La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Servizio Farmaceutico Nazionale: Farmaci orfani e Malattie Rare Daniela Settesoldi Area Strategie e Politiche del Farmaco Alghero, 9 Novembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Servizio Farmaceutico Nazionale: Farmaci orfani e Malattie Rare Daniela Settesoldi Area Strategie e Politiche del Farmaco Alghero, 9 Novembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 Il Servizio Farmaceutico Nazionale: Farmaci orfani e Malattie Rare Daniela Settesoldi Area Strategie e Politiche del Farmaco Alghero, 9 Novembre 2013

2 * Daniela Settesoldi, secondo il regolamento sul Conflitto di Interessi approvato dal CdA AIFA in data e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del in accordo con la policy 0044 EMA/513078/2010 sulla gestione del conflitto di interessi dei membri dei Comitati Scientifici e degli esperti. Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono personali e non impegnano in alcun modo l’AIFA Interessi nell’industria farmaceuticaNOAttualmente Precedenti 2 anni Da oltre 2 a 5 anni precedenti Oltre 5 anni precedenti (facoltativo) Interessi diretti: Impiego in una societàx Consulenza per una societàx Consulente strategico per una societàx Interessi finanziarix Titolarità di un brevettox Interessi indiretti: Sperimentatore principalex Sperimentatorex Sovvenzioni o altri fondi finanziarix N.B. Per questo intervento non ricevo alcun compenso

3 Definizioni Malattia rara: è una patologia che colpisce un numero ristretto di persone rispetto alla popolazione generale; –limite stabilito in Europa: 5 persone affette ogni ; –si stimano più di 30 milioni di pazienti in Europa e 2-3 milioni in Italia; –variabilità: origine e frequenza spazio-temporale; Farmaco orfano: è un “…medicinale destinato alla diagnosi, alla profilassi o alla terapia di una malattia rara che comporta una minaccia per la vita o la debilitazione cronica…” * * Regolamento (CE) N. 141/2000 della Commissione del 22 Gennaio 2000

4 USAGiapponeAustraliaUE Quadro legale Orphan Drug Act (1983) Regolamento sui farmaci orfani (1993) Politica sui farmaci orfani (1998) Regolamento (CE) N°141/2000 (2000) Autorità amministrative coinvolte FDA / OOPD (Office of Orphan Products and Development ) (Divisione farmaci orfani) MHLW/OPSR (Ministry of Health, Labour and Welfare ) (Orphan Drug Division) TGA (Therapeutic Good Administration ) EMA / COMP (Comitato per i farmaci orfani ) Prevalenza della malattia (per individui), che giustifica la designazione orfana 7,541,15 Fonti: Parlamento Europeo 1999-STOA PUBLICATIONS-Farmaci orfani- PE /Fin.St. Le normative

5 Quadro normativo europeo per farmaci orfani Regolamento (CE) n. 141/2000 del Parlamento europeo e del Consiglio, concernente i medicinali orfani. Criteri per la designazione, procedura per ottenere la designazione; istituzione del COMP, incentivi economici: Esclusività di mercato; Assistenza per l'elaborazione dei protocolli; Accesso diretto alla Procedura centralizzata di registrazione; Esenzioni dai diritti; Scientific advice gratuito; Priorità all'accesso ai programmi di ricerca europei. Regolamento (CE) n. 847/2000 della Commissione del 27 aprile D efinizione dei concetti di medicinale «simile» e «clinicamente superiore». Raccomandazione del Consiglio dell'8 giugno 2009 su un'azione nel settore delle malattie rare (2009/C 151/02). Sviluppo di piani nazionali e strategie per le malattie rare, network europeo sulla valutazione del valore aggiunto clinico dei farmaci orfani, sostegno alla ricerca, coinvolgimento delle associazioni di pazienti.

