La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La formulazione degli obiettivi (goal setting) Dott. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La formulazione degli obiettivi (goal setting) Dott. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR."— Transcript della presentazione:

1 La formulazione degli obiettivi (goal setting) Dott. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

2 Siamo tutti in grado di perseguire i nostri sogni e raggiungere obiettivi significativi

3 important it is to have clear goals

4 DJOKOVIC (Corriere sport stadio ) “Ho cercato, sin da piccolo, di vedermi in campo l’ultima domenica di Wimbledon giocare la finale, per me è sempre stato l’obiettivo numero uno ”.

5 E’ necessario innanzitutto formulare obiettivi a breve, medio e lungo termine

6 obiettivo a breve termine scadenza uno o due mesi obiettivo a medio termine sei mesi quello a lungo termine un anno

7 Gli obiettivi devono essere significativi, stimolanti, chiari difficili ma non inarrivabili mirati al miglioramento graduale della prestazione più che al risultato

8 «Se immaginate ripetutamente e coscienziosamente di raggiungere un obiettivo, le vostre possibilità reali di successo aumenteranno notevolmente» Arnold Lazarus, L’occhio della mente, Astrolabio, Roma, 1989, pag. 50.

9 Fissare obiettivi limitati, raggiungibili e progressivamente più ambiziosi è uno dei modi migliori per aumentare l’autoefficacia dell’atleta.

10 “Ti informo che, grazie ai tuoi preziosi consigli, in queste due settimane ho raggiunto i miei primi "piccoli" obiettivi: Ho perso un chilo e settecento grammi.”

11 Obiettivi specifici e prossimi sono più efficaci nel dirigere l’azione Obiettivi specifici dirigono meglio di obiettivi generali

12 Obiettivi difficili sono meglio di obiettivi modesti Obiettivi troppo facili e poco incentivanti inducono demotivazione

13 Obiettivi a medio termine favoriscono il raggiungimento di obiettivi a lungo termine

14 La prestazione aumenta quando gli obiettivi sono moderatamente difficili per i seguenti motivi:

15 Se un atleta valuta di non essere sufficientemente in grado di raggiungerlo, difficilmente sarà motivato a impegnarsi in un’attività frustrante;

16 La fiducia in sé stesso influenza direttamente la percezione della difficoltà del compito e la successiva prestazione;

17 È importante avere delle priorità negli obiettivi

18 Fai un programma mentale dei tuoi prossimi obiettivi, cosa vuoi raggiungere in ordine prioritario e temporale e come?

19 Cosa sei disposto a fare, a rinunciare, a sacrificare? Cosa devi evitare o devi fare per raggiungere i tuoi obiettivi? Qual è il costo? Ne vale la pena?

20 La pratica di darsi un obiettivo:

21 - organizzare il nostro comportamento in funzione di tali obiettivi; - controllare l’azione;

22 prestare attenzione al risultato di tali azioni, per riconoscere se e quando è necessario ritornare alla fase di progettazione

23 Il paesaggio degli obiettivi (F.Cantaro, G.Guastalla, Il segreto della PNL, Sonda, 2009, p. 109)

24 Prima che un progetto acquisti contorni determinati prima che un volere qualcosa si trasformi in un fare qualcosa esso si muove dentro di noi come possibilità, come un sogno da realizzare, come un desiderio, una spinta.

25 E’ il desiderio di un “oggetto” assente a dare origine al movimento e a stimolare la prefigurazione di risorse e mezzi volta a ottenere la sua realizzazione.

26 …l’obiettivo permette un orientamento dell’azione, che si organizza logicamente intorno a qualcosa e l’azione stessa si determina come intenzione (un dirigersi verso), decisione (ciò che si vuole) e realizzazione (obiettivo già raggiunto).

27 L’Università americana di Yale ha condotto un esperimento che consisteva nell’intervistare un certo numero di studenti chiedendo loro che cosa volevano fare nella vita.

28 Degli studenti interessati, solo il 3% mise i propri obiettivi per iscritto gli altri si rifiutarono

29 Dopo vent’anni i ricercatori ricontattarono tutti gli intervistati: il risultato della ricerca fu che solo gli studenti che avevano scritto i propri obiettivi li avevano effettivamente raggiunti, questi inoltre si ritenevano più soddisfatti della vita che conducevano rispetto a quelli che si erano rifiutati.

30 Solo con una chiara e dettagliata idea di quelli che sono i tuoi propri obiettivi la mente riesce ad organizzare comportamenti in funzione del raggiungimento dell’obiettivo stesso.

31 Obiettivi ben definiti e stimolanti accrescono e mantengono la motivazione

32 Definizione dell’obiettivo formulazione in termini positivi descritto in termini multisensoriali avere forte carica motivazionale essere verificabile tenuto sotto il proprio controllo rispettare l’ecologia

33 Formulazione in positivo dell’obiettivo Cosa voglio ottenere? Che cosa desidero?

34 Descrizione in termini multisensoriali Quanto più i tuoi sensi sono coinvolti nella descrizione precisa dell’obiettivo tanto più ti sentirai motivato, e più facile sarà attingere alle tue risorse interne per perseguire le mete desiderate.

35 Carica motivazionale dell’obiettivo Cosa c’è di così importante per me nel raggiungimento di questo obiettivo?

36 Procedura di verifica e di controllo stabilire una procedura a breve e a lungo termine che indichi in ogni momento se sei o meno in linea con la meta.

37 Qual è il percorso per raggiungere l’obiettivo? Possiedo tutte le capacità e competenze che mi occorrono? Cosa devo migliorare?

38 Quali capacità e competenze, quali opportunità e risorse ti occorrono per il raggiungimento dell’obiettivo?

39 Il raggiungimento dell’obiettivo coinvolge altre persone? Dove, quando e con chi voglio raggiungere l’obiettivo? Qual è la prima cosa che posso fare oggi per avvicinarmi all’obiettivo?

40 Ecologia dell’obiettivo valutazione delle conseguenze e delle ripercussioni che il raggiungimento dell’obiettivo provoca in ogni aspetto della vita dell’individuo.

41 Il controllo ecologico pone l’obiettivo nell’ottica sistemica ogni persona è considerata come parte di un sistema e qualsiasi cambiamento nel sistema avrà ripercussioni in tutte le altre parti del sistema.

42 Non prevedere le conseguenze di tali ripercussioni può portare a considerare positivi dei cambiamenti che invece a lungo termine potrebbero risultare negativi.

43 Quali cambiamenti apporterà nella mia vita l’obiettivo raggiunto? Esistono controindicazioni al suo raggiungimento? Che prezzo sono disposto a pagare? Potrebbe arrecare disagi alle persone a me care?

44 GRAZIE CONTATTI: www.psicologiadellosport.net


Scaricare ppt "La formulazione degli obiettivi (goal setting) Dott. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR."

Presentazioni simili


Annunci Google