La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIARIO DI BORDO Titolo attivitàLE FRAZIONI DocentePATRIZIA SANNINO Data inizio esperienza 18 marzo 2010 Data fine esperienza 25 marzo 2010 Nodi concettuali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIARIO DI BORDO Titolo attivitàLE FRAZIONI DocentePATRIZIA SANNINO Data inizio esperienza 18 marzo 2010 Data fine esperienza 25 marzo 2010 Nodi concettuali."— Transcript della presentazione:

1 DIARIO DI BORDO Titolo attivitàLE FRAZIONI DocentePATRIZIA SANNINO Data inizio esperienza 18 marzo 2010 Data fine esperienza 25 marzo 2010 Nodi concettuali Esplicitare i principali nodi concettuali cui l’attività scelta fa riferimento Linguaggio naturale e linguaggio matematico Approccio ai razionali e posizionamento di numeri sulla retta Classe prima sez.E S.M.S. “Giacomo Puccini” Casoria Arpino NA

2 Descrizione esperienza Descrivere dal punto di vista operativo l’esperienza svolta in classe(il contesto della classe, gli eventuali adattamenti necessari, i tempi di realizzazione,…) e la metodologia usata (schede di lavoro, lavoro di gruppo, discussione matematica in classe, software utilizzato…) L’attività è stata svolta in una classe prima composta da 2 4alunni ( 15 maschi e 8femmine ) vivaci e dotati di poco autocontrollo ma con questa nuovo modo di far lezione si sono interessati ed hanno partecipato con interesse alle lezioni Riguardo il grado di autonomia operativa e le competenze e abilità acquisite si può affermare che è stata positiva perché si sono ottenuti buoni risultati grazie anche alla partecipazione degli alunni al progetto PQM Obiettivi formativi: Comprendere il significato della notazione frazionaria Esprimere i concetti di unità frazionaria,di frazione come operatore,di frazione come quoziente tra 2 numeri naturali,discutendone alcuni esempi Riconoscere la frazione rappresentativa di una classe di equivalenza attraverso la riduzione ai minimi termini Classificare e confrontare frazioni,ordinandole in modo crescente o decrescente Operare consapevolmente con i numeri razionali Riconoscere analogie e differenze operative dei diversi insiemi numerici incontrati

3 Prerequisiti: Aver acquisito i concetti di multiplo,di divisore e di m.c.m. di 2 o più numeri Saper analizzare il testo di un problema ed identificare l’algoritmo risolutivo Conoscere il valore posizionale delle cifre in un numero decimale Usare correttamente le tecniche di calcolo con i numeri naturali e decimali Ideazione: Le frazioni sono un nodo cruciale per i ragazzi e di difficile comprensione. Ho realizzato tale lavoro, con la LIM per affrontare tale tematica con spunti ludici ed utilizzando un linguaggio più comprensibile. Ho sempre affrontato tale tema in seconda media ma quest’anno con la LIM ho affrontato questo argomento con la prima ed è stato un successo. Organizzazione dell’attività La lezione è stata realizzata con la LIM. Sono 39 pagine interattive dove l’alunno partecipa attivamente alla lezione perché c’è un personaggio di fantasia “Regolo” che pone domande stimolo ai ragazzi

4 Descrizione dell’attività prima fase Si parte da una serie di domande (da pag.1 a pag. 15) poste da “Regolo” per comprendere il concetto di frazione seconda fase Cosa significa frazionare? osserva……(da pag.16 a pag. 19). In queste pagine l’alunno impara a comprendere il significato di frazionare per passare alle unità frazionarie e giungere alla costruzione delle frazioni spostando le parti frazionate terza fase Le unità frazionarie (da pag.20 a pag. 25) per comprendere che l’unità frazionaria è parte di un intero e……………………anche è quoto tra numeratore e denominatore. Si passa poi al confronto di frazioni per imparare a riconoscere la grandezza di una frazione rispetto ad un’altra quarta fase Confronto di frazioni (da pag.26a pag. 39) una serie di esercizi interattivi di verifica su tutte le fasi dell’unità di apprendimento posti in forma ludica. (solo alcune verifiche ho trascritto in questo diario)

5 Metodologia La LIM ha influito positivamente sull'attenzione, la motivazione e il coinvolgimento degli studenti; ha contribuiro a migliorare la comunicazione in classe, stimolando la partecipazione degli studenti attraverso l'uso di una varietà di contenuti multimediali.

