebolire luomo. Rappresenta quell'insieme di comportamenti e obblighi che si vogliono imporre agli uomini fondandoli su pretese verità religiose, metafisiche e ideologiche. By Maria Elena Auxilia

11 Terza fase forma nuova di uomo che si deve auspicare e alla quale si deve giungere Nietzsche lo chiama ubermensch (tradotto con "superuomo", o con "oltre-uomo", secondo la traduzione di Vattimo). Vattimo Di fronte alla scoperta che tutti i rimedi metafisici, ideologici e morali posti in essere per difendersi dall'imprevisto e dal timore dell'ignoto sono menzogne consolatorie, l'uomo si trova di fronte per la prima volta alla realtà di un mondo che è puro caos e puro divenire: il superuomo accetta questa evidenza. Dunque il superuomo ha la forza di accettare l'ignoto e l'imprevedibilità senza ricorrere all'apporto dei rimedi consolatori, il superuomo "guarda in faccia" il proprio destino, ama il proprio destino, lo desidera ("amor fati", amore per il destino). Il mondo "nudo" e spogliato delle millenarie menzogne della morale e della metafisica si presenta come un flusso di forze e di energie caotiche, il superuomo vive sapendo di essere in balia di queste forze e tenta di volgerle a suo favore.amor fati Spirito dionisiaco e decadenza Superuomo By Maria Elena Auxilia

12 La menzogna delle scienze In realtà tutti questi tentativi di trovare una spiegazione morale o ultramondana agli eventi finisce per essere niente di più che una consolazione oltre la quale non vi è nulla non solo la morale è sottoposta a critica.,ma anche le scienze,la matematica e larte allora il mondo si costituisce come un campo di forze, dove non esiste alcuna legge razionale, morale o spirituale che possa giustificare stabilmente la preminenza di una verità rispetto alle altre. La scienza e la matematica pretendono di ridurre il fluire del mondo (il divenire) entro schemi concettuali rigidi e numerizzabili, in modo da avere una certa potenza sulla realtà. Ma anche questa pretesa non può che fallire, poiché l'originario flusso del divenire non è riconducibile al alcun algoritmo. L'arte, per contro, è l'insieme degli artifici che l'uomo pone in essere per rendere la vita più sopportabile attraverso la contemplazione estetica. L'arte abitua l'uomo al gusto della menzogna, poiché falsifica la realtà interpretandola esteticamente. By Maria Elena Auxilia

13 La volontà di potenza Se l'aspetto più autentico della realtà è il puro divenire, ovvero il flusso caotico e imprevedibile degli eventi Se il mondo è un campo di forze che continuamente lottano per la supremazia, allora la preminenza di un senso delle cose rispetto all'altro si deve fondare unicamente sulla volontà di avere un certo potere sulle cose. By Maria Elena Auxilia

14 Al di là del Bene e del Male Il superuomo non fa altro che rendersi conto di questa evidenza, il superuomo si rende conto che la vita non è altro che uno scontro di forze, e si rende conto che la storia alle sue spalle è la storia fallimentare della volontà che pretendeva di dominare sul flusso caotico della vita. Resosi conto che la vita può cambiare significato solo rispetto alla volontà che questo significato cambi, il superuomo assume allora il valore più autentico come guida: il superuomo accetta il puro divenire in quanto scontro di forze, il superuomo vuole diventare come l'esistenza. Ecco che il superuomo, una volta identificatosi con l'autentico flusso degli impulsi in cui consiste l'esistenza, pone la sua volontà finalmente libera da ogni inganno al di sopra delle altre: il superuomo si pone al di là delle morali, delle religioni e dei razionalismi, si pone al di là del bene e del male, uniformandosi al volere degli impulsi vitali. La morale che pretende di dividere il bene dal male non riveste più alcuna utilità, poiché il suo fondamento è stato ritenuto falso e menzognero: la vita è un flusso originario di istinti e avvenimenti senza alcuno scopo e senza alcun fine, il fine inventato dall'uomo per dare un senso alle sue azioni rientra nel discorso del rimedio contro il timore che non vi sia alcun senso stabile. Il superuomo accetta il fatto che non vi è alcun senso stabile e fonda le sue azioni sulla sola volontà di potenza, ovvero entra nel gioco di forze in cui consiste il divenire e trae vantaggio da questa condizione. By Maria Elena Auxilia