6 Dati EMA su designazioni orfane e farmaci autorizzati AnnoApplicazioni inviateOpinioni positive del COMPApplicazioni revocate Opinioni finali negative del COMP Designazioni ECFarmaci orfani autorizzati (71%)50 (28%)1 (1%) (70%) 45 ( 29%)2 (1%) (70%)51 (29%)2 (1%) (83%)23 (17%)0 (0%) (73%)31 (26%)1 (1%) (83%)19 (16%)1 (1%) (79%)20 (19%)2 (2%) (75%)30 (25%)0 (0%) (74%)22 (22%)4 (4%) (56%)41 (43%)1 (1%) (57%)30 (40%)2 (3%) (70%)27 (29%)1 (1%) (81%)6 (19%)0 (0%)140 Totale (73%)395 (26%)17 (1%)105176

7 Dati EMA su designazioni orfane e farmaci autorizzati Nel 2013 fino ad oggi sono 77 le designazioni orfane Di tutte le designazioni solo 1 ha ricevuto parere negativo Sono stati approvati 6 nuovi farmaci orfani; solo 1 ha ricevuto parere negativo

8 Numero di farmaci orfani disponibili in ciascun Paese

9 Numero di molecole orfane autorizzate a livello europeo e in commercio in Italia, anno 2012 Fonte: Ufficio Coordinamento OsMed-HTA

10 Delle 18 molecole orfane non ancora in commercio in Italia Fonte: Ufficio Coordinamento OsMed-HTA

11 Le modalità di accesso alla cura di una malattia rara in Italia Procedura autorizzativa centralizzata: - standard; - condizionata: il richiedente dovrà fornire in seguito i dati clinici completi; il medicinale deve rispondere a esigenze mediche insoddisfatte; i benefici per la salute pubblica derivanti dalla disponibilità immediata sul mercato del medicinale in questione superano i rischi inerenti al fatto che occorrano ancora dati supplementari.

12 Legge 648 del 1996 Legge 326 del 2003, art.48 (fondo Aifa) D.M.8 maggio 2003 “Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica” (Uso compassionevole). Legge 94 del 1998 Le modalità di accesso alla cura di una malattia rara in Italia

13 Farmaci designati orfani dall’EMA e poi entrati in commercio: perché non rientrano tra i farmaci orfani? Esistono casi di farmaci che vengono designati orfani per alcune indicazioni, ma al momento dell’autorizzazione, a causa dell’estensione delle indicazioni, non vengono autorizzati come farmaci orfani. Esempi: –AFINITOR –GLIVEC –ILARIS

14 FarmacoIndicazioni terapeutiche per la designazione orfana Indicazioni terapeutiche approvate AFINITORTrattamento del carcinoma renale avanzato1)Carcinoma mammario avanzato con stato recettoriale ormonale positivo 2)Tumori neuroendocrini di origine pancreatica 3) Carcinoma renale avanzato GLIVECGlivec è indicato per il trattamento di: 1)malattie mielodisplastiche/mieloproliferative 2)Dermatobibrosarcoma protuberante 3)Leucemia linfoblastica acuta 4)Tumore stromale gastrointestinale 5)Leucemia mieliode cronica Ph+ 6)Leucemia eosinofila cronica e/o sindrome ipereosinofila avanzata Glivec è indicato per il trattamento di: 1) pazienti adulti e pediatrici con leucemia mieloide cronica (LMC) con cromosoma Philadelphia (bcr-abl) positivo (Ph+) di nuova diagnosi, per i quali il trapianto di midollo osseo non è considerato come trattamento di prima linea. 2) pazienti adulti e pediatrici con LMC Ph+ in fase cronica dopo il fallimento della terapia con interferone-alfa, o in fase accelerata o in crisi blastica. 3) pazienti adulti con leucemia linfoblastica acuta con cromosoma Philadelphia positivo (LLA Ph+) di nuova diagnosi integrato con chemioterapia. 4) pazienti adulti con LLA Ph+ recidivante o refrattaria come monoterapia. 5) pazienti adulti con malattie mielodisplastiche/mieloproliferative (MDS/MPD) associate a riarrangiamenti del gene del recettore per il fattore di crescita di origine piastrinica (PDGFR). 6) pazienti adulti con sindrome ipereosinofila avanzata (HES) e/o con leucemia eosinofila cronica (LEC) con riarrangiamento FIP1L1- PDGFRa. ILARISIlaris è indicato per il trattamento di: 1)Sindromi Periodiche Associate a Criopirina (CAPS) in adulti, adolescenti e bambini a partire dai 4 anni di età con peso corporeo superiore a 15 kg 2) Sindrome di Muckle-Wells (MWS), 3)Malattia infiammatoria multisistemica ad esordio neonatale (NOMID) / Sindrome cronica infantile neurologica, cutanea, articolare (CINCA), Ilaris è indicato per il trattamento di: 1)Sindromi Periodiche Associate a Criopirina (CAPS) in adulti, adolescenti e bambini a partire dai 4 anni di età con peso corporeo superiore a 15 kg, 2) Sindrome di Muckle-Wells (MWS), 3)Malattia infiammatoria multisistemica ad esordio neonatale (NOMID) / Sindrome cronica infantile neurologica, cutanea, articolare (CINCA), 4) Gravi forme di sindrome familiare autoinfiammatoria da freddo (FCAS) / orticaria familiare da freddo (FCU) che si manifestano con segni e sintomi oltre a rash cutaneo orticarioide indotto da freddo.

