La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INCENTIVI ALLE IMPRESE FINALIZZATI ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INCENTIVI ALLE IMPRESE FINALIZZATI ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI."— Transcript della presentazione:

1 INCENTIVI ALLE IMPRESE FINALIZZATI ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI

2 PROGETTO INTEGRATO DI POLITICA DEL LAVORO COFINANZIATO DALLA PROVINCIA DI TORINO E FORMA.TEMP progetto integrato di politica attiva finalizzato a promuovere il reinserimento lavorativo di LAVORATORI “SVANTAGGIATI” attraverso RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE COLLOCAMENTO AGEVOLATO e selezionati dai Cpi e successivamente dalle Agenzie per il Lavoro realizzata da Forma.Temp Protocollo di Intesa tra Provincia di Torino e Forma.Temp (D.G.P. n /2010 del 14/12/2010) attraverso la concessione di contributi a titolo di incentivo ai datori di lavoro privati, ivi comprese le agenzie per il lavoro Risorse disponibili: Euro ,00 POR FSE Asse II Azioni di contrasto alla crisi del mercato del lavoro locale (D.G.P. n del 25/05/2010)

3 DESTINATARI DEGLI INTERVENTI lavoratori “svantaggiati” ovvero qualsiasi persona appartenente a una categoria che abbia difficoltà a entrare senza assistenza nel mercato del lavoro (art. 2, comma 1, lett. k del d.lgs. n. 276/2003 s.m.i).: 1.lavoratori disoccupati per 12 dei 16 mesi precedenti la cessazione oppure 6 degli 8 mesi precedenti la cessazione nel caso di persone di meno di 25 anni di età 2.lavoratori disoccupati che desiderino intraprendere o riprendere un’attività lavorativa, che non abbiano lavorato per almeno 2 anni e che abbiano dovuto abbandonare l’attività lavorativa per difficoltà di conciliazione di vita e lavoro 3.lavoratori disoccupati che abbiano compiuto cinquant’anni DESTINATARI DEGLI INCENTIVI datori di lavoro privati, ivi comprese le agenzie per il lavoro, NO organismi di diritto pubblico: imprese, cooperative, associazioni, fondazioni e studi professionali purchè riconducibili alla nozione comunitaria di imprese (raccomandazione CE 2003/361 del 06/05/2003)

4 SCAGLIONI DI INCENTIVAZIONE PROFILI 1.lavoratori disoccupati per 12 dei 16 mesi precedenti dalla cessazione oppure 6 degli 8 mesi precedenti dalla cessazione nel caso di persone di meno di 25 anni di età 2.lavoratori disoccupati che desiderino intraprendere o riprendere un’attività lavorativa, che non abbiano lavorato per almeno 2 anni e che abbiano dovuto abbandonare l’attività lavorativa per difficoltà di conciliazione di vita e lavoro 3.lavoratori disoccupati che abbiano compiuto cinquant’anni  durata minima contrattuale: - 2 mesi per il target di cui al profilo mesi per i target di cui ai profili 1 e 2  possibilità di una sola proroga durata del secondo rapporto uguale o maggiore di quella prevista dal primo contratto, nel rispetto del termine fissato per la conclusione delle attività (30/06/2013)  in caso di anticipata risoluzione del rapporto di lavoro per motivi non imputabili all’impresa, il contributo considerato è quello riferito allo scaglione relativo al periodo effettivamente lavorato

5 REQUISITI DI AMMISSIONE ALL’INCENTIVO -RISPETTO DELLA SOGLIA DEI CONTRIBUTI IN REGIME DI “DE MINIMIS”: i datori di lavoro non devono aver superato nell’esercizio finanziario in questione e nei due precedenti, la soglia dei contributi in regime di “de-minimis” secondo il Regolamento (CE) n. 1998/2006 del 15/12/06 (aiuti pubblici ≤ Euro nel triennio) -ASSUNZIONE DEI LAVORATORI MEDIANTE CONTRATTO DETERMINATO E PIENO, SUBORDINATO O SOMMINISTRATO -I LAVORATORI DEVONO AVER COMPLETATO CON SUCCESSO IL PERCORSO DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO PREVISTO -NON SONO AMMESSE A CONTRIBUTO LE ASSUNZIONI DEL CONIUGE, DEI PARENTI ENTRO IL QUARTO GRADO, E DEGLI AFFINI DEL TITOLARE DELL’IMPRESA, DEGLI AMMINISTRATORI E DEI SOCI IN CASO DI SOCIETÀ, IVI COMPRESO IL CASO DI ASSOCIAZIONI, FONDAZIONI E STUDI PROFESSIONALI -GLI INCENTIVI ALL’ASSUNZIONE POTRANNO ESSERE EROGATI ESCLUSIVAMENTE PER I LAVORATORI INDIVIDUATI DAI CPI Inoltre i datori di lavoro dovranno: -essere in regola con gli obblighi di assunzione di soggetti disabili previsti dalla normativa (legge 68/99) -essere in regola con i versamenti contributivi, previdenziali ed assicurativi relativi al proprio personale -essere in regola in merito al rispetto della normativa per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori (d.lgs 626/94)

