La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cooperazione nella storia Fine seconda guerra mondiale I nuovi valori Solidarietá tra nazioni Ri spetto dei Diritti Umani Cooperazione allo sviluppo Non.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cooperazione nella storia Fine seconda guerra mondiale I nuovi valori Solidarietá tra nazioni Ri spetto dei Diritti Umani Cooperazione allo sviluppo Non."— Transcript della presentazione:

1

2 Cooperazione nella storia Fine seconda guerra mondiale I nuovi valori Solidarietá tra nazioni Ri spetto dei Diritti Umani Cooperazione allo sviluppo Non governativa decentrato governativa

3 Cooperazione Oggi Approccio collaborativo a sostegno del Sud del mondo Organizzazzioni non governative Associazioni Cooperative Associazioni Cooperative Organizzazioni Internazionali Banca mondiale Onu Organizzazioni Internazionali Banca mondiale Onu Governi Autoritá locali Governi Autoritá locali Non governativa decentrato multilaterale bilaterale

4 COMPETENZE formazione adeguata all’intervento Conoscenza delle lingue Project managment Esperienza pregressa Disponibilitá di movimento Adattamento Problem solving Multi-tasking autovalutazione RUOLI Coordinatore/responsabile del paese Capo progetto/coordinatore Specialista tecnico Educatore/formatore Logista Amministratore

5 EDUCATIVO PROGRAMMI DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE SVILUPPO LOCALE E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO TUTELA DEI DIRITTI UMANI E DEMOCRATIZZAZIONE SOCIO SANITARIO

6 È uno strumento importante della politica di assistenza allo sviluppo dei PVS da parte di altri Paesi (in particolare USA e UE). Si tratta,in particolare, di iniziative a sostegno della sicurezza alimentare e dello sviluppo agricolo che vengono attuate attraverso: La fornitura di aiuti alimentari Finanziamento della ricerca agronomica Realizzazione di infrastrutture Rafforzamento delle capacità istituzionali dei governi e delle organizzazioni contadine

7 Obiettivi principali: Lotta contro la povertà Attuare uno stretto coordinamento tra i Paesi con altre organizzazioni internazionali (OMS, ONU) e con la società civile (ONG) Integrare gli aiuti nella politica del PSV rispettandone le sue specificità e puntando a rafforzare la politica in atto Obiettivi specifici: Promuovere la sicurezza alimentare Innalzare il tenore nutrizionale delle popolazioni beneficiarie Salvaguardare l’accesso e il consumo di alimenti sicuri, adeguati e nutrienti Tutelare la produzione alimentare e i sistemi di commercializzazione Contribuire allo sviluppo locale economico e sociale equilibrato Rafforzare il sistema internazionale per rendere più efficace l’assistenza alimentare

8

9 “Feeding minds, fighting hunger” (Nutrire la mente, combattere la fame), è un progetto di educazione globale su quattro temi principali: l’educazione alimentare la lotta alla fame la malnutrizione la sicurezza alimentare Sviluppato dalla FAO, in collaborazione con una vasta coalizione di agenzie delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni internazionali e regionali, l‘iniziativa prevede: lezioni modello e materiali didattici per gli insegnanti due siti animati per bambini e adolescenti un forum interattivo per i giovani di tutto il mondo da usare sia dentro che fuori dall'aula.

10 Egli opera insieme ad altre figure professionali per la realizzazione di progetti di sviluppo o interventi umanitari (riduzione della povertà rurali, riduzione della malnutrizione…) nei PVS attraverso attività condotte direttamente in loco o nelle sedi della propria nazione. In particolare egli dovrà: Supportare i tecnici nel trasferimento di conoscenze (sicurezza alimentare, sviluppo agricolo…) Promuovere lo sviluppo di competenze del personale locale Creare un clima di pieno coinvolgimento e di mediazione alle comunità locali e delle loro organizzazioni Saper adattarsi a situazioni difficili Avere la disponibilità a viaggiare frequentemente nei PVS Requisiti richiesti: Conoscenza fluente dell’inglese o altra lingua del paese di destinazione Competenze relazionali Conoscenze di tipo tecnico-specialistico (scienze della formazione,hccp, sicurezza alimentare, scienze agrarie…) Notevole esperienza in ambito internazionale presso ONG

11 ONG Internazionali cercano di favorire lo sviluppo locale attraverso Microcredito: strumento di sviluppo economico, che permette alle persone in situazione di povertà ed emarginazione di aver accesso a servizi finanziari. Acqua e Igiene: estendere quanto più possibile il diritto umano all'acqua e all'igiene attraverso: Costruzione di sistemi idrici e pozzi Educazione all'igiene Acqua e Igiene: estendere quanto più possibile il diritto umano all'acqua e all'igiene attraverso: Costruzione di sistemi idrici e pozzi Educazione all'igiene

12 Erogazione di piccoli prestiti per avviare o sviluppare progetti di auto-impiego. Risvolti sociali che riguardano tre aree: - AUTONOMIA; - CREATIVITÁ; - PERCEZIONE DI GENERE. Ruolo Educatore: 1. formazione tecnica e gestionale : organizzazione attività, ambiente lavorativo.

13 Non è sufficiente costruire opere di approvvigionamento idrico senza che vi sia un corretto e attento atteggiamento di consapevolezza da parte delle comunità locali sui rischi che una cattiva gestione comporta. L' inquinamento antropico (umano e animale) è tra le prime cause di contaminazione. Bisogna valorizzare le attività formative nei villaggi e assecondare metodologie più familiari di protezione e conservazione della potabilità delle acque.

