La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Una Smart Specialization per il mare

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Una Smart Specialization per il mare"— Transcript della presentazione:

1 Una Smart Specialization per il mare
Tavolo di lavoro Roma, 17 dicembre 2012 Paolo Pispola Direzione Generale Politica Industriale e Competitività Divisione IX – politiche industriali dei settori automotive, cantieristica, trasporti, prodotti ottici ed elettrici 1 1

2 Specializzazione regionale e cooperazione tra territori
“Concentrating resources on the most promising areas of regional comparative advantage” Dove risiedono i vantaggi competitivi? Economie di prossimità: porti, cantieri, centri di ricerca Economie di collaborazione: filiere produttive e clienti finali Specializzazione delle Regioni e attori specializzati Governance e strategie del territorio La dimensione della Ricerca e quella dell’Impresa

3 Spunti di partenza Europei Nazionali Regionali …
Una possibilità: intercettare le specializzazioni dei territori a partire dai progetti a finanziamento pubblico Europei Programmi Quadro R&S: 7^, 6^ Interreg …. Nazionali MiSE MIUR MIT MATTM Regionali …

4 L’esperienza di Progetto Sistemi navali di nuova generazione
Abbattimento dei consumi e dell’inquinamento, materiali eco- compatibili, componenti innovativi (timone a geometria variabile, stabilizzatore dello scafo con un sistema di lubrificazione a grasso) Capofila: Fincantieri 20 imprese 5 tra centri di ricerca e università Investimenti per 27 milioni di euro

5 L’esperienza di Progetto Vision
Vaporetto di Venezia innovativo, con sistema ibrido di generazione energia a celle a combustibile alimentate a idrogeno, fotovoltaico e accumulatori, e propulsione elettrica azimutale, per migliore rispetto dell'ambiente e comfort passeggeri Capofila: Fincantieri 10 imprese 1 centro di ricerca Investimenti per 9,3 milioni di euro

6 L’esperienza di Progetto SLIMPORT
Incrementare l’efficienza dei processi operativi portuali “ultimo miglio mare - primo miglio terra”: decongestionare i flussi di traffico, ridurre il tempo di stazionamento e di transito delle merci e dei passeggeri nei nodi del trasporto, velocizzare le operazioni di carico, scarico e trasbordo. Capofila: Elsag Datamat 31 imprese 6 tra centri di ricerca e università Investimenti per 25,7 milioni di euro

7 L’esperienza di Progetto SIS-TEMA
Gestione integrata, sicura e intermodale dell'intera filiera dell’“ultimo miglio mare - primo miglio terra”: 5 sottosistemi ICT avanzati ICT, trasferimento intermodale di persone e/o merci nei nodi di scambio, integrazione con i sistemi del porto, delle imbarcazioni, delle strutture di movimentazione Capofila: RINA 19 imprese 1 centro di ricerca e 1 università Investimenti per 23 milioni di euro

8 L’esperienza di Una rete di connessioni tra 25 progetti Mobilità
Sostenibile

9 L’esperienza di Navi e porti

10 L’esperienza di Slimport

11 Un esempio di Smart Specialization nella formazione superiore
ITS - Istituti Tecnici Superiori (www.indire.it/its) 59 istituti con percorsi post-secondari paralleli ai percorsi accademici Formazione di tecnici superiori nelle aree strategiche di Industria 2015 Fondazione di partecipazione: scuole, enti di formazione, imprese, università e centri di ricerca, enti locali Gli ITS legati al settore marittimo Genova Trasporti marittimi – Pesca Accademia della Marina Mercantile - ITN "San Giorgio" La Spezia Navalmeccanico IIS "G. Capellini/N. Sauro" Gaeta Mobilità delle persone e delle merci IIS "Caboto“ Torre Annunziata (NA) Trasporto marittimo ITIS "G. Marconi"

12 Grazie Paolo Pispola 12 12 Ministero dello Sviluppo Economico
Dipartimento Impresa e Internazionalizzazione Direzione Generale Politica Industriale e Competitività Div. IX: "automotive, cantieristica, trasporti, prodotti ottici ed elettrici“ Via Molise, 2 – Roma Tel 12 12


Scaricare ppt "Una Smart Specialization per il mare"

Presentazioni simili


Annunci Google