15 Il tempo Nietzsche si rende conto che il senso lineare del tempo contiene un passaggio che impedisce alla volontà di potenza di avere effettivamente il dominio sull'intera realtà: il passato, così come è inteso in un concetto lineare del tempo, è immutabile, il passato non può essere modificato e sottoposto all'azione della volontà. By Maria Elena Auxilia

16 Leterno ritorno Il tempo Dunque il tempo prevede che tutto scorra verso una direzione stabilita, ma questo contraddice la legge fondamentale del caos. L'unico senso del tempo che rappresenta al meglio il caos in cui l'esistenza consiste è il senso circolare del tempo, in cui ogni cosa perpetuamente ritorna su se stessa infinite volte, senza alcuna legge che ne determini una rigida scansione temporale Nietzsche nota quindi come il tempo non può avere una finalità, non può avere una direzione, anche il tempo deve essere periodico, ovvero ritornare sui suoi passi. By Maria Elena Auxilia

17 Il Superuomo il superuomo deve volere l'eterno ritorno dell'eguale. Questa affermazione è collegata al senso del tempo: l'uomo deve volere che tutti gli istanti della sua vita ritornino continuamente sui propri passi in un moto circolare perpetuo. In questo modo la volontà di potenza del superuomo sa che nemmeno il passato si sottrae alla possibilità del suo dominio, poiché la freccia lineare del tempo non rappresenta autenticamente il senso della realtà. By Maria Elena Auxilia

18 Critica al Cristianesimo Nietzsche vede nel cristianesimo la forma più subdola e astuta di dominio dei deboli suo forti. Il cristianesimo accetta la divisione metafisica della realtà operata da Platone e pone il fondamento della vita al di là della vita. In nome di questa arbitraria decisione di porre un Dio oltre la vita degli uomini (che per Nietzsche è l'unica forma di realtà esistente) gli spiriti deboli, che temono gli istinti e le passioni, impongono la loro legge sui forti, predicando una vita di virtù e di penitenza, di umiltà e di rinuncia. Lo spirito del cristianesimo è dunque uno spirito di rinuncia, dove invece lo spirito che anima il superuomo è lo spirito del "sì" alla vita. il cristianesimo crede che la virtù sia il mezzo per raggiungere la felicità, ma tutto questo è menzogna, poiché è la vita che decide per l'uomo, non il contrario. La critica al Cristianesim o Il cristianesimo ha mosso guerra alle passioni perché ritenute pericolose, mostrando all'uomo che la felicità si può raggiungere solamente attraverso il loro sradicamento. Tuttavia sradicando le passioni il cristianesimo sradica la stessa vita.

19 Il libero arbitrio Lo stesso libero arbitrio è per Nietzsche una menzogna posta in essere dalla religione per rendere l'uomo responsabile del bene e del male, in modo da potere infliggere punizioni e distribuire ricompense al solo scopo di attuare un controllo a fini di normalizzazione sociale. Per Nietzsche è la vita che decide per l'uomo, e non viceversa. Con il libero arbitrio i sacerdoti posti al vertice delle antiche comunità vollero crearsi un diritto di irrogare delle pene mentre nessuno dà all'uomo – né Dio, né la società, né i suoi genitori e antenati, né lui stesso – le sue proprie caratteristiche. (Crepuscolo degli idoli). Nietzsche vede nel cristianesimo una forma di "ammaestramento" degli uomini, una forma di controllo sistematico che tende ad uniformare le qualità degli uomini su principi di rinuncia e di umiltà. By Maria Elena Auxilia


Scaricare ppt "Friedrich NIETZSCHE (1844-1900) Nietzsche rappresenta la spietata ed acuta negazione del passato, il rifiuto di tutte le tradizioni, lappello ad una svolta."

Presentazioni simili


Annunci Google