6 MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL CONTRIBUTO la domanda (allegato 1 al bando), firmata digitalmente (estensione del file: doc.p7m), dovrà esser inviata all’indirizzo di posta elettronica: TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA - dal 02/07/2012 al 15/12/2012, per tutte le assunzioni/proroghe avvenute dall’apertura del bando (02/07/2012 ore CET) al 30/11/2012 -entro 15 giorni, per tutte le assunzioni/proroghe che avverranno dal 01/12/2012 La scadenza del contratto/proroga dovrà essere prevista entro il 30/06/2013* DOVE E’ POSSIBILE SCARICARE LA MODULISTICA sezione “lavoro” del sito della Provincia di Torino COSA SUCCEDE IN CASO DI DOMANDE INCOMPLETE O IRREGOLARI è possibile procedere al loro completamento o regolarizzazione entro gli ulteriori termini di 15gg. dalla richiesta formulata dall’ufficio COSA OCCORRE SAPERE *qualunque altra modalità di invio e/o presentazione non verrà presa in considerazione e saranno ritenute nulle le domande pervenute in altro modo e/o fuori termine

7 COMUNICAZIONE ACCOGLIMENTO DOMANDA Le imprese/APL aventi diritto all’assegnazione del contributo verranno convocate tramite l’indirizzo di posta utilizzato per l’invio della domanda, presso all’Ufficio Incentivi - Servizio Amministrazione e Controllo - Area lavoro e solidarietà sociale di via Bologna 153 a Torino, entro i successivi 30 gg., per il completamento della pratica. I documenti da presentare sono i seguenti: - modello di delega datato e firmato (qualora la richiesta di incentivo fosse stata presentata da persona diversa dal legale rappresentante) - marca da bollo da Euro 14,62 - dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà da parte del legale rappresentante relativa al regime di “de minimis” (allegato 2 al bando) - fotocopia del documento d’identità del legale rappresentante dell’impresa - comunicazione su carta intestata dell’azienda delle posizioni contributive INPS e INAIL QUANDO AVVIENE L’EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO Ai fini dell’erogazione del contributo, il datore di lavoro è tenuto a presentare all’Ufficio Incentivi, entro 15 giorni dal termine del rapporto di lavoro, i seguenti documenti: - comunicazione ai fini dell’erogazione di contributo (allegato 3 al bando) - estratto libro unico del lavoratore - fotocopia di un documento d’identità valido del dichiarante. In nessun caso verranno accolte richieste pervenute oltre il 31/7/2013. Tali contributi sono da considerarsi incentivi erogati in regime di “de-minimis”. N.B. ogni variazione, pertinente al procedimento amministrativo, dovrà esser comunicata all’ufficio competente

8 ESEMPI CASO 1 PROFILO 1  Assunzione 01/09/2012  Durata del rapporto: 2 mesi  Proroga: 2 mesi Importo incentivo: Euro 110,00 x 4 = Euro 440,00 PRESENTAZIONE DOMANDA ENTRO IL 15/12/2012 CASO 2 PROFILO 1  Assunzione 03/08/2012  Durata del rapporto: 2 mesi  Proroga: NO Importo incentivo: Euro 0,00 NESSUN INCENTIVO

9 CASO 3 PROFILO 3  Assunzione 01/12/2012  Durata del rapporto: 4 mesi  Proroga: NO Importo incentivo: Euro 180,00 x 4 = Euro 720,00 CASO 4 PROFILO 3  Assunzione 01/12/2012  Durata del rapporto: 2 mesi  Proroga: 2 mesi Importo incentivo: Euro 147,00 x 4 = Euro 588,00 PRESENTAZIONE DOMANDA ENTRO IL 15/12/2012 (15 GG. DALL’ASSUNZIONE) PRESENTAZIONE 1^ DOMANDA ENTRO IL 15/12/2012 E 2^ DOMANDA ENTRO 15 GG DALLA PROROGA ESEMPI


Scaricare ppt "INCENTIVI ALLE IMPRESE FINALIZZATI ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI."

Presentazioni simili


Annunci Google