15 Numero molecole orfane per I livello ATC, anni % 11% 23% >70% delle molecole rappresentate

16 Spesa e consumo per farmaci orfani (I livello ATC), anno 2012

17 Spesa Farmaci Orfani: € Consumo Farmaci Orfani: DDD Prime 5 molecole per maggiore spesa (€) e consumo (DDD), anno 2012

18 Spesa e consumo dei farmaci orfani, anni Fonte: Ufficio Coordinamento OsMed-HTA ANNO Δ% 2012 vs 2007 Δ% 2012 vs 2011 Spesa farmaci orfani Spesa farmaceutica ospedaliera Incidenza farmaci orfani su spesa farmaceutica ospedaliera 5,47 6,80 8,43 10,04 11,40 8,04 Consumo (DDD) farmaci orfani Consumo (DDD) farmaceutico ospedaliero Incidenza farmaci orfani su consumo farmaceutico ospedaliero 0,11 0,16 0,21 0,23 0,20 0,16

19 Elenco dei farmaci orfani inseriti nella lista della legge 648/96, anno 2012 PRINCIPIO ATTIVOINDICAZIONE TERAPEUTICAGAZZETTA UFFICIALE 3,4 diaminopiridina baseTrattamento sintomatico della sindrome miastenica di Lambert-Eaton (LEMS) negli adulti.G.U. 31/01/12 n mercaptopurina (6-MP)Pazienti affetti da malattia di Crohn con indicazione al trattamento immunosoppressivo con azatioprina (pazienti steroido- dipendenti/resistenti/intolleranti), ma che abbiano sviluppato intolleranza a tale farmaco. G.U. 27/12/11 n. 300 Brentuximab vedotin (Adcetris) - trattamento di pazienti adulti affetti da linfoma di Hodgkin (HL) CD30+ recidivante o refrattario : 1.in seguito a trapianto autologo di cellule staminali (ASCT) oppure 2.in seguito ad almeno due precedenti regimi terapeutici quando l ’ ASCT o la polichemioterapia non è un ’ opzione terapeutica; - trattamento di pazienti adulti affetti da linfoma anaplastico a grandi cellule sistemico recidivante o refrattario. G.U. 31/10/12 n. 255 Eculizumab (Soliris) Trattamento dell ’ emolisi intravascolare dei pazienti affetti da emoglobinuria parossistica notturna (EPN) che non abbiano ricevuto in precedenza trasfusioni. G.U. 12/12/08 n. 290 G.U. 05/01/09 n. 3 (rettifica) Eculizumab (Soliris) Terapia della Sindrome Emolitica Uremica (SEU) atipicaG.U. 20/06/11 n. 141 Istamina di cloridrato (Ceplene) Terapia di mantenimento nei pazienti adulti con leucemia mieloide acuta in prima remissione trattati contemporaneamente con interleuchina-2. G.U. 17/02/11 n. 39 G.U. 09/01/12 n. 6 (proroga) Idrocortisone (Plenadren)Trattamento dell ’ insufficienza surrenalica negli adulti.G.U. 18/05/12 n. 115 Lenalidomide (Revlimid) Trattamento di pazienti anemici trasfusione-dipendenti, con sindrome mielodisplastica a rischio basso o intermedio-1, portatori di delezione 5q- associata o meno ad altre anomalie cromosomiche. G.U. 11/11/08 n. 264 G.U. 7/12/10 n. 286 (Proroga) Mitotane (Lysodren) Sindrome di Cushing grave (trattata con terapia radiante o in preparazione all ’ intervento chirurgico)G.U. 05/09/00 n. 207 Pasireotide (Signifor) Trattamento di pazienti con malattia di Cushing nei quali la terapia medica sia appropriataG.U. 8/09/12 n. 210 Tafamidis meglumine (Vyndaqel) Trattamento orale dell ’ amiloidosi ereditaria da transtiretina (ATTR) nei pazienti adulti con polineuropatia sintomatica.G.U. 22/01/11 n. 17 Tetrabiopterina (Kuvan)Iperfenilalaninemia da carenza congenital di 6-piruvoiltetraidropterina-sintetasiG.U. 02/12/98 n. 282 Zinco solfatoMorbo di Wilson in pazienti non candidabili o non rispondenti al trattamento con zinco acetato.G.U. 10/03/00 n. 58 G.U. 23/04/08 n. 96 (modifica) G.U. 03/05/08 n. 103 (errata corrige)

