La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SOROPTIMIST CLUB CASTIGLIONE DELLE STIVIERE contributo alla realizzazione del "Codice Rosa Bianca" presso l'Ospedale San Pellegrino di Castiglione delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SOROPTIMIST CLUB CASTIGLIONE DELLE STIVIERE contributo alla realizzazione del "Codice Rosa Bianca" presso l'Ospedale San Pellegrino di Castiglione delle."— Transcript della presentazione:

1 SOROPTIMIST CLUB CASTIGLIONE DELLE STIVIERE contributo alla realizzazione del "Codice Rosa Bianca" presso l'Ospedale San Pellegrino di Castiglione delle Stiviere 12 aprile 2014

2 CODICE ROSA Il magico effetto domino CODICE ROSA Il magico effetto domino

3

4 MA QUESTA È SOLO LA PUNTA DI UN ICEBERG….. Donne, bambini, anziani…. MA QUESTA È SOLO LA PUNTA DI UN ICEBERG….. Donne, bambini, anziani….

5 DONNE distratte e frettolose, BAMBINI troppo vivaci, ANZIANI diventati maldestri…. fatti che spesso rimangono SCONOSCIUTI DONNE distratte e frettolose, BAMBINI troppo vivaci, ANZIANI diventati maldestri…. fatti che spesso rimangono SCONOSCIUTI

6 7,2 % delle vittime DENUNCIA l'accaduto 18,2 % delle donne che hanno subito violenze LI CONSIDERA REATI 1/3 delle donne che hanno subito violenza trascorre una vita senza parlarne mai con nessuno

7 “Vis grata puellae” Ars amatoria Ovidio “Ma se fosse stata innocente, perché si è uccisa?” S. Agostino parlando di Lucrezia “Vis grata puellae” Ars amatoria Ovidio “Ma se fosse stata innocente, perché si è uccisa?” S. Agostino parlando di Lucrezia

8 Codice Zanardelli: violenza sessuale “Crimini contro il buon costume e l’ordine delle famiglie” Codice Rocco:violenza sessuale “Delitti contro la moralità pubblica e il buon costume” 1996 CP “Delitti contro la persona” Codice Zanardelli: violenza sessuale “Crimini contro il buon costume e l’ordine delle famiglie” Codice Rocco:violenza sessuale “Delitti contro la moralità pubblica e il buon costume” 1996 CP “Delitti contro la persona”

9 Indagine nazionale realizzata da INTERVITA ONLUS sui costi economici e sociali della violenza contro le donne QUANTO COSTA IL SILENZIO? I dati della Indagine sono stati presentati alla Conferenza Stampa del 21 novembre 2013 a Roma con il patrocinio del Vice Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, preposto all'esercizio della delega in materia di Pari Opportunità

10 La violenza sulle donne costa quasi 17 MILIARDI DI EURO L'ANNO tra spese sanitarie e servizi e costi sociali LO STATO INVESTE SOLTANTO 6,3 MILIONI PER PREVENIRLA A pesare maggiormente sono COSTI "UMANI E DI SOFFERENZA“ costi non monetari ed effetti moltiplicatori sociali che ammontano a 14,3 miliardi € Costi che equivalgono: ad una strage in cui perdono la vita 11 mila persone al TRIPLO DEGLI INCIDENTI STRADALI che avvengono in un anno in Italia

11 Ma nelle case di Grosseto sta succedendo un fatto insolito e un po’ misterioso…. “si sono allargate le porte e anche gli scaffali delle cucine o dei ripostigli sono divenuti più sicuri……..” Giuseppe Meucci Ma nelle case di Grosseto sta succedendo un fatto insolito e un po’ misterioso…. “si sono allargate le porte e anche gli scaffali delle cucine o dei ripostigli sono divenuti più sicuri……..” Giuseppe Meucci

12 dal 2000 Prefettura Questura Comando Prov. Carabinieri 3° settore Uff. Prov. Scolastico Provincia Centro Antiviolenza Procura ASL9 RETE PROVINCIALE ANTIVIOLENZA

13 PROGETTO SOS DONNA PROGETTO SOS DONNA 2008 ASL 9 e Rete Provinciale Antiviolenza

14 Più o meno tutte le vittime, anche quelle che non hanno la forza di denunciare, prima o poi arrivano davanti ad un medico di Pronto Soccorso, talvolta accompagnati dai loro stessi persecutori

15 Nel 2008 una giovane donna si presenta in PS a Grosseto per una VIOLENZA SESSUALE….triage con codici rossi, cesareo urgente, frenetico via vai in spazi comuni…..voglia di FUGGIRE, NASCONDERSI, DIMENTICARE tutto.