6 Comportamento degli studenti Valutare come l’attività è stata accolta dagli studenti e il modo in cui hanno assolto al loro compito. Descrivere il clima di lavoro e le forme di collaborazione. L’attività ha entusiasmato gli alunni perché hanno interagito continuamente ed anche perché non c’è stata la classica lezione frontale. Apprendimento: successi e difficoltà Risultati dal punto di vista motivazionale (atteggiamento/interesse/impegno): Lo studio elle frazioni ha divertito gli alunni e sono stati indotti all’attenzione continua Commenti ai risultati: un risultato ho avuto e mi ha fatto piacere ed è stata la frase di un alunno detta al suono della campanella che indicava la fine della lezione >. Vedere gli alunni così interessati non li aavevo visti mai specialmente nell’ora di matematica. Questa frase mi ripaga di tutto il lavoro che svolgo per formarmi Risultati dal punto di vista cognitivo( conoscenze) I risultati delle verifiche sono stati soddisfacenti

7 Difficoltà dal punto di vista motivazionale (atteggiamento/interesse/impegno) Non ci sono state difficoltà dal punto di vista motivazionale. Difficoltà dal punto di vista cognitivo (incremento del livello degli apprendimenti) Agli alunni bisognosi di un tempo più lungo per apprendere i concetti esposti si è affiancato un poprio compagno che ha svolto il ruolo di tutor

8 Verifiche Dovete sapere che nella pizzeria Marebello servono solo delle buonissime pizze rettangolari! Luciano, decide, questa sera, di andare ad assaggiare queste buonissime pizze; Luciano uscirà con tutta la sua famiglia che è composta da 6 persone: mamma Carla, papà Giorgio, nonna Luisa, nonno Gino e i piccoli Paolo ed Alessandra. Arrivati in pizzeria, si ordinano le pizze e …Buon appetito! Mamma ne mangia 4/4: Papà ne mangia una intera: Paolo ne mangia i ¾: Alessandra ne mangia ¼: Il nonno e la nonna ordinano una pizza e ne mangiano metà a testa. Quante pizze hanno ordinato? ______________

9 1°INDOVINELLO LA SAI L’ULTIMA? Q u a l è l ’ o r a p r e f e r i t a d a l l ’ a v v o c a t o ? Scrivi in ciascuna casella la lettera che rappresenta la frazione corrispondente al numero decimale. Leggi la risposta nel riquadro. 0,2 O 0,9 A 0,8 A 0,3 L 0,6 E 0,5 G 0,4 R 0,7 L 1 L 0,1 E

10 2°INDOVINELLO Qual è il cane…….più dolce? Scrivi in ciascuna casella la lettera che rappresenta la frazione corrispondente al numero decimale. Leggi la risposta nel riquadro. OAITNCDL 0,07 0,60 0,17 0,15 0,53 0,70 0,24 0,71 0,71 I

11 3°INDOVINELLO Qual è il dolce da tenere in cassaforte? Scrivi in ciascuna casella la lettera che rappresenta la frazione corrispondente al numero decimale. Leggi la risposta nel riquadro. 00,40,4 0,140,010,10,1010,501 Un centesimoADieci decimiOCinquanta centesimiR Cento centesimiOQuattro centesimiIDieci centesimiD Quattordici centesimiPUn decimoNQuattro decimiL


Scaricare ppt "DIARIO DI BORDO Titolo attivitàLE FRAZIONI DocentePATRIZIA SANNINO Data inizio esperienza 18 marzo 2010 Data fine esperienza 25 marzo 2010 Nodi concettuali."

Presentazioni simili


Annunci Google