20 Utilizzo del fondo AIFA e relativa spesa, anno 2012 FarmacoIndicazione terapeuticaN. pazientiN. fiale€ Abiraterone (Zytiga) Indicato insieme a prednisone o prednisolone per il: Trattamento del carcinoma metastatico della prostata resistente alla castrazione in uomini adulti asintomatici o lievemente sintomatici dopo il fallimento della terapia di deprivazione androgenica e per i quali la chemioterapia non è ancora indicata clinicamente (vedere paragrafo. Trattamento del carcinoma metastatico della prostata resistente alla castrazione in uomini adulti la cui malattia è progredita durante o dopo un regime chemioterapico a base di docetaxel. 16 confez ,00 Brentuximab (Adcetris) Trattamento dei pazienti con Linfoma di Hodgkin dopo fallimento del trapianto autologo o dopo fallimento di almeno due precedenti regimi di chemioterapia multiagente in pazienti non candidabili a trapianto autologo. Trattamento di pazienti con Linfoma anaplastico a grandi cellule dopo fallimento di almeno un precedente regime di chemioterapia multiagente ,73 Ipilimumab (Yervoy) Trattamento del melanoma avanzato (non resecabile o metastatico) negli adulti che hanno ricevuto una precedente terapia ,00 TOTALE ,73

21 Qual è il futuro? La medicina personalizzata: una possibile soluzione Piquette-Miller M, Grant DM. The Art and Science of Personalized Medicine. Clin Pharmacol Ther 2007;81:

22 Fibrosi Cistica La mutazione G551D nel gene per la proteina chiamata regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica (CFTR ) si verifica nel 4% dei pazienti.

23 Ivacaftor ( Kalydeco) nella Fibrosi Cistica Eckford PDW, Li C, Ramjeesingh M, Bear CE. Cystic Fibrosis Transmembrane Conductance Regulator (CFTR) Potentiator VX-770 (Ivacaftor) Opens the Defective Channel Gate of Mutant CFTR in a Phosphorylation-dependent but ATP-independent Manner J Biol Chem 2012;287:

24 Kalydeco: un esempio di medicina personalizzata Kalydeco è un medicinale contenente il principio attivo ivacaftor; Kalydeco si usa per il trattamento della fibrosi cistica in pazienti di età pari o superiore a sei anni che hanno la mutazione G551D nel gene per la proteina chiamata regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica; Il 23 Luglio 2012 la Commissione europea ha rilasciato un’autorizzazione all’immissione in commercio per Kalydeco, valida in tutta l’Unione europea; Kalydeco è approvato negli Usa ed ha un costo di 294 mila dollari per paziente all’anno; In Europa è approvato solo in Germania: –Prezzo per confezione= 32 mila euro In Italia la ditta non ha ancora presentato domanda di P&R.

