La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I NTRODUZIONE ALLA P ARTE S PECIALE DEL C.P.. L A P ARTE S PECIALE COME « UNICO VERO E PROPRIO DIRITTO PENALE ». Parte Speciale: è il settore del diritto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I NTRODUZIONE ALLA P ARTE S PECIALE DEL C.P.. L A P ARTE S PECIALE COME « UNICO VERO E PROPRIO DIRITTO PENALE ». Parte Speciale: è il settore del diritto."— Transcript della presentazione:

1 I NTRODUZIONE ALLA P ARTE S PECIALE DEL C.P.

2 L A P ARTE S PECIALE COME « UNICO VERO E PROPRIO DIRITTO PENALE ». Parte Speciale: è il settore del diritto penale che contiene le definizioni delle singole fattispecie criminose e le sanzioni da comminarsi. Libri II e III del C.P. Parte Generale: è il settore del diritto penale che contiene le regole ed i principi da applicarsi in via generale alle fattispecie di parte speciale. Libro I del C.P. - Attualizza il diritto penale e la stessa parte generale ; i più antichi codici contenevano solo una parte speciale. - Luogo delle scelte di politica criminale: norme di cultura di una collettività in un determinato momento storico. - Funzione di disciplina: integra le norme incriminatrici di parte speciale, partecipando alla funzione prescrittiva delle stesse. - Riduce le incertezze interpretative della parte speciale. P RINCIPIO DI STRETTA LEGALITÀ

3 P ARTE SPECIALE E PARTE GENERALE. R ELATIVITÀ DELLA DISTINZIONE Astrazione di istituti di parte speciale: es. cause di giustificazione. Tipizzazione di istituti di parte generale: es. ricettazione. Norme di parte speciale nella parte generale: norme a valenza incriminatrice. Es: art. 40, c. 2; art. 56, art. 110, artt. 82 e 83 c.p. Norme di parte generale nella parte speciale: -Disposizioni circostanziali; -Disposizioni derogatorie; -Speciali casi di non punibilità; -Disposizioni definitorie Norme equiparatorie Norme interpretative Duplice natura RAPPORTO DI INTERAZIONE

4 P ARTE SPECIALE E BENE GIURIDICO. R EATO È ILLECITO DI MODALITÀ DI LESIONE D ISVALORE DI AZIONE D ISVALORE DI EVENTO M ODALITÀ L ESIONE T UTELA DI INTERESSI MERITEVOLI : BENI GIURIDICI, OGGETTO GIURIDICO DEL REATO. C RITERIO DI CLASSIFICAZIONE DEI REATI BASATO SULL ’ OGGETTIVITÀ GIURIDICA. Cfr. Relazione al Re del Guardasigilli Rocco B ENE GIURIDICO DI CATEGORIA Principio di offensività : non è solo sufficiente che il fatto umano sia conforme al fatto di reato previsto dalla norma, è altresì necessario che sia realmente offensivo del bene giuridico protetto dalla norma stessa. REATO IMPOSSIBILE Art. 49 comma 2 C.P.: la punibilità è esclusa se per l’inidoneità dell’azione o l’inesistente dell’oggetto o dell’azione l’ evento è impossibile.  Se il reato è inidoneo o manchevole di taluni elementi, significa che non è offensivo.

5 Classificazione dei reati di parte speciale in base al bene giuridico di categoria: - Progressione discendente: al primo posto, bene giuridico di categoria che si ritiene maggiormente degno di tutela. Infatti, Parte Speciale è espressione delle scelte di politica criminale via via operate. - Pubblicizzazione della tutela penale: l’attuazione della tutela penale riguarda primariamente lo Stato, non l’individuo. Carattere autoritario del Codice Rocco. I delitti contro la personalità dello Stato e la cosa pubblica precedono quelli che hanno per oggetto beni individuali. Modello in crisi: necessità di una progressione ascendente della tutela penale in virtù di una lettura costituzionalmente orientata dell’illecito penale. Principio personalistico: al primo posto della tutela costituzionale (artt. 2 e 3 Cost. ) è la persona umana.

6 Parte Speciale e Leggi Complementari. F ENOMENO DI DECODIFICAZIONE Sovrabbondante produzione normativa rende impossibile il contenimento di tutti gli illeciti nel C.P. Esistono materie (es. codice della strada) con una propria autonomia: microsistemi di tutela integrata, in cui l’aspetto penale non è autonomo rispetto alle altre forme di tutela. Si tratta spesso di materie «farcite» da elementi normativi e talora da norme penali in bianco che debbono essere integrati da normative extrapenali. Interviene solo sulla parte speciale del C.P. Per tutti i reati delle leggi complementari valgono, salvo eccezioni espresse, i principi della parte generale del C.P. ex art. 16 c.p.

7 Beni giuridici di categoria. In via decrescente : titolo  capo  sezione  articolo La categoria esaurisce la nozione di bene giuridico? - Prima tesi: il singolo articolo può delineare un bene giuridico più specifico ed anche in qualche modo diverso da quello di categoria. Enfatizza dimensione offensiva del reato. Bene giuridico specifico = evento giuridico. - Seconda tesi: reati diversi, sistemati in diversi articoli, possono condividere stesso bene giuridico. Nozione più ampia di bene giuridico, inteso quale interesse tutelato dall’ordinamento. Ai fini interpretativi, le epigrafi dei Titoli, Capi e Sezioni e le Rubriche degli articoli sono vincolanti? Problematica dei reati plurioffensivi. NATURA ORIENTATIVAI beni giuridici rappresentano l’inquadramento politico criminale della fattispecie soggetto al mutamento dei tempi.

8 L E MODALITÀ DI LESIONE : LA TIPICITÀ. R EATO È ILLECITO DI MODALITÀ DI LESIONE D ISVALORE DI AZIONE Distingue un reato dall’altro se bene giuridico di categoria è lo stesso. Principio di tipicità: le fattispecie criminose devono essere descritte dal legislatore per evitare abusi del potere giudiziario e rispondere all’esigenza di certezza del diritto (conformità del fatto storico al fatto tipico). Espressione del principio di legalità. Il legislatore effettua scelte di politica criminale. Infatti Parte Speciale è il luogo di queste opzioni: norme di cultura di una collettività in un determinato momento storico.


Scaricare ppt "I NTRODUZIONE ALLA P ARTE S PECIALE DEL C.P.. L A P ARTE S PECIALE COME « UNICO VERO E PROPRIO DIRITTO PENALE ». Parte Speciale: è il settore del diritto."

Presentazioni simili


Annunci Google