16 Solo dopo molti mesi parlerà con la Dott.ssa Doretti….troppo tardi per raccolta prove, ma non troppo tardi per RIFLETTERE E TENTARE DI DARE AVVIO AL CAMBIAMENTO

17 Dott.ssa VITTORIA DORETTI e Sostituto Procuratore Dr. GIUSEPPE CONIGLIO Momento del “ CORAGGIO ” e della “ SFIDA ” Dott.ssa VITTORIA DORETTI e Sostituto Procuratore Dr. GIUSEPPE CONIGLIO Momento del “ CORAGGIO ” e della “ SFIDA ”

18 I diversi Enti lavoravano bene, ma ciascuno PROCEDEVA PER STRADE SEPARATE, senza incrociare i dati e, soprattutto, SENZA METTERE IN ATTO UNA STRATEGIA COMUNE

19 I singoli componenti del fenomeno “violenza” non possono essere affrontati in maniera settoriale….. il nemico è unico e, se lo si vuole sconfiggere, occorre lottare uniti….. NON È PIÙ POSSIBILE DIRE “QUESTO NON È DI MIA COMPETENZA” I singoli componenti del fenomeno “violenza” non possono essere affrontati in maniera settoriale….. il nemico è unico e, se lo si vuole sconfiggere, occorre lottare uniti….. NON È PIÙ POSSIBILE DIRE “QUESTO NON È DI MIA COMPETENZA”

20 Occorre concentrarsi nel “fare insieme”, spogliandosi di camici, divise, ruoli….. vedendo nell’altro operatore non solo una maglia della rete, ma una FIBRA DELL’UNICO NODO CENTRALE che, solo se forte e robusto, può reggere carichi pesanti

21 Pool di Magistrati e PG per reati contro le Fasce Deboli Procura della Repubblica Azienda USL 9 Centro di Coordinamento per le Vittime di Violenza 1 gennaio 2010

22 Sono le fasce della popolazione che, in particolare NELL’AMBITO DELLE RELAZIONI AFFETTIVE E/O DI FIDUCIA, PIÙ FACILMENTE POSSONO ESSERE VITTIME DI VIOLENZA ALTRUI queste vittime hanno così maggiori difficoltà a porre fine alle condotte violente o anche solo a denunciarle. “FASCE DEBOLI”

23 TASK FORCE ASL9 – PROCURA della Repubblica Grosseto Procura della Repubblica di Grosseto

24 SQUADRA composta da medici e magistrati, infermieri e ostetriche, ufficiali e sottoufficiali di PG, FORMATI per seguire un protocollo condiviso in tutela delle fasce deboli della popolazione TASK FORCE COMPOSIZIONE

25 Compito principale: ASSISTENZA SANITARIA E GIUDIZIARIA alle vittime di violenza mirata anche all’individuazione e all’EMERSIONE di tutti quegli episodi in cui la vittima non dichiara di essere tale TASK FORCE OBIETTIVI

26 CODICI ROSA attenzionati dal CENTRO di COORDINAMENTO VITTIME di VIOLENZA dal 01/01/2010 al 31/12/2010 maltrattamenti240 abusi8 stalking25 casi pediatrici30 6 totale Codici Rosa

27 13 giugno 2011 la Giunta Regionale ha approvato la Delibera 495 “Schema di protocollo d'intesa tra Regione Toscana e Procura Generale della Repubblica di Firenze per la realizzazione di INTERVENTI A TUTELA DELLE FASCE DEBOLI DI POPOLAZIONE SOTTOPOSTE A VIOLENZA” 17 giugno 2011 viene firmato il protocollo d’intesa tra Procura Generale della Repubblica di Firenze e Regione Toscana che mira a rendere operative sul territorio nuove Task Force.

28 CODICI ROSA attenzionati dal CENTRO di COORDINAMENTO VITTIME di VIOLENZA 2011 maltrattamenti425 abusi8 stalking14 casi pediatrici 51 5 totale Codici Rosa maltrattamenti240 abusi8 stalking25 casi pediatrici30 6 totale Codici Rosa

29 CODICI ROSA attenzionati dal CENTRO di COORDINAMENTO VITTIME di VIOLENZA 2013 maltrattamenti370 abusi8 stalking8 casi pediatrici totale Codici Rosa maltrattamenti384 abusi8 stalking8 casi pediatrici63 3 totale Codici Rosa

30

31 – 4.8 % % – 9.4 % – 9.1 % Codici Rosa negli ultra 65enni

32 1715 Codici Rosa ASL 9 RT Procedure Protocolli condivisi Addestramento Congiunto Percorso Rosa 160–279->>600->>700 >>2000 Consulenze dal 1/1/2010 al 31/12/2013 dal 1/1/2010 al 31/12/2013 Progetto con Circoli Anziani LS e Peer Education Campus con studenti insegnanti Stili di Vita NON violenti Formazione Sentinelle Progetto Regionale Gemellaggi interregionali Cooperazione con l’estero

33 ALCUNE TESTIMONIANZE Chiara – medico Luana – infermiera Roberta – Tenente dei Carabinieri ALCUNE TESTIMONIANZE Chiara – medico Luana – infermiera Roberta – Tenente dei Carabinieri

