La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1.LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA COMPARATIVA 2. LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA AVVERSATIVA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1.LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA COMPARATIVA 2. LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA AVVERSATIVA."— Transcript della presentazione:

1 1.LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA COMPARATIVA 2. LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA AVVERSATIVA

2 Francesco è più bravo di quanto pensassi. Francesco è più bravo ➜ proposizione principale di quanto pensassi ➜ proposizione subordinata In questo periodo la proposizione subordinata stabilisce un confronto con ciò che si dice nella proposizione principale (è più bravo). La frase di quanto pensassi è una proposizione subordinata comparativa. 1. LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA COMPARATIVA

3 La proposizione subordinata comparativa indica, infatti, un confronto con quanto è affermato nella reggente

4 Ci sono proposizioni subordinate comparative: A.di uguaglianza Francesco è bravo quanto pensavo. B.di maggioranza Francesco è più bravo di quanto pensassi. C.di minoranza Francesco è meno bravo di quanto pensassi. ESPLICITA IMPLICITA

5 La subordinata comparativa esplicita può essere: A. di uguaglianza, quando è formata da così … come, tanto … quanto + un verbo all’indicativo o al condizionale: Questo viaggio è tanto breve quanto avevamo previsto. Nella vita non sempre le cose vanno così come si vorrebbe. B. di maggioranza, quando è formata da più … che, più … di come, più … di quanto, più … di quello che + un verbo all’indicativo, al congiuntivo o al condizionale: Quel film è più interessante di quello che credi tu. Abbiamo guadagnato più di quanto noi tutti avessimo sperato. Tutto si è risolto più in fretta di come avreste voluto. N. B. Nella proposizione principale al posto di più ci può essere meglio (o migliore): A scuola va meglio di quanto voglia far credere. C. di minoranza, quando è formata da meno … che, meno … di quanto, meno … di quello che + un verbo all’indicativo, al congiuntivo o al condizionale: Questo libro è meno noioso di quello che dicono. Hanno vinto meno partite di quanto i tifosi avessero immaginato. Abbiamo riportato una vittoria meno schiacciante di quanto avremmo voluto. N. B. Nella proposizione principale al posto di meno ci può essere peggio (o peggiore): La situazione è peggiore di quanto si fosse temuto.

6 La subordinata comparativa implicita può essere solo di maggioranza ed è formata da più che, piuttosto che + un verbo all’infinito: Preferisce non uscire piuttosto che andare a quello spettacolo. Preferisco tacere piuttosto che dire sciocchezze. Chiacchierava più che lavorare

7

8 1. LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA AVVERSATIVA Era triste invece di essere felice Era triste proposizione principale invece di essere felice proposizione subordinata In questo periodo la proposizione subordinata indica una contrapposizione con ciò che si dice nella proposizione principale: invece di essere felice si contrappone a Era triste. La frase invece di essere felice è una proposizione subordinata avversativa.

9 La proposizione subordinata avversativa può essere: A. esplicita, quando è formata da quando invece, mentre, quando + un verbo all’indicativo o al condizionale: 1.Credeva di aver fallito, quando invece superò brillantemente la prova. 2.Abbiamo perso la partita, mentre con un impegno maggiore avremmo stravinto. B. implicita, quando è formata da invece di, anziché, in luogo di, al posto di + un verbo all’infinito: 1.Invece di piangere inutilmente, cerca di recuperare la sua fiducia. 2.Studiate, invece di andare a spasso tutto il giorno!

10


Scaricare ppt "1.LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA COMPARATIVA 2. LA PROPOSIZIONE SUBORDINATA AVVERSATIVA."

Presentazioni simili


Annunci Google