14 Progetto UNICEF "Acqua e igiene nelle scuole" in Tanzania. Garantire un accesso sostenibile a impianti idrici e servizi igienici di buona qualità Educazione all'igiene in tutte le scuole del paese con particolare attenzione alle zone più povere e isolate della Tanzania. Ha degli effetti moltiplicatori Educazione all'igiene in tutte le scuole del paese con particolare attenzione alle zone più povere e isolate della Tanzania. Ha degli effetti moltiplicatori sulle pratiche domestiche sull'attenzione della qualità dell'acqua consumata in famiglia

15 La cooperazione sanitaria internazionale svolta dalle diverse Regioni italiane è costituita da una vasta gamma di attività quali: 1) Ospitare pazienti stranieri di paesi che non dispongono di strutture e competenze mediche per la loro cura; 2) Medicinali, apparecchiature per il personale medico; 3) Formazione di medici locali (in forma anche di gemellaggi tra ospedali); 4) Prevenzione e diffusione di conoscenze igienico-sanitarie.

16

17 Con la nascita dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità, istituita nel 1948 è l’Agenzia delle Nazioni Unite specializzata per le questioni sanitarie, ha come obiettivo “il raggiungimento, da parte di tutte le popolazioni, del più alto livello possibile di salute", definita come “uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale” e non semplicemente “assenza di malattie o infermità”. Per raggiungere questo fondamentale obiettivo, l’OMS si avvale dei suoi Organi di Governo quali: 1) Il Segretariato 2) L’Assemblea Mondiale 3) Il Consiglio Esecutivo 4) I 6 uffici regionali dislocati negli Stati Membri 5) I centri collaborativi che supportano le sue attività. Tutt’oggi l’ OMS si trova ad operare in contesto sempre più complesso e in rapido cambiamento, quindi è importante notare notare come solo un’azione multisettoriale, che agisca su più livelli (locale, nazionale ed internazionale) possa rappresentare una soluzione efficace per le politiche di cooperazione sanitaria in quanto richiedono un maggior coordinamento tra tutte le istituzioni internazionali.

18 L’associazione di aiuto medico al Centro America AMCA fu creata nell’agosto 1985 con l’ intento di creare progetti sanitari e sociali, in quanto ha sempre voluto favorire interventi diretti al sostegno delle fasce più deboli della popolazione evidenziando come il libero accesso alla salute. Progetto: Ospedale Pediatrico “LA MESCOTA” Aprendo inizialmente un servizio ambulatoriale per poi successivamente inaugurare l’apertura del servizio di ospedalizzazione con 50 camere. Tale progetto prevede: 1. Sostegno e le cure dei bambini ammalati di tumore – creazione di un hotelito per le famiglie 2. Acquisto di medicamenti 3. Laboratorio di microbiologia – utilizzo consapevole dei medicinali

19 CompetenzeCompetenze Fissare obiettivi a breve e lungo termine Interventi a doc con utenti di età, sesso e culture diverse Lavorare in equipe

20 Anni ‘50 Europa Freinet Evoluzione di cooperazione educativa Fare per Fare con Evoluzione di cooperazione educativa Fare per Fare con Libertà espressiva Creatività

21 Ascolto Mediazione dei conflitti Condivisione Scambio interculturale Arte creativa

22 Esperto in pedagogia Educatore emozionale Dinamiche educative Tecniche pedagogiche Dinamiche educative Tecniche pedagogiche Alfabetizzazione emotiva

23 “La tutela dei diritti umani è il presupposto necessario alla pace” Gandhi 10 Novembre 1948 viene approvata dall’Assemblea generale dell’ONU. Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. I diritti umani sono diritti che spettano a ciascun individuo in quanto essere umano: non dipendono dalla razza, dalla religione, dalla lingua, dalla provenienza geografica, dall’età o dal sesso. Sono diritti fondamentali, universali, inviolabili e indisponibili.

24 Art. 7 Eguale tutela da parte della legge; Art.14 Diritto di asilo dalle persecuzioni; Art. 15 Diritto ad una cittadinanza. Art.18 Diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; Art. 22 Diritto alla sicurezza sociale,realizzazione dei diritti economici, sociali e culturali. Art. 23 Diritto al lavoro.

25 Organizzazioni non governative Il Fondo per la Difesa dei Bambini (CDF) Diritti Umani Senza Frontiere (HRWF) Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Ufficio per le Istituzioni Democratiche e i Diritti Umani dell’Organizzazion e per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE)

26 OBIETTIVI: Grecia; Italia; Cipro; Portogallo. Grecia; Italia; Cipro; Portogallo. PARTNER INTERESSATI: si propone di migliorare e rafforzare l'impatto delle politiche volte alla protezione e al sistema di welfare delle categorie di bambini particolarmente vulnerabili di fronte ai fenomeni di tratta e sfruttamento. AMBITI DI ANALISI: protezione e welfare/benessere dei bambini; lotta alla tratta e allo sfruttamento; migrazione; integrazione e welfare. protezione e welfare/benessere dei bambini; lotta alla tratta e allo sfruttamento; migrazione; integrazione e welfare.

27 Una Guida per l’Insegnante; La Storia dei Diritti Umani, un efficace film che definisce i diritti umani per chiunque; Opuscoli Informativi; Domande per discussioni; Assegnamenti che richiedono l’applicazione della teoria; Glossario dei termini, riferimenti da stampare e risorse on-line.

28


Scaricare ppt "Cooperazione nella storia Fine seconda guerra mondiale I nuovi valori Solidarietá tra nazioni Ri spetto dei Diritti Umani Cooperazione allo sviluppo Non."

Presentazioni simili


Annunci Google