34 VITTIME E CARNEFICI ANGELA – una notte in discoteca PAOLO – il posto di lavoro AMINA E IL SUO BAMBINO – in casa un inferno MAMMA – l’orrore in famiglia VITTIME E CARNEFICI ANGELA – una notte in discoteca PAOLO – il posto di lavoro AMINA E IL SUO BAMBINO – in casa un inferno MAMMA – l’orrore in famiglia

35

36 IL CORAGGIO HA VINTO LA SFIDA………. IL PERCORSO ROSA SI STA DIFFONDENDO CON UN MAGICO EFFETTO DOMINO………

37 SIAMO TUTTI PARTE DI UN UNICO PERCORSO…. TANTI OCCHI, UN UNICO SGUARDO VERSO UN UNICO ORIZZONTE!!!!!!!!

38 Percorso ROSA BIANCA Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

39 Agenda Formalizzazione Formazione Realizzazione Valutazione Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

40 Formalizzazione Dall’idea… …al PROTOCOLLO INTERISTITUZIONALE Progetto madre ASL 9 Grosseto Coinvolgimento di Prefettura, Questura, ASL Mantova Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

41 Formazione/1 Indispensabile il percorso formativo per gli operatori coinvolti Propedeutico sia al corretto comportamento nei confronti della vittima, sia alla garanzia di omogeneità di conoscenze rispetto al progetto e alle sue fasi Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

42 Formazione/2 Sanitaria -Accoglienza (come accogliere la vittima) -Valutazione (come riconoscere la violenza) -Gestione operativa: donna, anziano, bambino, omosessuale, altro… -Gestione «parallela»: es. donna vittima con bimbo, più vittime, … Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

43 Formazione/3 Operatori NON sanitari: Forze dell’Ordine, Associazioni di Volontariato, Psicologi, Assistenti Sociali -Modalità e tempi di intervento -Impostazione follow-up -Protocolli condivisi Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

44 Formazione/4 Sentinelle: Medici di Famiglia, Farmacisti, Insegnanti, Badanti, Sacerdoti -Conoscenza del progetto -Basi per riconoscere un vissuto di violenza Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

45 Realizzazione/1 Protocollo generale condiviso con i punti fondamentali dell’attivazione della catena interistituzionale Sotto-protocolli specifici per tipologia di violenza (competenze specialistiche, case protette, progetti di reinserimento sociale, affido, denuncia, ecc.) Cartella Clinica specifica I documenti: Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

46 Realizzazione/2 Il primo accesso della persona vittima di violenza è spesso il PRONTO SOCCORSO ospedaliero È qui, dunque, il primo fondamentale NODO della rete, e la «scintilla» di attivazione della catena È un momento estremamente delicato, perché IMMEDIATO, ACUTO, DOLOROSO, FONTE DI PAURA Il Percorso nel Pronto Soccorso: Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

47 Realizzazione/2 La persona vittima di violenza si presenta in PS come qualunque altro paziente Viene attivato il «triage» consueto: codice rosso, giallo, verde, bianco In qualunque momento della valutazione, l’Infermiere e il Medico hanno la facoltà di aggiungere un codice criptato (R), se riferita o sospetta violenza Il codice R non è mai leggibile, a garanzia della assoluta riservatezza del percorso Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

48 Realizzazione/2 L’attribuzione del codice R identifica l’attivazione del PERCORSO ROSABIANCA, che prevede: -Gestione preferenziale del paziente -Visita presso l’ambulatorio dedicato -Attivazione della task force (specialisti, forze dell’ordine, psicologo, assistente sociale) Nell’assoluto rispetto delle volontà del paziente! Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

49

50 L’ambulatorio Raccolta dell’anamnesi, rispetto dei tempi e degli spazi Visita medica, valutazione complessiva del paziente Eventuali visite specialistiche in loco Ingresso separato Raccolta anamnestica unica La vittima è ACCOLTA, ASCOLTATA, PROTETTA, SOSTENUTA Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

51 Realizzazione/3 Il Comitato Promotore si occuperà di coinvolgere tutte quelle Istituzioni che possono garantire la successiva presa in carico della persona vittima di violenza Costituzione operativa di percorsi di sostegno a lungo termine Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

52 Valutazione Raccolta dati Verifica delle attivazioni eseguite Azioni di miglioramento/adattamenti dei protocolli Confronto con altre iniziative Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

53 Qualche dato… Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014 Motivo di accesso al PS (01/ /04) altri sintomi o disturbi malore improvviso infortunio non lavorativo infortunio sul lavoro incidente stradale violenza altrui19553 lesione da animali9021 autolesioni o tentato suicidio505 Totale

54 la nostra «prima» Rosa Bianca Castiglione delle Stiviere, 12 aprile 2014

55 GRAZIE


Scaricare ppt "SOROPTIMIST CLUB CASTIGLIONE DELLE STIVIERE contributo alla realizzazione del "Codice Rosa Bianca" presso l'Ospedale San Pellegrino di Castiglione delle."

Presentazioni simili


Annunci Google