25 Farmaci orfani: l’impegno dell’AIFA Le decisioni di P&R sono di competenza esclusiva degli Stati Membri dell’UE. Non sempre i farmaci autorizzati dall’EMA sono subito accessibili in tutti gli Stati Membri. Quale possibile soluzione? Il Progetto MoCA (Mechanism of Coordinated Access to Orphan Medicinal Products ); MoCA è un progetto europeo che, nell’ambito della Piattaforma di accesso ai farmaci orfani della Direzione generale Imprese e Industria della UE, si propone di individuare percorsi comuni e alternativi tra gli Stati membri per facilitare l’accesso ai farmaci orfani in maniera sostenibile; L’AIFA, insieme alle agenzie di altri 9 Stati membri è stata incaricata di coordinare un meccanismo di investimenti armonizzati per migliorare la condivisione delle conoscenze e delle responsabilità.

26 Progetto MOCA Scopi del progetto MOCA: fornire un reale accesso ai farmaci orfani in un contesto sostenibile ed in una ottica di coordinamento e di cooperazione; sviluppare un meccanismo operativo per ottimizzare il ritorno degli investimenti umani e finanziari degli Stati membri e la qualità dell'assistenza sanitaria, attraverso la condivisione di conoscenze e azioni coordinate. Il progetto MOCA si compone di 3 Work Packages: WP1: Identificazione ed analisi del valore terapeutico dei farmaci orfani (coordinato dall’Italia e dall’EFPIA) WP2: Selezione della popolazione target e meccanismi di finanziamento (coordinato dalla Spagna e dall’ESIP) WP3: Trattamento ( coordinato dal Belgio e da EURORDIS)

27 WP1: Identificazione ed analisi del valore terapeutico dei farmaci orfani Tappe per l’identificazione e valutazione dei potenziali farmaci orfani (OMP): Identificazione della malattia rara; Analisi della presenza o meno di terapie alternative ancora in fase di sviluppo e del possibile valore aggiunto che un nuovo OMP potrebbe generare nel trattamento di una malattia rara; Posizionamento dell’OMP tra la strategia terapeutica della malattia rara e la sostenibilità economica del sistema sanitario nazionale.

28 WP1: Identificazione ed analisi del valore terapeutico dei farmaci orfani Due elementi fondamentali: la comunicazione e la raccolta delle informazioni: Facilitare una collaborazione tempestiva tra gli stakeholders coinvolti per lo scambio delle conoscenze/esperienze per tutto il ciclo di valutazione del farmaco, al fine di sviluppare una precoce consapevolezza di cosa è noto e non, sui nuovi trattamenti emergenti e facilitando la comprensione sul valore terapeutico aggiunto del farmaco orfano in questione; Promuovere una cooperazione costruttiva basata sulla trasparenza e fiducia; Raccogliere tutti i dati disponibili provenienti dalle diverse fonti e loro collocazione in un unico report scientifico (numero di pazienti, la prevalenza della malattia, trattamenti alternativi e disponibili); Semplificare e velocizzare il compito dei decisori nella fase di valutazione del prezzo e rimborso.

29 Rare Disease Classification Coordinated Horizon Scanning Orphan Drug Designation by COMP Early Dialogue Payers, HTA Body, EMA, Industry CHMP Positive Opinion Marketing Authorisation Application Marketing Authorisation Process At EMA Advice Incorporated Into Clinical Development Plans Early Access Programmes (regulatory or country Level driven ) European Commission Marketing Authorisation Discussion with Member State Therapeutic / Scientific Compilation Reports Descrizione degli steps necessari al procedimento

30 Esistono varie modalità di accesso alle terapie per malattie rare; la maggior parte dei farmaci per malattie rare sono a carico del SSN; La spesa (€) e il consumo (DDD) sono aumentati rispettivamente del +155% e del +116% nel 2012 rispetto al 2007; Conclusioni (1)

31 Non tutti i farmaci a cui viene attribuita la designazione orfana dall’EMA poi ottengono l’autorizzazione all’immissione in commercio come farmaci orfani; il futuro è la medicina personalizzata ma questo implica costi elevatissimi per il SSN; Il progetto MOCA è un esempio tangibile dell’impegno dell’AIFA nel campo delle malattie rare. Conclusioni (2)

32


Scaricare ppt "Il Servizio Farmaceutico Nazionale: Farmaci orfani e Malattie Rare Daniela Settesoldi Area Strategie e Politiche del Farmaco Alghero, 9 Novembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google